MISTICANZA JESINA / PENSIERI E CHIACCHIERE IN DIALETTO

LA BELLISSIMA STORIA DE CAPPUCCETTO ROSSO

Tanto tempo fa ce stava ‘na certa Cappuccetto Rosso. ‘Na madina la mamma je disse: “Ah Cappucce’, pia ‘sto cestì e portalo da nonneda, ma attenziò a le bestie cattive che gira tra le fratte. Ciao, torna presto e in bocca al lupo”. Cappuccetto non capì tanto be’ quest’ultima frase e si avviò da per lia ntel bosco. Cammina cammina a un certo punto je se parò davanti un lupaccio che je disse: “Weh, bardascia, indove vai?”. “Da nonna che è piccola ma magna – rispose Cappuccè -. Vedi, el cesti è pieno de robba da magna’: melangole, perelle, scarciofeni, selleri, pummidori, maragnani eccedera”. “Salude cocca!…beh, ade’ devo gì via perché m’ha squillado il telefonì, ascusa”. E quel birbacciò del lupo se ne andò. Mentre Cappuccetto, che era lenta muntobè, continuava a passeggià nte la foresta, il lupo arrivò dalla vecchia, suonò il campanello e se la ingollò in un boccò. Poi, scaltro come una faina, indossò la camicia da notte e il beriolo della nonna e se ficcò sotto le coperte. Quando Cappuccetto arrivò a destinaziò e aprì la porta, vide la nonna (che non era la nonna) e disse: “Ma que fai, ancò stai a letto?”. “Eh, so’ tanto stanca nipodina mia, stamadina ho fatto troppa ginnastiga”. “Oh pora nonna…”, replicò la piccola che, pure sci n’era tanto sveja, dopo aver guardato mejo, iniziò ad avecce qualche sospetto: “Ma nonna, che occhi grandi che c’hai…vòi un boccò de collirio??”. “So’ pe’ guardatte mejo, piccina mia…”, rispose la finta nonna. “Eh, ma che orecchie grandi che c’hai! Te ce fo i bagnoli?”. “So’ per sentitte mejo, piccina mia…”. “E sci, però, guarda che bocca che c’hai! Ma da quant’è che non te dai ‘na sistemada a la dentiera?? E se può sape’ que càzziga te magni? Ma non cel sai che all’età tua el pregiutto fa male, el pegorino pure…hai da diventa’ vegana e t’hai da prepara’ solo le minestrine come le creature, scindonga vai a fa’ la tèra pel cece!”. La finta nonna non ce vide più da le madosche: “Ah Cappucce’, ma si venuda a troà a nonna o a roppe li coiombrisi??”. E se la magnò.

Morale: a esse tristi non va be’, ma qualcuno te le leva da le ma’.

 

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annibaldi & Pandolfi Onranze funebri - Casa del Commiato

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*