Sassoferrato

SASSOFERRATO / TAGLIO DEL NASTRO, IL SALVI TORNA A CASA

SASSOFERRATO, 17 giugno 2017 – Giovanni Battista Salvi, detto il Sassoferrato, è tornato davvero a casa. Con il taglio del nastro avvenuto nel pomeriggio di oggi la sua “Devota Bellezza” ha trovato dimora presso il palazzo degli Scalzi della piccola cittadina marchigiana.

Sì perchè è proprio Sassoferrato la terra d’origine del Salvi, artista unico ed uno dei più grandi della sua epoca come ricordava il critico Federico Zeri e come ha spiegato Stefano Papetti, che con Francois Macè de Lepinay è uno dei curatori.Tra i capolavori esposti la Santa Lucia da Palazzo Ghigi di Ariccia, il Ritratto di Cardinale del Museo d’Arte Medievale e Moderna di Padova, e il Gesù Cristo Crocefisso con la Madonna e San Giovanni Evangelista della Civica Raccolta d’Arte di Sassoferrato.

“L’immagine del Sassoferrato è molto più complessa – spiegato il Stefano Papetti – grandi pale d’altare, ritratti, quadri di devozione. Proprio di queste ne abbiamo molte autografe che sembrano identiche in ogni minimo dettaglio, ma se osserviamo con attenzione la Madonna Addolorata che abbiamo in mostra e con due redazioni diverse, si potranno notare piccolissime variazione di colore. Possiamo quindi dire che il Sassoferrato ha anticipato Andy Warhol con i suoi dipinti con l’immagine di Marylin. La bellezza del Sassoferato era ed è una bellezza morale. Uno dei grandissimi della sua epoca e tra i più presenti nelle collezioni del mondo”.

 

Fiore all’occhiello della mostra gli oltre 20 disegni arrivati direttamente dal Castello di Windsor, dalla collezione privata di Sua Altezza la Regina d’Inghilterra  Elisabetta II. Immediato è scattato il ricordo di come la “sfida” ai disegni inglesi del Salvi sia stata lanciata, con il Sindaco di Sassoferrato Ugo Pesciarelli in prima fila per cercare di convincere la Regina di Inghilterra.

“Tutto è nato a seguito di una intuizione lanciata dal presidente della fondazione Carifac Marco Ottaviani, che ha proposto un paio di anni fa di aiutura ad organzzire una mostra sul Sassoferrato solo se fossimo riusciti ad ottenere i disegni in possesso della Regina d’Inghilterra. Importante poi è stato il sostegno del  Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini che ha messo a disposizione il know-how dei tecnici del ministero. E poi la soddisfazione unica di aver ricevuto una lettera da Carlo d’Inghilterra, il Principe del Galles, l’erede al trono, che ci ha fatto sapere che la Corona era entusiasta di vedere le opere del Salvi proprio nella sua città d’origine”.

La mostra sarà aperta fino al prossimo 5 novembre e l’obbiettivo dichiarato è quello di arrivare a toccare “quota” 25.000 visitatori.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

SASSOFERRATO / LA “DEVOTA BELLEZZA” DEL SALVI IN MOSTRA A PALAZZO DEGLI SCALZI

SASSOFERRATO, 15 giugno 2017 – Ci siamo quasi, tra un paio di giorni si taglierà il nastro della mostra più attesa di tutto il 2017. “La Devota Bellezza – Il Sassoferrato con i disegni della Collezione Reale Britannica” sarà la mostra dell’anno e potrà vantare oltre 60 opere di Giovanni Battista Salvi (conosciuto appunto come il “Sassoferrato)  torneranno a “casa” dal  17 giugno al 5 novembre.

La mostra si terrà a Palazzo degli Scalzi dal 17 giugno al 5 novembre 2017, e sarà curata da François Macé de Lépinay, organizzata dal Comune di Sassoferrato, Fondazione Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Marche. La mostra è suddivisa in 2 sezioni. La prima è quella che vedrà le opere (oltre 20 disegni) arrivate direttamente dal Castello di Windsor, dalla collezione privata di Sua Altezza la Regina d’Inghilterra  Elisabetta II e saranno affiancate da tele realizzate dal Sassoferrato che saranno utili per cogliere le differenze tra studio grafico e opera compiuta. Nella seconda sezione, a cura di Stefano Papetti, sono esposte opere del Salvi conservate nelle Marche, insieme ad alcune delle sue più impegnative realizzazioni romane, legate alla committenza, di casa Aldobrandini che testimoniano la capacità dell’artista di ideare composizioni articolate e complesse, oltre a quelle di formato ridotto.

La cerimonia di inaugurazione si svilupperà a partire dal pomeriggio di sabato (ore 17), e saranno presenti il Sindaco di Sassoferrato Ugo Pesciarelli e il Presidente della Fondazione Carifac Marco Ottaviani. Interverranno il curatore François Macé de Lépinay e il Presidente del Comitato di Studio Stefano Papetti. Coordinerà la serata il giornalista RAI Paolo Notari.

A seguire alle 21.30 sempre in piazza Gramsci verrà offerto un concerto ad ingresso libero con la Fisorchestra formazione di 12 maestri concertisti di Fisarmonica che allieteranno la cittadinanza con un repertorio che spazia dal classico al jazz e al pop.

Gli appuntamenti proseguirrano anche il giorno successivo con un convegno (Domenica 18 giugno ore 17.30, sempre palazzo degli Scalzi) con lo scrittore e poeta Roberto Pazzi, che analizzerà il tema “La vista e la visione” – Quando la parola s’innamora dell’immagine”. “Credo si scriva per il piacere di giocare con le parole – ha spiegato il poeta e scrittore – ma che cosa vuol dire poi giocare con le parole? Dire una verità assoluta attraverso quella favola, che è il romanzo”. L’incontro sarò a cura del poeta e giornalista Alessandro Moscè.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

SASSOFERRATO / RITROVATO SENZA VITA L’AGRICOLTORE SCOMPARSO

SASSOFERRATO, 1 giugno 2017 – Ritrovato senza vita l’agricoltore scomparso la scorsa notte nei pressi della frazione di Castiglioni (località Valdolmo).  L’uomo, 67enne , atteso per cena dalla famiglia non era rientrato a casa, destando la preoccuapzione dei suoi cari.

Dopo un paio d’ore è scattato l’allarme, con Vigili del Fuoco allertati a seguito della chiamata della famiglia ai Carabinieri per cercare di ritrovare l’agricoltore. Dell’uomo però nessuna traccia nonostante il dispiegamento di uomini (nucleo cinofilo compreso) e mezzi, solo il trattore (presumibilmente senza benzina) ed il cellulare lasciato accanto il mezzo da lavoro.

A nulla è servito il grande spiegamento di forze dei Vigili del Fuoco, supportati anche da un elicottero e dall’Unità di Comando Locale.

Il corpo senza vita dell’uomo è stato ritrovato riverso su di un fianco dall’elicottero dei Vigili del fuoco “Drago52” poco prima delle ore 12 .

(s.s.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

SASSOFERRATO / LASCIA IL TRATTORE E SCOMPARE, I FAMILIARI DANNO L’ALLARME

SASSOFERRATO, 1 giugno 2017 – Scomparso nella tarda serata di ieri un agricoltore 67enne di Sassoferrato (frazione Castiglioni). L’uomo non è rientrato a casa ed intorno la mezzanotte è  scattato l’allarme lanciato dalla famiglia che ha allertato i Vigili del Fuoco per cercare di ritrovare il congiunto.

Immediate sono scattate le ricerche, ma complice il buio i soccorritori non sono riusciti a trovare traccia dell’agricoltore. Ritrovato il trattore dell’uomo, in mezzo al campo che stava lavorando nel corso della serata. Sul mezzo è stato ritrovato anche il cellulare.

Al momento i Vigili del Fuoco stanno operando supportati anche da un elicottero e dall’Unità di Comando Locale posizionata proprio nella frazione di Castiglioni da dove vengono coordinate le operazioni di ricerca.

 

(IN AGGIORNAMENTO)

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

SASSOFERRATO / SCONTRO TRA AUTO E MOTO: CENTAURO IN ELIAMBULANZA A TORRETTE

SASSOFERRATO , 29 maggio 2017 – Scontro all’altezza di Monterosso Stazione intorno alle 19 di questo pomeriggio (29 maggio) tra un autoveicolo ed una moto.

Secondo le prime – e parziali – ricostuzioni una Seat proveniente da Pergola era in procinto di svoltare a sinistra nei pressi del bar della frazione di Sassoferrato, proprio in quell’istante però è avvenuto lo scontro con un 42enne originario della stessa città dell’automobilista che proveniva dalla direzione opposta a bordo del suo scooter.

Il motociclista è stato trasportato in eliambulanza a Torrette in condizioni gravi ma è sempre rimasto cosciente anche nei momenti successivi allo schianto.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

SASSOFERRATO / FANNO SALTARE IL BANCOMAT, I BANDITI SI PROTEGGONO LA FUGA CON I MEZZI DEL COMUNE

SASSOFERRATO, 24 maggio 2017 – Un boato alle 4 di notte. E la centrale Piazza Bartolo di Sassoferrato viene svegliata dall’assalto dei ladri al bancomat della Banca Popolare di Ancona.

Un assalto in piena regola per una azione criminale studiata nei minimi dettagli: i malviventi in precedenza avevano rubato due mezzi di proprietà del comune di Sassoferrato (richiudendo la serranda del ricovero dei mezzi per non destare sospetti) per bloccare l’accesso alla piazza ed ovviamente al bancomat individuato come obbiettivo. 13.000 euro, questa la somma rubata dai malviventi dal bancomat che hanno fatto brillare.

Indagano sul posto i carabinieri, sostenuti da una squadra della scientifica immediatamente accorsi appena scattato l’allarme. Almeno 3 le persone coinvolte, tutte con a volo coperto.

 

 

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SASSOFERRATO / SBANDANO CON L’AUTO E FINISCONO CONTRO UNA PIANTA, MADRE E FIGLIA FERITE

SASSOFERRATO, 20 aprile 2017 – Incidente questa mattina (20 aprile) a Sassoferrato in via Roma. Coinvolte madre e figlia (alla guida) a bordo di una Toyota Yaris. Ancora in via di chiarimento le dinamiche che hanno portato all’incidente, ma sembrerebbe che una sbandata avrebbe innescato la carambola.

Prima l’impatto con un albero e poi il termine della corsa  nei pressi di un distributore di benzina poco distante. La madre è stata poi trasportata con l’ambulanza presso l’Ospedale “Profili” di Fabriano per ulteriori accertamenti, ma nessuna delle due ha mai perso conoscenza. A scopo precauzionale era stata fatta decollare l’eliambulanza, che è poi ripartita vuota. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, i Vigili del Fuoco di Fabriano e la polizia locale.

 

FABRIANO / GLI “UOMINI” DI PAPAVERI E PAPERE ALLA CONQUISTA DEL “SENTINO” DI SASSOFERRATO

FABRIANO, 13 aprile 2017 Dopo il successo de Fabriano, ecco che gli “uomini ben oltre la crisi di nervi” di Papaveri e Papere iniziano a “conquistare” altri palchi: primo tra tutti quello di Sassoferrato.

Il 21 aprile 2017 alle ore 21 andrà in scena al Teatro del Sentino il seguito di una commedia di successo, che il pubblico sassoferratese ha molto apprezzato: “Uomini sull’orlo di una crisi di nervi 2” scritta da Rosario Galli per la Regia di Fabio Bernacconi e Catia Stazio, con protagonisti Oreste Aniello, Lucio Cavalieri, Massimo Arteconi, Andrea Fiorani e Claudia Mengarelli.

E ancora una volta sarà una commedia che riparte dalle solitudini di Ciccio, Pino e Nicola, abbandonati dalla rispettive mogli dopo un “tentativo” di scappatella con una escort finito male. Una vita da “accampati” tra mutande da stirare e caos degno del peggiore alloggio universitario. Ma come ogni commedia insegna ecco che arriva a ciel sereno il fulminecon il ritorno di Gianni. Stanco, in bolletta, ricercato dalla polizia ed abbandonato dalla donna che lo fece “impazzire” d’amore.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SASSOFERRATO / FUORI STRADA CON CAPOTTAMENTO DELL’AUTO: UN FERITO

SASSOFERRATO, 29 marzo 2017 – I vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina intorno alle 7.00 a Monterosso di Sassoferrato per un’auto che era finita fuori dalla sede stradale e successivamente ribaltandosi.
Il conducente, subito soccorso, è stato assistito dal personale sanitario.
I vigili del fuoco sul posto hanno messo in sicurezza la vettura e l’area dell’intervento.

SASSOFERRATO / CAMION INCASTRATO TRA LE STRETTE VIE DELLA FRAZIONE DI COLDELLANOCE

SASSOFERRATO, 10 marzo 2017 – Nel pomeriggio di ieri, 9 marzo, intorno alle ore 15.30 i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per un operazione volta a fare in modo che un camion, avventuratosi tra le strette vie della frazione Coldellanoce, riuscisse ad uscirne visto che non poteva più manovrare.

Era rimasto incastrato nell’abitato senza più essere in grado di districarsi dalla situazione nella quale si era venuto a trovare.

Il personale dei vigili del fuoco, quindi, si è adoperato per aiutare l’autista del mezzo pesante a far comunque passare il camion per le vie del paese.

Intervento che è stato portato a termine con successo.