JESI / AZZERUOLO, RAGAINI: “SE LA REGIONE NON ACCELERA, SI RISCHIA UN’ATTESA MOLTO LUNGA”

JESI, 14 novembre 2017 – Dopo l’intervista all’ assessore Quaglieri per la questione del centro Azzeruolo raccogliamo oggi il parere di Fabio Ragaini, fondatore del  Gruppo Solidarietà sorto nel 1979, e del Centro di Documentazione di Moie.

Fabio Ragaini del Gruppo Solidarietà

Ragaini, fisioterapista professionale, autore di articoli e animatore della Campagna Trasparenza e Diritti per la tutela dei livelli dei servizi sociali e sanitari nella regione Marche, segue ormai da quarant’anni le politiche pubbliche in questo campo, con particolare riferimento alle situazioni di particolare fragilità fisica, sociale e culturale.

“Mi pare che Comune di Jesi e ASP Ambito 9 – esordisce Ragaini –  abbiano  fatto quanto loro competeva al fine di avviare la comunità  Azzaruolo prevista dal 2002 e da circa un decennio individuata nel territorio di Jesi , fino a proporre un’ipotesi di standard di funzionamento su personale e costi “. E prosegue: “Non mi pare che altrettanto stia facendo la Regione, trattandosi di un servizio specifico e avendo carattere di sperimentalità nulla ostacola la definizione di una regolamentazione specifica che verrà valutata in corso d’opera se adeguata o meno. Temo che in realtà la Regione continui a ritardare l’attivazione del servizio per una mera ragione economica nella fattispecie, il costo delle rette delle persone inserite. La motivazione, che si sente addurre, a giustificare il ritardo  circa il fatto che si stanno definendo i requisiti dei servizi sociosanitari diurni e residenziali appare a tutti gli effetti una scusa. Si può prevedere l’avvio con atto specifico e relativo finanziamento per essere poi confermato o variato in termini regolamentari quando verranno approvati tutti gli altri. Se davvero si volesse attendere l’emanazione dei nuovi regolamenti si rischia un’attesa molto lunga e assolutamente inaccettabile”.

Samuele Animali

Alle dichiarazioni di Ragaini fanno eco quelle di Samuele Animali (Jesi in Comune) che dice: “Si sta perdendo molto tempo e molto ne è stato perso in passato. Ma le risorse c’erano e ci sono. Per cui la questione non è attribuire colpe, ma far seguire i fatti ai mille annunci che ora suonano tanto come una presa in giro.”

(Cristina Amici degli Elci)

cristina.ade@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annibaldi & Pandolfi Onranze funebri - Casa del Commiato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*