Castelplanio

CASTELPLANIO / TROMBA D’ARIA, QUERCE ABBATTUTE A PIAGGE OSTRUISCONO LA STRADA

CASTELPLANIO, 17 giugno 2017 – Notte di vento e maltempo in Vallesina. A Castelplanio, nei pressi di via San Filippo e in località Piagge una tromba d’aria ha colpito la zona abbattendo alcune querce, finite sulla sede stradale. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Jesi, che hanno liberato la strada (privata) dalla mezzanotte fino a circa le 2.30.

(s.s.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

CASTELPLANIO / NONNINA BLOCCATA NELL’ASCENSORE: LA FAMIGLIA CHIAMA I VIGILI DEL FUOCO

CASTELPLANIO, 1 giugno 2017 – Momenti di paura per una anziana signora nella serata di ieri (ore 21.45) quando, mentre cercava di raggiungere i propri congiunti è rimasta intrappolata in un ascensore.

Dopo qualche attimo di attesa la famiglia – che vive nello stesso condominio della donna – si è resa conto del malfunzionamento dell’ascensore, che aveva lasciato “sospesa” tra un piano e l’altro la donna. Immediato l’intervento dei Vigili del fuoco allertati dalla famiglia. Dopo pochi minuti e dopo aver riattivato manualmente l’ascensore (incerta la causa dell’avaria) ecco di nuovo la luce, con l’anziana signora abbracciata da tutta la famiglia preoccupata ma alla fine sollevata per il lieto fine della disavventura.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

CALCIO PRIMA CATEGORIA GIRONE B / LE TORRI-FILOTTRANESE, È FINALE PLAYOFF

CASTELPLANIO, 27 maggio 2017 – Le Torri Castelplanio-Filottranese è la finale playoff del Girone B di 1a Categoria che si disputerà oggi pomeriggio (sabato 27 maggio) alle ore 16:30 allo stadio Simone Bruschi di Macine di Castelplanio. Chi vincerà dovrà misurarsi sabato 3 giugno, stesso orario, con la vincente di Cantiano-Montecalvo (la finale playoff del Girone A) in campo neutro ancora da stabilire.

Da ricordare che Mondolfo (Girone A) e Genga Sassoferrato (Girone B) sono già approdati in Promozione, essendosi affermati nei rispettivi raggruppamenti.

Castelplanio Le Torri è giunto a questo epilogo dopo essere arrivato secondo in campionato, mentre la Filottranese, terza classificata, ha dovuto superare Conero Dribbling (2-0) per accedere al confronto con Le Torri.

Con il secondo posto conquistato nella stagione regolare (58 punti, di cui 15 successi, 13 pareggi, due sole sconfitte, 47 gol realizzati, 22 subiti), la squadra allenata da Jacopo Mannelli si è guadagnata il diritto di giocare in casa questa finale, avendo a disposizione due risultati su tre (vittoria e pareggio); in caso di parità al 90° minuto, persistente anche   dopo i tempi supplementari, sarà infatti Castelplanio a passare al turno successivo.

Castelplanio si sta preparando a questo delicato appuntamento con grande impegno, allenamenti serrati da parte del mister, che sta provando varie soluzioni in vista del raggiungimento dell’obiettivo stagionale, ancora tutto da conquistare. Dovrà intanto battere la Filottranese  per essere ammessa all’esame decisivo di sabato 3 giugno. Impresa tutt’altro che agevole. Da una parte, Giacomo Casturà, Tiziano Cocilova e Francesco Corinaldesi (37 gol complessivi in campionato); dall’altra Simone Marziani e Nicola Pallone, i migliori uomini-gol tra i biancorossi. La partita si presenta equilibrata, anche se in campionato i rossoblù castelplanesi si sono imposti (2-2 all’andata, 1-0 al ritorno) sugli irriducibili avversari, i quali hanno chiuso con 53 punti, di cui 14 vittorie, 11 pareggi, 5 sconfitte, 42 reti all’attivo e 18 al passivo.

Mannelli dovrebbe presentarsi con la migliore formazione avendo, al momento, solo un’incertezza sull’impiego di De Angelis, non del tutto guarito da un recente stiramento.

E’ un confronto molto sentito nei rispettivi ambienti; la Filottranese si presenterà con un consistente gruppo di sostenitori e con tifosi dotati di bandieroni biancorossi, gli stessi che abbiamo notato nella gara d’andata. Nessun altro oggetto, lo vogliamo sottolineare, è consentito introdurre sugli spalti, né fumogeni, né petardi, che possono risultare pericolosi.

Da parte delle Torri ci si aspetta una cornice di pubblico degna della posta in palio, perché il secondo posto in campionato è evento raro nella storia calcistica di Castelplanio e, dunque, la gara di sabato prossimo riveste un’importanza fondamentale, un’occasionissima da non lasciarsi sfuggire.

L’auspicio comune è che la partita sia combattuta lealmente in campo e correttamente in tribuna. Deve essere una festa, chiunque dovesse prevalere.

(Adriano Santelli)

INFORMAZIONI COMMERCIALI / NATURA GARDEN, SPAZI VERDI IN COMODITÀ

CASTELPLANIO, 23 maggio 2017 – Si dice che da un giardino ben curato lasci trasparire l’anima del suo proprietario! Non sappiamo se ciò è la verità, ma un desiderio così con Natura Garden (settore Giardini) lo puoi realizzare soddisfacendo la tua voglia di libertà e spazio verde in tutta comodità.

Se hai uno spazio che vorresti rendere fruibile durante tutto l’anno o maggiormente nel periodo estivo e godertelo con la tua famiglia, con gli amici, comodamente seduti su uno sdraio posizionato sotto un gazebo, ora lo puoi realizzare! Per questo c’è l’Azienda Natura Garden di Castelplanio (60031), di Bucciarelli Tiziano & C, ubicata in via Giacomo Brodolini 17/19 (tel.0731.81.49.59 – mob. 331-7134430 ). 

Un’Azienda giovane che pensa giovane; Natura Garden esegue su PC la progettazione in 3D dei vostri spazi da adibire a giardino, ma anche la realizzazione della pavimentazione, del prato naturale o sintetico, della piantumazione di fiori, di piante da frutto e ornamentali, della irrigazione automatica, fornendo anche i robot giardinieri che in tutta autonomia provvedono al taglio dell’erba.

L’obiettivo dell’Azienda è quello di soddisfare le esigenze della clientela mettendola a conoscenza delle eventuali necessità progettuali  al fine di far vivere nel miglio modo possibile il proprio spazio verde , cercando di mantenere il più basso indice di manutenzione e il più alto piacere di condividere momenti di privata libertà.

Le foto che proponiamo rappresentano una parte modesta dei progetti realizzati da Natura Garden; come si potrà notare, ognuno di questi appare perfettamente legato agli ambienti strutturali e al contorno naturale, a tal punto da farli apparire come nati insieme a tutto il resto: una soddisfazione reale che si svela con la naturalezza del progetto realizzato nell’insieme.

Per ulteriori info, clicca qui.

 

LETTERE&OPINIONI / CROCE ROSSA DI CASTELPLANIO: UN NUOVO LIBRO A SCUOLA PER ALLENARSI ALLA SOLIDARIETÀ

CASTELPLANIO, 10 maggio 2017 – A lezione di primo soccorso con i volontari della Croce Rossa Italiana – Comitato locale di Castelplanio – e un libro speciale da leggere con occhi, mani, cuore. È il progetto “Un nuovo libro a Scuola”, giunto quest’anno alla sesta edizione, che sabato 6 maggio ha impegnato nella mattinata oltre cinquecento ragazzi delle scuole secondarie di Moie, Castelplanio e Pianello Vallesina a riconoscere e gestire il soccorso in caso di arresto cardiaco, a supportare le funzioni vitali fino al momento dell’arrivo del 118 praticando le manovre salvavita.

«Divulgare la cultura del primo soccorso è uno degli impegni prioritari della nostra associazione – ha detto Samuele Luzi, istruttore e delegato Area Salute -. Questo progetto ideato e promosso dalla CRI di Castelplanio dal 2011, primo in Italia nel suo genere, vuole educare i preadolescenti alle tecniche del BasicLifeSupport. Con questo “nuovo libro”, dotato di un manichino chiamato MiniAnne, possono esercitarsi anche a casa, con la famiglia, grazie all’aiuto di un DVD presente nel kit. Il manichino ha un meccanismo integrato a scatto per il corretto svolgimento delle compressioni del massaggio cardiaco su adulti e bambini. È quindi un libro da leggere e da vivere e in soli trenta minuti permette insegna a salvare una vita. Come ripetiamo sempre, la cultura del BLS e di un buon RCP è fondamentale per promuovere comportamenti corretti in situazioni di urgenza. »

Agli studenti delle classi prime è stato consegnato Mini Anne, il kit di autoapprendimento sulla rianimazione cardiopolmonare, mentre gli alunni delle classi seconde e terze si sono esercitati con quello già donato dalla CRI gli anni scolastici precedenti. Curiosi, interessati e desiderosi di imparare, i giovanissimi sono subito entrati in sintonia con i volontari, che hanno proposto i contenuti anche in modo interattivo.

«Se mi trovo solo che cosa devo fare? Come mi comporto se una persona, a causa di un incidente, si trova incosciente in mezzo ad una strada? Queste le domande ricorrenti, soprattutto delle prime classi, che ci hanno lasciato cogliere l’interesse e la voglia di imparare. Molto gratificante anche vedere che gli studenti più grandi, di seconda e terza, si sono ricordati le sequenze da eseguire ed hanno praticato, in un unico ritmo, il massaggio cardiaco.» Così ha commentato Lorella Caciorgna, Istruttore CRI di Castelplanio, che ha seguito questo importante momento di contatto con gli studenti insieme a Fiorella Valentini (Infermiera Volontaria), Ilaria Rampino, Annalisa Ricci, Lucia Paciarotti, Marco Scortichini e Patrizia Vianelli (Pediatra).

«Questo progetto costituisce un prezioso ed organico contributo allo sviluppo di una  nuova cultura sanitaria. – ha dichiarato Emilio Procaccini dirigente scolastico dell’IC “Carlo Urbani” di Moie – L’acquisizione diffusa delle  tecniche di rianimazione cardio-polmonare, infatti, favorisce la creazione di un sistema sanitario integrato, in cui ogni cittadino può concretamente contribuire al miglioramento della qualità della vita nelle comunità territoriali.»

L’incontro è stato anche occasione importante per conoscere da vicino la Croce Rossa, i sette princìpi umanitari che la guidano e ne costituiscono lo spirito e l’etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità e Universalità. Le attività della CRI si fondano su una visione globale dei bisogni, sulla cui base vengono modellati i servizi da svolgere, che non riguardano solo il settore della salute. «Oltre a proteggere e tutelare la vita – ha spiegato Luzi – promuoviamo l’inclusione sociale, per aiutare le persone più fragili a sviluppare le loro capacità e per costruire comunità più forti ed inclusive. Lavoriamo per garantire un’efficace e tempestiva risposta alle emergenze, attraverso la formazione dei cittadine e l’aiuto alle popolazioni colpite da calamità. Nelle emergenze, come il terremoto che ha colpito la nostra regione, oltre ai soccorritori, servono anche volontari preparati per il supporto psicologico e per creare momenti di socialità, per superare lo sconforto e ricostruire fiducia e speranza. C’è poi uno specifico settore dedicato allo sviluppo dei giovani e alla promozione di una cultura della cittadinanza attiva.»

Tra linguaggi diversi – parole, immagini, tecnologia – e la pratica attiva, un allenamento all’altruismo e alla solidarietà, dunque: l’inizio di un cammino per i giovanissimi, i primi passi verso una cittadinanza attiva e impegnata a rispondere ai bisogni e alle fragilità che incontreranno.

La Croce Rossa di Castelplanio ringrazia gli sponsor che hanno totalmente sostenuto la realizzazione del progetto Un Nuovo Libro a Scuola: Re Mercato – Centro la Fontana, Centro Oceano, Anibaldi &Pandolfi.

Croce Rossa ItalianaComitato locale di Castelplanio

CASTELPLANIO / ALLA SALA COMUNALE “PITTORI” SI PARLA DI DISGREGAZIONE SOCIALE E DIPENDENZE

CASTELPLANIO, 5 aprile 2017 –  Venerdì prossimo, 7 aprile, alle ore 21.00, presso la sala comunale “Luciano Pittori” si terrà un incontro pubblico sul tema della disgregazione sociale, con il patrocinio del Comune di Castelplanio

Tale argomento è stato scelto dal Consiglio pastorale della parrocchia di San Sebastiano, per la constatazione di una società sempre più disgregata e individualista, che oramai tocca anche i piccoli centri, ritenuti, a torto, immuni da questo problema.

Si cercherà di riflettere sulle cause che determinano tale evoluzione nei rapporti sociali e interpersonali. In particolare l’accento verrà posto sulle “dipendenze” più subdole e sommerse.

Porteranno il loro contributo l’avv. Marco Montanari, che spiegherà l’attuale legislazione in materia e su eventuali proposte di legge, gli psicologi Walter La Gatta e Giuliana Proietti, esperti delle dinamiche di coppia e Riccardo Ceccarelli, giornalista e storico. Coordina il dott. Federico Panfoli.

 

 

CASTELPLANIO / LA VERTIGINE DEL LIMITE: INCONTRO CON IL TEOLOGO DON ARMANDO MATTEO

CASTELPLANIO, 31 marzo 2017 La vertigine del limite è il tema dell’incontro che si terrà domani, 1 aprile, ore 18.00, nella sala conferenze del centro di spiritualità Sul Monte.

Ospite il teologo – presso la Pontificia Università Urbaniana di Roma – don Armando Matteo, autore di molte pubblicazioni relative alla situazione umana e alla ricerca della fede.

La vertigine del limite, scritto a due mani, è un piccolo libro – della collana La cattedra del confronto, edita da Il Margine – che contiene le riflessioni del teologo e dell’astronauta Umberto Guidoni.

I due scrivono e discutono, appunto, del senso del limite, della fame della scoperta, dell’avventura umana che si gioca tra gli estremi di uno sconfinato orizzonte di curiosità e di ricerca, e i limiti naturali e morali che gli esseri umani hanno imparato a darsi nel corso della storia.

Tra gli spazi siderali delle imprese cosmonautiche e gli abissi dell’anima umana, un dialogo ricco di sorprese e di provocazioni.

 

 

 

CASTELPLANIO / LA CLASSE II E DELLA SCUOLA “FERMI” SI AGGIUDICA IL PREMIO “SPORT E INTEGRAZIONE: LA VITTORIA PIÚ BELLA”

CASTELPLANIO, 30 marzo 2017 – Si è aggiudicata il premio “Sport e Integrazione: la vittoria più bella”, per la provincia di Ancona, la classe II E della scuola secondaria “E.Fermidi Castelplanio, dell’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani” – Moie, Castelplanio, Poggio San Marcello.

A consegnare il riconoscimento, sabato 26 marzo scorso nell’Aula Magna, il neo delegato provinciale Coni Paolo Paolozzi e la dott.ssa Anna Laura Gasperat dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Ancona. Presenti alla cerimonia gli oltre cento alunni della scuola, con gli insegnanti e il dirigente scolastico Emilio Procaccini, che ha sottolineato «il valore dello sport come scambio, confronto, cultura e crescita. Lo sport ci unisce, al di là di ogni differenza».

Il lavoro vincitore opera degli alunni della II E della “Fermi” di Castelplanio

È stata una festa per tutta la comunità scolastica e un momento di confronto e di condivisione perché, ha spiegato il fiduciario di plesso Paolo Pigliapochi, «l’alta presenza di alunni stranieri nella nostra scuola ci impegna a lavorare quotidianamente su inclusione e integrazione. La partecipazione sportiva, oltre a valorizzare la diversità, impegna al rispetto delle regole e degli altri.»

L’iniziativa è stata realizzata nell’ambito della campagna informativa nazionale promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Coni.

Lo sport come itinerario educativo socializzante e di maturazione personale, al centro della riflessione di Anna Laura Gasperat, che ha messo in luce aspetti importanti della pratica sportiva, come mettersi in gioco, superare le paure, acquisire sicurezza e migliorare se stessi.

Gli studenti vincitori hanno presentato il percorso didattico realizzato, coordinati dall’insegnante di educazione fisica Paolo Palanga: un lavoro interdisciplinare nel quale prezioso è stato il contributo dei docenti di diverse discipline e fondamentale il ruolo attivo dei ragazzi.

«Lo sport è una scuola di vita e un diritto, soprattutto dei giovani; aiuta la crescita, incoraggia l’amicizia, promuove il senso sociale e favorisce l’inclusione. Per questo dobbiamo fare in modo che tutti i ragazzi, senza distinzioni, possano praticarlo». Lo ha affermato Paolo Paolozzi, soffermandosi sul complesso fenomeno dell’abbandono sportivo in età adolescenziale, proprio quando maggiore è il bisogno di coltivare interessi e di praticare il confronto nel rispetto dell’alterità.

Il Programma Nazionale “Sport e Integrazione: la vittoria più bella” nato nel 2014, è finalizzato a favorire l’integrazione sociale dei giovani migranti attraverso lo sport ed a contrastare le forme di intolleranza e discriminazione razziale. I suoi principi ispiratori sono racchiusi nel suo Manifesto: il diritto allo sport, la valorizzazione delle diversità e delle unicità, la cittadinanza sportiva, il rispetto, la fratellanza sportiva, la lealtà sportiva, la non violenza, il rispetto delle regole comuni, la consapevolezza del ruolo.

La campagna educativa “L’Integrazione: la vittoria più bella”, rivolta alle scuole secondarie di I grado, rappresenta un momento di approfondimento sul valore educativo dello sport, un impulso alla riflessione sui temi dell’integrazione attraverso lo sport e di contrasto a qualsiasi forma di intolleranza e discriminazione razziale.

Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che capiscono. Lo sport può creare speranza dove prima c’era solo disperazione. E’ più potente di qualunque governo nel rompere le barriere razziali. Lo sport ride in faccia ad ogni tipo di discriminazione.

È il messaggio quanto mai attuale di Nelson Mandela, che ha accompagnato il percorso di insegnanti e studenti di Castelplanio e delle tante scuole italiane coinvolte nel progetto.

 

 

 

 

 

CASTELPLANIO / ASSOCIAZIONE ITALIANA CARLO URBANI ONLUS, ECCO GLI APPUNTAMENTI IN RICORDO DEL MEDICO EROE

CASTELPLANIO, 15 marzo 2017 – Il prossimo 29 marzo ricorrerà il 14° anniversario della scomparsa di Carlo  Urbani, il medico di Castelplanio che donò la sua vita per contrastare la possibile pandemia di Sars, rimanendone purtroppo vittima, nel 2003.  

Come ogni anno, dal 2004, l’Associazione Italiana Carlo Urbani Onlus organizza una serie d’iniziative, sotto il titolo “Giornata in ricordo di Carlo Urbani”, che intendono diffondere sempre più i suoi valori e il suo lascito morale.

Il ricco programma d’incontri, che toccherà sei città, permetterà al presidente Aicu Emilio Amadio, ai familiari di Carlo e ai componenti del direttivo dell’Associazione, di incontrare e sensibilizzare un ampio pubblico e, tra questi, anche numerosi studenti.

Si comincia sabato 18 marzo, alle 17, a Camerata Picena con la presentazione del libro “Il Medico della Sars” di Vincenzo Varagona, mentre per il sabato successivo, 25 marzo, ore 11, è in programma l’incontro e la premiazione di oltre 100 studenti della Scuola Media Savoia di Jesi, autori di elaborati ispirati alla figura di Urbani e alla fiaba “Carlo cuor di coraggio” di Francesco Vintrici.

Lunedì 27, ore 9, si continua con le scuole. Aicu incontra gli studenti del Liceo scientifico E. Medi di Montegiorgio (Fm) proseguendo, con il Premio Giornalistico Carlo Urbani, una serie di iniziative che coinvolgono, da due anni, il polo Carlo Urbani di Porto Sant’Elpidio.

Il 29 marzo, anniversario della scomparsa di Urbani, Santa Messa alle 18 a Castelplanio e rinfresco in vineria, accanto al Palazzo comunale alle 19,30. Alle 21,30, al teatro Comunale di Montecarotto, Concerto lirico per Carlo; interpreti il soprano Paola Antonucci, il baritono Gianpiero Ruggeri con il M° Carlo Morganti al piano.

Suor Anna Vissani

Si prosegue a Jesi, giovedì 30 marzo alle 21,15, con lo spettacolo teatrale “A piedi nudi nel parco”, a cura della Filarmonico-drammatica di Macerata, presso il Teatro Moriconi, organizzato da Fita – Federazione Italiana Teatro Amatoriale, Aicu e Comune di Jesi.

Il 1° aprile, alle 10, importante convegno organizzato da Aicu, in collaborazione con Unicam, Inrca e Area Vasta2 Asur dedicato alle malattie neglette. “Malattie dimenticate, salute dimenticata” è il titolo dell’incontro che parlerà delle sfide della globalizzazione e della responsabilità dei governi di fronte a politiche sanitarie che escludono e condannano intere comunità al loro destino di scarto.

Il 6 aprile, alle 21,15, saremo ancora a Jesi, al Teatro Moriconi, con lo spettacolo “Gli allegri Chirurghi” rappresentato dalla Compagnia Recremisi.

La raccolta fondi derivante dagli spettacoli in programma sarà devoluta all’Associazione Italiana Carlo Urbani Onlus che sostiene progetti di aiuto sanitario e di formazione nei paesi dove operava e si batteva lo stesso Carlo Urbani per l’accesso alla salute di popolazioni troppo spesso dimenticate.

CASTELPLANIO / IMMIGRAZIONE CLANDESTINA: ESPULSO TUNISINO CON PRECEDENTI PENALI

CASTELPLANIO, 4 marzo 2017 – I carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di specifici servizi tesi al contrasto dell’immigrazione clandestina, hanno individuato un tunisino che era gravato da provvedimento di espulsione con accompagnamento alla frontiere.

Nei suoi confronti era stato emesso il provvedimento di espulsione in conseguenza al mancato rinnovo del permesso di soggiorno dovuto ai suoi molteplici precedenti penali.

Il tunisino, individuato proprio a Castelplanio, è stato condotto presso l’aeroporto di Falconara Marittima per l’espletamento di tutte le operazioni relative al rimpatrio.

(p.n.)