Cupramontana

CUPRAMONTANA / CAROVANA DELLA FEDE, OMAGGIO ALLA MADONNA DELLA GROTTA

Il pellegrinaggio alla terza domenica di maggio, da 38 anni

 

 

CUPRA MONTANA, 19 maggio 2018 – Domani, domenica 20 maggio, cuprensi e non, si raduneranno alle ore 6.00 ad inizio di via San Bartolomeo per partire tutti insieme in pellegrinaggio verso la Madonna della Grotta, antico Santuario ricavato all’interno di una grotta, appunto, dentro la montagna in località San Giovanni, contrada del Comune di Fabriano.

Trentotto, sono gli anni passati dalla prima edizione, quando un gruppo di cuprensi per la prima volta raggiunse il Santuario della Madonna della Grotta partendo dalla “capitale del verdicchio”. Un percorso lungo circa 17 km che ormai è divenuto tappa fissa per cuprensi e non, la terza domenica di maggio.

Alle prime luci dell’alba siamo li all’incrocio di San Bartolomeo scrutiamo il cielo…pioverà? O il sole renderà ancora più faticoso quell’ultimo tratto di salita? Beh non importa con qualsiasi tempo si va!

Canti e preghiere accompagnano questo cammino che non si può definire una passeggiata, ma la soddisfazione, specialmente una volta arrivati davanti il piazzale del Santuario della Madonna della Grotta è grande e ripaga le fatiche.

Un lungo corteo che si snoda lungo le curve di San Bartolomeo, per arrivare poi alla provinciale Apirese, e raggiungere quindi Sant’Urbano, prima tappa per una veloce colazione; si riparte per raggiungere il paesino di Domo.

Raggiungiamo il Castello di Precicchie, luogo della Penitenza, di colpo le chiacchiere svaniscono, e il silenzio regna.

Ripartiamo alla volta di San Giovanni, ormai manca poco per raggiungere il Santuario, un paio di chilometri nel bosco ombroso e siamo al piazzale della Madonna della Grotta.

Il piazzale è pieno e aspettano noi per dare inizio alla celebrazione Eucaristica, (quest’anno la Santa Messa sarà celebrata da Don Luigi Carrescia, missionario in Brasile.)

MONTEROBERTO / AUTO CAPPOTTA LUNGO LA STRADA ‘GUZZANA’, SOLO PAURA PER IL CONDUCENTE

MONTEROBERTO, 18 maggio 2018 –  Tanta paura per un giovane a bordo di una Opel lungo la strada Guzzana Sp9  che da Ponte Magno sale verso Cupramontana attorno alle ore 13 nella zona Villaggio degli Ulivi.

L’auto, forse a causa della strada bagnata per la pioggia, è andata fuori strada e si è ribaltata su se stessa.

Il conducente, un giovane, è uscito dall’abitacolo, fortunatamente illeso

CUPRA MONTANA / ORGANIZZATO DA “PIÙ CUPRA”, GIRO DI TAVOLO TRA LE ASSOCIAZIONI

CUPRA MONTANA, 18 maggio 2018 – Domenica 20 maggio, alle ore 18.00, presso i Magazzini dell’Abbondanza è stata organizzata dalla Associazione Più Cupra una interessante tavola rotonda sul tema “Come le Associazioni di Cupra Montana possono migliorare la qualità della vita dei concittadini”.

Il tema che appare assai impegnativo in un paese dove il volontariato si sviluppa all’ennesima potenza anche se le Associazioni agiscono  come se confinate da comparti stagni, anche se l’argomento della tavola rotonda animerà i migliori intenti  e le differenti posizioni, mai scontate, mai troppo distanti e mai univoche.

Ma torniamo alla promotrice della tavola rotonda. È in occasione del primo anno dalla sua fondazione che l’Associazione Più Cupra organizza questa tavola rotonda  per capire quale margine di azione può avere il lavoro di tanti volontari e se è possibile trarre il maggior “profitto” da così tante forze in campo.

Alla tavola rotonda parteciperà il sindaco, Luigi Cerioni, e il moderatore sarà un giornalista di QdMnotizie, Massimiliano Giorgi. Ovviamente l’invito è esteso ai rappresentanti di tutte le Associazioni locali, motore delle nostra realtà e vanto di Cupra Montana.

Al termine della tavola rotonda la serata continuerà con un momento conviviale. L’Associazione Più Cupra invita alla partecipazione alla tavola rotonda i dirigenti, gli iscritti e i simpatizzanti delle numerose Associazioni locali e sulla loro gradita e importante presenza. Chi è intenzionato a partecipare dovrebbe confermare inviando una mail a: piucupra@gmail.com oppure chiamando o inviando un messaggio whatsapp al 340 587 2564.

FABRIANO / INTESA-SANPAOLO: UNA NUOVA IDEA DI BANCA

FABRIANO, 16 maggio 2018 – Da lunedì scorso la “banca di vetro” come unica filiale di Banca Intesa – Sanpaolo operativa in città. Da lunedì infatti attiva solo la sede di via don Riganelli, che ha “inglobato” quelle di piazzale Matteotti, corso della Repubblica, via martiri della libertà. A queste si aggiunga la banda dell’Adriatico (via Dante), parte del gruppo Intesa. Nessun taglio al personale.

Intesa Sanpaolo apre a Fabriano il suo nuovo modello di filiale, tra le maggiori realizzate in Italia, a testimonianza della centralità della città nelle strategie del Gruppo. Con il nuovo layout degli spazi a disposizione della clientela ed il restyling di parte dell’esterno dello stabile di via don Riganelli cambia il modo di vivere la banca, per fare della filiale una piazza dell’economia reale coniugando accoglienza, relazione e digitalizzazione.

“Vogliamo essere la cassaforte delle famiglie italiane e motore per le imprese. Discorso che vale anche per l’acceso al credito delle aziende. Noi non abbiamo mai fatto mancare il supporto e cercheremo di non farlo mai mancare”. Così ha spiegato Tito Nocentini illustrando le nuove funzionalità della sede di intesa-San Paolo di via Don Riganelli.

Quello che è noto ai fabrianesi con l’appellativo di ‘palazzo di vetro’ torna così ad essere un hub per l’economia locale, concentrando le attività di Intesa Sanpaolo presenti nel comune. Una struttura cui afferiscono oltre 14mila clienti, circa mille dei quali costituiti da imprese, e nel quale lavorano circa 120 persone, la maggior parte dedicate ai servizi a persone e imprese, cui si aggiungono uffici afferenti a funzioni centrali del Gruppo.

Presso la struttura di via don Riganelli, da lunedì scorso, operano infatti una filiale Retail, una filiale Personal, un distaccamento Imprese, oltre a diversi strutture che fanno capo agli uffici centrali del gruppo bancario. Il tutto con un nuovo layout nel quale il cambiamento del luogo fisico va di pari passo con quello dell’approccio al cliente.

“Il nuovo modello di filiale realizzato a Fabriano segna un rinnovamento completo e profondo. Intesa Sanpaolo è la banca dell’economia reale e le nuove filiali ne sono le piazze – spiega Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo –. L’originale layout degli ambienti rispecchia l’atteggiamento di accoglienza che vogliamo esprimere con le nostre persone. La nuova filiale favorirà ulteriormente le connessioni con gli attori del territorio, con i clienti e tra i clienti, che qui potranno trovare un punto d’incontro e avere uno scambio di idee e di business. La sfida è rispondere in modo nuovo anche ai bisogni più tradizionali, sviluppando per esempio le enormi opportunità rese possibili dalla rivoluzione digitale.”

Accoglienza e relazione sono gli obiettivi principali del cambiamento e per realizzarli la banca ha realizzato una “rivoluzione” degli spazi abbattendo barriere e confini. Particolare cura è stata posta nella realizzazione dell’ingresso della filiale con una grande area di primo contatto e di orientamento, dove gli operatori, supportati anche dalle nuove tecnologie, aiutano il cliente a indirizzarsi verso i servizi desiderati, dalla consulenza specialistica fino all’uso delle casse self e gestiscono anche l’organizzazione degli appuntamenti.

Il fulcro della filiale è la “piazza”, luogo – non solo metaforico – per lo scambio di idee ed esperienze. Al centro di quest’area condivisa si trova un grande tavolo di legno grezzo, tutto intorno ci sono librerie, divani e poltrone. Sulla piazza affacciano i salottini per gli incontri informali e gli spazi dedicati a quelli riservati e le casse self service assistite. Nella realizzazione sono stati utilizzati materiali semplici, con un’attenzione particolare al loro valore ecologico. Interamente riservato alla clientela il parcheggio (circa 40 posti) di pertinenza dello stabile di via don Riganelli.

La tecnologia è una presenza costante. L’area esterna delle casse self – accessibile 24 ore su 24 – ospita due sportelli automatici ATM e due sportelli automatici evoluti MTA che oltre a prelevamenti e pagamenti consentono anche operazioni di versamento contanti e assegni ed altre operazioni. Mentre all’interno della filiale – dove è presente una connessione wi-fi a disposizione della clientela – vi sono tre casse self assistite (operative dalle 8 alle ore 19) dove i clienti possono effettuare una varia gamma di operazioni in autonomia o con l’assistenza del personale.

Filiale aperta (per consulenza e casse senza operatore) anche il sabato dalle 9 alle 13.

Resteranno inoltre attivi sia lo sportello ATM lungo il centralissimo Corso della Repubblica che quello presso il Centro Commerciale “Il Gentile” e verrà installato a breve, verosimilmente entro il mese di giugno, un nuovo ATM all’interno dell’ospedale cittadino “Engles Profili”.

CUPRA MONTANA / BADIA IN FESTA, ECCO GLI APPUNTAMENTI DELLA “DUE GIORNI”

Sul prato dell’Abazia previsti vari tipi di giochi: la costruzione della sedia “Savonarola”, il tiro alla fune, il gioco del “48”, la ruota della fortuna, la pesca di beneficenza

 

 

CUPRA MONTANA, 9 maggio 2018 – Il 12 e 13 maggio prossimi tutti alla Festa della Badia del Beato Angelo! Due giorni di animazione, giochi vari, buon cibo e Verdicchio, naturalmente anche bevande analcoliche.

Il giorno 12 maggio, sabato, il programma prevede per le ore 19.30, la Santa Messa e alle ore 21.00 una superlativa Gara di Briscola; domenica 13 i diversi appuntamenti organizzati richiederanno una vera e propria permanenza per poter dire di aver partecipato a tutti quanti; infatti è da programma alle ore 10.00 la Santa Messa; la Festa Insieme dalle ore 17….sul prato dell’Abazia con giochi vari, la costruzione della sedia “Savonarola”, il tiro alla fune, il gioco del “48”, la ruota della fortuna, la pesca di beneficenza che sarà aperta per tutta la durata della festa insieme ad un capacissimo stand dove poter acquistare bevande, panini, pizza mentre per il classico pranzo della domenica è necessario prenotare allo 0731.78.07.29.

La Festa alla Badia è un appuntamento classico per molti cuprensi, per le famiglie, che in quell’antica Abazia trascorrono una giornata intera in allegria, tra appuntamenti tradizionali, cibi ottimi, passatempi ma anche preghiera devota al Beato Angelo da Massaccio, sulla cui uccisione ci sono ancora lati oscuri mai chiariti.

La versione ufficiale vuole che sia stato ucciso da alcuni boscaioli redarguiti dal Frate Camaldolese proprio nel boschetto sottostante l’Abazia perché lavoravano la domenica. Forse però quei boscaioli non erano altro che sicari pagati dalla Setta dei “Fraticelli” uomini dediti alla preghiera e alla povertà che la Chiesa perseguitava come eretici. Ma a parte la storia che fu, questo appuntamento ogni anno riscuote sempre maggiore successo, l’importante è che sia tempo buono, al resto pensa l’organizzazione…

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / L’ULTIMO SALUTO A GILDA, MAMMA DELL’EX PRESIDENTE CIS SERGIO CERIONI

CUPRA MONTANA, 8 maggio 2018 – Si sono svolti oggi pomeriggio, nella chiesa di San Lorenzo, i funerali di Gilda Sassaroli ved. Cerioni, mamma di Sergio, presidente uscente del Cis e sindaco di Cupra Montana per due mandati ed ex dirigente del Pd locale.

Dopo una banale caduta e la frattura del femore la signora Gilda si stava riprendendo egregiamente, tant’è che dopo l’intervento era stata trasferita alla RSA locale; purtroppo alcune complicazioni hanno aggredito la signora subito dopo un altro intervento e domenica scorsa è venuta a mancare lasciando i figli, i parenti e i conoscenti nello sconforto. La salma è stata tumulata nel cimitero del capoluogo.

Ai figli Sergio e Roberto, alla nuora Elisabetta, ai parenti tutti, la redazione di QdMnotizie inoltra sincere condoglianze.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRAMONTANA / PAESAGGI, VINO E BUONA TAVOLA: ECCO LA MAGNALONGA

CUPRAMONTANA, 8 maggio 2018 –  Torna la Magnalonga del Massaccio.

Un’idea che vuole unire folclore, musiche popolari, buona cucina ed ottimo verdicchio.

La Magnalonga è una passeggiata enogastronomica, non competitiva, che si snoda in un percorso ad anello, parte in mattinata da via M.Ferranti, cuore del centro storico di Cupramontana, e prosegue attraversando le meravigliose campagne cuprensi, per ritornare nel pomeriggio in piazza Cavour.  La passeggiata è percorribile con passeggini e carrozzine, con la possibilità di un passaggio a cura degli organizzatori in caso sia necessario.  Lungo il percorso saranno previste 5 tappe culinarie, dove sarà possibile degustare i nostri piatti tipici accompagnati da ottimo verdicchio, “fiore all’occhiello” cuprense, e da musica popolare che i ragazzi del gruppo Folcloristico Massaccio e altri gruppi presenti, sapranno offrire.

Il percorso può essere svolto senza limiti di tempo.

La magnalonga nasce per caso, per volontà dei componenti del Gruppo Folcloristico, convinti che il connubio cibo-verdicchio-musica popolare-divertimento sia sempre una ricetta vincente.

Nel 2017 è stata data vita a questa nuova iniziativa.  In un mondo vissuto sempre più virtualmente si fatica a portare avanti le nostre buone tradizioni, ma chi si ferma è perduto,- dice un componente del Gruppo Folcloristico, noi crediamo fortemente nelle tradizioni popolari, e siamo convinti che in fondo anche i giovani ne siano orgogliosi, basta solo trovare la formula giusta. La partecipazione al gruppo folcloristico è aperta a chiunque voglia darci una mano, nuove idee e nuove figure potranno arricchire l’associazione.  Pertanto auspichiamo una maggiore partecipazione dei giovani e meno giovani perché far conoscere le tradizioni significa non perdere le nostre radici

La Magnalonga è il primo appuntamento che apre l’estate cuprense per il Gruppo Folcloristico, che già dai primi mesi del 2018, sta lavorando per organizzare il Festival del Folclore, arrivato ormai alla XXIII edizione e che, come ogni anno, si svolgerà nell’ultima settimana di luglio.

Anche quest’anno i gruppi presenti saranno sicuramente di ottimo livello, dalle prime indiscrezioni sappiamo della partecipazione di: Usa, Messico, e Taiwan.
Ma le idee non mancano nemmeno in vista della 81^ edizione della Sagra dell’Uva, altro evento importante per il Gruppo Folcloristico.

Per info regolamento e modulo di iscrizione vai sul sito www.massaccio.com  clicca

CUPRA MONTANA / VANDALI IN AZIONE AL PARCO, TENTANO DI BRUCIARE I TAVOLI NELL’AREA DI RISTORO

Il legno ha resistito alle fiamme e così è rimasto il marchio della deturpazione

 

 

CUPRA MONTANA, 6 maggio 2018 – La “firma” è lì, su quel tavolo, da almeno una ventina di giorni e probabilmente ci resterà per sempre. Intendiamoci subito, non si tratta di una sbadataggine ma di una precisa volontà di deturpare il bene pubblico.

I vandali ci hanno provato ma il legno ha resistito alle fiamme e alla fine nell’area riservata al ristoro del parco “Grande Torino”, ad una trentina di metri dall’antica fonte romana, chi utilizzerà quello spazio vedrà come un “marchio” blasfemo quel buco nero.

È l’ennesima riprova che certe persone hanno difficoltà nel capire che le bellezze storico-artistiche del proprio paese necessitano anche di spazi di accoglienza attrezzati ma purtroppo preferiscono danneggiare, probabilmente per dare un senso alla loro noia.

In sostanza uno “schiaffo” alla pulizia e alla manutenzione dell’area attrezzata che fa parte del circuito turistico-culturale che proprio domenica prossima, 13 maggio, vedrà visite guidate in alcuni edifici sacri del paese.

(redazione)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LETTERE&OPINIONI / CUPRA MONTANA, QUELLA DISCARICA LUNGO BADIA COLLI

CUPRA MONTANA, 4 maggio 2018 – Qualche mattina fa, precisamente il 29 aprile scorso, alle ore 10.00, mentre stavamo transitando lungo Via Badia Colli, all’altezza del punto di raccolta dei rifiuti, appena prima del rettifilo, abbiamo notato a fianco di una campana 4 batterie esauste e un contenitore di identica natura, ci siamo fermati e abbiamo scattato alcune foto che vi proponiamo in tutta la loro gravità.

Intanto il luogo è stato organizzato per raccogliere immondizia differenziata, poi le batterie con l’acido interno, che potrebbe fuoriuscire e causare seri danni all’ambiente, a qualche sorgente, alle coltura in atto nel terreno sottostante. Chi ha lasciato quelle batterie non merita solo una sanzione!

Ma ritornando indietro di un anno, più o meno, al 21 giugno del 2017, nello stesso identico punto fotografammo anche altro materiale di scarto di autofficina oltre a quattro gomme accatastate proprio sul retro dell’ultima campana. Che sia lo stesso inquinatore delle batterie? Chi lo sa! Speriamo sempre che qualcuno lo colga sul fatto e lo denunci alle autorità competenti, almeno qualcuno ogni tanto paga le proprie colpe.

La maleducazione e l’inciviltà non ha rispetto neppure per i Santi e non ce lo può “raccontare” quel San Nicola da Bari le cui foto raccolte in un album sono state ritrovate gettate alla meno peggio tra i cassonetti di Viale Castelletto un paio di anni fa. Evidentemente chi ha gettato quelle foto non è un devoto del Santo di Bari e forse gli era addirittura antipatico perché magari fedele di Sant’Antonio Abate. Vai a capire certe persone che Santo pregano per farsi perdonare tanta inciviltà?

Lettera firmata

 

CUPRA MONTANA / “PIETRE DELLA MEMORIA”, ALLA SCUOLA PRIMARIA CUPRENSE IL PRIMO E TERZO PREMIO

La cerimonia ufficiale presso l’Auditorium della Mole Vanvitelliana di Ancona

 

 

CUPRA MONTANA, 4 maggio 2018 – Il progetto “Pietre della memoria”, promosso dalla Ass. Naz.le Mutilati e Invalidi Guerra (Comitato Regionale Marche), patrocinato dal Consiglio Regione Marche, dal Ministero dell’Istruzione e dal Comune di Ancona, è un Concorso Scolastico Regionale chiamato “Esploratori della Memoria” che è giunto alla sua 5a edizione. Ed al quale hanno partecipato le classi V della Scuola Elementare “Giorgio Umani” di Cupra Montana.

Proprio in questa interessante iniziativa abbiamo potuto vedere in prima fila i vincitori di casa nostra, gli alunni delle V classi delle nostre elementari, i quali hanno partecipato aggiudicandosi primo e terzo premio nelle due sezioni previste. Il grande giorno per questi alunni delle V elementari è arrivato giovedì 26 aprile con la premiazione ufficiale in Ancona, presso l’Auditorium della Mole Vanvitelliana, dove hanno ritirato l’importante riconoscimento, accompagnati dalle insegnanti Sabrina Sorana e Federica Ferrini.

Un motivo di soddisfazione per gli alunni, i genitori e il corpo docente che li ha seguiti passo, passo, fino a questo lusinghiero risultato. Alla manifestazione ha partecipato pure l’insegnante Dolores David, nipote del militare caduto nella Grande Guerra le cui vicende sono state oggetto della ricerca e del lavoro delle due classi, premiate pure dal Sindaco Luigi Cerioni.

Ci fa piacere questo traguardo, visto che la nostra scuola ha bisogno di esempi positivi, ma anche di regole certe, di prese di posizione capaci di eliminare le minacce che oscurano l’immagine dell’istituzione educativa e di migliaia di studenti volonterosi.  Vorremmo davvero che in questa direzione ci fosse una svolta decisa e capace di risolvere le difformità che “rovinano” chi a scuola va per lavoro e chi per studiare e crearsi un futuro.  E’ però necessario riaffermare le regole in ogni angolo della vita quotidiana per una scuola e una società migliore.

(Oddino Giampaoletti)

© RIPRODUZIONE RISERVATA