JESI / IL TUNISINO VERSO IL RIMPATRIO

JESI, 22 marzo 2018 – Dopo l’arresto di martedì sera 20 marzo per scippo ai danni di una donna di 66 anni in via XXIV maggio e dopo aver compiuto resistenza a pubblico ufficiale, nella fattispecie i carabinieri della Radiomobile di Jesi intervenuti, che hanno provveduto ad arrestarlo, nella giornata di mercoledì 21 marzo il Giudice, nel processo in direttissima presso il tribunale di Ancona, ha stabilito che per il tunisino W.H. di 35 anni ci sarebbero stati 2 anni e 20 giorni di reclusione, patteggiati, con la messa immediata in libertà ma con obbligo di firma.

Nella serata di mercoledì 21 marzo, di seguito, è intervenuto il Prefetto di Ancona che ha firmato il decreto di espulsione dal territorio nazionale mediante accompagnamento presso il Centro di Permanenza per i rimpatri di Bari – Palese. Ad accompagnare il tunisino in questa località i carabinieri di Jesi. Ora poche ore, al massimo alcuni giorni, e il rimpatrio sarà cosa certa.

e.s.

Annibaldi & Pandolfi Onranze funebri - Casa del Commiato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*