Il sito della discarica "Cornacchia" di Moie di Maiolati

LETTERE&OPINIONI / MAIOLATI, IL SINDACO RISPONDE ALL’ACU MARCHE: “SUPERATO OGNI LIMITE DI CORRETTEZZA, INSULTI E ILLAZIONI NON PIÙ SOPPORTABILI”

MAIOLATI, 12 ottobre 2017 – Dichiarazioni strumentali, dettate solo dalla ricerca di visibilità, capaci di superare ogni limite di correttezza e rispetto. È ferma la replica del sindaco Umberto Domizioli di fronte all’attacco del comitato Acu Marche sulla discarica Cornacchia di Moie. Un attacco pretestuoso, che fa riferimento alle ultime decisioni della Provincia che riguardano due interventi di ottimizzazione dello sfruttamento di un comparto della discarica il cui progetto, votato all’unanimità, era stato iniziato dall’Amministrazione che ha preceduto quelle di Domizioli e Carbini.

“Ci chiediamo come amministratori se i rappresentati dell’Acu Marche – scrive il primo cittadino – abbiano mai avuto un elemento concreto, scientifico, provato, documentato che la discarica Cornacchia abbia negli anni creato o attualmente crei problemi per la salute o per l’ambiente. La ricerca di visibilità e di protagonismo portano a strumentalizzare situazioni che nulla hanno a che vedere con i valori di verità e trasparenza che dovrebbero essere alla base di ogni agire, portando il Comitato a superare ogni limite di correttezza e rispetto anche nei confronti di quei cittadini che dice di voler rappresentare”.

Se veramente la battaglia promossa dal Comitato fosse per la salute e per l’ambiente “ci domandiamo perché nel nostro territorio – continua il sindaco Domizioli – vengono sollevati problemi solo per la discarica Cornacchia e non si prende in considerazione nessun’altra situazione da analizzare, verificare, controllare, sempre con l’obiettivo di salvaguardare la salute e l’ambiente? Non è un po’ strano?  Non c’è qualche contraddizione? E perché tutto questo arrovellarsi per le ultime decisioni della Provincia che riguardano due interventi di ottimizzazione dello sfruttamento di un comparto della discarica che esiste da quasi quindici anni, il cui progetto è stato iniziato dall’Amministrazione che ha preceduto quelle di Domizioli e Carbini e che votato all’unanimità aveva trovato tutti d’accordo”.

Il sindaco in un recente tavolo istituzionale con i rappresentanti delegati della Regione Marche ha stabilito una tabella di marcia per rendere operativa la richiesta di approfondimenti sanitari e ambientali nei nostri territori.

“Nonostante tutto, con tutta la nostra serenità, ma con altrettanta fermezza – conclude Domizioli – siamo a invitare per l’ennesima volta i rappresenti a un confronto pacato sui fatti concreti, sui riscontri scientifici, sui dati oggettivi e con ulteriore fermezza e convinzione vogliamo sottolineare che non tollereremo più che le nostre persone, la nostra attività di amministratori, il nostro Comune e i suoi dipendenti, la SOGENUS e i suoi dipendenti siano bersaglio di affermazioni, accuse, insulti e illazioni come è stato fino ad oggi anche da parte dei rappresentanti del Comitato Acu Marche”.

Il sindaco

Umberto Domizioli

Annibaldi & Pandolfi Onranze funebri - Casa del Commiato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*