Archivi giornalieri: 12 novembre 2017

JESI / MINORENNI NEL MIRINO DEI LADRI, L’APPELLO DEL PAPÀ: “ATTENTI AI BASTARDI MORTI DI FAME, RUBANO PER DIECI EURO”

JESI, 12 novembre 2017 – A volte basta anche una passeggiata lungo Corso Matteotti per finire nel mirino dei ladri. È quanto è accaduto ad una ragazzina di appena 14 anni che quando ha cercato il portafoglio nella tasca dello zaino si è accorta che era stato rubato. Dieci euro, l’abbonamento del bus per un valore di 300 euro, documenti e le chiavi di casa.

Una volta tornata a casa ha raccontato l’episodio ai genitori. E a quel punto il padre ha deciso di lanciare un appello attraverso i social. “Mia figlia mercoledì scorso – ha scritto il genitore – ha subìto il furto del portafoglio per il Corso Matteotti. È uscita prima da scuola,  l’Itas Galilei, ha preso l’autobus e si è diretta verso l’Arco Clementino per fare una passeggiata per il Corso, esibendo l’abbonamento del trasporto che ha per la scuola. Una volta che si è fatta l’ora di tornare a casa, le 13 circa, quando è andata a prendere il portafoglio, si è accorta che non era più nella tasca dello zaino. Non aveva che dieci euro ma l’abbonamento dell’autobus, del valore di 300 euro,  documenti e le chiavi di casa”.

Un fatto che lo ha fortemente indignato: “A  tutti i ragazzini che girano per il Corso – aggiunge il padre – state attenti ai portafogli. Ci  sono bastardi, morti di fame,  che ve lo rubano per dieci  euro poi lo buttano via e perdete tutto ciò che c’è dentro. Se trovate monete polacche in giro riportatele ai carabinieri di Jesi, magari trovano i ladri del portafoglio di mia figlia che le aveva. Attenzione sempre! E se  trovate qualcosa in giro riportatelo sempre ai  Carabinieri o ai  Vigili Urbani. ..non mordono anzi….. farete una cosa onesta e buona e sarete ringraziati”.

Poi il lieto epilogo: “Volevo ringraziare personalmente colui che ha riportato il portafoglio rubato a mia figlia ai carabinieri di Jesi. Grazie, ringrazio l’Arma dei Carabinieri di Jesi e Morro D’Alba per il loro servizio.”

Portafoglio ritrovato, vuoto ma almeno con i documenti.

(Cristina Amici degli Elci)

cristina.ade@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

AURORA BASKET / MONTEGRANARO COME UN TRENO, LA TERMOFORGIA PERDE IL DERBY

Termoforgia Jesi   –  Poderosa Montegranaro  71-76

JESI, 12 novembre 2017 – Montegranaro vince il derby marchigiano di serie A2 espugnando il Palatriccoli.

Coreografia interessante che si addice ad un derby tra due squadre lanciatissime.

Il primo parziale è giocato su ritmi importanti con la Termoforgia sempre avanti  e con il quintetto ospite che non si lascia fuggire gli avversari controllando sempre il punteggio. Gli americani di Jesi non riescono ad entrare in partita mentre in campo avversario l’ex Corbett si conferma subito gran tiratore.

A volte la contesa è una vera e propria battaglia con i giocatori a lottare su ogni pallone. Alla fine +4 interno: 26-22.

Il secondo periodo inizia con gli americani di Montegranaro in panchina ed il solo Brown sulle tavole da gioco per la Termoforgia. Il punteggio lo muove solo la squadra ospite fino a che Massone sotto canestro è più sveglio di tutti. Poi Brown da tre fa saltare i suoi tifosi.

A 7′ dal riposo: 31-26. Ancora Brown da tre ed è +8 per Jesi: 26-28 (5’51”). Ceccarelli chiama time out. E’ l’occasione per il rientro in campo di Hasbrouck che segue quelli dei due mori ospiti. E’ il tiro da tre che in questa fase della gara fa la differenza oltre all’intensità che dal lato Jesi è davvero quella giusta. A 4’37”: 39-28. Antisportivo per Massone. Rivali dalla lunetta fa solo 1/2, il solito Corbett completa l’opera: 39-32.

+11 Termoforgia dopo un’altra bomba di Rinaldi a 1’18” dal riposo lungo: 46-35. Alla sirena 48-38.

Nel terzo periodo il gioco è molto confusionario. Jesi parte malissimo – alla fine realizza solo 6 punti contro i 18 di Montegranaro – e nei primi quattro minuti segna solo 2 punti dalla lunetta con Quarisa contro i 7 punti della Poderosa. All’appello manca Hasbrouck fino a questo momento poco concreto ed avulso dal gioco. Montegranaro si porta a -3: 50-47 (5′). Ancora Powell per il -1: 50-49. Hasbrouck sbaglia ancora e Powell conquista il primo vantaggio esterno. A 3’42”: 50-51.

Nell’ultimo periodo Jesi rimonta bene ma nel momento cruciale, quando Powell esce per cinque falli paradossalmente perde la testa e l’inerzia della partita passaa nelle mani di Montegranaro. A 1’27”: 71-73. Jesi palla in mano. Hasbrouck stoppato. Rimessa interna. Brown tiro sbagliato. Corbett penetrazione sbagliata. Timeo out Termoforgia. Hasbrouck perde palla, Marini commette fallo. Zucca 0/2 ma il rimbalzo è per il Montegranaro. Rivali in lunetta non sbaglia. Il derby è della Poderosa.

 

evasio santoni

Termoforgia – Kouyate, Brown 17, Quarisa 12, Marini 8, Piccoli 2, Rinaldi 17, Valentini, Melderis, Massone 2, Montanari, Hasbrouck 4, Ihedioha 9. All. Cagnazzo

Montegranaro – Angellotti, Rivali 5, Campogrande 13, Maspero 8, Treier, Zucca 6, Corbett 27, Amoroso 5, Urso, Powell 12, Guye. All. Ceccarelli

Arbitri – B0-artoli, Cappello, Almerigogna

Note – spettatori 3500; parziali: 26-21, 22-17, 18-6. Usciti per cinque falli: Powell

FABRIANO CERRETO CALCIO / LA VASTESE PASSEGGIA, UNA DEBACLE PER I CARTAI

Fabriano Cerreto  –  Vastese   0-4

FABRIANO, 12 novembre 2017 – Niente da fare per il Fabriano Cerreto che ritorna a perdere ed ora la classifica si è fatta davvero pesante. La Vastese passa al Mirco Aghetoni e per l’undici di Trillini è sempre più buio: 9 sconfitta nelle ultime 10 gare. La crisi, che dopo il pareggio di Jesi sembrava avviarsi a soluzione, è non solo aperta ma molto difficile da superare.

Al 15′ punizione di Bambozzi che lambisce il palo. A 19′ ospiti in vantaggio con Leonetti. Difesa di casa sorpresa e Leonetti evita l’uscita di Spitoni mettendo nel sacco.

La squadra di casa prova a reagire ma solo al 40′ su cross di Girolamini Cicino prova a battere a rete anticipato da Amelio.

Ad inizio di ripresa Leonetti ancora vino al gol (4′). Al 10′ Vastese ancora vicina al gol con Fiore a tu per tu con Spitoni in uscita ma l’arbitro ferma tutto per simulazione dell’attaccante.

Sul capovolgimento gol annullato a Tafani per fuorigioco.  Al’ 20′ ancora Leonetti solo davanti a Monti che incredibilmente sbaglia.

Dal 26’al 29′ uno due micidiale degli ospiti. Il raddoppio è opera d Bagaglini che sugli sviluppi di un angolo controlla bene e batte imparabilmente Monti. Tre minuti dopo bomber Leonetti sigla la doppietta personale involandosi in contropiede e superando il numero uno di casa con un pallonetto.

La quarta rete nei minuti di recupero (47′) per mano di Bittaye su rigore.

Finisce tra i fischi e la contestazione. Qualcuno invoca il ritorno di Gianluca Fenucci.

 

Fabriano Cerreto – Spitoni (Monti), Compagnucci (Balducci), Baldini (Pellonara), Bambozzi, Tafani, Labriola, Girolamini, Zepponi (Pero Nullo), Cicino, Berardi, Salciccia (Sassaroli). All. Trillini

Vastese – Camerlengo, Iodice, De Chiara (Casciani), De Feo, Amelio, Bagaglini, Stivaletta, Pizzutelli (Lucciarini), Cristaldi (Bittaye), Fiore (Napolitano), Leonetti. All. Colavitto

Arbitro – Lovison di Padova

Reti – 19′ pt e 29′ st  Leonetti, 26′ st Bagaglini, 47′ st Bittaye su rigore

JESINA CALCIO / TRE GOL DEI LEONCELLI A PESCINA, BUONA PROVA DELLA SQUADRA DI GIANANGELI

Nero Stellati  –  Jesina  0 -3

 

JESI, 12 novembre 2017 – La Jesina doveva solo vincere in casa del fanalino di coda ed ha vinto con merito andando in gol per ben tre volte.

Pronti via e la Jesina va subito in gol con Pierandrei (2′) che di testa infila Parente su cross di Anconetani da calcio di punizione.

La Jesina nel primo tempo insiste, controlla bene la partita, creando altre opportunità sempre con Pierandrei e colpendo una traversa da buona posizione su tiro di Magananelli.

Nella ripresa la Jesina dilaga pima trovando il raddoppio con Gremizzi dal dischetto per fallo su Trudo  e poi con la terza rete di Giorni su colpo di testa.

 

 

Nero Stellati – Parente, Ponticelli, Valente (Di Ruocco), Del Gizzi, Vitone, Isotti, Censori, Pacella, Di Rosa, Puglielli (Kone), Cicconi (Verrocchi). All. Di Marzio

Jesina – Tavoni, Sassaroli (D’Alessio), Anconetani (Serantoni), Magnanelli, Giorni, Gremizzi, Trudo (Margarita), Zannini (Carnevali), Pierandrei (Gubinelli), Parasecoli, Cameruccio. All. Gianangeli

Arbitro – Angiolari di Ostia Lido

Reti – 2′ pt Pierandei, 10′ st Gremizzi su rigore, 28′ Giorni

FABRIANO / SI GIOCA IN BIBLIOTECA CON “INTERNATIONAL GAME DAY”

FABRIANO, 12 novembre 2017 – I giochi di ruolo entrano in biblioteca. Sabato prossimo (18 novembre) l’associazione culturale Lokendil,  la Biblioteca “Sassi” in collaborazione con Maker Space Fabriano porteranno nella città della carta l’”International Game Day @ Your Library”.

Una giornata dedicata al gioco in biblioteca: dalle 15.00 alle 19.00 il fantasy entrerà tra le mura della polo bibliotecario grazie ai giochi di ruolo, giochi da tavolo e libri-game. Nessun limite d’età, ribadiscono gli organizzatori.

L’idea è nata dalla American Library Association nel 2008, alla quale poi hanno aderito anche l’Australian Library and Information Association e Nordic Game Day (evento parallelo organizzato dalle biblioteche di Danimarca, Finlandia, Norvegia, Svezia e Islanda). La giornata mondiale del gioco in biblioteca nasce col duplice intento di mostrare le potenzialità educative del gioco e del videogioco e le capacità aggregative della biblioteca nei confronti di tutte le fasce di utenza. Le biblioteche, attraverso il gaming, offrono a utenti di tutte le età la possibilità di divertirsi assieme. Il divertimento derivante dal gioco è da intendersi non solo come svago, ma anche come un mezzo per esercitare la mente, migliorare le proprie competenze e incontrare nuove persone in un ambiente sicuro e piacevole

Questo il programma: dalle 15 alle 19 ci sarà una partita dimostrativa del gioco Dungeons & Dragons ambientata nel mondo tolkeniano del Signore degli Anelli, prove libere di giochi da tavolo di ogni tipo e dalle 17.30 alle 19 per i più piccini (dai 7 agli 11 anni) la lettura animata di libri-game.

“Per noi questo è  soprattutto un momento di aggregazione e di creatività – ha spiegato il presidente dell’associazione Manfredi Mangano –  le biblioteche sono uno dei luoghi privilegiati di aggregazione giovanile e di approfondimento culturale,  e in questi anni si sono evolute sempre più da semplici luoghi del libro a contenitori che stimolano l’interazione,  l’apprendimento,  lo stare insieme e la cultura in forme innovative”

Prosegue, osservando che “La biblioteca di Fabriano è un ottimo esempio,  sia per l’insieme di attività che vi vengono realizzate sia per il suo carattere multimediale. Non è un caso che ci operi un Maker Space,  che collabora con noi alla realizzazione dell’evento,  e noi siamo felici di poter dare il nostro contributo alla Biblioteca,  che ha accolto con entusiasmo il progetto”.

Conclude Mangano osservando l’importanza del gioco di ruolo come perno della socialità aperta a tutte le età “Alla FabCon abbiamo parlato della funzione educativa del gioco – conclude – siccome giocare è una cosa bellissima e seria,  un canale fantastico per fare cultura e far innamorare della cultura,  siamo fieri di lavorare con la Biblioteca”.

(Saverio Spadavecchia)

saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it

©RIPRODUZIONE RISERVATA

VOLLEY FEMMINILE / BRUTTA SCONFITTA CASALINGA PER IL SESTETTO DI COACH FUSCO

TERMOFORGIA MOVITER CASTELBELLINO – ITALIANA PELLAMI MONTE S.GIUSTO: 1-3

CASTELBELLINO, 12 novembre 2017 – Fra Castelbellino e Monte San Giusto ci eravamo lasciati qualche mese fa con le ragazze della Termoforgia a festeggiare la promozione in serie B e le inconsolabili avversarie a leccarsi le ferite per l’occasione sfumata della promozione diretta. A mesi di distanza sono cambiate molte cose, dalla categoria alla stragrande maggioranza delle protagoniste in campo su entrambe i versanti. La tensione sì è comunque sentita, con le ospiti che non hanno dimenticato l’episodio ed entrano in campo agguerrite, e le padrone di casa, forti della loro prima vittoria 7 giorni prima, determinate a vendere cara la pelle nonostante il valore delle avversarie.

Nel primo set si gioca in sostanziale equilibrio fino al 16 pari. Un set dominato dagli errori e da un livello sinceramente basso per la categoria. Le ospiti tengono meglio a muro ed infilano un allungo decisivo che le ragazze di Fusco non riescono a colmare.

Il secondo parziale è forse il più divertente, con una vera e propria lotta e continui ribaltamenti della situazione. Fusco rimescola le carte, il gioco si fa più oliato da entrambe le parti e le belle difese dominano la scena. La Termoforgia è bravissima ad approfittare di un momento negativo delle avversarie sul finale ed affonda con gli attacchi micidiali di Verdacchi fino alla vittoria del set.

Ci si aspetterebbe un avvio scoppiettante per le padrone di casa, ma avviene tutt’altro: Castelbellino sembra incapace di trovare un gioco che possa impensierire le avversarie, che a loro volta giocano in scioltezza facendo funzionare tutte le bocche da fuoco e tenendo benissimo anche in ricezione. La Termoforgia non reagisce e mostra forse il peggior set visto quest’anno, perdendo nettamente.

Altro tentativo di formazione rimaneggiata per Fusco, ma nonostante qualche timido miglioramento a muro e la super performance di una instancabile Verdacchi, per il resto la squadra locale continua a soffrire la potenza degli attacchi di Partenio e gli ottimi muri delle centrali avversarie. L’Italiana Pellami ormai gioca a memoria e ottiene il contributo di tutte le giocatrici che sembrano incapaci di far cadere palloni a terra nel loro campo. Un errore al servizio del Castelbellino consegna nelle mani di Monte San Giusto il set finale di una partita da dimenticare in fretta per Castelbellino.

Castelbellino: Cerioni 1, Casareale 13, Della Giovampaola 4, Vescovi 3, Ciccolini 5, Verdacchi 18, Ciancio (L), Crescini 6, Pagliaroli 3, Romagnoli, Carbonaro, n.e. Bassotti. All. Fusco

Monte S.Giusto: Partenio 15, Barbetta 8, Mazza (L), Rosciani 10, Galantini 2, Sopranzetti 16, Cruciani, Amadio 1, Beruschi, Salvatori, Ferranti 13. All: Carlacchiani

Parziali:  20-25, 26-24, 12-25, 15-25
 

VOLLEY FEMMINILE / VITTORIA AL TIE BREAK, LA PIERALISI PASSA A CORRIDONIA

Corplast Corridonia – Pieralisi Jesi  2-3

JESI, 12 novembre 2017 – La Pieralisi Volley Pan compie l’impresa ed espugna il difficile campo di Corridonia, strappando la vittoria alla capolista del Girone F.

Dopo un primo set in cui hanno stentato ad entrare in gara (8-5 e 16-7), le jesine hanno preso in mano la situazione nel secondo (5-8 e 14-16) e soprattutto terzo (6-8 e 10-16), nel quale  hanno attaccato con efficacia, senza concedere praticamente errori alle avversarie.

Diversa l’evoluzione del quarto set: Diaz e compagne sono state marcate di più a muro (4 quelli delle maceratesi) ed hanno sbagliato alcuni attacchi di troppo (8 i totali). Ciò nonostante hanno avuto anche la palla per chiudere il match prima di essere superate nella volata finale.

Mancata la vittoria, la Pieralisi Volley Pan avrebbe potuto accusare il colpo nel quinto set ma così non è stato: è andata al cambio di campo sul 6-8 e si è fatta trovare pronta al punto a punto con le padrone di casa mai rassegnate. Dal gruppo la forza e la volontà di arrivare in fondo e conquistare una meritata vittoria.

Al termine coach Sabbatini così si è espresso: “Bella vittoria. Nel primo set a senso unico, noi fuori partita. Poi siamo cresciuti in tutti i fondamentali andando sul 1-2. Il quarto set è stato punto a punto, ma da parte nostra ci sono stati troppi errori in attacco, ed abbiamo avuto la palla match ma non l’abbiamo sfruttata. Al tie break ancora tanto equilibrio con il muro difesa giocato davvero bene come l’unità di squadra e l’aiuto delle giocatrici una dell’altra”.

CORPLAST CORRIDONIA: Zamponi 11, Agostini 7, Mattioli (L), Di Romano 1, Mennecozzi 3, Asquini, Orazi n.e., Pierantoni 12, Bianchella 18, Pettinari, Spreca 16. All. Luchetti

PIERALISI VOLLEY PAN JESI: Diaz  9, Tallevi 20, Cecconi (L), Lombardi 11, Tozzo 14, Quintabà 1, Perelli (L), Pirro, La Padula n.e., Da Col 16, Carbonari n.e., Duru n.e., Marcelloni n.e. All. Sabbatini

ARBITRI: Binaglia e Frattone

PARZIALI: 25-14, 19-25, 14-25, 26-24, 13-15

FABRIANO / MODIFICA REGOLAMENTO CASE POPOLARI, L’INTERPELLANZA DELLA LEGA

FABRIANO, 12 novembre 2017 – Dopo la richiesta di aprire gli uffici comunali sabato mattina, la Lega Nord raddoppia proponendo – attraverso una interpellanza – di modificare il regolamento comunale per l’assegnazione delle case popolari.

Richiesta che parte dalle ultime modifiche al regolamento comunale il Carroccio, che risalgono al 2010, e dalle mutate condizioni economico/finanziarie della città.

Ecco dunque la proposta del Carroccio: “Potranno accedere alle graduatorie per ottenere una casa popolare soltanto gli stranieri residenti da almeno 10 anni sul territorio nazionale con regolare permesso di soggiorno. Per ottenere l’alloggio, tutti dovranno dimostrare di risiedere e lavorare da almeno 5 anni nel bacino di utenza del territorio comunale”.

“Sarò poi loro compito ed obbligo – prosegue l’Interrogazione leghista – fornire la documentazione attestante la situazione patrimoniale all’estero, mediante certificati o attestazioni rilasciati dalla competente autorità dello stato estero, corredati di traduzione in lingua italiana autenticata dall’autorità consolare che ne attesti la conformità all’originale”.

Una proposta con ulteriori condizioni: la metà degli alloggi disponibili dovrà essere destinato “Alle famiglie che vivono sotto la soglia di povertà assoluta, mentre la restante parte sarà data priorità, oltre alle famiglie in possesso dei requisiti, alle categorie fragili”. Quindi anziani, famiglie con disabili o malati terminali, giovani coppie con non più di 40 anni e figli a carico, genitori separati e divorziati, persone sole con minori e nuclei famigliari in condizioni di emergenza abitativa.

Le ultime righe sono dedicate alla possibilità di vendere parte del patrimonio immobiliare di pregio comunale per reperire fondi da destinare all’edilizia pubblica.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / CASSONETTI-DISCARICHE E LA ZONA È PURE VIDEO SORVEGLIATA

JESI, 12 novembre 2017 – Materassi, sanitari, tavoli, sedie e una televisione, buttati, sul ciglio di una strada  a doppio senso tra l’ altro molto stretta.  Quello che però balza agli occhi è il cartello ben in vista (che sovrasta il cumulo di immondizia) )che riporta la scritta “Zona Videosorvegliata”, che in se per se dovrebbe fungere da deterrente per chi è intenzionato a scaricare rifiuti ingombranti.

La domanda è semplice: sicuri che, almeno stavolta, i trasgressori verranno sanzionati perché ripresi dall’occhio della telecamera?

Intanto i cassonetti della città diventano giorno dopo giorno discariche a cielo aperto.  L’ultima l’abbiamo trovata in zona via Latini incrocio con via Roncaglia  dopo quelle di via Carlo Marx, via Mura Occidentali, punto scommesse Snai, e via Asiago e qualche punto del centro storico.

Ricordiamo che i rifiuti ingombranti andrebbero consegnati  al centro ambiente Campo Boario con orario il pomeriggio dal lunedì al venerdì, dalle ore 13 alle ore 19 e sabato mattina dalle ore 7 alle ore 13.

Al Centro Ambiente, come noto, i cittadini residenti a Jesi e le ditte convenzionate possono portare senza alcuna spesa qualsiasi tipo di rifiuto urbani o assimilato agli urbani, compresi i rifiuti ingombranti, per quest’ultima tipologia si ricorda che è previsto anche il ritiro gratuito a domicilio da parte della JesiServizi. È possibile infatti chiedere il ritiro fino a tre oggetti ingombranti, ma il ritiro è gratuito solo per il primo. Se ve ne sono ulteriori, è previsto un contributo spese pari ad 11 euro ciascuno.

(c. ade.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / FINESTRA APERTA AL PRIMO PIANO, LADRI RUBANO I GIOIELLI

FABRIANO, 12 novembre 2017 – Entrano da una finestra lasciata aperta al primo piano, e fanno razzia di gioielli. Dei ladri sono entrati in una casa del quartiere Santa Maria, arrampicandosi per pochi metri, sfruttando quell’apertura inaspettata. Il fatto è avvenuto nel tardo pomeriggio di alcuni giorni fa.

La famiglia che risiedeva all’interno dell’appartamento non era in casa al momento dell’incursione dei malviventi, e si è accorta di quanto successo una volta rientrata tra le mura domestiche.

Immediato l’allarme lanciato alle forze dell’ordine, che al momento stanno indagando sul fatto.

Bottino Circa 3.000 euro di preziosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA