Cronaca

CUPRA MONTANA / SERVIZIO CIVILE, CASA DI RIPOSO E CROCE VERDE ADERISCONO AL BANDO

CUPRA MONTANA, 25 giugno 2017 – La locale Croce Verde e la Fondazione Giovanni Paolo II hanno pubblicato il Bando per il “Servizio Civile Nazionale: una scelta consapevole!” esteso a cittadine e cittadini italiani che abbiano un’età compresa tra 18 e 28 anni. La durata del Servizio Civile Nazionale è di 12 mesi, con un impegno di 30 ore a settimana ed una retribuzione mensile di 433,00 euro. Ovviamente chi si trova nelle condizioni di accedere può chiamare la Croce Verde di Cupra Montana al numero 0731.78.00.78 oppure scrivere all’indirizzo mail: croce verde@croceverdecupramontana.it.

Per maggiori informazioni alla Casa di Riposo, gli interessati potranno chiamare al n° 0731 780128 / 0731789262 e/o visitare il sito www.casariposocupra.it.

La locale Croce Verde e la Casa di Riposo sono per Cupra Montana e la Vallesina due enti di primaria importanza nell’erogazione di servizi sociali e il rafforzamento del personale andrebbe a garantire una maggiore presenza e risposta alle richieste della comunità locali.

CUPRA MONTANA / MUSEI IN GROTTA, UN CONTENITORE TRA CULTURA E DEGUSTAZIONI

CUPRA MONTANA, 25 giugno 2017 – Riaprono ufficialmente i Musei in Grotta nello splendido complesso del monastero di Santa Caterina, nel quale trovano collocazione il Museo Internazionale delle Etichette del Vino, l’Enoteca Comunale, l’Infopoint e l’Horto de Semplici. La struttura che rimarrà aperta dal lunedì al sabato, dalle ore 10.30/12.30 alle ore 16.30/19.30, e la domenica dalle ore 16.30 alle 19.30, è visitabile anche prenotando in giorni diversi dall’apertura chiamando lo 0731.78.01.99 (www.turismo-cupramontana.com). Un punto di incontro, dove la storia e la degustazione si accompagnano magnificamente per quanti vorranno visitarlo; qui, Cupra Montana mette a disposizione la storia delle etichette del vino, una quantità molto ampia (Antiche-Umoristiche-Contemporanee), capace di far camminare la fantasia in quelle realizzazioni che rappresentano il settore vitivinicolo di tutto il mondo.

JESI / GESTIONE RIFIUTI, IL PD ATTACCA E BACCI REPLICA: “INIZIANO CON LE FIGURACCE, ALL’ATA NESSUNA ASSEMBLEA IN PROGRAMMA”

Osvaldo Pirani

JESI, 25 giugno 2017 – Botta e risposta tra il gruppo consiliare del Partito Democratico di Jesi ed il Sindaco Bacci. In campagna elettorale la gestione dei rifiuti era stato motivo di confronto ma non di scontro totale. Come ben si sa la legge voluta dal Partito Democratico imporrebbe il passaggio al gestore unico provinciale cioè alla creazione di un’azienda unica di carattere pubblico. Bacci su questa linea non ci sta ed ha cercato e forse cercherà di opporsi cercando di proporre, come comune di Jesi, una soluzione alternativa che a suo dire abbasserebbe i costi.  Sta di fatto che nei giorni scorsi, come sostiene il Partito democratico di Jesi, l’Ata (assemblea territoriale d’ambito) si è riunita per discutere il Servizio Gestione Rifiuti, ovvero dell’affidamento del servizio di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti nella forma dell’house providing per i comuni dell’ATO 2 di Ancona.

Il comune di Jesi, sempre secondo il Pd, non era presente.

L’occasione e la circostanza ha fatto prendere carta e penna al gruppo consiliare del Pd di Jesi appena eletto, a sua volta presente, il quale ha scritto di “scortesia istituzionale verso la Provincia di Ancona e gli altri Sindaci intervenuti a Jesi ed inoltre questo atteggiamento del Sindaco Bacci evidenzia ancora una volta il suo isolamento e la sua difficoltà a relazionarsi con gli altri enti istituzionali del territorio, atteggiamento questo tipico delle liste civiche”.

 

 

La replica del Sindaco Massimo Bacci non si è fatta attendere: “Magari se il gruppo consiliare del Pd si fosse informato – ha fatto sapere – avrebbe esso evitato la prima figuraccia della legislatura: non c’era infatti nessuna assemblea Ata in programma venerdì scorso, semplicemente perché era stata annullata. L’annullamento – ha spiegato Bacci – era scaturito anche a seguito dell’incontro che ho avuto mercoledì scorso con la presidente Serrani (e dunque anche qui Pd smentito perché Jesi è tutt’altro che isolata) nel corso del quale le ho spiegato che ero in attesa di un parere legale sulla procedura che si stava adottando e che, non appena ricevuto, l’avrei di nuovo contattata per vederci insieme agli altri sindaci. L’incontro a cui ha partecipato venerdì il Pd di Jesi – ed è preoccupante che non se ne sia neanche accorto – era in realtà una semplice riunione informale tra alcuni sindaci, durante la quale non ho dubbi che la presidente Serrani abbia giustificato la mia assenza, come le ho chiesto di fare, per un altro concomitante impegno istituzionale. Capisco che il Pd – ha concluso il Sindaco – debba ancora riprendersi dalla pesante batosta elettorale e dunque parli a vanvera, ma stia pur tranquillo che sulla questione dei rifiuti Jesi è tutt’altro che distratta e farà in modo che la futura gestione sia improntata su sostenibilità e rigore, senza che i nostri cittadini si trovino a pagare i debiti altrui”.

Mercoledì 5 luglio ci sarà la votazione sulla questione.

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

FABRIANO / PORTA CERVARA CONQUISTA IL PALIO DI SAN GIOVANNI BATTISTA

FABRIANO, 24 giugno 2017 – E’ porta Cervara a conquistare la 23esima edizione del Palio di San Giovanni Battista. Una versione torrida, affollata, urlata con forza da ogni portaiolo che ha portato i propri colori sulla pelle e nel cuore.

Dopo una gara tesa, il fabbro di porta cervara   ha fatto scattare il meccanismo, facendo innalzare il gonfalone abbracciato idealmente da tutta la piazza di colore  rosso .

Momenti di tensione per un arrivo al photofinish, che ha alla fine sancito la vittoria della Cervara per qualche millesimo di secondo.

Dopo una viaggio di quasi 2 settimane, il Palio saluta qua e da l’appuntamento al 2018. Per una 24esima edizione che avrà il difficile compito di fare meglio di questa appena passata. Ma con la consapevolezza che niente è impossibile.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / AGLI IMPIANTI SPORTIVI DEL LICEO LA GRANDE FESTA DEL “SUMMER GAMES” ( FOTO E VIDEO)

JESI, 24 giugno 2017 – Procede a vele spiegate “Jesi Summer Games”, una manifestazione ludico-sportiva e di intrattenimento ospitata negli impianti sportivi all’aperto del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”. Tante le società sportive dilettantistiche coinvolte che da diversi giorni stanno proponendo le loro specialità ginniche più o meno note; si va dal pattinaggio alla scherma, dal calcio a 5 alla ginnastica artistica, dal tennis alle arti marziali.

Il tutto, come si conviene ad una manifestazione estiva all’aperto, con tanto di stand gastronomici.

Nel calendario della manifestazione figurano inoltre tre momenti particolarmente interessanti sia per l’evento sportivo, così come per le finalità che il Dream Day si è prefissato. Questa associazione, che ha già fatto parlare di se per tante altre iniziative a favore dei bambini e della società, sostiene tre momenti del Summer Games: quelli delle serate del 23, 24 e 25 giugno.

Nella prima di queste tre serate si è assistito alla esibizione di Taekwondo “Polisportiva Libertas Jesi”, oggi, sabato 24, in programma c’era la semifinale di Coppa Italia categoria A1 di Fioretto maschile e femminile ed un evento benefico nella serata di domenica (25 giugno). In questi tre momenti il pubblico è chiamato a porre l’attenzione su un dramma che sta ancora colpendo molte popolazioni delle nostre Marche e delle regioni confinanti.

Ci riferiamo ai tanti giovani, anziani e bambini che ancora stanno subendo le conseguenze del tragico sisma in favore dei quali saranno destinati parte dei fondi che saranno raccolti nell’occasione (il rimanente sarà destinato all’acquisto di giochi da collocare nei parchi cittadini). Le tre serate di eventi benefici con inizio alle ore 18 sono presentati dalla stessa presidentessa del Dream Day, Selena Abatelli.

Non solo, nel corso delle serate faranno la loro grande parte personaggi dello spettacolo come Bruno Arena, Ivan Cottini, Antonio Lo Cascio, Andrea Gherardi, oltre a clown, truccatori e scuole di ballo.

(redazione)

foto e video di Cristiana Loccioni

CUPRA MONTANA / BUON COMPLEANNO MITICA ‘500’, RADUNO VINTAGE NELLA “CAPITALE DEL VERDICCHIO”

CUPRA MONTANA, 24 giugno 2017 – Domani, 25 giugno, organizzato dalla Associazione Culturale Cuprense “Veicoli d’Epoca”, prenderà il via il 6° Raduno della mitica Fiat 500 D e non sarà solo un semplice  autoraduno, perché la ricorrenza è di quelle importanti, infatti cade proprio nel 2017 il 60° Compleanno di questa utilitaria così amata dagli italiani. L’Associazione cuprense ha predisposto un semplicissimo programma per i numerosi partecipanti: alle ore 8, il raduno in Piazza Cavour per l’iscrizione e subito dopo una colazione offerta dagli organizzatori; alle ore 10.00 partenza da Cupra Montana e giro turistico per i Castelli del Verdicchio con sosta per l’aperitivo a “Villa Salvati” dove si brinderà a questo 60° compleanno della Fiat 500 D; alle ore 13.00 la “carovana” di appassionati, dopo aver salito la Cuzzana, si ritroverà nel parcheggio del ristorante “Rosina” per il pranzo e alle ore 16.00 un saluto circolare a tutti i partecipanti con l’invito a ritornare il prossimo anno. Ogni anno rivediamo queste utilitarie tirate a lucido dai proprietari, che nella consapevolezza di possedere una fuoriserie datata, vi riversano tutte le attenzioni possibili. Ma domani non sarà solo il rombo di motori elaborati e marmitte da pista.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / IL DISORDINE REGNA SOVRANO: SEGNALETICA STRADALE ERRATA E INUTILE

sede commissariato Jesi

JESI, 24 giugno 2017 – Era il 9 settembre dello scorso anno quando, dopo anni di attesa e non pochi rinvii, la nuova sede del Commissariato di Polizia e quella della Polizia Stradale furono inaugurate. Quel secondo venerdì di settembre nella vasta area di via Marco Polo, tra la stazione ferroviaria ed un centro commerciale, si sono ritrovate decine e decine di autorità, dal Capo della Polizia, il Prefetto Franco Gabrielli, al Questore di Ancona, Oreste Capocasa, dal Prefetto di Ancona, Antonio Dacunto, all’onorevole tutta jesina Valentina Vezzali e al Vescovo di Jesi, Gerardo Rocconi.

C’erano poi Generali ed alti ufficiali delle altre forze di polizia (Carabinieri, Guardia di Finanza, Forestale, Vigili del Fuoco, ecc.).

stazione carabinieri Jesi

Quella manifestazione inaugura fu una giornata di festa sia per gli agenti della Polizia – di Stato o della Stradale – così come per la popolazione che dopo anni di attesa vedeva finalmente concretizzarsi una struttura per anni abbandonata.

Da quel 9 settembre del 2016 gli agenti delle Fiamme Oro iniziarono ad operare nella stessa struttura.

Vi domanderete: dove porta questo discorso? Perché si ritorna a parlare di quella struttura? Semplice, noi jesini sappiamo dove andare se abbiamo bisogno deI poliziotti, ma chi viene da fuori città non solo no lo sa, ma addirittura viene informato male sull’ubicazione dei due comandi e non solo. Basta dare uno sguardo alle tabelle segnaletiche poste all’ingresso della città. Nonostante i tanti mesi trascorsi da quella inaugurazione le tabelle indicano che il Commissariato di Polizia si trova in via Montello, che il distaccamento della Polizia Stradale è in viale Papa Giovanni XXIII e, tanto per non dare adito a preferenze, il numero telefonico attribuito ai Carabinieri è ben diverso da quello effettivo, rispondente allo 0731.229000.

Ci chiediamo: a chi spetta rimettere le cose a posto e provvedere alle necessarie correzioni? Aspettiamo una risposta.

(sedulio.brazzini@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LETTERE&OPINIONI / «MEGLIO “COPIA-INCOLLA” CHE BLA BLA BLA… BLA BLA BLA… (AD LIBITUM)!»

MAIOLATI, 24 giugno 2017 – Dopo aver “pensato” per dieci anni alla riconversione della discarica e essersi accorti che non avranno più altri dieci anni di tempo per pensare, l’Amministrazione di Maiolati ha … è rimasta al “pensiero”! In compenso hanno imparato a usare Google, bravi!

Ora però mettiamo i puntini sulle “i”.

Nella lettera di presentazione della proposta di riconversione della discarica avevamo scritto “A seguito dell’incontro avuto con i sindacati FP.CGIL, FIT.Cisl, UILtrasporti e USB, proponiamo agli stessi e ai Sindaci dell’area CIS (e di alcuni Comuni limitrofi) una seria bozza di confronto, frutto di un percorso di analisi e dell’acquisizione di conoscenze, mirato ad una reale riconversione della discarica “La Cornacchia” di Maiolati Spontini. Il materiale in allegato deriva dell’osservazione e dello studio di REALTÀ GIÀ ESISTENTI nel panorama nazionale, QUINDI NON C’È NIENTE DI PIONIERISTICO O TANTO MENO DI INVENTATO.”

Pertanto imparate a leggere, e contate fino a dieci prima di esternare castronerie!!

Stiamo parlando di servizi pubblici e di opere pubbliche, e non di “opere d’arte”, per cui necessita originalità ed esclusività, anzi, in questo caso è il contrario: necessita esperienza, esempi collaudati ed soluzioni già sperimentate. Nessuno nel M5S ha mai detto che la proposta fosse “rivoluzionaria e originale”, nessuno ha mai detto fosse “frutto del nostro lavoro”!

Pertanto, vi ribadiamo ancora una volta di imparare a leggere, e contare fino a quindici prima di esternare ulteriori balordaggini.

La proposta presentata, se vi riferite a Vedelago, non è fallita da un punto di vista tecnico (anzi, dopo essere stata per molti anni uno dei primi esempi di gestione virtuosa dei rifiuti, continua ad essere un modello valido e da esportare), ma solamente dal lato amministrativo. Tra l’altro il Centro Vedelago era gestito privatamente dalla signora Poli, fondatrice dell’azienda, e ora continua la sua attività con un’altra società, mantenendo tutti i posti di lavoro.

Pertanto le pagine della proposta sono quasi integralmente estrapolate dalla tesi di laurea di Marco Soligo intitolata “Centro Riciclo Vedelago Srl. Un modello di business innovativo nel campo della sostenibilità”, pubblicata dall’Università Ca’Foscari Venezia nell’anno accademico 2012/2013 poiché, dopo averne attentamente vagliato il lavoro, riteniamo lo stesso molto valido e che si adatti perfettamente alla situazione locale della Vallesina.

Peraltro ci risulta che anche una delegazione dell’Amministrazione Comunale di Maiolati qualche legislatura fa fosse andata in visita al Centro di Vedelago. Eravate andati a “copiare”?!! No, eravate andati a vedere se quella realtà collaudata potesse essere esportata nel nostro territorio.

Non vi piace il modello Vedelago? Bene, vi avevamo proposto il modello Contarina, Spa completamente pubblica, pertanto da un punto di vista amministrativo offre garanzie superiori a quelle di Vedelago. Abbiamo organizzato una serata portando le testimonianze di amministratori (tra l’altro piddini) del Consorzio, proprio perché era un’esperienza consolidata e fruttuosa.

Trattando questi argomenti, non c’è da improvvisare o essere originali, bensì è estremamente necessario “COPIARE” chi ha bene progettato e bene realizzato.

Ben venga il copia-incolla quando le cose sono fatte bene. La cosa più stonata nei vostri scritti triti e ritriti è l’ASSOLUTA INERZIA dei fatti che non seguono le chiacchere: l’unica vostra proposta che perseguite con tenacia è la VASCA DI INTERRAMENTO! Per voi non ci sono alternative. Bla bla bla, ma sempre vasca di interramento.

Pertanto, invece di gridare allo scandalo perché la proposta del M5S non è “originale”, ricercate pure voi tante altre proposte che oggi sono realtà e che hanno preso lo spunto dal Centro Riciclo Vedelago.

M5S Maiolati Spontini

FABRIANO / PAGAMENTO SIAE, PROROGA AL 30 GIUGNO E SCONTI FINO AL 40% PER ASSOCIATI CNA

Fabriano, 24 giugno 2017 – C’è lo slittamento. A comunicarlo è la Cna di Fabriano area vasta, che comunica la proroga del pagamento della Siae fino a venerdì 30 giugno, senza applicazione di penali per i comuni che rientrano nel cratere. Quindi Fabriano e Cerreto d’Esi e tutte quelle attività che fanno “uso” di musica.

Il pagamento dovrà avvenire presso l’ufficio della Siae di Fabriano in via Bellocchi al numero 17.

“In momenti di forte difficoltà economica – spiega Andrea Riccardi segretario della Cna locale – ogni possibilità di risparmio è importante per ogni imprenditore ed è per questo che ci siamo attivati per confermare e migliorare le convenzioni a favore dei soci, con una riduzione della tariffa che arriva al 40%”.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / BEVILACQUA PRECISA: IL REPARTO DI GASTROENTEROLOGIA DEL ‘CARLO URBANI’ NON CHIUDE

JESI, 24 giugno 2017 – Non è prevista alcuna chiusura per il reparto di Gastroenterologia al Carlo Urbani ne tantomeno una riduzione della sua attività.

E’ questa la precisazione del direttore dell’Area Vasta 2 ing. Maurizo Bevilacqua dopo le preoccupazioni dei giorni scorsi lanciate dal Tribunale dei diritti del malato.  “L’offerta è garantita in tutte le articolazioni – ha aggiunto il dirigente –  e riguardano l’attività endoscopica, screening per la prevenzione del carcinoma del colon retto, endoscopia diagnostica ed operativa, nonché l’attività di gastroenterologia ambulatoriale e in consulenza. E’ in atto – ha ulteriormente precisato – un’ importante attività di integrazione dei piani di lavoro in area vasta , secondo l’ottica delle reti cliniche, che consentirà nel prossimo futuro di efficientare il sistema e prevenire criticità che si possono verificare su singole sedi”.

Infine Bevilacqua ha concluso: “All’integrazione e allo sviluppo della rete saranno interessati anche altri nosocomi dell’area vasta, con pari dignità tra loro, consentendo di mantenere e valorizzare i punti di eccellenza che sono maggiormente qualificanti per ognuno dei  quattro plessi ospedalieri”.

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)