Archivi giornalieri: 12 giugno 2017

FABRIANO / AMMINISTRATIVE 2017, I RISULTATI DEFINITIVI SI FANNO DESIDERARE

FABRIANO, 12 giugno – Il “day-after” delle amministrative 2017 è stato all’insegna dei dubbi. 3 (ma c’è chi dice addirittura 4) seggi in difficoltà, un clima di incertezza che sta lasciando con il fiato sospeso cittadini e candidati.

Motivo di questo stallo, di quello che possiamo definire “cliffhanger” elettorale, contestazioni di schede a causa del voto disgiunto e criticità nell’assegnazione delle preferenze. Ecco quindi lo stop e l’arrivo nella città della carta della commissione elettorale centrale insediata dal Tribunale Civile e Penale di Ancona. Nessuna novità sostanziale almeno fino le 16.30, quando ecco comparire le prime preferenze sul sito del comune di Fabriano nella parte dedicata alle amministrative.

Incerti i tempi per i risultati, ma parrebbe trasparire un certo ottimismo che porterebbe ad indicare in domani (13 giugno) la data utile per risolvere il problema legato ai seggi ancora senza numeri certi. Leggermente più dilatati i tempi per il conteggio delle preferenze.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / RAGAZZINO CON ARMA GIOCATTOLO, INTERVENGONO I CARABINIERI

JESI, 12 giugno 2017 – Momenti di apprensione questa mattina nel quartiere San Giuseppe, erano circa le 12, conclusasi con una grossa lavata di capo.

Un ragazzino straniero, 14 anni, stava giocando sul balcone di una casa al secondo piano con un qualcosa nelle mani che per i passanti assomigliava molto ad un’arma visto anche l’atteggiamento del ragazzo.

Spaventati, pensando al peggio, hanno subito allertato i carabinieri che immediatamente sono intervenuti sul posto con due pattuglie.

I militari hanno subito capito che fortunatamente si trattava di un’arma giocattolo e non ci hanno messo tanto a far capire al ragazzino di smetterla nella sua bravata.

 

(e.s.)

FABRIANO / L’OLANDESE VASILY CHUPRINA TRIONFA AL FABRIANO FILM FEST

FABRIANO, 12 giugno 2017 – E’ “The boy by the sea” per la regia dell’olandese Vasily Chuprina il miglior film del Fabriano Film Fest. Il vincitore è stato annunciato ieri, 11 giugno, durante la cerimonia conclusiva della kermesse “corta” . Purtroppo assente, il vincitore ha salutato il pubblico con un videomessaggio dichiarandosi “Felice e stupido per il successo di ottenuto”.

Ecco l’elenco completo dei corti premiati ieri: Miglior regia: “Pet” di Chris Moraitis, miglior sceneggiatura “Time flies when i am having fun” di Joahn Tappert, miglior fotografia “The Boy by the sea” di Vasily Chuprina, miglior attore Ernesto Mathieux e miglior attrice Vanessa Scalera. Premio speciale “Claudio Casadio Tarabusi” Occhi sul mondo al film “Carne e polvere”. Premio del pubblico come un podio olimpico: primo “Le monde du petit monde” di Fabrice Braque, seguito da “The boy by the sea” di Vasily Chuprina e sul terzo gradino del podio del pubblico “Mattia sa volare” di Alessandro Porzio. Il premio della giuria giovane – novità di questa edizione – è andato ancora a “Le monde du petit monde”

Sorpresa per la menzione della giuria per “Mary Mother” dell’afgano Sadam Wahidi, film che racconta la storia di una madre alla disperata ricerca del figlio militare disperso. E poi il premio “Filigrana d’Autore”  consegnato ad Alessandro D’Alatri. ” Il cinema può ancora crescere – ha detto il regista – avrà nuove opportunità ed i giovani cresceranno tanto. Questi festival fanno bene alla salute del cinema”. E poi il racconto del legame con Fabriano, con un passato a Civita ed un futuro che potrebbe rivedere a breve il regista proprio da queste parti, anche se non per lavoro.

Annunciata, tramite la Cahiers Du Cinema – Espressione Image, la collaborazione con l’Accademia Poliarte in maniera tale da rendere attrattiva e propositiva la passione e professione cinematografica nella città della carta. Annunciata anche la sede fabrianese della Poliarte.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / “FESTA DELLO SPORT, SANTINI: «DALL’EDIZIONE OTTIMI RISULTATI, ARRIVEDERCI AL PROSSIMO ANNO»

FABRIANO, 12 giugno 2017 – Anche il nuovo appuntamento con la “Festa dello sport” saluta gli atleti del luogo, e lancia l’appuntamento al prossimo anno. Soddisfatto il presidente della consulta della sport Leandro Santini, che ha parlato di ottimo risultato raggiungo.

“Siamo stati assistiti dal bel tempo. Siamo contenti dell’andamento positivo delle due giornate e soprattutto siamo soddisfatti per i molti sport messi in campo con logica soddisfazione dei giovani atleti fabrianesi”.  Tantissime le opportunità offerte ai giovani atleti: rugby, atletica, pallacanestro, tennis, calcio e molte altre ancora saranno le protagoniste di una giornata di cultura sportiva e attenzione alla salute.

Indispensabile infatti il ruolo dell’attività sportiva per gli organizzatori: baluardo contro possibili devianze (droga ed alcool su tutte) e per una salute da unire ad una alimentazione sana. “Per noi l’occasione fornita da eventi di questo tipo – ha concluso Santini – è un modo attivo per contrastare quella che possiamo definire la curva dell’abbandono sportivo, che coinvolge i primi adolescenti tra i 13 e 14 anni. Ci serve per dimostrare che fare sport aiuta le nostre vite”. Supporto intenso anche quest’anno fornito dall’Asur,  migliore. Importante il confronto e supporto Asur con uno stand dedicato, per fornire, come di consueto, informazioni utili ed approfondimenti sull’importanza dell’attività fisica, della corretta alimentazione e, più in generale, delle scelte di vita salutari.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

AURORA BASKET JESI / FIRMATO TOMMASO RINALDI

JESI, 12 giugno 2017 – Il primo colpo di mercato dell’Aurora basket si chiama Tommaso Rinaldi le ultime due stagioni a Treviso. Rinaldi, 32 anni, romagnolo per 204 cm,  ha firmato un accordo biennale.

Tommaso Rinaldi

Cresciuto  nelle giovanili del Basket Rimini ha debuttato in Legadue con i Crabs nella stagione 2001/2002, inaugurando una carriera di tutto rispetto trascorsa indossando le canotte di Ozzano, Venezia, Udine, Ostuni, Veroli e Brescia.

Ha indossato anche la maglia azzurra e nell’ultimo campionato ha totalizzato i seguenti numeri:  6.9 pt di media, 4,4 rimbalzi in 22.9 min di utilizzo, con il 42% da 2, il 25% da 3 ed il 76% ai liberi.

“Iniziamo la nostra campagna acquisti con un colpo di grande valore – commenta Altero Lardinelli – e sono molto felice che un centro del calibro di Tommaso Rinaldi abbia scelto Jesi per le prossime due stagioni. Ringrazio lo staff tecnico ed il direttore sportivo Federico Ligi per questa prima, brillante operazione di mercato”.

“Sono stato attirato da questa offerta di Jesi – le parole di Tommaso Rinaldi – che mi concede tanto spazio ed altrettanta responsabilità. Mi ha convinto la determinazione di Federico Ligi nel volermi a tutti i costi a Jesi, una piazza che conosco per averci giocato tantissime volte, ed ho già parlato con il coach con il quale avremo occasione di confrontarci a breve. Sono molto motivato e carico per questa avventura e felice di poter vestire la maglia dell’Aurora Basket”.

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)

JESI / TONFO ELETTORALE, NEL PD SI È ALZATA LA FRONDA CONTRO IL SEGRETARIO CITTADINO: “TIRI LE CONSEGUENZE”

JESI, 12 giugno 2017Débâcle, delusione, disfatta, tonfo. Alla Casa del Popolo si cerca nel vocabolario il termine più adatto per fotografare la clamorosa sconfitta. E mentre si tenta di raccogliere quei pochi cocci rimasti (un misero 15,23 % a cui poi va aggiunto un 2,622% della lista civica collegata), ovvero appena 2940 voti, è già partito il primo siluro contro la linea di galleggiamento della segretaria, con il preciso scopo di azzerare il vertice del Pd jesino. Non a caso c’è già chi invita il segretario cittadino Pierluigi Santarelli “a tirare le conclusioni”. Che nel gergo democrat altro non vuol dire se non “dimettiti”.

Insomma, a neppure 24 ore dal voto, in quello che un tempo era un partito “bulgaro” per le percentuali che raccoglieva alle tornate elettorali, è iniziata la resa dei conti. “Faremo un’analisi del voto”, esordisce un dirigente democrat nel perfetto stile postcomunista, ma aggiunge: “Certo, di fronte a quei numeri avrei già fatto i passi necessari”. Ma forse prima va fatta l’analisi del voto, ovvero mettere sulla graticola il segretario cittadino per elencargli uno ad uno gli errori commessi (secondo alcuni).

“Abbiamo perso il contatto con le persone, non andiamo per la strada e non si parla; ma soprattutto non si ascolta. E alla fine non possiamo di certo meravigliarci più di tanto”. Di un particolare il dirigente è convinto, una grossa fetta dell’elettorato democrat ha preferito votare Bacci. E ciò fa sottintendere che forse le primarie potevano rappresentare un argine, un percorso condiviso con l’elettorato di centrosinistra. In realtà, un sentore del genere c’è chi l’aveva fiutato quando è stata resa pubblica la lista di Osvaldo Pirani. Tra quei nomi mancavano diversi “senatori”, finiti direttamente in tribuna e neppure in panchina; persone con un grosso bagaglio di preferenze che probabilmente non sono state intercettate da Pirani.

Reazioni a caldo che denotano quanto sia delicato il momento del Pd. Intanto si guarda a Santarelli e alle sue prossime mosse…

JESI / LA LEGA NORD ENTRA IN CONSIGLIO COMUNALE: 15 CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA E 9 DI OPPOSIZIONE

JESI, 12 giugno 2017 – Sembrerebbe proprio di si, l’ufficialità è d’obbligo, e sarebbe un fatto storico per Jesi.

La Lega Nord, ma più precisamente Silvia Gregori, entra in Consiglio Comunale a Jesi.

In queste ore si stanno valutando definitivamente i risultati.

La vittoria di Bacci, senza se e senza ma, con oltre il 59% non farà però scattare il premio di maggioranza la cui soglia è il 60% e la composizione del prossimo consiglio comunale dovrebbe prevedere 15 consiglieri tra i più votati nelle 4 liste di Bacci (6 Jesiamo, 5 Jesinsieme, 3 PattoxJesi, 1 Insieme Civico) e 9 di opposizione (4 partito democratico, 3 Jesincomune, 1 Movimento 5 stelle, 1 lega nord). Tra questi ci dovrebbero essere tutti gli altri candidati a Sindaco tranne Lucaboni.

Paola Lenti

Daniele Massaccesi

Gli uomini rappresentati saranno 17, Bacci compreso; le donne 8. Il consigliere in assoluto più votato, con il maggior numero di preferenze è Paola Lenti. Tra gli uomini Daniele Massaccesi.

“Sono soddisfatta del risultato – ha dichiarato in esclusiva per Qdmnotizie Silvia Gregori – anche se c’è ancora un ombra di incertezza sulla possibilità di poter rappresentare la Lega Nord in Consiglio Comunale. Per Lucaboni – ha aggiunto l’esponente leghista –  sono contenta perché i numeri parlano da soli e questo vuol dire che non è voluto dagli jesini né come consigliere né tanto meno come Sindaco. E’ logico che la Lega Nord non ha mai stretto accordi con Lucaboni perché essendo lui stesso carente di voti questi non si potevano dividere ma di solito si fanno coalizioni per moltiplicarli”.

 

Composizione Consiglio Comunale non ufficiale

 

MAGGIORANZA

Jesiamo (6) – Lenti Paola (306 preferenze), Maria Luisa Quaglieri (287), Daniele Massaccesi (258), Nicola Filonzi (168), Martino Lombardi (154), Pino Gullace (150)

Jesinsieme (5) – Michele Caimmi (129), Tommaso Cioncolini (128), Maria Chiara Garofoli (122), Maurizio Barchiesi (108), Sandro Angeletti (88)

Patto per Jesi (3) – Lindita Elizi (235), Giancarlo Catani (92), Giannina Piersantelli (89).

Insieme Civico – Marco Giampaoletti (203 )

 

MINORANZA

Partito democratico (4) – Osvaldo Pirani (candidato Sindaco), Lorenzo Fiordelmondo (144), Andrea Binci (134), Emanuela Marguccio (130) o Alessia Polita (130)

Jesi in Comune (3) – Samuele Animali (candidato Sindaco ), Agnese Santarelli (171), Francesco Coltorti (109)

Movimento 5 stelle (1) – Luca Bertini (candidato Sindaco)

Lega Nord (1) – S1lvia Gregori (candidato sindaco)

 

(evasio.santoni@qdmnotizie.it) 

FABRIANO / SCRUTINIO LUMACA, ARRIVA COMMISSIONE DA ANCONA

FABRIANO, 12 giugno 2017 – 4,14 e 22. Collodi, Allegretto di Nuzio e Santa Maria. Queste le sezioni e le tre scuole coinvolte in un ritardo nello scrutinio che al momento sta rallentando la chiusura ufficiale del primo turno.

Uno spoglio “stoppato” da problemi tecnici in almeno un seggio. Resta ora l’attesa per l’azione della commissione elettorale centrale.

Questa la comunicazione ufficiale che arriva dal Comune: “La commissione elettorale centrale insediata dal Tribunale Civile e Penale di Ancona, come ogni elezione, sta procedendo alla verifica dei verbali e delle schede di alcune sezioni elettorali che hanno manifestato problemi nel completamento delle operazioni di voto o di difformità tra le comunicazioni ufficiali ed i verbali di seggio. Una volta terminata la verifica, sarà dato riscontro alla Prefettura dei dati stessi e saranno pubblicati nel sito del Comune”.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI BACCI SINDACO / SUCCESSO OLTRE OGNI PREVISIONE: NUMERI UFFICIALI E QUELLI ANCORA UFFICIOSI

JESI, 12 giugno 2017 – Sono terminati pochi minuti fa i conteggi della tornata elettorale per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale.

Samuele Animali ed i suoi elettori

Ancora sono in corso le verifiche per le preferenze e per l’assegnazione dei seggi di maggioranza e minoranza. Tante le sorprese. Ad iniziare dal successo larghissimo del riconfermato Sindaco Massimo Bacci per proseguire con sconfitte davvero pesanti su tutti i fronti tranne che per Samuele Animali che ha ottenuto un 12,34% davvero significativo. Quello che salta però all’occhio, in maniera inconfutabile, sono le pesanti sconfitte di Pirani e Bertini e di conseguenza del partito Democratico e del Movimento 5 stelle.

Pirani rispetto a Melappioni di cinque anni fa, al primo turno, ha preso circa 5000 voti in meno mentre il Pd circa 2000 voti in meno.

Nel Movimento 5 stelle le cose non sono andate meglio. Bertini rispetto a Gianangeli ha preso 2500 voti in meno mentre la lista grillina ha perso ben 11 punti percentuali.

Numeri che faranno riflettere a lungo e con ogni probabilità porterà a delle inevitabili ed accese discussioni oltre che a prevedibili scossoni.

Un altro dato significativo è il successo personale di Massimo Bacci. Il Sindaco rispetto alle liste che lo sosteneva ha avuto oltre 500 voti in più.

A dir la verità qualche scossone è già maturato con le dimissioni a caldo ad esempio di Massimiliano Lucaboni da coordinatore di Forza Italia. Sulla nostra pagina facebook alla notizia delle dimissioni ha risposto l’altra candidata, Silvia Gregori della Lega Nord. Risposta ironica che accenderà ancor di più le polemiche a destra: “Si chiude il recinto quando oramai il gregge è fuggito”.

Per ciò che riguarda il novo Consiglio Comunale questo dovrebbe essere ripartito, ma è tutto ancora ufficioso, nella seguente maniera: maggioranza 8 (jesiamo), 6 (jesinsieme), 3(patto perjesi), 1 (Insieme civico); minoranza 3 (partito democratico), 2 (jesi in comune), 1 (movimento 5 stelle). Sicuri consiglieri dei 24 in totale Paola Lenti, Maria Luisa Quaglieri, Daniele Massaccesi, Pino Gullace, Marco Giampaoletti, Nicola Filonzi, Martino Lombardi, Michele Caimmi, Tommaso Cioncolini, Maria Chiara Garofoli, Lindita Elezi, Giancarlo Catani, Osvaldo Pirani, Luca Bertini, Andrea Binci, Lorenzo Fordelmondo.

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)

JESI / MASSIMILIANO LUCABONI SI DIMETTE DA COORDINATORE CITTADINO DI FORZA ITALIA

JESI, 12 giugno 2017 – Prima vittima della larghissima vittoria di Massimo Bacci, riconfermato Sindaco di Jesi al primo turno. Massimiliano Lucaboni dopo la sconfitta elettorale (1,25%) ha subito rassegnato le dimissioni. ” La sconfitta personale avuta alle amministrative – ha detto il candidato Sindaco di Libera Azione Jesi – mi porta inevitabilmente a rassegnare le dimissioni da coordinatore cittadino di forza Italia. La bassa affluenza alle urne non credo sia una scusante ed in toto mi assumo le responsabilità della sconfitta. Torno a ribadire che  il centro destra è e rimane competitivo solo se unito. Non lascio Forza Italia  ma l’incarico dirigenziale. Non lascio la politica  e formulo i migliori auguri a Bacci sperando che il bene della città e dei cittadini sia salvaguardato. Le proposte da noi avanzate non hanno convinto ma è stata una esperienza interessante”.

 

(e.s.)