Sassoferrato

FABRIANO / PARCO GOLA DELLA ROSSA E FRASASSI: “RICOMINCIAMO DA 20”

FABRIANO, 15 dicembre 2017 – Il parco della Gola della Rossa e di Frasassi “ricomincia da 20” e prosegue l’opera di “rilancio” del territorio dopo i festeggiamenti dei “primi 20 anni”, culminati con la grande conferenza fabrianese di alcuni mesi fa.

Un parco che vuole essere presente tra i cittadini, come ha più volte spiegato il Presidente Massimiliano Scotti. “Vogliamo camminare insieme alla comunità. Andiamo avanti con fantasia e coraggio. Il coinvolgimento di tutti sarà fondamentale per affrontare il futuro. Ecco, questi sono i pilastri – ha concluso Scotti – che saranno importanti per costruire idee vincenti”.

“Abbiamo iniziato a pensare di veicolare il marchio del parco anche attraverso il merchandising – ha osservato il Sindaco Santarelli – così come abbiamo iniziato a rendere tangile anche a Fabriano la presenza di una realtà importante come il parco che abbraccia una parte del nostro territorio. Il parco è ovviamentenato per tutelare la biodiversità, ma se a questa visione ne affianchiamo una che possa coinvolgere chi lavora all’interno del parco allora possiamo far fiorire delle sinergie importanti”. Ecco quindi il senso della presenza di una “casetta” all’interno del villaggio di Babbo Natale di Fabriano, ricordare la presenza viva di un territorio che è fatto di uomini e donne legati alla terra. Produttori agricoli, lavoratori, innamorati di un territorio che abbraccia e che conquista i turisti.

E proprio in quella casetta ci sarà fino al prossimo 7 gennaio la possibilità di acquistare i prodotti di 11 aziende che lavorano all’interno del territorio del parco (Ad eccezione di Sassoferrato, ma la città sentinate è sempre parte dell’Unione Montana), per assaggiare e conoscrere i profumio di una terra che deve essere riscoperta in ogni sua forma.

Anche il Sindaco di Sassoferrato e Presidente dell’Unione Montana Ugo Pesciarelli ha voluto osservare che il Parco è importante anche per chi non è ancora nei suoi confini. “Il Parco è vera eccellenza, e questa occasione è la dimostrazione di una rete possibile per i prodotti di un territorio montano. Facciamo partire una fase nuova”. Stesso punto sottolineato dal Sindaco di Serra San Quirico Tommaso Borri, che ha però sottolineato anche il ritardo nell’attuare un percorso di apertura del Parco nei confronti della popolazione. “Dobbiamo andare oltre i comuni direttamente interessati e puntare al centro Italia”.

Presenti anche i responsabili marchigiani di Legambiente e WWF Francesca Pulcini e Jacopo Angelini hanno parlato con soddisfazione della sinergia creata tra le varie realtà presenti, evidenziando anche un cambiamento culturale e logistico teso allo sviluppo del parco.

(s.s.)

RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / 7 MILIONI E MEZZO DI EURO PER LA RICOSTRUZIONE POST TERREMOTO

FABRIANO, 14 dicembre 2017 – 7.482.200 euro: questi i fondi messi a disposizione ieri per il territorio fabrianese con il piano delle opere pubbliche approvato dalla Regione Marche.

Scuola Giovanni Paolo II

5 milioni di euro per la ricostruzione della scuola Giovanni Paolo II,  1.246.000 euro per la nuova scuola della popolosa frazione di Marischio, 900.000 euro per il recupero di Palazzo Chiavelli e del ridotto del Teatro Gentile, 180.800 euro per l’ufficio anagrafe e 155.400 euro per il serbatoio pensile di San Donato. Un percorso di “pressione” iniziato dall’ex sindaco Sagramola a seguito dell’inserimento della città all’interno del cratere sismico.

“Per quanto riguarda le scuole – ha commentato il Sindaco di Fabriano Gabriele Santarelli – ora cercheremo di capire come potranno essere i progetti e come riuscire a gestire il trasferimento degli studenti durante i tempi di costruzione delle nuove strutture. Ci sarà da prestare attenzione anche alla gestione del trasporto pubblico che dovrà essere ridisegnata con attenzione nel periodo”.

“Il nostro auspicio è che la stazione appaltante – conclude Santarelli – ovvero la pubblica amministrazione aggiudicatrice che affida appalti pubblici di lavori, sia assegnata a noi per poter accelerare i tempi di tutti i lavori previsti”.

Fondi anche per Sassoferrato: 80.000 euro per il recupero del cimitero. Sempre nella giornata di ieri stanziati 6 milioni di euro per il nuovo polo scolastico della vicina Cerreto D’Esi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / APERITALIA, UN SUCCESSO LA PRIMA EDIZIONE

FABRIANO, 6 dicembre 2017 – La prima edizione di “Aperitalia”, organizzata dalla Cna territoriale, fa centro. Un fine settimana di appuntamenti enogastronomici all’insegna della cultura del vino e di piatti tipici italiani.

“I locali che hanno aderito al circuito erano strapieni di clienti e la gente passeggiava lungo il corso delle due città – spiega Andrea Riccardi segretario della Cna di Fabriano area vasta – Le vetrine dei negozi erano allestite in occasione di Aperitalia a dimostrazione di un senso di comunità, appartenenza e di voglia di fare le cose insieme. E’ bello pensare che, grazie al vino, l’Italia si è incontrata nella città di Fabriano e di Sassoferrato dove, nei bar, è stato possibile degustare aperitivi che andavano dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, passando per la Toscana, L’Emilia Romagna e il Lazio; il nord, il centro e il sud Italia con le sue isole si sono dati appuntamento nella città della carta e nel borgo di Sassoferrato”.

Il segretario della Cna di Fabriano ha contattato in tempo reale i Sindaci dei comuni coinvolti per complimentarsi del risultato ottenuto dal lavoro di squadra che, fra gli altri, ha visto coinvolti gli studenti del Morea-Vivarelli, Radio Gold, Ubi Banca e sponsor territoriali (Art & Paint di Marcellini Marcello e Ristorart).  In Italia nulla più del vino è sinonimo di eccellenza, come ha scritto il blogger Tomas Guerrieri nel suo blog: Parole in Viaggio e Aperitalia ha saputo coniugare le eccellenze eno-gastronomiche regionali della nostra penisola con l’happy hour.

“Lo scopo non era solo quello di mettere in rete baristi, commercianti e artigiani dei due comuni dell’area montana – concludono Riccardi e Romagnoli – ma quello di dare opportunità ai turisti e visitatori che hanno scelto di trascorrere un weekend a Fabriano e Sassoferrato, come i familiari delle ginnaste che lo scorso fine settimana si sono incontrati al Palazzetto dello Sport per partecipare alla finale nazionale di serie C di ginnastica ritmica che ha visto la partecipazione di oltre 600 atlete; grazie ad Aperitalia chi non conosceva Fabriano ha trovato una città aperta, accogliente e con qualcosa da fare e da visitare anche durante la sera”.

SASSOFERRATO / INCIDENTE SOTTO L’EFFETTO DELLA COCAINA, DENUNCIATO DAI CARABINIERI

SASSOFERRATO, 5 dicembre 2017 – Denunciato dai carabinieri un uomo di 34 anni di Sassoferrato per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. La denuncia fa riferimento ad un incidente che ha visto protagonista l’uomo all’alba del 5 novembre scorso.

Il sentinate alla guida dell’autovettura nei pressi della zona industriale Berbentina, dopo aver perso il controllo della macchina era finito fuori strada. Sul posto erano accorsi anche i sanitari del 118 che avevano trasportato lui e la donna che era al suo fianco presso il nosocomio fabrianese per curare le ferite lievi procurate dall’impatto.

Il 34enne dopo gli accertamenti del caso compiuti al “Profili” dopo l’impatto, è risultato essere positivo alla cocaina.

Oltra alla denuncia patente ritirata e sequestro dell’autovettura.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / APERITALIA: APERITIVI IN CENTRO ALLA SCOPERTA DEI VINI TRICOLORI

FABRIANO, 29 novembre 2017 – Fine settimana di aperitivi in centro tra Fabriano e Sassoferrato: un venerdì e sabato (1 e 2 dicembre) con i vini italiani. A lanciare l’iniziativa del “buon bere” la Cna, insieme ad un gruppo nutrito di locali ed attività commerciali (14 locali e 18 attività commerciali a Fabriano e 3 locali e 13 attività commerciali a Sassoferrato).

Idea nata in estate, sviluppata dalla Cna in chiave territoriale. Tra Fabriano e Sassoferrato. Ecco l’idea nata attraverso la collaborazioni ed i suggerimenti degli associati. Un vero e proprio bollino al vino made in Italy, con aperitivi organizzati attraverso una formazione continuativa dedicati alle varie anime enogastronomiche dello stivale. Ad ampliare la proposta anche vendite promozionali che coinvolgeranno molte delle attività commerciali dei due centri storici. Già esposte da molti negozianti del centro  le bottiglie di vino prodotte dall’Istituto Tecnico Agrario “Vivarelli”.

Ingressi scontati anche al Museo della Carta e Filigrana e presso la pinacoteca “Molajoli”, mentre a Sassoferrato sono previsti sconti per la mostra  “La devota bellezza”. Presentando ovviamente lo scontrino di un aperitivo. Nella città sentinate compresi anche il Museo Archeologico, il Mam’s, il Museo delle arti e tradizioni popolari, La civica raccolta d’arte e degli incisori marchigiani ed il parco argheologico di Sentinum. La promozione sarà valida in questo caso il sabato e domenica (2 e 3 dicembre) previa prenotazione ai rispettivi IAT

Manifestazione apprezzata dai sindaci di Sassoferrato e Fabriano. “Mettere in rete risorse ed eccellenze, andando oltre i limiti comunali”, hanno convenuto Santarelli e Pesciarelli.

Ma l’iniziativa Cna non si fermerà alla “scelta” di buoni vini, perché a supporto è stata lanciata la compagna di sensibilizzazione ideata dai ragazzi dell’istituto Agrario “Vivarelli”. “Non berti anche la vita, alza il gomito solo per fare retromarcia”. Un massaggio concreto di attenzione (supportato dell’immagine di una bottiglia di vino il cui contento viene versato dentro la testa di una persona senza volto) e sensibilizzazione nei confronti dell’abuso di alcolici. Un messaggio già apprezzato dall’Asur e della Curia.

Firmato anche un protocollo d’intesa e crescita tra la Cna e l’Istituto Morea/Vivarelli, con il Dirigente Emilio Procaccini. Il presidente di Cna Area Vasta Maurizio Romagnoli ha così spiegato il senso del protocollo: “La collaborazione il Morea/Vivarelli sarà strutturale, dato che per noi i ragazzi rappresentano il futuro. Fabriano ha bisogno di loro. Sono motivo di orgoglio perché hanno voglia di crescere e lavorare sodo”.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / DENUNCIATI DUE CACCIATORI CHE SPARAVANO A UCCELLI PROTETTI

FABRIANO, 22 novembre 2017 – Nei giorni scorsi, i Carabinieri forestali delle Stazioni di Fabriano e Sassoferrato hanno denunciato due cacciatori che sparavano a specie protette come il fringuello e particolarmente protette come il frosone mentre sorvolavano un valico della zona al confine con l’Umbria, conosciuto nell’ambiente venatorio per il copioso passaggio di avifauna migratoria.

I carabinieri forestali dopo un lungo appostamento nei boschi iniziato dalla notte e protratto per tutta la mattina, hanno individuato due cacciatori del luogo che sparavano ripetutamente a qualsiasi uccello di passaggio, a prescindere che si trattasse di specie protetta o meno.

Dopo aver sorpreso uno dei cacciatori mentre abbatteva un esemplare di fringuello e individuato il punto esatto in cui era caduto l’esemplare, intervenivano prontamente sequestrando l’animale unitamente alle armi utilizzate.

L’operazione è proseguita con la perquisizione delle abitazioni dei due soggetti, in una delle quali venivano rinvenuti, nel fondo di un congelatore, nascosti in mezzo ad altri animali cui la caccia è consentita, le carcasse congelate di sei fringuelli ed un frosone pronte per essere utilizzate per qualche piatto a base di avifauna protetta.

I due soggetti, deferiti alla Procura della repubblica di Ancona per i reati di bracconaggio e detenzione di specie protette di cui alla Legge 157/1992, rischiano pene che prevedono l’arrestofino ad otto mesi e ammenda fino a duemila euro, oltre alla confisca delle armi e al ritiro della licenza di caccia.

Il sequestro delle armi e della selvaggina è stato regolarmente convalidato dalla Procura della Repubblica di Ancona.

In questo periodo, durante il quale gli uccelli migratori scendono dai paesi del nord Europa per svernare a sud, i Carabinieri forestali hanno intensificato i controlli antibracconaggio per contrastare la caccia di frodo alla selvaggina migratoria presso i valichi montani, fenomeno che purtroppo evidenzia ancora elevati tassi di illegalità e pone a rischio numerose specie protette dalle normative nazionali ed europee.

SASSOFERRATO / RIGA LA MACCHINA DI UN CONOSCENTE, 81ENNE DENUNCIATO PER DANNEGGIAMENTI

SASSOFERRATO, 19 novembre 2017 – Dopo aver giocato a carte in un bar delle città sentinate, un 81enne del posto ha rigato con una chiave la fiancata di una macchina parcheggiata nei pressi. Denunciato per danneggiamenti.

L’uomo è stato però pizzicato dalle telecamere di sorveglianza che si trovavano nei pressi del luogo del danneggiamento. Il fatto è avvenuto alcuni giorni fa, intorno le ore 23.

I Carabinieri sono riusciti a risalire all’anziano dopo che il proprietario della macchina (una Fiat Grande Punto) aveva presentato denuncia.

L’anziano ha ammesso le proprie responsabilità, conosceva il proprietario della macchina ma con il quale non aveva contrasti e che quella sera si trovava all’interno dello stesso locale, e si è giustificato dicendo di essere stato colto da “raptus”.

I danni ammontano a circa 1.000 euro.

(s.s.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA

SASSOFERRATO / “CANONI IN-VERSI”, LA SCUOLA DEL TEATRO DEL BAGATTO

SASSOFERRATO, 18 novembre 2017 – La Scuola di Teatro “Canoni In-Versi” dell’Associazione Culturale di Promozione Sociale Bagatto Percorsi Creativi sbarca a Sassoferrato. Con il patrocinio del Comune di Sassoferrato verranno attivati due laboratori teatrali rivolti a ragazzi dai 14 ai 17 anni e ad adulti. Le lezioni si svolgeranno tutti i giovedì a partire dal 23 Novembre, alle 18.15 per i ragazzi e dopo cena alle 21.00 per gli adulti. Questo primo incontro del 23, sarà un vero e proprio open day in cui tutti potranno partecipare e provare l’attività, gratuitamente e senza impegno.

Questa iniziativa, fortemente voluta da molti sassoferratesi, andrà ad integrare la già consolidata e valida offerta formativa teatrale della Scuola di Teatro intitolata a Tommaso Paolucci dedicata quest’anno esclusivamente agli under 13. Prosegue così e si arricchisce di nuova progettualità, la tradizione teatrale della cittadina marchigiana, rafforzata da un’ottima stagione di prosa presso il Teatro Sentino e che ha visto negli anni passati emergere il pregevole lavoro della Compagnia della Rocca prima e del compianto Paolucci poi.

 Proprio la vicinanza professionale fra Tommaso Paolucci e Laura Trappetti (docente dei laboratori), che per anni è stata sua allieva ed assistente, saranno la garanzia di un percorso in armonia e continuità con tutto ciò che è stato costruito finora e che l’amministrazione comunale si impegna a voler continuare.

Le lezioni si svolgeranno presso l’ex-cinema di Corso Rosselli a Sassoferrato.

Anche gli allievi che si iscriveranno a Sassoferrato, avranno la possibilità di partecipare in forma agevolata, come i loro colleghi fabrianesi, ai quattro seminari intensivi programmati dalla scuola a Fabriano. Per il primo di questi, previsto per il 16 e 17 dicembre, condotto dall’attore e regista Giovanni Moschella e imperniato sul tema della “verità” così come emerge dal dramma “Così è (se vi pare)” di Luigi Pirandello, sono già in corso le iscrizioni per tutti: i seminari, difatti, sono aperti anche ai non iscritti alla scuola, che possono partecipare a uno, due o tutti a seconda delle loro esigenze. I seguenti, a Gennaio, Febbraio e Marzo, saranno condotti da un altro grande protagonista della scena professionale, l’attore e regista Luigi Moretti.

E’ possibile iscriversi e chiedere informazioni chiamando il 3319139393 o scrivendo a teatrodicomunita@virgilio.it. Tutte le tante attività del Bagatto Percorsi Creativi si possono seguire con un semplice Like alla pagina Facebook Teatro del Bagatto – Percorsi Creativi.

SASSOFERRATO / I CARABINIERI RITROVANO AUTO RUBATA, INDAGINI IN CORSO

SASSOFERRATO, 10 novembre 2017 – Ritrovata dai Carabinieri, in una strada secondaria della città sentinate, una Fiat Panda rubata.

La macchina, che sembrava abbandonata, dopo i controlli di rito è risultata essere rubata. Il furto è avvenuto qualche settimana fa a Perugia.

In corso le indagini. Il sospetto è che il mezzo possa essere stato utilizzato (come “auto-ponte”) dopo aver commesso un altro reato.

Dopo i controlli di rito la macchina sarà riconsegnata al legittimo proprietario, che è già stato contattato dai Carabinieri.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

SASSOFERRATO / 16.877 VISITATORI: “LA DEVOTA BELLEZZA” RILANCIA

SASSOFERRATO, 6 novembre 2017 – Un successo in escalation: la mostra, stando a domenica 5 novembre, ha raggiunto quota 16.877 visitatori. La “La Devota Bellezza”, come è noto, è stata prorogata fino a domenica 7 gennaio 2018 (si tiene presso il Palazzo Scalzi di Sassoferrato) data la notevole affluenza riscontrata in questi giorni e in particolare dal mese di agosto in poi.

Questi i giorni e gli orari di apetura:

Novembre: sabato 11 e domenica 12 dalle 10 alle19; sabato 18 e domenica 19 dalle 10 alle 19; sabato 25 e domenica 26 dalle 10 alle 19.

Dicembre: Sabato 2 e domenica 3 dalle 10 alle 19;  venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 dalle 10 alle 19; sabato 16 e domenica 17 dalle 10 alle 19; sabato 23 dalle 10 alle 19; domenica 24 dalle 10 alle 18; lunedì 25 dalle 15 alle 20;  martedì 26 dalle 10 alle 19; mercoledì 27, giovedì 28 e venerdì 29 dalle 10 alle 19; sabato 30 dalle 10 alle 19; domenica 31 dalle 10 alle 18.

Gennaio: lunedì 1 dalle 15 alle 20; martedì 2, mercoledì 3, giovedì 4, venerdì 5 dalle 10 alle 19; sabato 6 e domenica 7 dalle 10 alle 19.

La biglietteria chiuderà un’ora prima, mentre il bookshop sarò attivo trenta minuti dopo l’apertura. Durante la settimana, ad eccezione del lunedì, l’apertura della mostra sarà effettuata per gruppi di almeno 15 persone, nonché per le scuole. In questi mesi è stato prezioso l’apporto, in particolare, del Comune di Sassoferrato con in testa il sindaco Ugo Pesciarelli, della cooperativa Happennines, della Fondazione Carifac e delle coordinatrici del progetto scientifico Arianna Bardelli e Linda Panfili.

Sono venuti a visitare la mostra anche turisti inglesi e tour operator rimasti impressionati dalla valenza espressiva dei disegni e delle pitture di Giovan Battista Salvi detto il Sassoferrato. Molte, finora, le visite guidate richieste dal pubblico e le visite delle scuole del comprensorio di ogni ordine e grado, alle quali sono seguite lezioni didattiche sia per gli studenti più piccoli che per i più grandi. Presso la chiesa di San Giuseppe, fino al 19 novembre, si terrà la mostra di arte contemporanea del concorso indetto dall’organizzazione con la partecipazione di Sassoferratoturismo, che ha proposto anche percorsi storico-archeologi nella rassegna “Sassoferrato, viaggio in una storia senza tempo”, i quali hanno fatto rivivere i secoli passati con passeggiate nella suggestiva zona del Castello.

Si possono ammirare il vicolo di Santa Chiara, il primitivo Castello della Comunanza (ora San Pietro), il vicolo Frasconi, la Chiesa di San Michele Arcangelo (ora Teatro Perotti), la Rocca di Albornoz e il reliquiario della collezione Perotti. Un pieno coinvolgimento cittadino per una varietà di iniziative decisamente seguite dai sassoferratesi e dalla gente venuta da fuori.di San Michele Arcangelo (ora “Teatrino Perotti”), la Rocca di Albornoz e il Reliquiario della Collezione Perotti.

Un pieno coinvolgimento cittadino per una varietà di iniziative decisamente seguite dai sassoferratesi e dalla gente venuta da fuori.