Archivi giornalieri: 17 giugno 2017

JESI / LA CAROVANA DEI PELLEGRINI IN MARCIA VERSO LORETO (FOTO E VIDEO)

JESI 17 giugno 2017 – In tanti sono accorsi al quartiere Minonna questa sera (17 giugno), per partecipare al tradizionale pellegrinaggio che da Jesi, si conclude a Loreto. Prima della partenza il Vescovo Don Gerardo Rocconi, ha celebrato la Messa nella chiesa di Borgo Minonna, e alla fine della celebrazione, si è incamminato con i fedeli, per un tratto di strada.

foto e video di Enrico Spinaci

SASSOFERRATO / TAGLIO DEL NASTRO, IL SALVI TORNA A CASA

SASSOFERRATO, 17 giugno 2017 – Giovanni Battista Salvi, detto il Sassoferrato, è tornato davvero a casa. Con il taglio del nastro avvenuto nel pomeriggio di oggi la sua “Devota Bellezza” ha trovato dimora presso il palazzo degli Scalzi della piccola cittadina marchigiana.

Sì perchè è proprio Sassoferrato la terra d’origine del Salvi, artista unico ed uno dei più grandi della sua epoca come ricordava il critico Federico Zeri e come ha spiegato Stefano Papetti, che con Francois Macè de Lepinay è uno dei curatori.Tra i capolavori esposti la Santa Lucia da Palazzo Ghigi di Ariccia, il Ritratto di Cardinale del Museo d’Arte Medievale e Moderna di Padova, e il Gesù Cristo Crocefisso con la Madonna e San Giovanni Evangelista della Civica Raccolta d’Arte di Sassoferrato.

“L’immagine del Sassoferrato è molto più complessa – spiegato il Stefano Papetti – grandi pale d’altare, ritratti, quadri di devozione. Proprio di queste ne abbiamo molte autografe che sembrano identiche in ogni minimo dettaglio, ma se osserviamo con attenzione la Madonna Addolorata che abbiamo in mostra e con due redazioni diverse, si potranno notare piccolissime variazione di colore. Possiamo quindi dire che il Sassoferrato ha anticipato Andy Warhol con i suoi dipinti con l’immagine di Marylin. La bellezza del Sassoferato era ed è una bellezza morale. Uno dei grandissimi della sua epoca e tra i più presenti nelle collezioni del mondo”.

 

Fiore all’occhiello della mostra gli oltre 20 disegni arrivati direttamente dal Castello di Windsor, dalla collezione privata di Sua Altezza la Regina d’Inghilterra  Elisabetta II. Immediato è scattato il ricordo di come la “sfida” ai disegni inglesi del Salvi sia stata lanciata, con il Sindaco di Sassoferrato Ugo Pesciarelli in prima fila per cercare di convincere la Regina di Inghilterra.

“Tutto è nato a seguito di una intuizione lanciata dal presidente della fondazione Carifac Marco Ottaviani, che ha proposto un paio di anni fa di aiutura ad organzzire una mostra sul Sassoferrato solo se fossimo riusciti ad ottenere i disegni in possesso della Regina d’Inghilterra. Importante poi è stato il sostegno del  Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini che ha messo a disposizione il know-how dei tecnici del ministero. E poi la soddisfazione unica di aver ricevuto una lettera da Carlo d’Inghilterra, il Principe del Galles, l’erede al trono, che ci ha fatto sapere che la Corona era entusiasta di vedere le opere del Salvi proprio nella sua città d’origine”.

La mostra sarà aperta fino al prossimo 5 novembre e l’obbiettivo dichiarato è quello di arrivare a toccare “quota” 25.000 visitatori.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

SERRA SAN QUIRICO / GOLA DELLA ROSSA, VIDEO ED IMMAGINI DELL’INCENDIO AL PARCO REGIONALE

SERRA SAN QUIRICO, 17 giugno 2017 – Ecco le foto ed il video dei Vigili del Fuoco mentre stanno spegnendo un incendio di vaste proporzioni che si è sviluppato all’interno del territorio del comune di Serra San Quirico.

La zona è parte del parco regionale naturale della Gola della Rossa e Frasassi.

Sul posto sono entrate in azione squadre di vigili provenienti da Jesi, Fabriano ed Arcevia supportate da 2 mezzi del distaccamento di Vigili del Fuoco volontari di Apiro per un totale di 20 uomini e 5 automezzi antincendio. Sul posto anche un elicottore del reparto volo di Pescara. Mobilitata anche la protezione civile di Fabriano.

Dopo alcune ora di intervento, l’incendio è stato domato anche grazie al supporto aereo dell’elicottero, che ha effettuato 10 lanci. Operazioni rese complicate dalla zona impervia.

Circa 4 gli ettari bruciati nel rogo.

LETTERE&OPINIONI / MOIE, FESTA DEL CORPUS DOMINI CON LA CONFRATERNITA DEL SS. MO SACRAMENTO

MOIE, 17 giugno 2017 –  Domenica 18 giugno, dopo la Santa  Messa delle ore 18:00 che si celebrerà nella chiesa Santa Maria, farà seguito la solenne processione del Corpus Domini accompagnata dalla Banda musicale L’Esina e che vedrà la presenza della Confraternita del Santissimo Sacramento. Come da tradizione i bambini con i cestini di petali di fiori cospargeranno il cammino e le famiglie che risiedono lungo il percorso sono pregate di addobbare con drappi e fiori.

Il Corpus Domini espressione latina che significa Corpo del Signore, è l’epopea del sangue e del fiore. Il sangue è quello che nel lontano 1263 il sacerdote boemo Pietro da Praga vide stillare dall’ostia consacrata e bagnare il corporale; ed è lo stesso del sacrificio di Gesù a riscatto dell’umanità. Il fiore che nella vita rappresenta il principio della continuità al di sopra dell’individuo, ne è degno coronamento. La festa del Corpus Domini istituita nel 1246 nella diocesi di Liegi, si propone di onorare solennemente la presenza reale di Cristo nell’Eucarestia. Fu il Papa Urbano 4° che con la bolla “Transiturus” estese il 19 giugno 1264 la festa a tutto il mondo cattolico, spinto a ciò anche dall’entusiasmo suscitato dal miracolo di Bolsena. Il miracolo del corporale che avvenne nel 1263 ed è strettamente legato alla vita di Santa Cristina. Inoltre la Confraternita del SS. mo Sacramento di Moie organizza mercoledì 2 agosto un Pellegrinaggio alla Porziuncola di Santa Maria degli Angeli in occasione del Grande Perdono di Assisi. Coloro che intendono prendere parte a questa esperienza  unica ed emozionante possono iscriversi presso la Cartolibreria Ludovico(via Risorgimento, 94 a Moie) oppure contattare il Priore Gianni Cantarini al numero di cell. 320-4627389.

SERRA SAN QUIRICO / A FUOCO IL BOSCO, SQUADRE DI POMPIERI A LAVORO

SERRA SAN QUIRICO, 17 giugno 2017 – E’ scoppiato – nelle prime ore del pomeriggio – un incendio di proporzioni considerevoli  in  zona  cava della Gola della Rossa, sul territorio di Serra San Quirico.

La zona è parte del parco regionale naturale della Gola della Rossa e Frasassi.

Sul posto sono in azioni squadre di vigili provenienti da Jesi, Fabriano ed Arcevia supportate da 2 mezzi del distaccamento di Vigili del Fuoco volontari di Apiro per un totale di 20 uomini e 5 automezzi antincendio. Sul posto anche un elicottore del reparto volo di Pescara. Mobilitata anche la protezione civile di Fabriano.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

FABRIANO / IL GIORNO DELLE INFIORATE, E’ LA FESTA DEI COLORI

FABRIANO, 17 giugno 2017 – Partiti (alle 15.00 esatte) i grandi lavori la realizzazione delle infiorate artistiche del Palio di San Giovanni Battista. Ancora una volta i mastri infioratori fabrianesi si sfideranno per realizzare l’opera più bella.

Entra davvero nel vivo la 23esima edizione del palio, con la contesa tra la 4 porte che giorno dopo giorno diventa sempre più intensa e sentita. Ad una settimana esatta dalla notte della sfida del maglio ecco che fino alle 12 di domani mattina i maestri dei fiori secchi lavoraranno con passione e dedizione fino ad ottenere l’esatta copia del bozzetto immagianto dai ragazzi del liceo artistico “Mannucci”. Da lì crescerà l’attesa tra i portaioli, fino al giorno della proclamazione dell’infiorata vincitrice. Tema delle infiorate di quest’anno la storia dei Chiavelli, i passati signori della città della carta. Sarà possibile osservare i lavori dei maestri fabrianesi, visitando i 4 luoghi che ospiteranno le infiorate: foyer del Teatro Gentile per il Borgo, la chiesa di San Filippo per la Cervara, per il Piano il Chiostro di San Venanzio e per la Pisana la chiesa di Santa Caterina.

Ma la giornata del palio non finirà certo qua, perché tra poco meno di 2 ore (a partire dalle ore 17 ) in piazza del Comune spazio alla Fabriano del passato con la ricostruzione di un borgo medioevale e dei suoi mestieri. Camminare nella centralissima piazza sarà infatti un vero e proprio balzo indietro nel tempo, con sapori, odori e mestieri dimenticati e cambiati più o meno radicalmente nel corso dei secoli.

Domani invece si partirà con il Torneo FITAST (arco storico, a partire dalle ore 9 in centro storico)  e con l’ escursione da Attiggio a Capretta a cura dell’associazione ” Gli Attidiati” ancora una volta sulle orme dei signori di Fabriano con “Alla scoperta della Rocca dei Chiavelli” . Alle 12 cadrà l’ultimo velo di “segretezza” sulle infiorate con la possibilità di osservare da vicino i lavori ultimati, con i colori e l’arte messa in atto dalle porte e poi il grande corteo storico (ore 21.30) che animerà la serata domenicale del Palio.

 

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIARAVALLE / CARABINIERI VESPISTI NELLA CITTA’ DELLA MONTESSORI

CHIARAVALLE, 17 giugno 2017 –  Le Capanne, storico quartiere di Chiaravalle, colorate delle maglie verdi delle Gazzelle in Vespa e dal rombo inconfondibile della celebre motocicletta che ha fatto la storia del Paese. Ieri mattina in via Cavour e in corso Matteotti una cinquantina di vespisti provenienti da ogni parte d’Italia hanno destato l’attenzione dei chiaravallesi per la tappa effettuata nella città della Montessori. “Facciamo parte delle Gazzelle in Vespa – hanno detto gli organizzatori della kermesse – un sodalizio formato da carabinieri in pensione o ancora in servizio appassionati della Vespa. Veniamo da tante regioni, Trieste, Trento, Bolzano, Roma, Foggia, Reggio Calabria e ci troviamo una volta l’anno nel mese di giugno per una simpatica rimpatriata. Venerdì ci siamo ritrovati a Marotta e ieri abbiamo completato il giro che prevedeva tappe a Chiaravalle, Ostra e Senigallia. In molti rimarranno anche oggi in zona per godersi le meraviglie della provincia di Ancona”. Atteso per oggi anche l’arrivo del celebre ing. Cau, uno dei progettisti del motori montati sulla Vespa, un’autentica celebrità tra i vespisti che ieri si sono fermati alle Capanne anche per gustare le prelibatezze della Gastronomia Capanne.

(gianluca.fenucci@qdmnotizie.it)

JESINA CALCIO / IN BIANCO L’ASSEMBLEA DEI SOCI PER MANCANZA DEL NUMERO LEGALE

JESI, 17 giugno 2017 –  L’assemblea dei soci della Jesina calcio convocata per venerdì 16 giugno non si è tenuta per mancanza del numero legale.

Tra le altre cose l’assise leoncella doveva nominare il nuovo consiglio di amministrazione ed il nuovo direttivo. Era presente il socio Mauro Cantarini che nei giorni scorsi aveva chiesto ed ottenuto di verificare, assieme a due professionisti di sua fiducia, i libri contabili. Ovviamente, per i rinnovi, tutto rimandato.

Daniele Bedetti

 

In serata il vecchio consiglio di amministrazione invece ha deliberato di confermare Daniele Bedetti come allenatore della squadra Juniores per il prossino campionato.

 

Non era previsto, per l’occasione, l’acquisizione di quote e l’ingresso in società della Tardella che sta collaborando come consulente esterno per costruire la squadra per il prossimo campionato partecipando a tutti i colloqui con allenatori e giocatori.

Sul fronte tecnico dopo la nomina di Franco Gianangeli capo allenatore ci sono state le conferme dei giocatori Trudo, Bolletta e Cameruccio.

Gilberto Focanti

Simone Petrini e Gilberto Focanti hanno parlato con gli over Tavoni e Labriola che piacciono all’allenatore. Per la firma restano da limare diverse cose, non insormontabili.

Sassaroli, Pierandrei e Calcina, tutti classe 1996 che dal prossimo campionato non saranno più under, dovrebbero continuare a far parte della nuova squadra ma ancora non hanno dato una risposta affermativa. Con loro ha parlato pure la Tardella cercando di convincerli soprattutto sul progetto. Per il

Mattia Frulla

resto la Jesina sta cercando un difensore centrale e due centrocampisti, tutti over, perché poi per completare la rosa ci saranno gli under che sono in abbondanza.

Tra i vari interessamenti ed i ‘si dice’ circolano pure i nomi di Mattia Frulla e Lorenzo Carotti. Due jesini autentici. Il primo lo scorso campionato ha vestito la maglia della Triestina il secondo era a Fano. Sarebbero obiettivi ambiziosi ma al momento difficilmente raggiungibili.

 

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)

JESI / SCONTRO TRA AUTOMEZZO DEL TRASPORTO RIFIUTI E UTILITARIA

JESI, 17 giugno 2017 – Incidente senza conseguenze alle persone ma solo danni ai mezzi coinvolti. Questa mattina in Via Vittorio Veneto all’incrocio con via Piave, pochi metri dopo l’Arco Clementino, si sono scontrati un camion di Jesi Servizi in servizio ed  addetto alla raccolta dei rifiuti ed una utilitaria. Le cause sono in corso di accertamento da parte dei Vigili Urbani di Jesi prontamente intervenuti. Danni notevoli ai veicoli coinvolti.

(e.s.)

FABRIANO / IL PALIO VA DI CORSA, ATMOSFERE MEDIEVALI PER I RUNNER

FABRIANO, 17 giugno 2017 – C’è un palio che corre, che un palio che invece che marciare al suono delle chiarine e dei tamburi cercherà di affrontare vicoli e piazzette di Fabriano il più velocemente (o lentamente…) possibile.

Si svolgerà domani la prima edizione della “Corsa nel Medioevo”, idea partita dall’associazione Podistica Avis Fabriano e dall’Ente Palio San Giovanni Battista, con la collaborazione della sezione Avis di Fabriano e della Festa dello Sport di Fabriano, ed il patrocinio del Comune di Fabriano.

Lo spirito della corsa – non competitiva –  è quello di ricordare la centralità della pratica sportiva e di ricordare e promuovere le bellezze del centro storico di Fabriano. Soprattutto in periodo intenso ed appassionante come quello palio di San Giovanni Battista. Due le tipologie di percorso, uno di 3,75 ed uno di 7 chilometri (uno o  due giri di un anello studiato lungo tutto il centro storico quindi) dove tutti potranno cimentarsi anche solo camminando. Altro scopo di questa “corsa nel medioevo” è quello di sensibilizzare ed avvicinare tutti i partecipanti alla cultura della donazione del sangue. Il percorso coinvolgerà tutto il centro storico, passando attraverso le 4 porte (Borgo, Piano, Cervara e Pisana) ed i luoghi storici più belli della città della carta.

Spiega così Luciano Bano, presidente della sezione Avis di Fabriano: “Siamo da sempre al fianco del mondo dello sport. Non conta solo la vittoria, perché è ugualmente importante raggiungere il miglior risultato complessivo e soprattutto non lasciare nessuno indietro, ma anzi aiutare chi non riesce a tenere il ritmo degli altri. Questo è anche il compito dell’Avis: far sì che ognuno possa dare il miglior sangue possibile attraverso la cura del proprio stato di salute e la pratica dello sport per permettere che i nostri concittadini meno fortunati possano essere aiutati a rientrare nel gruppo ed arrivare al traguardo della vita insieme agli altri”.

Dello stesso avviso il Presidente dell’Ente PalioPaolo Mearelli: “Attraverso questa corsa, contiamo di portare anche gente da fuori Fabriano, per farla conoscere e apprezzare nel periodo del Palio. La speranza è che questo evento riscuota successo e possa diventare una costante in futuro”.

L’appuntamento per  “Di Corsa nel Medioevo” è fissato per domani, domenica 18 giugno, a partire dalle ore 18. Partenza e arrivo fissati in piazza del Comune,

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)
© RIPRODUZIONE RISERVATA