Cupramontana

CUPRA MONTANA / E’ DECEDUTO A ROMA IL PROFESSOR GIANCARLO UMANI RONCHI

CUPRA MONTANA, 20 agosto 2017 –  E’ deceduto ieri a Roma all’età di 82 anni il Prof. Giancarlo Umani Ronchi, Medico Legale per oltre 30 anni espletato nella Capitale. Cattedratico ordinario di medicina legale all’Università “La Sapienza” di  Roma è stato un uomo che ha percorso rettamente il cammino professionale e quello umano.

E’ stato zelante Docente Ordinario di Medicina presso diverse prestigiose Università (1985 Università dell’Aquila e di Ancona e dal 1990 all’Università La Sapienza di Roma dove è stato professore emerito); ma ha pure contribuito a divulgare le sue profonde conoscenze scientifiche attraverso la pubblicazione di diversi libri personali e con autori vari (“La diagnosi di Epoca della Morte” di AA.VV.- “Il rumore dei morti” di AA.VV. – “Odontoiatria Forense” di AA.VV. – “La valutazione medico-legale del danno biologico in responsabilità civile” di AA.VV. – “La valutazione medico-legale dell’invalidità permanente”).

Il Professor Giancarlo Umani Ronchi ha anche partecipato alla trasmissione di RAI 3 condotta da Corrado Augias ed ha collaborato in qualità di Perito ad alcuni casi di importanza nazionale come il processo Meredith Kercher o l’indagine sulle lacrime della Madonnina di Civitavecchia, tanto per citarne alcuni. Insomma, è stato un uomo che ha saputo eccellere nella sua professione senza mai perdere di vista i valori più forti della vita legati alla sua famiglia.

Il Prof. Umani è figlio dell’Ing. Gino Umani Ronchi pioniere nella produzione e nell’imbottigliamento del Verdicchio iniziata a Cupra Montana in una Azienda situata in via Roma ed alla quale si accedeva attraverso il dismesso vicolo all’inizio della via stessa.

La salma del Prof Giancarlo Umani Ronchi dopo la cerimonia di domani mattina a Roma, alle ore 11.00 in San Lorenzo in Damaso, la salma sarà trasportata a Cupra Montana e tumulata nella cappellina di famiglia.

Nell’annuncio funebre è espresso il desiderio di non ricevere fiori ma di contribuire con libere donazioni a favore della Croce Verde di Cupra Montana.

Alla famiglia tutta la redazione di “Quelli del Massaccio” e Qdmnotizie inoltrano sincere condoglianze.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / INIZIATIVA DEI COMMERCIANTI, MAXI TAVOLATA IN PIAZZA

CUPRA MONTANA, 19 agosto 2017 – Due giorni durante i quali nella “Capitale del Verdicchio” non ci si potrà di certo annoiare.

Sabato 19 agosto dopo cena o dopo l’apericena, al parco pubblico “Elisa Amatori” si ballerà con la musica degli anni ‘’60/’70/’80 ricordando gli anni della gioventù quando ci si ritrovava al dancing “Il Gatto Verde”  in fondo al Viale della Vittoria, notissimo punto di ritrovo frequentato da giovani locali e provenienti dai paese vicini.

Domenica 20, alle ore 20.00, lungo Piazza Cavour sarà predisposta la classica lunga tavolata per dare il via alla succulenta cena di fine estate curata come ogni anno dal gruppo commercianti cuprensi e per la quale sarà necessario prenotarsi onde evitare di rimanerne fuori. Una cena al fresco serale con cibi genuini, musica, ottimo Verdicchio e l’ospitalità che contraddistingue sempre questi appuntamenti.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / RUZZOLA IN CONTRADA PALAZZI, TORNA LA CLASSICA DEL MEMORIAL

CUPRA MONTANA, 18 agosto 2017 – Riecco la ruzzola, cioè il Memorial “Galeazzi-Fiorentini-Fiatti” una classica che si svolgerà domenica 20 agosto come ogni anno lungo il tracciato della Contrada Palazzi. Molte le adesioni ricevute dalla Ruzzola Massaccio anche per questa tornata opportunamente organizzata lungo l’arteria periferica con l’impegno di sempre per la soddisfazione di quanti amano questo antico sport.

Il gioco della ruzzola è uno sport popolare molto antico che è arrivato sino ai nostri giorni attraverso il lungo solo della tradizione; è uno sport impegnativo praticato in gare individuali e a squadre ed ha la caratteristica di essere itinerante per ovvie ragioni e secondo il procedere del gioco stesso lungo arterie come quella della Contrada Palazzi dove il traffico è poco marcato.

È senza dubbio uno sport che nel tempo ha subito limitazioni forti per la sua pericolosa velocità che la ruzzola prende durante i lanci, ma anche perché su tale sport o intrattenimento sportivo erano organizzate vere e proprie scommesse clandestine: il gioco della ruzzola oggi è tutelato dalla Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali e da Enti sportivi internazionali.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

CUPRA MONTANA / LA BELLEZZA DETURPATA, FONTE ROMANA CIRCONDATA DAL DEGRADO

CUPRA MONTANA, 17 agosto 2017 – Doveva essere una passeggiata nella storia. Quella con la “S” maiuscola che dava un senso alla giornata di Ferragosto. Niente grigliate o pranzi luculliani, solo visite a luoghi in cui sono conservate le tracce del passato. Località dall’antico blasone che ancora oggi affascinano e richiamano gli amanti della storia, tra cui appunto Cupra Montana. E queste persone sono giunte nella “capitale del Verdicchio” per vivere qualche ora le bellezze di un paese, le cui radici affondano nella Roma dei Cesari.

Ma la delusione è stata cocente. Pensavano di poter vedere la recente scoperta che ha suscitato tanto clamore e curiosità, ovvero il tratto dell’acquedotto emerso durante i lavori per la costruzione del nuovo cinema-teatro. Niente da fare. “Allora abbiamo pensato di raggiungere il Comune dove sono custoditi reperti archeologici – raccontano – ma anche qui abbiamo trovato chiuso”. Dépliant alla mano, si sono diretti all’antica fonte romana di via Capriola, anch’essa recentemente restaurata.

E, purtroppo, alla delusione si è aggiunta l’amarezza. “Una bellezza deturpata” è stato l’amaro commento. Il manufatto è circondato da erbacce, tant’è il cartello in cui viene descritta l’opera romana è semi inghiottito dal verde malcurato. Non mancano ovviamente i rifiuti, sparsi nei paraggi. “In compenso i cestini sono vuoti”, hanno notato i visitatori.

Morale. Sono tornati a Jesi, per visitare il museo dedicato a Federico II.

CUPRA MONTANA / TORNEO GIOVANILE DI BASEBALL, PASSERELLA PER I FUTURI CAMPIONI

CUPRA MONTANA, 16 agosto 2017 – A vederli questi atleti in “miniatura” non sembrerebbero giocatori di una agguerrita squadra di Mini-baseball e invece, nonostante abbiano tra i 7 e i 10 anni, rappresentano l’orgoglio della Associazione Cuprabaseball.

Con il torneo Città di Cupramontana, rivolto alle categorie giovanili del Minibaseball (nati tra il 2007 ed il 2010), si è chiusa domenica 6 agosto la stagione agonistica del Cupra Baseball che anche quest’anno ha visto protagonisti giovani provenienti da tutta Europa, con  tornei nazionali ed internazionali, distinti per varie fasce di età. La “capitale del Verdicchio” ha ospitato due tornei nazionali under 12 e under 16, dopo il grande successo del Mondial Hit 2016, competizioni alle quali hanno partecipato circa 350 giocatori e oltre 500 tra accompagnatori, allenatori e dirigenti.

In particolare si segnala il grande risultato dell’Under 12 che ha vinto il campionato di categoria ed ha ottenuto un grande successo contro il blasonatissimo Nettuno Baseball, conquistando l’accesso ai play off con inizio il 2 settembre a Frosinone. Il Cupra Baseball, che ha ormai raggiunto il 35° anno di attività, si è arricchito nell’ultimo anno di una nuova compagine di giovanissimi che domenica scorsa, nel torneo amichevole contro il Fermo, ha concluso una stagione di oltre 40 match disputati a livello interregionale indoor, durante il periodo invernale, e outdoor nel magnifico Diamante di via Fonte Ripa a Cupra Montana.

L’Associazione Cupra Baseball ha sempre puntato sul settore giovanile nel quale sono cresciuti campioni di rilievo nazionale ed internazionale, e proprio per questo ha potuto assaporare tanta soddisfazione, grazie anche al contributo di allenatori di primissimo livello cui va il dovuto  riconoscimento: Reinaldo BenitezBrunetti Francisco, Polacchi Cesare, Scarabotti Luca, Cuevas Manuel.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / BRUCIA CAMINO IN VIA BOVIO, INTERVENGONO I VIGILI DEL FUOCO

Cupra Montana 14 Agosto 2017 Nel tardo pomeriggio di oggi l’incendio di un camino in una casa lungo Via Giovanni Bovio stava trasformandosi in tragedia, fortunatamente sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Jesi a spegnere le fiamme.

Il fatto è accaduto questo pomeriggio verso le ore 17.30 in una abitazione posta quasi a metà di Via Giovanni Bovio e nella quale risiedono i proprietari, madre e figlio, che avevano dato fuoco ad una certa quantità di cartacce.

Probabilmente il camino sovraccaricato di carta ha preso fuoco al suo interno sprigionando una colonna di fumo e fiamme; queste ultime però si sono estese anche allinterno dell’abitazione intaccando i mobili ed altre suppellettili.

Immediate le telefonate al 115 dei Vigili del Fuoco di Jesi che in breve tempo si sono portati sul posto per spegnere il pericoloso incendio e scongiurare il pericolo a quell’appartamento ed alle case adiacenti. Via Bovio è stata transennata all’imbocco ed alla fine per evitare il passaggio di auto e di curiosi e in poco tempo i Vigili hanno archiviato la pericolosa situazione; mentre stavano mettendo in sicurezza il piano terra della abitazione è sopraggiunto anche un altro mezzo, forse intervenuto per le diverse chiamate effettuate dagli abitanti della via; sul luogo dell’incendio sono intervenuti anche i carabinieri della locale stazione.

A causa delle fiamme sprigionatesi dal camino i danni all’interno della cucina sono consistenti ma fortunatamente, oltre allo spavento della proprietaria, non si sono registrati feriti.

La pericolosità di un incendio in una via dove le case sono attaccate luna allaltra è proprio quella che lincendio si possa propagare dalla casa dove è partito a tutte le altre e questo hanno scongiurato i Vigili del Fuoco.

(o.g.)

CUPRA MONTANA / PISCINE DESERTE IN ALTA QUOTA, LA “VENEZIA DELLA VALLESINA” NON DECOLLA

CUPRA MONTANA, 14 agosto 2017 – Piscine vuote nel primo week end ferragostano. L’idea di portare in alta collina un paio vasche per far rinfrescare le persone dalle temperature africane, per ora non ha trovato grandi consensi. Solo qualche ragazzino si è presentato in costume nella piazzetta ribattezzata per l’occasione la Venezia della Vallesina ma per il resto nulla. Certo, la pioggia (per quanto poca) ha di fatto riportato i valori su temperature accettabili e di conseguenza la necessità di trovare refrigerio è venuta meno.

Ma se il gran caldo è per ora solo un ricordo, la siccità continua. Ne sanno qualcosa i piccioni del paese che con l’arrivo delle piscine hanno risolto il problema. L’hanno notato i residenti del salotto buono cuprense la sera in cui sono state installate le strutture. L’acqua  di scolo ha formato piccole pozzanghere sul selciato di Piazza IV Novembre dove a notte inoltrata decine e decine di volatili si sono letteralmente catapultati. Insomma, una manna inaspettata e tanto benedetta dai piccioni.

Adesso, dopo il week end, c’è il ponte di Ferragosto per far risalire i numeri delle presenze dell’acqua in alta quota. Perché, alla fine, quell’iniziativa ha un costo…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / IL TIRO (ALLA SAGOMA) DEL LEPRE, CACCIATORI METTONO ALLA PROVA LA LORO MIRA

CUPRA MONTANA, 13 agosto 2017 – Nei giorni 22 e 23 agosto prossimi a Poggio Cupro, in via Piana, si svolgerà al 15a edizione del Tiro al Cinghiale corrente, un appuntamento curato dalla Sezione Enalcaccia di Cupra Montana e dal Circolo cacciatori “Il Solengo” in collaborazione con il Comune di Cupra Montana.

Quest’anno nella due giorni di caccia si potrà sparare alla lepre e al fagiano, ovviamente alle sagome in un percorso di caccia dinamico e veloce e, addirittura, con la musica; l’attività prenderà il via sabato 22 alle ore 10.00 fino alle 12.00 e dalle 14.30 fino alle 20.00, mentre domenica 23 gli orari saranno dalle 9.00/12.00 e dalle 14.30/19.30: cartucce, sagome, piattelli, saranno forniti dall’organizzazione previo pagamento della quota prevista e oltre al necessario per la caccia ad ogni partecipante verrà offerto un panino e un bicchiere di buon Verdicchio.

I premi in calendario vanno dai buoni acquisto a premi in natura (prosciutti – lonze- salami – agnelli –  bottiglie di Verdicchio – ecc) in tutte le diverse tipologie di gara (tiro alla sagoma del cinghiale corrente – tiro alla sagoma del fagiano e della lepre – tiro al piattello).

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / “ACQUA AD ALTA QUOTA”, TORNANO LE PISCINE NEL SALOTTO CITTADINO

CUPRA MONTANA, 12 agosto 2017 – Riecco il “Ferragosto in piazzetta”. Dopo tanta afa e umidità, pioggia zero, in piazza IV Novembre per quattro giorni consecutivi (12, 13, 14, 15 agosto) saranno montante le piscine “Acqua alta a Cupra Montana” e funzioneranno dalle ore 10.00 alle ore 24.00, per la gioia di grandi e piccini, di nonne e mamme in piena forma, che troveranno un momento di relax appena fuori l’uscio di casa.

L’appuntamento si propone ricco di intrattenimenti diversi tra i quali musica a partire dalle ore 22.00 (Alma Ensemble 12/08 – Re-Cover band 13/08 – I Carramba 14/08 – Barbara&C il 15 /08)), pista da ballo, gastronomia e Verdicchio. Un momento che sarà sicuramente gradito da tutti.

Il programma prevede anche appuntamenti collaterali come l’esibizione della Banda Musicale “Usi e Costumi” il giorno 12 agosto, alle ore 18.30, presso i giardini della Casa di Riposo “Papa Giovanni Paolo II”; il 13 agosto, alle ore 9.30, lungo Corso Giacomo Leopardi il raduno delle Alfa Romeo d’epoca e così via fino alla serata di Revival “Gatto Verde” che si svolgerà al parco pubblico “Elisa Amatori” il giorno 19 agosto e la cena di fine estate curata come sempre dal gruppo commercianti cuprensi che si svolgerà in Piazza Cavour alle ore 20.00. Insomma non ci si annoierà di sicuro.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / “LA MACINA” AL CHIOSTRO DI SAN LORENZO

CUPRA MONTANA, 9 agosto 2017Venerdì prossimo (11 agosto), alle ore 22.00, presso il Chiostro di San Lorenzo è in programma il “Concerto della Memoria” eseguito dal poliedrico gruppo “La Macina” che per l’occasione sarà arricchito dalla partecipazione dalla signora Milena Gregori, che sarà la voce narrante dello spettacolo “Ma come è grande il mare se ti divide il mare…”, una parte della vita di un popolo, quello italiano, che per fame affrontò l’eccezionale migrazione dall’Italia all’America, dalle Marche fino in America, su bastimenti stracolmi, in condizioni penose, peggiori di quelle trovarono oltre oceano: solo pochi trovarono la sperata fortuna nel paese delle opportunità, molti altri rimasero quasi da mendicanti e tantissimi fecero ritorno a casa, portando con loro giusto il denaro per il viaggio.

Molti a Cupra Montana ancora oggi portano il soprannome di “Mericà” americano, proprio per aver fatto il grande viaggio attraverso l’oceano per andare a cercare lavoro in paese che non fu ospitale come si aspettavano, e ciò tradì le aspettative di milioni di italiani migratori. Un appuntamento da non mancare perché il gruppo La Macina, di Gastone Petrucci è solito dare espressioni artistiche profonde, piene di senso, ricche di storia e con esse il piacere dell’ascolto si unisce ogni profonda sensibilità.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA