Altri sport

CHIARAVALLE / NASCE UN NUOVO CAMPO DA GOLF, A MARZO L’INAUGURAZIONE

CHIARAVALLE, 13 dicembre 2017 – Un nuovo campo pratica per il golf sorgerà nella periferia di Chiaravalle.

Nello spazio verde lungo il fiume Esino, vicino all’ex fabbrica della Famoplas in via Clementina, si stanno ultimando i lavori in vista dell’inaugurazione prevista a marzo del campo da golf Olinuan, costola del Mia Golf Club, un’associazione sportiva nata da un’idea nel lontano 1988 alle Piane di Camerata Picena.

“All’idea di creare un campo da golf a Chiaravalle stiamo lavorando dal lontano 2007 – dice il direttore della struttura e maestro Marco Quarchioni – volevamo costruire un campo da golf pubblico, dove tutti avessero la possibilità di provare questo sport. Il nostro sogno si sta realizzando: chi vuole può venire, prendere un ferro, le palline ed iniziare. Poi ci saranno corsi dedicati ai neofiti, ai bambini, alle donne, agli anziani, a tutti coloro che vogliono avvicinarsi a questa disciplina”.

Il campo pratica di Chiaravalle sarà divertente, costruito con specchi d’acqua interni, con 4 buche e bei putting green, quella parte del campo caratterizzata dal tappeto erboso accuratamente rasato per permettere il rotolamento della palla, all’interno della quale si trova la buca.

“Alla nostra associazione Olinuan sono iscritti circa cento soci che provengono da tutta la provincia – dice Marco Quarchioni – e vorremo promuovere ancora di più le nostre iniziative perché il golf è un gioco divertente dove si incentiva la pazienza, la passione, l’allenamento”.

La struttura, oltre al campo pratica, sarà dotata di spogliatoi e magazzini e di uno spazio adibito a bar e luogo di incontro per trascorrere in serenità qualche piacevole pomeriggio.

FABRIANO RUGBY / TRIONFO UNDER, LA LINEA VERDE CONVINCE

FABRIANO, 13 dicembre 2017 – La linea verde del Fabriano Rugby vince e convince insieme ai ragazzi del Rugby Jesi. Nella giornata di domenica i ragazzi delle under 16 e 18 sono riusciti a portare a casa due vittorie importanti con avversari di livello e spessore tecnico notevole. L’under 16 ha giocato a Jesi, mentre l’under 18 è scesa in campo in trasferta contro il Pesaro Rugby.

L’under 16 è riuscita a superare i ragazzi di Fano per 34 a 21, issandosi al quarto posto di un campionato difficile e competitivo.

Impresa per l’under 18, che ha regolato in trasferta i pari età pesaresi. 10 a 15 il punteggio a favore degli ospiti. Risultato fantastico che ha permesso ai giovani atleti di acciuffare il primo posto in classifica

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

RUGBY SERIE C / JESI PERDE A CHIETI PARTITA E PRIMATO

Polisportiva Abruzzo – Rugby Jesi 1970 37-11
JESI, 11 dicembre 2017 – Jesi perde a Chieti e lascia la vetta della classifica alla Polisportiva Abruzzo.

Seconda trasferta consecutiva dopo San Benedetto e la formazione leoncella cede anche alla Polisportiva Abruzzo lasciandogli il primato.

Coach Fagioli ha dovuto rinunciare a sette titolari, assenti per infortuni, ma anche ad alcuni rinforzi in panchina. Una squadra ridotta all’osso soprattutto nel pacchetto di mischia è scesa in campo comunque determinata, desiderosa di riscattarsi dopo la prestazione opaca contro il San Benedetto. Il risultato è un buon primo tempo anche se terminato coi locali in vantaggio di 5 punti (11-6). Purtroppo Jesi, già in difficoltà soprattutto in mischia, ha dovuto rinunciare anche al pilone Bruciaferri. Nel secondo tempo qualche errore di troppo su decisioni di gioco, alcune palle perse, hanno lasciato che gli abruzzesi prendessero il largo.

Partita difficile – ha commentato il capitano Nicola Pulita – ci abbiamo messo il cuore ma non siamo riusciti a portare a casa il risultato e ad esprimere il nostro gioco. Ora ci attende una sfida importante, quella contro Macerata. Dobbiamo raggiunere l’obiettivo stagionale che è quello della serie B, perciò punteremo a fare bene per stare nei primi tre e accedere alla fase playoff. Siamo già concentrati per rifarci nella prossima sfida”.

Il Rugby Jesi è ora seconda in classifica a 25 punti, prima a 26 punti la Polisportiva Abruzzo.

Prossima giornata, la nona, domenica 17 dicembre 2017 al campo Latini di Jesi contro la terza in classifica Rugby Macerata (23 punti).

La prima fase di campionato si chiuderà con la decima giornata il 14 gennaio 2018, in casa del fanalino di coda Gran Sasso.

PALLAMANO CHIARAVALLE / IL RAMMARICO DI AVER PERSO CONTRO UN AVVERSARIO ALLA PROPRIA PORTATA

Carrara-Pallamano Chiaravalle  28-20 
CHIARAVALLE, 11 dicembre 2017 – Amara decima di andata per la Pallamano Chiaravalle nella trasferta di Carrara.
Partita che si preannunciava difficile per il club chiaravallese che arrivava all’appuntamento contro la formazione toscana senza il centrale Tanfani e con alcune pedine importanti della squadra in non buone condizioni fisiche. Mister Fradi in settimana non era riuscito mai ad avere la squadra al completo per provare a preparare la partita, e purtroppo, il campo ha confermato le difficoltà, fornendo un verdetto ben lontano dalle aspettative non solo nel risultato finale ma anche e soprattutto nell’interpretazione della gara. 
L’andamento della quale ha messo subito in evidenza una superiorità del Carrara che in poco meno di sei minuti, si porta sul 4 a 0 con Chiaravalle che non trova, se non a sprazzi, gioco e lucidità. Primo tempo che si chiude sul 16-10 per Carrara.
Al rientro dagli spogliatoi il Chiaravalle tenta di raddrizzare la gara tenendo un buon ritmo in attacco e registrando meglio la difesa prova a riscattarsi ma i ragazzi di mister Fradi, costruiscono molto ma commettono anche molti errori sia in fase di costruzione che di finalizzazione con ricezioni e passaggi imprecisi.
Chiaravalle tenta il tutto per tutto ma lo scarto accumulato nella prima fase non è recuperabile contro i ragazzi di Del Monte che quindi intascano meritatamente i due punti in palio. Finale quindi 28-20 per il Carrara.
A fine partita cosi mister Fradi:” Carrara era una formazione alla nostra portata, purtroppo non si puo sperare di vincere se si gioca solamente un tempo.” 
 
Carrara –Tognetti, De Giorgi 1, Meoni 4, Mazzanti, Perfigli 6, Benedetti 2, Lorenzini 2, Frank 11, Caruso, Maselli, Gini, Poletti 2, Freschi, Vezzoni. All. Del Monte
Pallamano Chiaravalle – Ballabio, Molinelli, Maltoni 1, Rumori 1, Brutti 3, Barigelli 2, Ceresoli M.1, Ceresoli S.4, Braconi, Evangelisti 1, Vichi 1, Giombini 1, Selimi 5. All. Fradi. 
 
Arbitri –Pelosi,Cambi.
 
 
 
Classifica –Faenza 20, Rapid Nonantola, Ambra 16; Parma 12; Secchia Rubiera 11; Massa Marittima 8; Carrara 9; Poggibonsese 7; Monteprandone, Camerano 6; Chiaravalle 5,; Bastia 2

FABRIANO RUGBY / “COSTRUIRE LA PASSIONE”, PARLA L’ALLENATORE DEL MINIRUGBY GUIDO BORRI

FABRIANO, 8 dicembre 2017 – Il lavoro e la costanza pagano sempre. Due affermazioni che vengono ribadite da Guido Borri, allenatore dei ragazzi del minirugby del Fabriano.

Il minirugby impegnato a Jesi

5 anni di “costruzione” di un vivaio partito con l’entusiasmo di un pugno di bambini un lustro fa, ed arrivato oggi a toccare quasi quota 50 nella fascia d’età compresa tra gli 8 ed i 12 anni.  Allenatore (e responsabile) dei ragazzi del minirgugby, preparatore della squadra senior e responsabile dei progetti scolastici: una figura centrale all’interno delle dinamiche del Fabriano Rugby.

“Tutto è iniziato 5 anni – racconta – quando mi è stato proposto di provare a lavorare per cercare di allargare il bacino dei giovanissimi appassionati della palla ovale. Siamo partiti con 5 o 6 ragazzi e siamo arrivati a quasi 50 giovani rugbisti”.

La politica dei piccoli passi è stata quella vincente. “Una scommessa vinta con soddisfazione – prosegue – ma la soddisfazione più grande è stata quella di dare la possibilità a dei ragazzi con passione di poter cambiare il volto di una società. C’è stato il sostegno di tutto e possi dire che è stato davvero un successo”.

Obbiettivi futuri: rendere ancora più competitiva la squadra. Dal minirugby alla squadra senior. “I ragazzi sono cresciuti e cresceranno. Lavoreremo per farli evolvere come atleti. Molto positivo il contributo dei ragazzi più grandi in qualità di aiuto-allenatori: hanno infatti portato in dote la loro esperienza maturata sui campi da gioco”.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO RUGBY / AVANZA LA LINEA VERDE

FABRIANO, 6 dicembre 2017 – Domenica ovale quella appena passata per tutte le Under fabrianesi. Ad aprire le danze l’Under 14 in casa contro Jesi. Una bella partita, tirata, con un primo tempo di marca fabrianese ma sulla distanza ospiti più concreti. Sconfitta, ma una buona prestazione di tutti i giocatori scesi in campo.

Under 16 (che ricordiamo sempre aggregata con il Rugby Jesi) alla pari con il Gubbio Rugby. Una partita intensa, avvincente e senza un vincitore. Un pareggio per 29 a 29. Risultato più unico che raro che ha divertito i presenti e che ha messo in mostra una buona personalità da parte dei giocatori scesi in campo.

Ultimi a calcare i campi domenicali i ragazzi dell’Under 18, che hanno regolato nettamente i pari età del Fano. Anche in questo caso partita svolta a Jesi aggregati ai compagni “leoncelli”.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIARAVALLE / APPUNTAMENTO CON LO JUDO AL PALASPORT

CHIARAVALLE, 5 dicembre 2017 – Sabato nove e domenica dieci dicembre triplo appuntamento di judo tradizionale al palasport di Chiaravalle a cura del Samurai Club di Jesi-Chiaravalle.

Sabato pomeriggio, a partire dalle ore 14.30, si svolgerà uno stage tecnico guidato dal maestro Arturo Vismara, cintura nera nono dan, sulle tecniche Nage, Katame waza e Randori.

A seguire, dalle ore 18, il maestro Vismara parlerà di Judo-educazione in un incontro-convegno alla presenza dell’assessore allo sport del comune di Chiaravalle, Eleonora Chiappa, e della psicologa Marica Ottaviani.

Domenica dieci dicembre, sempre al palasport di Chiaravalle di via Firenze, si svolgerà prima una manifestazione sportiva con prove di Sumo, Randori e percorso ginnico per bambini fino alla quinta elementare, seguito poi da un trofeo di judo tradizionale.

FABRIANO / FINALI DI SERIE C: ANCORA PODI PER LA GINNASTICA FABRIANO

FABRIANO, 5 dicembre 2017 – La Ginnastica Fabriano non smette crescere, e conquista tre podi durante le finali di Serie C che si sono svolte lo scorso fine settimana proprio nella città della carta. 140 società coinolte, 600 ginnaste e tre giorni di impegno per la prossima – auspicabile – spina dorsale della nazionale. Molto bene le giovani “farfalle” fabrianesi dicevamo, con tre podi ad impreziosire una stagione memorabile.

Serie C2: terzo posto (su 50 squadre presenti e dopo un turno di “qualificazione”) dietro alla Ginnastica Rimini e Gymnasium Ginnastica. 38,650 punti per Nicole Baldini, Asia Campanelli, Anastasia Crocione e Valentina Scotto.

50 squadre al via anche per la C1 e secondo posto per Melany Muscella, Serena Ottaviani ed Alessia Starace con 43,550 punti. Primo posto dell’Aurora Fano e terzo posto (“battuta in volata”) per la Gymnasium Ginnastica con 43,300 punti. Domenica serie C3 ed ultima giornata di gare con ancora un terzo posto (questa volta “solamente” 40 squadre a sfidarsi) per la Ginnastica Fabriano. Ottima prova per Eleonora Guidarelli, Gaia Mancini, Elisa Paciotti e Virginia Tittarelli che sono state precedute dalla atlete dalla Raffaello Motto e dalla Armonia d’Abruzzo.

FABRIANO RUGBY / TERRA UMBRA AMARA, VINCE IL FOLIGNO

FABRIANO, 4 dicembre 2017 – Torna in campo la squadra senior del Fabriano Rugby, e lo fa incrociando in terra umbra il Foligno Rugby.

Vento gelido, freddo ed una pioggia sottile e quasi ghiacciata a condire 80 minuti giocati con forza e determinazione da entrambe i quindici messi in campo dai rispettivi Coach. Partenza migliore da parte dei padroni di casa, che pronti-via hanno subito messo in mostra una buona organizzazione di gioco con i trequarti inizialmente protagonisti.

Nonostante una buona difesa ospite – ordinata ed attenta – subito due mete per il Foligno che inizia a scavare un solco fatto di 10 punti a 0. Ma i Fabbri non ci stanno e la replica non si fa attendere, con una serie di fasi di gioco determinate e decise che hanno portato alla concessione di due calci di punizione. Solo uno però è stato centrato tra i pali dei padroni di casa da Pirliteanu, che a metà circa del primo tempo ha messo a referto i primi punti ospiti.

Colpiti nel vivo i giocatori umbri hanno immediatamente replicato allungando il divario tra le due formazioni di altri 10 punti. 2 mete a pochi respiri dal fischio di fine primo tempo e 20 a 3 al termine della prima frazione di gioco.

Ripartenza di gara choc per i fabrianesi, con la quinta meta di giornata dei padroni di casa marcata dopo soli 120 secondi. Solco che si apre fino al 32 a 3 (nuova meta al 63°, la prima ed unica trasformata di giornata).  Ma la voglia di accorciare le distanza dei rossi marchigiani non si è stata spenta, perché dopo il massimo vantaggio toccato dai padroni di casa, il gioco si è trasferito nella metà campo umbra. Determinazione fabrianese e grande difesa del Foligno: questi gli ingredienti della fase centrale del secondo tempo, culminata con la meta messa a segno da Ramadoro (trasformazione sbagliata da Pirliteanu). 32 a 8. Ultima meta a pochi attimi dall’80°: risultato finale 37 a 8 per il Foligno.

Ancora una volta una prestazione determinata quindi, ma nessun punto raccolto per i “Fabbri” alleanti da Alessio Morichelli. Prossimo appuntamento domenica 17 dicembre, contro l’Orvietana in casa. Via Romagnoli ore 14.30

 

Così in campo:

Fabriano Rugby: Michelangeli, Coniguardi, Coscia, Lombardi, Ramadoro, Pirliteanu, Testa, Capalti, Ragni, Cernicchi, Nigro, Tartarelli, Ronchetti, Battistoni e Tola.

A disposizione: Morichelli, Centraco, Ciaboco e Papi.

Allenatore: Alessio Morichelli

Foligno Rugby: Russi, Pinna, De Santis, Pasha, Tobanelli, Gramaccioni, Camilli, Tardioli, Botti, Della Vedova, Onali, Paris, Proietti Silvestri, Ciccone, Compagnacci.

A disposizione: Luzzi, Cerqueglini, Taraddei, Teglia. Sotgiu, Spaziani e Ehigiator.

Allenatore: Luca Mion.

(saverio.spadavecchia@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

RUGBY SERIE C / STOP DI JESI A SANBENEDETTO

San Benedetto Rugby   –   Rugby Jesi 1970   20-10
JESI, 4 dicembre 2017 – Sconfitta del rugby Jesi a Sanbenedetto per 20-10. Primo tempo 9-0.
Giornata da dimenticare per i ragazzi di coach Fagioli che pagano soprattutto per le punizioni concesse ai rivieraschi, ben 6 di cui 5 a segno.

Entrambe le formazioni provano a spingere con calci in avanti. Il primo calcio di punizione per i locali al 7′, per fallo commesso da Jesi, ma San Benedetto sbaglia. Non fallisce invece al 12′ (3-0).
Jesi fatica ad entrare in partita mentre San Benedetto va in percussione. I leoncelli regalano altre due punizioni, graziando i locali al 32′ quando vicinissimi alla meta, mancano di concretezza. Il primo tempo si chiude sul punteggio di 9-0.

Il secondo tempo vede la prima meta di San Benedetto che si porta alla massima distanza del match (al 14′ 14-0). La squadra jesina resta a secco fino al 30′: ottima apertura a sinistra e Ramazzotti supera due avversari fino alla meta (14-5).

Dopo pochi minuti altra punizione messa a segno dal San Benedetto (17-5). La reazione di Jesi arriva, quando il match è già compromesso, con la seconda meta del neo entrato Scaloni (17-10).
Prima del termine c’è il tempo per l’ennesimo calcio di punizione che porta i padroni di casa a vincere per 20-10.

Rammaricato coach Fagioli, per come i ragazzi hanno gestito la partita: “Paghiamo per aver giocato in sordina tutto il primo tempo, sbagliando al piede quei punti che invece il San Benedetto ha realizzato. Sulla loro meta abbiamo difeso male dalla malle. Anche il secondo tempo ho visto troppe palle perse, mancanza di gestione alla mano.. Quando abbiamo cercato di giocare ormai era troppo tardi. Non siamo stati scaltri nel gestire la definizione di situazione chiave, touche per chiudere sbagliate due volte. Complimenti al San Benedetto che è stato più cinico“.

 

RUGBY JESI 1970: Feliciani, Mercuri, Piccinini, Cappuccini, Ramazzotti, Pulita, Fagioli, Grassetti, Filipponi, Amendola, Loccioni, Albani, Bimbo, Pompozzi, Bruciaferri E. Piergirolami, Silvi, Paparelli, Rossi, Scaloni, Frick, Bruciaferri N.