FABRIANO / DEBUTTO DEL CONSIGLIO A PALAZZO DEL PODESTÀ, BUONA LA PRIMA

FABRIANO, 13 settembre – Il consiglio comunale riparte da Palazzo del Podestà. A circa un anno dal trasferimento forzato all’interno della sede dell’Unione Montana, ecco il ritorno in pieno centro storico. “Sede temporanea, l’obbiettivo è tornare a Palazzo Chiavelli – ha spiegato il Sindaco – Ci saranno eventi di rilievo e conferenze: compresi anche gli eventi per festeggiare i 20 anni del parco della gola della Rossa e di Frasassi”.

Al centro del dibattito di ieri la vicende dalla “non candidatura” a capitale della cultura italiana 2020. La “pre-candidatura” presentata dall’Amministrazione Sagramola durante l’ultima campagna elettorale non sarà completata, intendimento confermato anche ieri sera. “Occasione persa per la città”, così i più critici hanno definito questa scelta. Una scelta ribadita dall’Assessore alla cultura Ilaria Venanzoni che ricordando il breve tempo a disposizione per predisporre un programma in grado di competere con oltre 40 contendenti (la pre–candidatura era stata presentata a fine maggio ed il termine ultimo per confermarla è fissato al 15 settembre) ed il gravoso impegno di organizzazione che Fabriano dovrà percorrere in vista del Meeting Unesco delle città Creative, previsto per il 2019. “Il progetto poteva essere unito a quello che sarà approntato per creare il percorso che ci condurrà all’incontro mondiale del 2019 delle città creative Unesco” ha osservato Vinicio Arteconi.

Interpellanza da parte del gruppo Scattolini – Fratelli D’Italia – Lega Nord sulla questione del trasporto pubblico nei giorni festivi, il consigliere Olindo Stroppa ne ha osservato le criticità. “Nei giorni festivi non effettua più servizio dal 2011 e rischia di essere un problema concreto per chi non ha accesso ad altri mezzi di trasporto”. Immediata la risposta del vicesindaco ed assessore Arcioni che ha spiegato che questa assenza è motivata da tagli regionali. “E’ un problema annoso, ma noi abbiamo una strategia che sarà declinata attraverso un trasporto pubblico che come obbiettivo lo farà preferire a quello delle auto private. Sono allo studio dei percorsi con vettori privati per studiare una nuova strategia di mobilità. Compresa quella del centro storico”.

La Presidente del Consiglio Comunale Giuseppina Tobaldi ha annunciato durante le comunicazioni che entro la fine dell’anno si celebrerà un consiglio comunale congiunto: amministratori junior e senior insieme nella stessa sala. Ancora da definire il giorno l’iniziativa, che fa seguito ad un incontro avvenuto alcuni giorni fa per “conoscere” la futura generazione di amministratori cittadini e per confrontarsi sui temi cari ai giovanissimi. I piccoli amministratori fabrianesi rimarranno in carica fino al 31 dicembre 2017.

Tra le interpellanze e le interrogazioni protocollate dai consiglieri di minoranza ecco quelle di Fabriano Progressista che chiede quale sia “lo stato dell’arte” dei lavori che interessano il fiume Giano all’interno del piano di recupero del centro storico. Ecco l’Assessore ai lavori pubblici Cristiano Pascucci  a spiegare che è in progetto una variante al piano fognario: da piazza Garibaldi si collegherà in via Ramelli e non finirà più nel fiume. Allo studio anche una variante architettonica nei pressi di via Filzi che permetterà di scoprire il Giano a monte dello storico ponte dell’Aera.

 

(s.s)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Annibaldi & Pandolfi Onranze funebri - Casa del Commiato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*