FABRIANO / SICUREZZA E TASSA DI SOGGIORNO: L’ATTACCO DI OLINDO STROPPA

Sicurezza & tariffe

FABRIANO, 13 febbraio 2018Gli ultimi fatti di cronaca hanno messo in allarme la città, mostrando il volto inaspettato di Fabriano.  La sicurezza dei cittadini torna al centro della politica, con il Consigliere di minoranza Olindo Stroppa a puntare il dito contro l’amministrazione Santarelli.

Per Stroppa prioritaria una città sicura

“In tempi non sospetti avevo già fatto notare che il centro storico era diventato quasi come il Bronx, e non ho chiesto di prendere provvedimenti per aumentare la sicurezza senza una motivazione precisa: ho voluto in più di un’occasione ho sottolineare il degrado in cui versa il nostro centro storico. Questo non è il momento in cui dobbiamo abbassare la guardia: è il momento di aumentare la sicurezza attraverso una video sorveglianza capillare. Telecamere nei punti sensibili del centro, nelle vie di maggiore transito pedonale, nelle zone di uscita dal centro. Ottimizziamo il funzionamento di quelle già presenti e non mettiamole solo ai cassonetti della spazzatura con il principale scopo fare multe”.

Anche gli aumenti delle tariffe e l’ipotesi di istituzione di una tassa di soggiorno infiammano il dibattito

“Dopo l’aumento delle tariffe per la sosta a pagamento, delle lampade votive, delle attrezzature per le manifestazioni, per utilizzo degli impianti sportivi, per l’utilizzo delle sale comunali per le manifestazioni, l’istituzione del biglietto per visitare il teatro – osserva con preoccupazione Stroppa – ora l’Amministrazione Santarelli propone la tassa di soggiorno”. Provvedimento ritenuto profondamente sbagliato da parte del consigliere, che osserva un provvedimento del genere non risponderebbe alle esigenze del territorio perché ipotizzabile solo con flussi molto più intensi e consolidati di turisti. Non vedo il senso di un provvedimento del genere quando ancora in città non ci sono flussi tali da poterne giustificare l’istituzione”.

Conclude ancora all’attacco Stroppa, senza dimenticare un pizzico di ironia: “Scusate se dimentico qualcosa, ma sono talmente tanti gli aumenti che diventa difficili tenerne il conto. Mi chiedo cosa può aumentare ancora amministrazione che dichiarava di essere l’espressione della condivisione? A me sembra l’ amministrazione della tasse”.

(s.s).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Annibaldi & Pandolfi Onranze funebri - Casa del Commiato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*