Calcio

FABRIANO CERRETO CALCIO / BRUTTA SCONFITTA A SULMONA CONTRO IL NEROSTELLATI

Nerostellati – Fabriano Cerreto 2-1

FABRIANO, 17 dicembre 2017 – Pesante sconfitta della squadra di Sauro Trillini a Sulmona contro il Nerostellati che coglie nell’ultima gara del girone d’andata la prima vittoria del campionato.

In vantaggio di due reti (Del Gizzi e Pacella) gli abruzzesi hanno controllato bene fino a quando Zuppardo su rigore ha firmato il 2-1.

Poi i cartai,rimasti in superiorità numerica di due uomini, sul finale, le hanno tentate di tutte ma purtroppo alla fine è giunta una sconfitta che per la classifica suona come una sonora bocciatura.

 

 

JESINA CALCIO / IL CAMPOBASSO PAREGGIA SU RIGORE ALLO SCADERE, I LEONCELLI NON SANNO PIU’ VINCERE

Jesina – Campobasso 1-1

 

JESI, 17 dicembre 2017 – La prima di Di Donato non porta tre punti alla Jesina. Un pareggio, quello avversario,  giunto su rigore al 47′ della ripresa per un fallo su Capozzi. Dal dischetto Evacuo non ha sbagliato. Un peccato perchè i leoncelli avevano difeso bene il vantaggio anche se il Campobasso nella ripresa era stato più intraprendente e quasi sempre nella metà campo della Jesina.

Kevin Trudo (Jesina)

L’inizio di gara vede il Campobasso in avanti e per ben due volte prima Varsi poi Kargbo provano a battere a rete senza successo. La gara prosegue con le due squadre che cercano la soluzione vincente per superarsi. La trova al 21′ la Jesina. Trudo recupera una palla al difensore molisano ma il portiere in uscita lo anticipa. Interviene Cameruccio che dal fondo con un assist cerca di servire Pierandrei anche lui anticipato. Ben appostato Trudo controlla la sfera ed in diagonale batte Landi.

Il Campobasso prova a reagire cercando di sfruttare la velocità del giovane attaccante di colore Kargbo. Al 21′ punizione dal limite ma la conclusione di Gerardi è fuori misura. Ancora Kargbo al 31′, il tiro è deviato in angolo.

Ad inizio di ripresa gli ospiti provano ad accelerare ed all’8′ Kargbo da buona posizione tira in porta ma Tavoni non si fa sorprendere. La squadra di casa non riesce ad alzarsi ed uscire dalla propria metà campo. Al 20′ Pierandrei verticalizza per Trudo che si trova in buona posizione per battere a rete: il tiro è sbagliato. Al 26′ Gomes di testa colpisce bene ma Tavoni è ben piazzato.

Al 28′ Foglia Manzillo opera tre sostituzioni contemporaneamente disegnando la propria squadra in maniera più offensiva. Di Donato toglie Trudo per Valdes. Al 36′ Pierandrei ruba palla e poi si porta a fondo campo servendo Zannini che svirgola e non conclude. Due minuti dopo è Salim Ribeiro a trovarsi in buona posizione ma il controllo è inguardabile e l’occasione sfuma. Gli ospiti insistono e nei minuti di recupero il fallo in area e relativo penalty che porta il punteggio sull’1-1 finale.

Nel post gara il debuttante Di Donato ha parlato di Jesina che ha fatto una buona gara mancando il gol del raddoppio che avrebbe chiuso la gara. L’opinione del mister avversario è tutto l’opposto: “Nella ripresa abbiamo giocato solo nella metà campo della Jesina e non siamo per nulla soddisfatti del pareggio colto perchè dovevamo e potevamo vincere”.

evasio santoni

Jesina – Tavoni, Silvestri (Serantoni), Anconetani, Giorni, Gremizzi, Carotti, Cameruccio (Carnevali), Zannini, Pierandrei, Magnanelli, Trudo (Valdes). All. Di Donato

Campobasso – Landi, Benvenga, Elefante (Amabile), Vecchione (Del Prete), Del Duca, Gomes, Salim Ribeiro, Gerardi (Capozzi), Evacuo, Varsi (Marzano), Kargbo. All. Foglia Manzillo

Arbitro – Taricone di Perugia

Reti – 21′ pt Trudo, 47′ st Evacuo su rigore

Note – spettatori 300 circa; ammoniti: Elefante, Varsi, Serantoni, Carotti, Zannini, Tavoni; angoli: 0-7

JESINA CALCIO / IL PRESIDENTE POLITA: “SPERO CHE QUESTA FORMA DI STALKING NEI MIEI CONFRONTI ABBIA A FINIRE”

JESI, 13 dicembre 2017 – Di Donato, il neo allenatore leoncello, ha diretto il suo primo allenamento con la squadra al completo tranne l’under Parasecoli ai box per un infortunio.

Domenica la Jesina ospiterà il Campobasso che a sua volta ha cambiato la conduzione tecnica riconsegnando la panchina a mister Foglia Manzillo che era stato esonerato per Masecchia solo un mese fa.

Il presidente Marco Polita ci ha detto: “Di Donato è un allenatore giovane, motivato e penso possa darci una mano importante. Il suo trascorso come calciatore è ben noto e se è stato capitano ad Ascoli e Palermo qualcosa vorrà dire. Sono convinto che ci potrà aiutare ad uscire da questa situzione molto complessa. La scelta fatta è stata condivisa da tutta la società e per ciò che riguradano i giocatori al momento nessun della rosa ha manifestato l’intenzione di volersene andare. In entrata poi non è previsto alcun innesto e pensiamo che la rosa per concludere la stagione ed ottenere l’obiettivo è questa e questa sarà. Il budget l’abbiamo superato e non intendiamo andare oltre”.

Al presidente, sappiamo bene, non è andato giù lo striscione di due domeniche fa contro di lui appeso alla rete della curva con su scritto: “Polita vattene“.

Perché quello striscione? Che significato ha?

“Con ogni probabilità – la risposta di Polita – a maggio giugno del prossimo anno, se non si retrocederà, ci potrebbe essere un aiuto concreto. Chiudere un rapporto così è molto deludente. Ho cercato di interpretare gli umori e l’opinione della gente e penso di aver individuato alcuni punti significativi. Il primo riguarda il ritorno di Bugari lo scorso anno al posto di Vagnoni come allenatore: una nicchia di tifoseria non l’aveva condivisa anche se all’atto pratico quella scelta ha portato i risultati del campo che ci aspettavano. Il secondo punto riguarda la non condivisione di altri tifosi del fatto che non è stato rinnovato il rapporto di collaborazione qualche mese fa con la consulente esterna (Tardella; ndr). Da parte mia rispetto le posizioni di ognuno ma è chiaro e spero che questa forma di stalking nei miei confronti cessi: è un auspicio. Ne sto subendo le conseguenze anche a livello personale. Da undici anni a questa parte ho fatto sempre il bene della Jesina e quello striscione ha il sapore di una sorta di persecuzione. La mia quotidianità sta cambiando, l’amarezza è enorme”.

 

evasio santoni

 

JESINA CALCIO / SULLA PANCHINA LEONCELLA SI SIEDERA’ DANIELE DI DONATO

JESI, 13 dicembre 2017 – Il nuovo allenatore della Jesina è Daniele Di Donato.

Ex calciatore professionista 40 anni è stato capitano dell’Ascoli Calcio fra le stagioni 2007 e 2013, di ruolo centrocampista.

Nelle ultime due stagioni allenatore della Berretti del Modena.

Nella sua carriera da giocatore con 413 presenze, spalmate tra il 1996 e il 2014, è attualmente il terzo giocatore con più presenze di sempre in Serie B.

JESINA CALCIO / BLACK TUESDAY

JESI, 12 dicembre 2017 – Non è stato un fulmine a ciel sereno sia perché fuori, in giornata, è piovuto, sia perché già domenica sera Francesco Bacci, di ritorno dall’Abruzzo dopo la sconfitta per 3-0 della Jesina a L’Aquila, aveva anticipato ampiamente al presidente Marco Polita il proprio pensiero.

Aldo Clementi

In dieci giorni il mister jesino ha capito tutto. Ha capito che questa squadra difficilmente riuscirà a salvarsi ed ha capito che la società non gli avrebbe dato nessuna mano, forse promessa forse no, per cercare con l’innesto di alcuni giocatori importanti, magari a discapito di qualche partenza, sempre importante, di dare un volto diverso alla squadra per puntare, sin da domenica prossima in casa contro il Campobasso e soprattutto nel girone di ritorno, alla salvezza.

Bacci davanti si è trovato un muro! Che la situazione non è semplice, anzi non era semplice, lo si era capito sin dall’estate con la vicenda Tardella prima accolta come la salvatrice della patria poi messa in pochi minuti nel dimenticatoi. Lo si era capito quando mister Gianangeli è stato liquidato con un telegramma

Francesco Bacci

sembra perché, parlando in viva voce al telefono con un dirigente, avrebbe ‘dimensionato’ la figura del presidente.

 

Allora ecco Francesco Bacci. Il quale ha accettato nel tempo stretto che si prende un aperitivo di tornare alla guida della Jesina.

Decisione ponderata o decisione dettata dal forte desiderio di ritornare alla guida della squadra di calcio della propria città per un senso di rivincita e forse anche per orgoglio personale? Questo lo scopriremo nelle prossime settimane ma sta di fatto che questa mattina Bacci si è dimesso parlando di ‘situazioni inaspettate’.

Poi è arrivato il pomeriggio. Il presidente Polita aveva convocato il consiglio di amministrazione per le 15 alla stessa ora dell’inizio dell’allenamento del martedì. La squadra è andata in campo agli ordini del preparatore atletico Morici, il Cda si è riunito. Presenti Polita, Cervigni, Petrini, Esposito, Focanti. Nessun comunicato è stato emesso.

L’unica cosa certa del black tuesday è che Bacci si è dimesso, che è stato contattato Bugari il quale sembra aver chiesto le stesse garanzie tecniche di Bacci e di conseguenza non ricevendole ha rinunciato.

A questo punto c’è stato il ritorno di pensiero e di programmazione ed hanno richiamato Bacci il quale questa volta non ci ha pensato nemmeno a rispondere no! Senza il grazie, ovviamente!

Le ultime notizie, che tutti i tifosi e sportivi sanno, dunque anche noi, dicono che ci si è rivolti a Aldo Clementi da Senigallia. Clementi ha preso tempo per riflettere e pensare. Domani darà una risposta. Altro giorno altra puntata.

evasio santoni

SECONDA CATEGORIA GIRONE D / FOTOFINISH, NUMERI E COMMENTI DELLA GIORNATA DI CAMPIONATO

Tutto facile  per la Sampaolese che sul proprio campo rifila in secco 3 a 0 all’Aurora Jesi  che consolida il primato in classifica appaiata al Cupra, mentre perde terreno il Castelbellino che cade di misura 1 a 0 sul campo di Castelfidardo.  Paga cara la sconfitta subita per 2 a 0 sul campo di Usap, l’Osimo 2011 che perde così la posizione di leader. La Falconarese conferma il buon momento ed vince per 1 a 2 sul campo di Victoria Strada come il San Marcello che si impone per 2 a 0 sulla Labor. La matricola Pianello Vallesina non riesce a fare punti e cade anche se di musura sul campo di Palombina per 2 a 1. Unico pareggio della giornata quello tra .Argignano e Cameratese che finisce con 1 a 1.

Dodicesima giornata senz’altro positiva per il Cupramontana. Torna dal derby di Apiro con una importante vittoria che permette al team rossoblù di riattestarsi al comando della classifica generale anche se in coabitazione con la Sampaolese. È la prima volta che i cuprensi riescono ad espugnare il campo di Apiro e lo fanno grazie ad una condotta di gara intelligente, volitiva , giocando un buon calcio prendendo in mano la regia del gioco. Anche se ad inizio gara debbono fare i conti con qualche problemino di assestamento. Infatti passano poco più di 10 minuti che che vanno sotto subito di un goal preso inspiegabilmente per un grave errore difensivo. Ciò cambia le carte in tavola e mister Marincioni deve far riorganizzare le file e dettare una nuova strategia. Anche se fanalino di coda Apiro, galvanizzato dalla rete iniziale, oppone una buona resistenza. Infatti si va al riposo sotto di un goal. Nella ripresa però c’è subito il pareggio su autogoal di Federici. Il Cupra prende in mano la partita e cerca la vittoria. Il goal arriva al 75′ con un reattivo Rossini che raccoglie una respinta corta del portiere e mette nel sacco.

La classifica generale alla giornata n.12

Cupramontana e Sampaolese punti 25; Osimo 2011 punti 23; Castelbellino e Castelfidardo punti 22; Falconarese punti 20; San Marcello punti 18; Labor punti 17; Victoria Strada e Palombina punti 16; Usap punti 14; Cameratese punti 13; Aurora Jesi e Argignano punti 10; Pianello Vallesina punti 9; Apiro  punti 4.

(Fabio Venanzoni)

fabio.venanzoni@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESINA CALCIO / MISTER BACCI SE NE VA DOPO 10 GIORNI

JESI, 12 dicembre 2017 -Terremoto in casa Jesina. Mister Bacci se ne va. Questo il messaggio dell’ormai ex allenatore leoncello.

“Ringrazio la società Jesina per la fiducia che mi ha ancora una volta dimostrato ma dopo dieci giorni, due partite e situazioni inaspettate ho deciso di dimettermi da allenatore – ha dichiarato – Dieci giorni fa credevo e pensavo di riuscire a far reagire la squadra, evidentemente non ce l’ho fatta. Per il bene di tutti è opportuno non perdere tempo, anche in previsione della sosta natalizia. Saluti”.

Per le ore 15 il presidente Polita ha convocato il Consiglio di Amministrazione per trovare il sostituto del mister dimissionario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CALCIO PROMOZIONE / SOLO UN PAREGGIO PER IL MOIE VALLESINA: CONTINUA LA SERIE POSITIVA

Moie Vallesina – Passatempese   2 – 2

MOIE, 11 dicembre 2017 –  Giusto pareggio tra Moie Vallesina e Passatempese con la squadra di casa che, pur priva quasi totalmente del suo reparto d’attacco, trova il pareggio a pochi minuti dalla fine e continua la serie di risultati utili.

Quella tra il Moie Vallesina e la Passatempese è una partita dai due volti. Nel primo tempo la partita è molto equilibrata, ma le squadre non riescono a creare azioni da gol e i due portieri rimangono inoperosi.

Il secondo tempo invece è pieno di emozioni, gol e colpi di scena. A inizio ripresa, dopo due buone occasioni per il Moie Vallesina capitate sulla testa e sui piedi di Simon Wu, è la Passatempese a portarsi in vantaggio: la squadra di casa perde un brutto pallone nei pressi della propria area di rigore, sugli sviluppi il numero 8 Borgognoni lascia partire un tiro preciso che non lascia scampo a Cerioni. 0-1. Gol che viene proprio nel miglior momento della compagine di casa.

Veemente la reazione dei moiaroli che al 68′ riescono a riequilibrare il risultato: sul corner di Matteo Mastri è il neo acquisto Postacchini a segnare il gol dell’1-1.

Neanche il tempo di festeggiare che la Passatempese ritorna in vantaggio: dagli 11 metri Staffolani sigla la rete del 1-2.

La squadra di casa non ci sta e a pochi minuti dal termine agguanta il meritato pareggio: ancora Mastri nelle vesti di assist-man, la palla giunge a Nacciarriti che festeggia il suo ritorno in maglia rossoblù con il gol del definitivo 2-2. Un plauso ai nuovi innesti (Postacchini e Nacciarriti) che arrivati questa settimana ad allenarsi con la squadra hanno dato subito il loro prezioso contributo.

Grazie a questo pareggio continua la serie di risultati utili consecutivi: dopo le vittorie con il Real Metauro e con il Portorecanati, un buon punto conquistato contro una diretta rivale per la salvezza.

Sabato 16 Dicembre  si va a Mondolfo secondo in classifica a solo una lunghezza dalla prima posizione occupata dalla Filottranese.

Moie Vallesina: Cerioni Spinelli Postacchini Serafini (al 80′ Magini) Simonetti (al 60′ Cerusico) Morazzioni Mosca (al 90′ Carloni) Pierleoni (al 75′ Tittarelli) Borocci Mastri Wu (al 75′ Nacciarriti). All. Busilacchi

Passatempese: Moscoloni Zoli Graciotti Iannacci Mandolini Mezzanotte Nemo Borgognoni Staffolani Pericolo (al 70′ Magi) Madonna (al 65′ Filipponi). All. Strappini

Arbitro: D’Ascanio di Ancona.

Reti: al 55′ Borgognoni, al 68’Postacchini, al 71′ Staffolani (rig.), al 85′ Nacciarriti

FABRIANO CERRETO CALCIO / TRE PUNTI PER INIZIARE A SCALARE LA CLASSIFICA E SPERARE

Fabriano Cerreto   – San Nicolò 2-1

FABRIANO, 10 dicembre 2017 – A Fabriano in palio punti salvezza e l’undici di Sauro Trillini sa bene l’importanza della posta in palio e conquista la vittoria contro una diretta concorrente alla lotta per la salvezza.

Tutto nel primo tempo ed il gioco è fatto.

Domenica prossima trasferta in casa del fanalino di coda Nerostellati.

Scontro che vale doppio e per la matricola marchigiana chiudere il girone d’andata a quota 16 punti sarebbe un gran bel regalo di Natale.

 

Fabriano Cerreto –  Monti, Tafani, Labriola, Ibojo, Cusimano (Baldini), Forò, Bambozzi, Girolamini, Pero Nullo (Sassaroli), Piergallini (Lapi), Zepponi (Compagnucci).  All. Trillini

San Nicolò –  Cannella, Balzano ( Ndiaye), Fabriani, Tersini, Martinelli (Kala, Marra), Petronio, Bontà, Maisto (Chiacchiarelli, Giampaolo), Tiboni, Moretti, Di Benedetto. All. Campanile

Arbitro – Modesto di Treviso

Reti – 16’ pt Labriola, 21’ pt Di Benedetto, 31’ pt Tafani

Note – ammoniti Tafani, Zepponi, Piergallini, Compagnucci, Tersini, Moretti; espulso al 12’st Forò per fallo da ultimo uomo

JESINA CALCIO / PESANTE SCONFITTA DEI LEONCELLI IN ABRUZZO, ‘CONQUISTATA’ LA ZONA PLAY OUT

L’Aquila – Jesina 3-0

JESI, 10 dicembre 2017 – Pesante sconfitta per la Jesina a L’Aquila.

Già sotto di due reti dopo trenta minuti di gioco la squadra allenata da Bacci non è riuscita a riequilibrare la situazione finendo con un secco 3-0 che conferma sempre di più le difficoltà fino ad ora incontrate dai leoncvelli e che in prospettiva non lascia niente di buono.

Al 10’ su calcio d’angolo Padovani da solo la mette alle spalle di Bolletta. Al 30’ il giocatore si ripete su azione di contropiede. Tra la prima e seconda rete una buona opportunità per i leoncelli al 21’ quando Farroni para alla grande su tiro di Anconetani. Prima del riposo traversa di Trudo con una conclusione dai 25 metri.

Nella ripresa fa il suo esordio in maglia leoncella l’ultimo acquisto Valdes che sostituisce l’altro esordiente Aprile.

Pochi minuti dopo, tuttavia, Padovani (17’) di testa tutto solo davanti a Bolletta realizza il terzo sigillo personale.

La Jesina non c’è ed i padroni di casa vanno vicini alla quarta rete con Ibe (32’) che prova a sfruttare un errore di Bolletta ma il pallone finisce la corsa sul palo. Al 34’ Farroni para su Zannini.

Trasferta amarissima che coincide anche con l’ingresso per la prima volta in stagione nella zona play out.

Grande delusione da parte dei circa 25 tifosi al seguito.

Ora due partite consecutive casalinghe. Domenica ultima del girone d’andata avversario il Campobasso e domenica 7 gennaio, prima del girone di ritorno, contro l’Avezzano.

 

L’Aquila – Farroni, Sieno, Steri, Pupeschi, Boldrini, Buscè (Marra), Ruci (Di Paolo), Ibe (Sbarzella), Padovani (De Iulis), Cafiero (Boninsegni), Esposito. All. Greco

Jesina – Bolletta, Cameruccio, Calcina, Carotti, Gremizzi, Giorni, Giovannini (Silvestri), Aprile (Valdes), Pierandrei, Trudo, Anconetani (Zannini). All. Bacci

Arbitro – Barbiero di Campobasso

Reti – 10’ e 30’ pt, 17’ st Padovani