Archivi giornalieri: 9 giugno 2017

AURORA BASKET JESI / TERMOFORGIA PRIMO SPONSOR: FONDAMENTALE IL SUPPORTO DEL TERRITORIO

JESI, 10 giugno 2017 – La Termoforgia raddoppia. Anche per il prossimo campionato sarà title sponsor dell’Aurora basket.

Quello che lascia oltremodo soddisfatti è che oltre all’azienda delle famiglie Talacchia, Anacleti e Gara anche altri imprenditori, tutti presente nella sede del club alla ufficializzazione della Termoforgia, hanno deciso di aumentare il proprio contributo al club aurorino e addirittura si registra anche il ritorno di sponsor che negli anni trascorsi, sicuramente a causa della crisi, erano stati costretti a defilarsi.

Insomma la forza dell’Aurora è il supporto del territorio con la speranza che giunga quella spinta necessaria e sufficiente per ottenere dei traguardi sportivi che da anni non sono stati più centrati.

Il rapporto tra l’Aurora e la Termoforgia è nato una vita fa e all’inizio dello scorso anno si era registrato il passo in avanti fondamentale per un impegno consistente.

Ora questo impegno è stato rinforzato ed è un punto di partenza importante e fondamentale per fare sempre meglio. “Il basket per la famiglia Talacchia è una cosa importante – ha esordito Mirko Talacchia – e questa opportunità che Lardinelli ci ha dato lo scorso anno l’ho trasmessa ai soci e coinvolti in questo progetto che ci ha divertito molto ma l’obiettivo era un po’ più ambizioso magari centrando i play off. Abbiamo festeggiato con la salvezza ma l’asticella da raggiungere era più alta. Va benissimo così. Aggiungo che la cosa bella è stato vedere la squadra lottare fino alla fine, e questo ci è piaciuto: era divertente venire al palasport. Speriamo di divertirci anche il prossimo anno ed ottenere qualcosa di più”.

L’amministratore unico della società Altero Lardinelli ha dichiarato: “Ringrazio la Termoforgia che continua a stare al nostro fianco ma voglio rimarcare l’entusiasmo con cui partecipa oltre ad essere riuscita a coinvolgere altre realtà del territorio. Questa loro forza di attrarre altri ci costringe a migliorare e magari a puntare a quel traguardo che Talacchia nomina ma io non posso perché mi è stato vietato. Va da se  che la forza di questa società è il territorio. Un supporto che sta crescendo e che ci fa pensare ad un futuro migliore. Da non dimenticare che sulle nostre maglie c’è anche un’altra realtà locale lo Iom, il nostro sponsor etico, e voglio anche menzionare Livio Grilli un’altra forza di questo club il quale nei momenti di difficoltà ci da man forte e la spalla su cui poggiare per andare avanti.”

Tra i presenti oltre a Verusca Anacleti anche Livio Grilli, Pierluigi Bocchini, Massimo Mariani, Maria Luisa Quaglieri ed altri.

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)

 

CUPRA MONTANA / “PEDALANDO CON ALBÈ”, TUTTI IN BICI PER LA ‘CUPRA-LORETO’

CUPRA MONTANA, 9 giugno 2017 –  Tutti pronti per l’appuntamento di domani mattina (10 giugno) alle ore 8.30 davanti la pasticceria Scortechini per la tradizionale “Pedalando con Albè”. Una classica per sportivi e appassionati, da Cupra Montana a Loreto che un nutrito gruppo di amici di Alberto Badiali, atleta prematuramente scomparso, ogni anno organizzano per ricordarlo.  Dal responsabile del gruppo abbiamo ricevuto poche significative righe: “Per la nostra Pedalata con Albè, questa  edizione l’abbiamo posticipata alla prima decade di giugno. Comunque, a prescindere dal periodo, è sempre l’occasione giusta, anche per chi non pratica costantemente questo affascinante sport, di rispolverare la propria bici per rimetterla in strada e pedalare da Cupra a Loreto. Il percorso non è poi così impegnativo ed è alternato da soste che si trasformano in occasione in cui si parla, si ride, ci si prende un po’  in giro e si ritira il fiato. La formula è sempre la stessa, ma più volte abbiamo pensato di apportare cambiamenti o novità, ma sempre si è giunti alla conclusione che Alberto l’avrebbe voluta assolutamente così. Tutti insieme, pedalando, ridendo, un po’ sudando ed all’arrivo una bella e sana mangiata. Lui ci ha sempre detto di occuparci di questo, che poi per il resto e soprattutto per una giornata di sole ci avrebbe pensato Lui, fino ad oggi e siamo arrivati alla 13 edizione questo è sempre avvenuto. Grazie Alberto, saremo tutti di nuovo insieme domani mattina (10 giugno) alle 8,30 davanti alla Pasticceria Scortechini. Loreto  Arriviamo”.

JESI / IL QUARTIERE MINONNA SI PREPARA PER “IL BORGO IN FESTA”, TRE GIORNI DI GASTRONOMIA E SPETTACOLI

JESI, 9 giugno 2017 – “Il Borgo in Festa” taglia il traguardo delle 18 edizioni; l’evento avverrà il 23 giugno e si protrarrà fino a domenica 25. La Festa è organizzata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica “Amici del Borgo” e si svolgerà negli ampi spazi del parco della parrocchia di Sant’Antonio Abate, nel vivace quartiere Minonna dove ogni sera ci sarà un appuntamento particolare, oltre agli immancabili stand gastronomici tipici di una festa di quartiere. La serata di venerdì 23 sarà caratterizzata dal ballo con animazione da parte della  “Folkappanka  Bifolk Band”; nelle serate di sabato e domenica, invece, gli animatori musicali saranno rispettivamente la “Ballaonda” e “Las Vegas Band”.

Come contorno alle tre serate e per stimolare l’interesse della gente del posto e di quella della città sarà riproposta la Mostra dei mezzi meccanici d’epoca, un tuffo nel passato per tutti coloro che hanno vissuto i tempi raccontati da quei veicoli e per quanti ne hanno soltanto sentito parlare. Come si conviene ad una festa di popolo, gli “Amici del Borgo” hanno pensato anche ai bambini che avranno  a disposizione gli immancabili giochi gonfiabili e animatori in grado di organizzare gare a premi. Ultima attrazione, ma certamente la più ghiotta, è rappresentata dalla buona cucina che le donne del Borgo (e non solo) prepareranno per coloro che vorranno trascorrere le loro serate all’aria aperta, in allegra compagnia e nell’armonia che le orchestre ospiti saranno in grado di confezionare.

(s. b.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / “LA CITTÀ RISUONA”, UNA DISSEMINAZIONE DI EVENTI MUSICALI: DALLA MUSICA POLIFONICA AL POP ROCK

JESI, 9 giugno 2017 – Dal Barocco al Rock; ventidue giorni all’insegna della musica di tutti generi nelle piazze, teatri, palazzi storici, chiese ed altri ambienti della nobile città. Lo spirito della rassegna è quello di una disseminazione di eventi musicali, dando spazio a generi musicali diversi: dalla musica classica alla musica sacra e polifonica al pop al rock fino alle nuove frontiere della musica elettronica.

È quanto prevede “La Città Risuona”, la manifestazione ideata quattro anni or sono per celebrare la Giornata Europea della Musica coincidente con il solstizio d’estate. E proprio in questo giorno, il 21 giugno, ormai da oltre sei anni, il coro iniziatore dell’evento, il “Regina della Pace”,  riproporrà il tradizionale “Concerto dell’Aurora” nella chiesa di S. Maria del Piano, con inizio alle ore 6 del mattino.

Il ricco calendario degli eventi, però, parte da domani sera (10 giugno) con tre appuntamenti: il primo è alle ore 21,15 al teatro “Valeria Moriconi” dove gli allievi della Scuola Musicale Pergolesi di Jesi daranno inizio ai festeggiamenti per i 40 anni della loro scuola. Per l’occasione proporranno il concerto saggio “Il Cerchio di gesso del Caucaso”. Sempre domani (10 giugno) alla stessa ora, ma a Palazzo Honorati Carotti la Fondazione A. Lanari proporrà uno dei concerti previsti nel ricco calendario del Festival Barocco; in questo caso è  prevista l’esecuzione de “La sonata per violino: Corelli e Vivaldi”. Terzo appuntamento prefestivo in via XXIV Maggio dove, al Man Cave, con inizio alle ore 22, “The mystery lights” (New York City – USA , garage psych rock’n roll) rassegna Mezcal – viaggi sonori in città.

Dopo quattro giorni di silenzio le note del festival torneranno a farsi sentire venerdì 16 giugno alle ore 22 ai giardini pubblici di viale Cavallotti dove, curato dalla chalet “Lo sbarello” sarà presentato Clint (seattle grunge). Sabato 17 giugno imbarazzo della scelta per gli appassionati di musica; saranno quatto, infatti, gli appuntamenti musicali che spaziano dalle sonorità corali della Musica Precentio nella chiesa di S. Giovanni Battista (ore 18,00), alla musica Barocca a Palazzo Honorati  Carotti con “Splendori e virtuosismi della Primadonna” (ore 21,15). Alle ore 22, musica country blues con “The blues against Youth” al Jack Rabbit di via F. Conti.  Ancora sabato (ore 21,45 in Piazza della Repubblica) saranno di scena le allegre sonorità della Fanfara  dei Bersaglieri che proprio in quei giorni festeggia a Jesi il Raduno regionale. Arriviamo a domenica 18. Questa volta a fare festa è la Banda Musicale “G. B. Pergolesi” che si presenterà ancora una volta alla cittadinanza con un concerto ai Giardini Pubblici; l’appuntamento è per le ore 16,30.

Dal 19 al 25 giugno la chiesa di San Nicolò ospiterà ben 25 concerti  della scuola musicale Pergolesi che, come detto, festeggia un importante compleanno.

Ritorniamo alla Giornata europea della musica ed al programma previsto per il 21 giugno; detto del Concerto dell’Aurora, aggiungiamo che nel cortile del Palazzo della Signoria, con inizio alle ore 21,30, il Fai (fondo ambiente Italia) ha organizzato “Solstizio in musica”, un concerto per fisarmonica con Angelo Capoferri.

Giovedì 22 giugno, alle ore 21,15, al Teatro Moriconi, Concerto-saggio della Scuola Musicale Aulos. Doppio appuntamento per venerdì 23; alle ore 19, nei giardini delle Carcerette, nel cuore del centro storico, l’associazione musicale Valvolare presenta “Prima che arrivi la polizia”; ai giardini pubblici del viale Cavallotti, con inizio alle ore 22, il Gruppo Umana Solidarietà (GUS) di Jesi in occasione della giornata mondiale del rifugiato presenta “Jolebalalla in concerto”. Doppio appuntamento anche il giorno successivo, sabato 24 giugno; alle ore 17, al Parco del Ventaglio, avrà inizio “Rock The Park” a cura dell’Associazione Valvolare mentre alle ore 21,15, sempre a Palazzo Honorati Carotti nuovo appuntamento con il Festival del Barocco. Mercoledì 28 giugno ritorna la Rassegna Mezcal – Viaggi sonori in città che presenta “Viking Moses”.  Ai giardini pubblici di viale Cavallotti , grazie allo Chalet “lo Sbarello”, altro momento musicale dal vivo con “The Kingstone” a partire dalle ore 20.

La chiusura della manifestazione (sabato 1 luglio) vede impegnati ancora una volta i ragazzi della scuola musicale Pergolesi che in piazza della Repubblica eseguiranno un concerto saggio a partire dalle ore 21,15; alle stessa ora, nella solita location di Palazzo Honorati Carotti, proseguirà il Festival Barocco.

Come si può vedere ogni anno che passa vede sempre più gruppi e/o solisti impegnati nel diffondere armonie e ritmi graditi agli ascoltatori più esigenti.

(sedulio.brazzini@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / TUTTO EBBE INIZIO NEL 1844, ECCO LA STORIA DEL CREDITO IN VALLESINA

JESI, 9 giugno 2017 – Con la recente acquisizione da parte di UBI/banca della Nuova Banca Marche spa scompare un bel pezzo della storia economica di territori importanti come Macerata (cassa di risparmio di Macerata), Pesaro (cassa di risparmio di Pesaro), Jesi (cassa di risparmio di Jesi); tre istituzioni che sin dagli anni ’90 (Macerata e Pesaro) e dal 1995 (Jesi) si erano ritrovate in banca Marche spa.

La storia della cassa di risparmio di Jesi, soprattutto quella sociale e culturale, continua a vivere oggi attraverso la fondazione Cassa di Risparmio di Jesi. E solo la recente ufficializzazione da parte di questa istituzione dell’archivio di quella che fu la “Cassa” nel rapporto economico con la popolazione, le aziende, gli artigiani, i commercianti colma in parte il vuoto che lascia l’ex istituto di credito.

Un istituto nato nel 1844, sia pure in mezzo a tante difficoltà, incomprensioni, antipatie, ma che subito ha dato l’esatta dimensione di quello che poteva rappresentare per il territorio. Anni difficili, ma importanti per l ‘economia della zona. Che sono diventati sempre più corposi quando la “Cassa” ha incominciato a gestire gli asili pubblici jesini, ad aiutare economicamente la casa di riposo, l’ospedale, ed altre organizzazioni. Che ha continuato questa attività anche durante il periodo fascista e durante la seconda guerra mondiale sostenendo i dopolavori, organizzando spettacoli per i militari di transito in città, facendo sempre beneficenza.

La cassa di risparmio di Jesi ha avuto un grande merito con il presidente avv. Cingolani investendo dopo la guerra milioni su milioni per aiutare le imprese a rimettersi in sesto e ripartire, gli artigiani, le famiglie; il comune a recuperare parte del territorio distrutto dalla guerra mettendo a disposizione dell’ente pubblico soldi a non finire per rifare le strade, ponti, scuole. Insomma l’istituzione creditizia ha acquisito nel tempo grandi meriti ed i suoi amministratori sono stati sempre all’altezza delle situazioni nell’affrontare le varie realtà cittadine.

Neppure i dipendenti sono stati dimenticati negli anni che vanno dal ’70 al ’90. Ed allora riconoscimenti agli impiegati con 25 anni di anzianità, e via via anche i più anziani venivano premiati. Per non parlare delle famose “befane” per i figli di dipendenti che ricevevano montagne di giocattoli, dolciumi quando era il sei di gennaio. E per non parlare delle iniziative nelle scuole al momento di celebrare la giornata del risparmio con distribuzione di centinaia di libretti al risparmio con un piccolo contributo ad ognuno.

Dagli anni ’30 la legge bancaria ha imposto che una istituzione creditizia locale non potesse sopravvivere disponendo di un solo sportello. Tutti i comuni della Vallesina e della Valmisa avevano invece una propria realtà territoriale economica per aiutare il commercio, l’imprenditoria, l’artigianato. A questo punto la Cassa incomincia l’acquisizione delle piccole banche territoriali; così Santa Maria Nuova, San Marcello, Belvedere Ostrense, Castelbellino, Maiolati Spontini, Castelplanio, Mergo, Poggio San Marcello, Montecarotto nella Vallesina ed Ostra, Ostra, Vetere, Senigallia, Falconara Marittima, Corinaldo, ed altre ancora nella Valmisa confluiscono in cassa di Risparmio di Jesi creando così una istituzione creditizia di grande respiro territoriale e di grande possibilità per l’economia delle due vallate.

Poi l’arrivo della banca Marche spa e la fine dopo appena 12 anni. Noi non ci sentiamo di alzare il dito contro questo o quell’amministratore (sarà la giustizia  degli uomini a decidere) ma nei confronti di una sola istituzione pubblica come la banca d’Italia si, alziamo il dito. Cosa abbiano fatto per cinque anni consecutivi gli ispettori della banca d’Italia all’interno della direzione della banca non si capisce se poi è arrivata come un fulmine a ciel sereno la notizia della crisi, della crisi profonda irreversibile che ha portato alla misera fine. Cinque anni durante i quali sarebbero dovute saltare evidenti le problematiche per porvi rimedio.

(redazione)

LETTERE&OPINIONI / DISCARICA CORNACCHIA, INCONTRO SINDACATI – M5S

MAIOLATI, 9 giugno 2017 – Si è svolto ieri (8 giugno) l’incontro tra rappresentanze sindacali (CGIL, CISL e UIL e RSU) e M5S. Sono stata coadiuvata dai consiglieri comunali Massimo Gianangeli, Leonardo Guerro e Gianpiero Ruggeri a cui va il mio ringraziamento per l’apporto tecnico.

È stata una riunione molto positiva, la prima di una serie che auspico produttiva e risolutiva.

Per la prima volta ci siamo parlati, ascoltando i vari punti di vista e sicuramente da parte di tutti vi è stata la volontà di ascoltare senza pregiudizi. Si è aperto un tavolo di confronto perché entrambi intendiamo individuare percorsi per lo sviluppo del territorio e per la tutela dei posti di lavoro.

Da parte nostra c’è come c’è sempre stato tutto l’impegno per sostenere un progetto di gestione virtuosa dei rifiuti; esperienze italiane ed estere dimostrano che differenziare e riciclare se gestito da management competente produce ricchezza diffusa e migliora la qualità della vita.

La Provincia, dando il benestare all’ampliamento (supportata in questo dagli uffici regionali), si è orientata verso un disegno obsoleto che a nostro avviso non rispetta le normative vigenti.

Come sempre abbiamo fatto, non lasceremo nulla di intentato affinché i progetti vengano predisposti in ossequio ai Piani Regionali, ai regolamenti e alle leggi.

Romina Pergolesi

Consigliere Regionale M5S Marche

SANTA MARIA NUOVA / L’AVIS ORGANIZZA LA CORSA DEL SANTO PATRONO

SANTA MARIA NUOVA, 9 giugno 2017 – L’Avis Comunale di Santa Maria Nuova, nell’ambito dei festeggiamenti di Sant’Antonio, Patrono di Santa Maria Nuova, ha organizzato la prima edizione della gara podistica amatoriale “Corri con Sant’Anto’!”.

La corsa si terrà domenica 11 giugno, con partenza ed arrivo in Piazza Magagnini del capoluogo, davanti alla Chiesa principale del paese, dalle ore 9,30. Le iscrizioni potranno essere effettuate dalle 8,00 della mattina stessa, fino al momento della partenza. Sono previsti due percorsi: uno breve di 3 km non competitivo, aperto anche ai meno esperti che vogliono fare una passeggiata per le vie del paese; il secondo di 10 km, con interessanti saliscendi, più adatto a podisti che vogliono cimentarsi con se stessi e con gli altri.

Con una piccola donazione ( non di sangue ma di euro….), l’organizzazione offre un badge, una maglietta commemorativa, tre punti distribuzione acqua lungo il percorso, un piccolo ristoro all’arrivo.

Per l’occasione saranno aperti gli stand birreria e paninoteca della festa patronale, per chi volesse rifocillarsi in maniera più sostanziosa.

L’Avis di Santa Maria Nuova, in collaborazione con Comune, Protezione Civile, Croce Gialla, gruppo Meraviglioso, circolo Endas di Collina, con questa iniziativa intende promuovere un corretto e dinamico stile di vita, l’aggregazione fra le persone, la sensibilizzazione dei cittadini nei confronti della donazione del sangue e del volontariato sociale.

Alla manifestazione hanno già aderito numerosi sportivi di tutta la Provincia, compresi diversi gruppi amatoriali, attratti anche dai cospicui premi messi in palio: sono infatti previsti premi a base di prodotti agroalimentari della nostra terra e delle nostre realtà commerciali, che andranno al gruppo più numeroso ed ai primi tre classificati per le categorie uomini e donne

FABRIANO / POST-MODERNA: LA PERSONALE DI SILVIA MARCHESINI

FABRIANO, 9 giuno 2017 –  La dimensione, la portata e l’importanza della donna moderna. Una scarpa rossa come strumento comunicativo per raccontarne le grandezza. Tutto questo è ”Post moderna”, personale di fotografia di Silvia Marchesini.

Una personale che parte da un oggetto apparentemente semplice, una scarpa, ma che viene investito di un ruolo simbolico fortissimo. Complice anche il colore rosso, la scarpa diventa oggetto di passione e diventa strumento per indagare l’interiorità femminile e la sua fisicità attraverso immagini fortemente simboliche.

La personale della giovane fotografa, a cura di Michela Baldarelli, sarà in mostra presso la Galleria delle Arti di Fabriano.

L’esposizione sarà inaugurata domenica 11 giugno alle ore 18. Sarà possibile vedere le fotografie dell’artista fino al 24 giugno dalle ore 18 alle ore 20. Post-moderna ha il patrocinio della Città di Fabriano e del Patronato SIAS – Servizio Italiano Assistenza Sociale.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / ANIMALI AVVELENATI DALLE POLPETTE, E’ ALLARME IN CITTA’

FABRIANO, 9 giugno 2017 – Un cane e un gatto morti. Questo il bilancio della nuova “offensiva” contro gli animali da compagnia. 2 nuovi casi che si vanno ad aggiungere a quelli segnalati nei mesi scorsi.

Una segnalazione arrivata tramite i social network, ma partita con un cartello affisso tra la frazione di Collepaganello e via dei Cappuccini. Nel cartello si parla di “vile delinquente che ha lasciato bocconi avvelenati nella zona. Un cane ed un gatto sono già morti avvelenati”.

Immediata è scattata la denuncia contro ignoti fatta al comando dei Carabinieri di Fabriano. Il cartello affisso poi continua, chiedendo ai padroni di segnalare gli atteggiamenti sospetti e di prestare estrema attenzione ai propri cuccioli.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / PRIMA DEL VOTO, LE ULTIME MOSSE DEI CANDIDATI

FABRIANO, 9 giugno 2017 – A poche ore dal silenzio elettorale le acque politiche sono ancora agitate dalle ultime mosse di candidati sindaco e consiglieri.

Comizio in piazza per il centrodestra di Vincenzo Scattolini, dove interverrà il segretario nazionale Luca Paolini, il consigliere regionale Sandro Zaffiri ed il portavoce cittadino Luigi Argalia. Per Fratelli d’Italia interverranno Carlo Ciccioli e il segretario cittadino Giancarlo Pellacchia.  Comizio di fine campagna elettorale anche per Vinicio Arteconi e Fabriano Progressista che alle 19 (nei pressi della rotonda dei giardini Regina Margherita) terrà un comizio prima di chiudere ufficialmente con una cena.

Appello elettorale e volantinaggio in piazza del comune questa sera per il Pcl e Crescenzo Papale: “Meno male che ci siamo noi! Noi ci presentiamo con il nostro simbolo, coi nostri militanti, perché non abbiamo nulla da nascondere, niente di cui vergognarci e li invitiamo a dare il voto all’unica forza politica indipendente presente a queste elezioni. Solo noi siamo il cambiamento”.

C’è chi poi chi, come la Lista Janus con il suo candidato sindaco Silvano D’Innocenzo, farà un giro delle frazioni come ultimo ultimo “passo”. “La nostra è stata la migliore campagna elettorale – ha spiegato D’Innocenzo – inoltre la nostra giunta sarà costruita da tre assessori provenienti dalla nostra lista, mentre gli altri saranno esterni e saranno Pino Pariano, Fabio Lametti e Guido Biscontini. Per la carica di presidente del consiglio comunale vorrei una donna della nostra lista”.

Tour nelle frazioni anche per Giovanni Balducci che dopo aver ospitato ieri all’oratorio della carità il vice ministro Nencini, ha scelto di riprendere il dialogo con le frazioni del capoluogo.  Cena di “autofinaziamento per i 5 Stelle e Gabriele Santarelli, che chiuderanno la campagna elettorale in “famiglia” dopo la presentazione della giunta avvenuta mercoledì scorso.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA