Basket

AURORA BASKET / LA TERMOFORGIA TORNA AL SUCCESSO, BATTUTO ORZINUOVI

 Termoforgia Jesi  –  Agribertocchi Orzinuovi  99-85

 

JESI, 17 dicembre 2017 – Dopo quattro sconfitte consecutive la Termoforgia torna al successo contro la matricola Orzinuovi. Partita equilibrata nella prima parte poi Jesi costruito un buon vantaggio ha controllato senza difficoltà. Top scorer della serata Brown con 30 punti seguito da Strautins 24.

Gara iniziata con 15′ di ritardo per problemi organizzativi.

Ottima partenza di Jesi e subito 12-4. La Termoforgia gioca in velocità e trova canestri a ripetizione pur concedendo qualcosa di troppo in difesa.

Il primo parziale termina con un vantaggio in doppia cifra sul + 10: 26-16.

Anche i secondi dieci minuti rispecchiano le giocate della prima parte con i due quintetti subito alla ricerca del canestro anche con soluzioni di gioco personali. Sul piano del punteggio tuttavia c’è equilibrio. Jesi cerca di controllare il vantaggio favorito da un avversario che perde troppi palloni nelle ripartenze. La Termoforgia invece ha il problema dei falli soprattutto da parte di Rinaldi e Ihedioha, in pratica i suoi lunghi. A metà periodo: 33-27. Si riporta a +10 Jesi, 41-31 a 2’25” dal riposo che diventa +12, 46-34 a 1’29”. Alcune decisioni arbitrali a sfavore di Jesi riscaldano gli animi. Alla sirena del riposo lungo: 48-38.

Si riprende nel segno di Rinaldi, 6-0 di parziale tutto firmato dal capitano arancioblu. Un parziale quasi a senso unico. La partenza fulminea di Jesi serve ad Orzinuovi per reagire portandosi sul -6: 54-48.  Cagnazzo si arrabbia e chiede il time out. Che ha il suo effetto perché la reazione c’è. Nel segno di Rinaldi ed Ihdioha la Termoforgia riconquista il +10: 58-48. E’ una fase dove i padroni di casa spingono forte e gli ospiti incominciano a dare segnali di difficoltà. A 3′ dall’ultimo intervallo corto: 66-52.

L’ultimo periodo inizia dopo un siparietto costruito dagli arbitri, che nessuno dei presenti ha capito, neanche i giocatori in campo. Jesi è sul +19: 76-57. Agonisticamente il match scende di tono gli schemi non ci sono più.

evasio santoni

Termoforgia Jesi – Kouyate, Brown 30, Mentonelli, Marini 23, Piccoli 3, Rinaldi 16, Valentini, Melderis, Massone 3, Montanari, Hasbrouck 8, Ihedioha 16. All. Cagnazzo

Orzinuovi – Strautins 24, Raffa 15, Borghetti, Antelli 2, Ghersetti, Zanbon, Scanzi 6, Yabre, Ruggiero 9, Toure 7, Sollazzo 22. All. Crotti

Arbitri – Costa, Salustri, Lestingi

Note – spettatori 1696; parziali: 26-16, 22-22, 28-19. Usciti per cinque falli: Brown

AURORA BASKET / PER QUARISA INFORTUNIO PIU’ GRAVE DEL PREVISTO, SI CERCA IL SOSTITUTO

JESI, 15 dicembre 217 – L’infortunio di Andrea Quarisa è più grave del previsto ed il giocatore si dovrà sottoporre ad intervento chirurgico.

L’Aurora basket ha emesso il seguente comunicato: “A seguito degli esami strumentali  effettuati nella mattinata odierna l’Aurora basket comunica che l’atleta Andrea Quarisa, vittima di un infortunio di gioco in occasione della gara di domenica scorsa con Trieste, ha riportato purtroppo la lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. Il giocatore verrà visitato a stretto giro dal proprio ortopedico di fiducia Dott. Rocchi con il quale sarà stabilito il percorso chirurgico e riabilitativo da seguire. La società , nel formulare ad Andrea i migliori auspici per un pronto recupero, garantendo la massima collaborazione perché ciò avvenga nei tempi più rapidi possibili, si sta già muovendo per individuare sul mercato un sostituto in grado di garantire una corretta rotazione nel reparto lunghi”.

Già il direttore sportivo Ligi si è messo in movimento sondando il terreno e contattando qualche giocatore. Sicuramente la prossima settimana ci saranno novità.

e.s. 

AURORA BASKET / LA SOCIETA’ SONDA IL MERCATO IN ATTESA DI CONOSCERE I TEMPI DI RECUPERO DI QUARISA

JESI, 13 dicembre 2017 – Bisognerà attendere la giornata di domani per conoscere l’esito della risonanza al quale si sottoporrà Andrea Quarisa, dopo l’infortunio riportato nel match contro Trieste, con gli scenari che potrebbero mutare in casa Aurora.

Di fronte ad un referto medico che confermasse la forte contusione al ginocchio, e uno stop di circa 20 giorni, si chiederebbe uno sforzo suppletivo agli altri atleti del reparto lunghi, senza andare a modificare il roster.

Invece, nella malaugurata ipotesi, si accertasse l’interessamento del menisco, con conseguente allungamento dei tempi di recupero, ecco che la società sarebbe pronta ad un veloce intervento sul mercato, alla ricerca di un giocatore che possa tamponare la falla, e allungare le rotazioni nel futuro prossimo.

Il taccuino del Direttore Sportivo Federico Ligi è aperto, e sono già avvenuti i primi abboccamenti con i vari procuratori, anche se le difficoltà non mancano. Il budget non è dorato, e in una situazione di mercato statico, bisognerà gioco forza attingere tra gli “scontenti”, o andare a pescare qualche buon profilo tra le minors.

Di certo, bisognerà decidere in fretta, e concludere l’operazione entro il 22 Dicembre, giorno in cui si chiude la finestra per il primo extra tesseramento stagionale.

Incrociando le dita per il buon Andrea, l’attivismo e la pronta reazione del sodalizio arancio blu nei confronti della malasorte, stanno ancora una volta a sottolineare, come in questa stagione non si voglia lasciare davvero nulla al caso, e nel contempo si lancia un chiaro messaggio a squadra e ambiente: dopo un periodo di appannamento, è ora di tornare a vincere, ovviamente a partire da Domenica contro Orzinovi.

Marco Pigliapoco

 

AURORA BASKET / QUARISA AI BOX IN ATTESA DEL RESPONSO MEDICO

JESI, 11 dicembre 2017 –  La sconfitta di Trieste, purtroppo, ha portato in dote alla Termoforgia anche l’infortunio di Andrea Quarisa.

L’atleta, sulle tavole da gioco per poco più di tre minuti, ha riportato un trauma distorsivo al ginocchio sinistro.

L’entità dell’infortunio verrà valutata con una risonanza magnetica già programmata per la  giornata di giovedì, all’esito della quale verranno stabilite diagnosi, terapie e tempi di recupero.

(e.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

AURORA BASKET / LA TERMOFORGIA CEDE DI SCHIANTO IN CASA DELLA CAPOLISTA TRIESTE

Trieste  –  Termoforgia Jesi 87-61

 

JESI, 10 dicembre 2017 – Terzo quarto fatale per la Termoforgia che cede di schianto in casa della capolista Trieste, in pratica asfaltata.

Dopo un primo periodo intenso, equilibrato e dal punteggio altissimo, i secondi dieci minuti di gioco sono stati caratterizzati da un parziale di solo 4-4 in sette minuti e mezzo di gioco.

Poi finalmente la mira viene aggiustata da entrambe i quintetti e la sirena del riposo dice che Trieste è in vantaggio di solo due lunghezze: 35-33.

Jesi però negli spogliatoi ci resta per lungo tempo perché alla ripresa Trieste mette l’acceleratore ed allunga in maniera concreta e consistente.

Intanto Quarisa si ferma per un infortunio.

Dopo 4′ è 16-4 di parziale con i padroni di casa che si portano sul +14: 51-37. Il periodo termina 32-17 per un totale di 67-50.

Titolo di coda che si avviano con largo anticipo e domenica prossima al Palatriccoli arriva Orzinuovi che in questo turno ha battuto Bergamo e che in classifica generale ha sei punti tutti conquistati davanti al proprio pubblico.

 

Trieste – Fernandez 9, Loschi 12, Bowers 8, Da Ros 15, Cavaliero 13, Prandin 3, Janelidze 6, Baldasso 3, Schina, Milic, Green 16, Cittadini 2. All. Dalmasson

Termoforgia Jesi – Brown 21, Hasbrouck 13, Massone, Valentini, Rinaldi 8, Piccoli, Marini 6, Quarisa 2, Mentonelli, Ihedioha 11. All. Cagnazzo

Arbitri – Boscolo, Maffei, Valzani

Note – parziali: 24-24, 11-9, 32-17.

AURORA BASKET / PER IL REGALO DI NATALE UN ABBONAMENTO PER TUTTO IL GIRONE DI RITORNO

JESI, 7 dicembre 2017 – L’Aurora basket riapre la campagna abbonamenti per le gare del girone di ritorno.

In vista delle festività natalizie e a seguito delle numerose richieste dei tifosi jesini, l’Aurora basket ha deciso di riaprire la campagna abbonamenti per il girone di ritorno delle partite della Termoforgia Jesi, offrendo così un’originale idea regalo per un Natale a tinte arancio blu.

L’abbonamento include, oltre a tutte le gare del girone di ritorno, anche la partita del 29 dicembre 2017, delle 20,30 contro Ferrara e chi sottoscriverà l’abbonamento riceverà il kit di benvenuto, griffato Aurora Basket, con la sciarpa arancio blu, il braccialetto e tanti interessanti sconti.

In vista intanto della trasferta di domenica prossima 10 dicembre a Trieste in casa della leader del campionato, inizio ore 18, la squadra oggi si è allenata di mattino mentre domani l’allenamento si svolgerà a Senigallia considerato che il Palatriccoli è occupato fino a domenica prossima per lo ‘Jesi Open’ gara valida per il campionato del mondo di danza sportiva.

e.s.

AURORA BASKET A2 / LA TERMOFORGIA CEDE A ROSETO CHE NON AVEVA MAI VINTO

Roseto  –  Termoforgia Jesi  88-77

 

JESI, 3 dicembre 2017 – La Termoforgia si veste da babbo Natale con largo anticipo e porta in regalo due punti a Roseto che non aveva mai vinto.

Alti e bassi della squadra di Jesi anche se la differenza potrebbe stare nei numeri e soprattutto nei tiri liberi. La statistica finale infatti recita che Roseto ha tirato dalla lunetta per ben 29 volte realizzando 25 punti mentre Jesi solo 10 volte realizzando 8 punti.

l’ex Marini

Primo quarto in equilibrio con una buona partenza dei padroni di casa che poi hanno subito il ritorno della Termoforgia e soprattutto di Brown.

Cagnazzo ha riproposto il quintetto base con Brown, Hasbrouck, Marini, Ihedioha, Rinaldi mentre in maglia Roseto ha debuttato sin dalla palla a due il nuovo arrivato Matt Carlino.

Nel secondo parziale solo 4-7 di punteggio in cinque minuti di gioco con Jesi che si è portata in vantaggio: 24-26. Per poi allungare con una tripla di Marini sul +5: 24-29.

La Termoforgia commette tanti falli, Roseto di meno, almeno nelle valutazioni arbitrali.

Il tabellone, a tal proposito, è eloquente: Jesi ancora deve andare per una volta al tiro libero ed al riposo sarà ancora così. Per fortuna dal campo la mano sembra abbastanza calda.

A 3’02” dal riposo: 26-34. Dopo una serie di palle perse sull’uno e sull’altro fronte Brown porta a 10 il gap di vantaggio (26-36). Jesi controlla bene ed allunga ancora. Alla sirena dell’intervallo lungo: 29-40. Con il solo Brown, tra i contendenti sulle tavole da gioco, in doppia cifra: 15 punti (6/7 da due, 1/2 da tre).

Al rientro dalla pausa le due squadre sembrano trasformate. Roseto si affida alla difesa e va a mille, Jesi tentenna. Dopo 5′ la squadra di casa ha riaperto la partita ed è a -1: 47-49.  La Termoforgia non perde la pazienza ne la lucidità necessaria e si riporta a +7.

A 2’51” dall’ultimo intervallo corto: 47-54. Contento da tre, Hasbrouck da due. A 1’31”: 50-56. Rinaldi dalla lunetta 2/2, Carlino idem. L’ultimo tiro è di Piccoli che sbaglia: 52-58.

6-6 in due minuti di gara prima che Marini realizzi una tripla subito imitato sull’altro canestro da Marulli. Roseto non molla. Marini davanti ai suoi concittadini realizza un’altra tripla e tocca quota 23 punti personali. Lupusur 3/3, Carlino dalla distanza non sbaglia. A 5′ dalla fine: 70-71.

Jesi si innervosisce ed Hasbrouck commette fallo tecnico. Roseto pareggia e mette la freccia del sorpasso con carlino che fa 2/2 dalla lunetta. Ancora la lunetta consente a Roseto di allungare. A 3’49” dalla fine Odige 2/2: 74-71. A 2’53”, +5 interno: 76-71.

Roseto allunga, Jesi arranca. Cagnazzo chiama time out. A 1’29”: 81-72.

Sbagliano Brown e Rinaldi, la partita è andata. Vince Roseto, per la Termoforgia tanto rammarico ma anche la necessità di rivedere tante cose. Domenica trasferta a Trieste in casa della prima in classifica.

 

 

 

 

 

 

Roseto – Carlino 19, Marulli 14, Casagrande 7, Zampini, Lusvarghi, Palmucci, Di Bonaventura 1, Contento 11, Lupusor 18, D’Eustachio, Ogide 12, Infante 6. All. Di Paolantonio

Termoforgia Jesi – Brown 23, Hasbrouck 13, Montanari, Massone, Melderis, Valentini, Rinaldi 9, Piccoli 7, Marini 23, Quarisa, Ihedioha 2. All. Cagnazzo

 

Arbitri – Terranova, Foti, Azzami

Note – parziali: 20-19, 9-21, 23-18; usciti per cinque falli: Marulli, Brown

AURORA BASKET / MEZZOGIORNO CON LA TERMOFORGIA, L’APERITIVO E’ AMARO

Termoforgia Jesi – Dinamica Generale Mantova  71-72

JESI, 26 novembre 2017 – Domenica amara per la Termoforgia. Gioca non bene e perde in casa contro Mantova che ha fatto la sua partita, tutta determinazione, sfruttando tutto quello che poteva raccogliere dalle giocate non sempre perfette di Jesi. Il quintetto di Cagnazzo perde la seconda partita consecutiva casalinga.

 

Determinata, convinta, compatta ad inizio gara la Termoforgia che gioca bene in difesa e poi sfrutta le ripartenze di Brown per attaccare con velocità il canestro avversario. A metà primo parziale 15-7. Jesi insiste ed allunga, tutto il quintetto titolare a canestro, a 1’48” dalla prima sirena: 21-10. Segna Jones, replica Quarisa. Poi Brownridge la mette da lontano mentre Marini non c’entra il bersaglio: 23-15. La valutazione dei primi dieci minuti parla da sola: 28-12.

La ditta Brown Hasbrouck scalda le mani al pubblico del Palatriccoli con due triple consecutive ed anche Ihedioha non sta a guardare. In questi dieci minuti comunque Mantova è sempre in partita e sfrutta tutto quello che la Termoforgia non fa bene soprattutto in attacco dove la manovra è macchinosa e la preparazione al tiro spesso fuori giri. Dopo 2’30”: 32-19. Cagnazzo manda sulle tavole da gioco prima Piccoli per Marini e poi toglie Ihedioha e fa rientrare Rinaldi. Mantova prova ad accorciare ed in difesa gioca ad uomo, usando tutto e di più, sugli americani di casa. Le marcature su Brown costringono Lamma a ricorrere al fallo per i suoi giocatori. E fallo dopo fallo ci scappa pure l’antisportivo per proteste a Cucci. A 3’52” al riposo: 38-28. 0-5 di parziale esterno, 38-33 (1’41”). Ancora Mantova e poi tripla di Ihedioha. L’ultimo tentativo è di Vencato ma fuori misura: 41-35.

 

Quando si riprende subito una tripla di Ihedioha replicata da Brownridge. E’ un segnale che Mantova è più determinato e gioca di squadra al contrario di Jesi che punta tutto sulla ricerca della soluzione individuale.

Il canestro di Cucci trova la parità sul 46-46. 5-0 Jesi, 0-5 Mantova. A 3’40” dall’ultimo intervallo corto: 51-51.

Adesso la partita si gioca sull’equilibrio, sulle piccole cose, su chi sbaglia di meno, forse su chi ha più voglia di vincere. Brown continua a voler fare far tutto e di più da solo, e gli errori sono tanti. A togliere momentaneamente le castagne dal fuoco è Hasbrouck con un 2/2 dalla lunetta ed una tripla da posizione defilata sulla destra del canestro. A 1’22”: 57-51. Rimbalzo difensivo e canestro in penetrazione per Ihedioha che subisce fallo e segna pure l’aggiuntivo: 60-51.

+9 interno di vantaggio allo start dell’ultimo quarto. 0-7 di Mantova e poi 5-0 firmato Brown. Gli ospiti sono in partita e costringono Jesi a costruire il proprio gioco con grande difficoltà. Brown da tre porta il vantaggio a + 8, 68-60 (5’30”). La stoppata di Ihedioha poteva segnale la svolta della partita ed invece Brown perde palla e Rinaldi commette l’antisportivo. A 3’04” dalla fine: 70-67. Mantova palla in mano. A 2’37”: 70-70. Rinaldi dalla lunetta 1/2 e Mantova commette fallo in attacco. Errori di qua, errori di là. A 1’06”: 71-70. Jesi palla in mano. Brown perde palla, Moraschini in lunetta non sbaglia. A 5”: 71-72.

Rimessa Jesi palla a Marini che tenta il tiro della disperazione in penetrazione ma il ferro lo respinge. Mantova giustamente esulta, la Termoforgia dovrà lavorare forte per migliorare su quello che purtroppo non va.

 

Evasio Santoni

 

Termoforgia – Brown 18, Quarisa 4, Marini 4, Piccoli, Rinaldi 10, Valentini, Massone 2, Montanari, Hasbrouck 13, Ihedioha 20, Mentonelli, Melderis. All. Cagnazzo

Mantova – Vencato 4, Jones 19, Costanzelli, Brownridge 17, Moraschini 12, Ferrara, Timperi 6, Candussi 3, Gergati, Cucci 11. All. Lamma

Arbitri – Dori, Gagliardi, Centonza

Note – spettatori 1833; parziali: 23-15, 18-20, 19-16.

JESI SPORT / TERMOFORGIA IN DIRETTA TV CONTRO MANTOVA, JESINA AD AGNONE

JESI, 24 novembre 2017 – Domenica importantissima per le due formazioni di basket e calcio della città.

foto Augusto Giglietti

Una vittoria disegnerebbe in senso positivo la loro classifica volta al raggiungimento dell’obiettivo programmato.

Per la Termoforgia in questo momento più che ai play off di fine stagione, traguardo importante ed ambizioso, si punta ad entrare nel lotto delle migliori quattro del campionato alla fine del girone d’andata per poter disputare la Coppa Italia.

Ne vale il prestigio del club ma soprattutto ne vale la riuscita dell’organizzazione dell’evento che come è noto è in mano al club jesino.

Conoscendo l’amministratore unico dell’Aurora basket Altero Lardinelli ci sarebbe da metterci la mano sul fuoco e scommettere tutto sulla riuscita della fase finale di Coppa Italia al Palatriccoli.

E’ ovvio tuttavia che, se anche la squadra di coach Cagnazzo sarà della competizione, non esitiamo a definire determinante per la buona riuscita dell’evento cui già viene dedicata la massima attenzione da parte degli organizzatori che poi è l’Aurora basket stessa.

Ritornando all’oggi la gara contro Mantova, diretta televisiva domenica su Sportitalia ore 12, è un passaggio fondamentale proprio per i due aspetti: classifica e organizzazione Coppa Italia.

La squadra, dopo la vittoria di Udine, si è allenata bene. Il solo Ihdioha ha accusasto qualche problemino al ginochio sinistro ma nulla di particolare. Domenica la Termoforgia sarà al gran completo ed il sostegno del pubblico, non televisivo ma reale all’interno del Palatriccoli, come al solito, potrebbe fare la differenza.

Per la circostanza la società ha diffuso il seguente comunicato: “Nell’ottica di dare lustro all’intera città di Jesi vista anche la concomitanza con la diretta televisiva sul canale di Sportitalia, l’Aurora Basket ha deciso di invitare tutte le società sportive cittadine a partecipare a quella che vorrebbe diventare una vera e propria festa dello sport jesino. La diretta televisiva delle ore 12 della partita contro la Dinamica Generale Mantova è una bellissima vetrina per l’Aurora Basket, che vuole dare l’opportunità ai concittadini sportivi di accedere all’UBI Banca Sport Center ed assistere ad un importante match di campionato a prezzi ridotti: €6,00 in curva”.

 

Sul fronte Jesina la trasferta di Agnone è insidiosissima ed il risultato da conseguire davvero importante.

Fuori casa la squadra di Gianangeli ha fin qui fatto bene costruendo sostanzialmente la propria classifica che la tiene fuori dalla zona retrocessione.

Ma non basta! Non basta perché ad Agnone i leoncelli saranno in formazione rimaneggiatissima con assenze importanti e numericamente elevate.

Certi di non esserci Giorni, Carotti e Sassaroli. In dubbio Pierandrei.

Dunque undici di emergenza ma le partite, come sempre vanno giocate.

Probabile formazione: Tavoni, Silvestri D’Alessio, Calcina, Gremizzi, Magnanelli, Cameruccio, Zannini, Trudo, Parasecoli, Margarita.

Intanto domani pomeriggio alle ore 17,45 a Palazzo dei Convegni presentazione del libro ’90 anni da leoncelli’ scritto da Michele Grilli.

Certa la presenza di tutta la squadra che partirà per Agnone solo domenica mattina e tanti ex leoncelli che hanno fatto le fortune del club calcistico.

 

evasio santoni

JESI / TERMOFORGIA UNA DOMENICA PER RIPARTIRE, JESINA PER RITORNARE A FAR VALERE LA LEGGE DEL CAROTTI

JESI, 17 novembre 2017 – Ritorna il campionato e il prossimo turno sarà importante, forse più del solito, per le sorti future delle due maggiori formazioni jesine, la Termoforgia e la Jesina, per disegnare al meglio la loro classifica.

Riccardo Pierandrei

I leoncelli dopo la vittoria di Pescina contro il Nerostellati affronteranno in casa il Francavilla che domenica ha perso in casa contro la capolista Matelica ed in classifica generale ha un punto in meno degli jesini. La squadra di Gianangeli in classifica generale ha 17 punti, 11 dei quali conquistati proprio lontano da Jesi con 3 vittorie e due pareggi mentre in casa ha vinto solo una volta e pareggiate 3. Per questo punta al successo pieno che allungherebbe a 20 punti in classifica generale a 4 giornate dalla fine del girone d’andata. Lo scorso campionato, al giro di boa, la Jesina aveva 23 punti. Si spiega da se l’importanza di un ritorno alla vittoria davanti ai propri tifosi.

Sul fronte squadra non è certo il recupero di Carotti e di conseguenza, con ogni probabilità, si va verso la conferma dell’undici che domenica scorsa è stato presentato in Abruzzo.

Kenny Hasbrouck

 

Per il basket trasferta lunghissima a Udine. Dopo la sconfitta del derby la squadra aurorina è chiamata al riscatto. Soprattutto coach Cagnazzo si aspetta una reazione da parte di tutta la squadra ma in particolare di Hasbrouck che contro il Montegranaro è incappato in una giornata negativa. Palla a due alle 19,30. La motivazione è per la quasi concomitanza pomeridiana della partita di calcio di serie A tra Udinese e Cagliari che avrà inizio alle ore 15.

Lo stadio ‘Dacia Arena’  ed il palaCarnera sono uno di fronte all’altro e di conseguenza lo slittamento d’orario è stato dettato soprattutto da motivi organizzativi e di ordine pubblico.

Gianluca Mattioli

Intano il mondo del basket piange l’improvvisa scomparsa dell’arbitro pesarese Gianluca Mattioli: quasi 700 presenze in serie A.  Mattioli, laureato in giurisprudenza, si era anche diplomato in Clarinetto al conservatorio ‘Rossini di Pesaro. Era arbitro internazionale dal 2000.

“L’aurora basket – si legge in un comunicato emesso dal club jesino – manifesta incredulità e sgomento per la notizia dell’improvvisa scomparsa di Gianluca Mattioli arbitro di assoluto livello  nazionale ed internazionale e di altrettanto spessore umano. La società che ha avuto la fortuna di apprezzarne sul parquet e fuori dal campo le assolute capacità e le doti di squisita gentilezza ed umanità, si stringe in un abbraccio sincero alla sua famiglia nella spiacevole certezza che il mondo del basket perda uno deI suoi fischietti  migliori”.

 

 

evasio santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA