Tag Archivi: agricoltura

CUPRA MONTANA / GRANDINE E SICCITÀ LASCIANO IL SEGNO, DANNI CONSISTENTI AI VIGNETI

CUPRA MONTANA, 28 giugno 2017 – Il violento temporale che nel tardo pomeriggio di domenica scorsa (25 giugno) si è abbattuto sulla “Capitale del Verdicchio” con grandine grande quanto basta per rovinare i grappoli d’uva che fanno bella mostra di sé lungo i filari dei vigneti, ha causato danni di una certa consistenza. In diverse zone di Cupra Montana i vigneti, con moltissimi grappoli formati, ancora di piccole dimensioni, sono stati colpiti pesantemente dalla grandine.

La stessa sorte è toccata agli impianti intorno Maiolati Spontini e in altre zone di produzione del Verdicchio Doc. I danni, non ancora quantificati, rappresentano tuttavia una avversità bella e buona, capace di mettere a dura prova una produzione che fin qui ha patito anche la mancanza d’acqua. L’afa che come una cappa opprimeva tutta l’area di produzione dei Verdicchio, è stata la concausa di questa feroce grandinata; in alcuni centri i chicchi della grandina, caduta a macchia di leopardo, erano grandi come una pallina da ping-pong, tanto per rendere l’idea del disastro avvenuto.  I viticoltori stanno ancora verificando i danni provocati nei propri vigneti da un temporale estivo che in poco più di un’ora ha scaricato tutta la sua forza causando comunque lo scompiglio di una sorta di tromba d’aria; molti rami spezzati, alcuni smottamenti lungo le vie periferiche e danni a strutture.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

VALLESINA / MALTEMPO DOPO L’AFA, GRANDINE IN COLLINA: COLPITI I VIGNETI IN AVANZATA CRESCITA

VALLESINA, 25 giugno 2017 – Un temporale di notevole consistenza si è abbattuto nel tardo pomeriggio di oggi (25 giugno) lungo la Vallesina e nella zona collinare. A Cupra Montana, così come tra Mergo, Rosora e Montecarotto, lampi, acqua a catinelle e grandine grande quanto basta per rovinare i grappoli d’uva che fanno bella mostra di sé lungo i filari dei vigneti.

Un temporale estivo che nell’arco di un’ora ha esaurito la sua forza ma che comunque ha fatto temere proprio il peggio specie per le colture in atto e le uve in stato avanzato di crescita. In realtà quando avvengono questi temporali così forti e di breve durata, c’è sempre il rischio che possano provocare disastri gravi legati alla precedente siccità della terra che non riesce ad assorbire tutta la quantità d’acqua riversata che scorrendo via violentemente. Questo consistente temporale, finito nell’arco di un’ora, un effetto positivo l’ha ottenuto, ha portato via quella cappa afosa che da alcuni giorni ci ha fatto sudare più del dovuto, anche dopo le 22.00, quando a Cupra Montana si leva il “solito” salutare venticello.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CASTELBELLINO / BRUCIA CAMPO DI STERPI IN CONTRADA MOLINO, INTERVENGONO I VIGILI DEL FUOCO

CASTELBELLINO, 23 giugno 2017 – Intorno alle ore 22 di ieri notte è scattato l’allarme per i Vigili del fuoco di Jesi, attivati da una chiamata che li ha portati fino a Castelbellino per un incendio di sterpaglie.

Il rogo (in contrada molino) era di modeste dimensioni, lungo una strada e nei pressi di una piccola scarpata. L’azione della squadra è durata circa un’ora ed ha interessato una zona di piccole dimensioni anche grazie al pronto intervento.

Dopo aver domato le fiamme c’è stata anche la bonifica del terreno. Ignote le cause che hanno scatenato il rogo.

(s.s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / TEMPERATURE RECORD, COLDIRETTI: “AGRICOLTORI COSTRETTI AD IRRIGAZIONI DI SOCCORSO”

JESI, 22 giugno 2017 – Ad inizio di questo mese di giugno nelle Marche si sono registrate temperature massime “superiori di 4,6 gradi alla media del periodo” e come se ciò non bastasse abbiamo assistito alla pressoché scomparsa delle precipitazioni piovose. Nei primi 10 giorni di giugno “la temperatura media massima ha raggiunto il record di 28,1 gradi, contro i 23.5 del periodo, ma – fa notare Coldiretti – anche le minime si sono alzate considerevolmente (+2,8 gradi)”.

Tutto questo caldo non può non incidere sull’andamento delle coltivazioni agricole e sui comportamenti degli addetti ai campi costretti a ricorrere ad irrigazioni di soccorso che non potranno non incidere sui costi. Conseguenza di questa situazione l’aumento dei prezzi alla produzione che si ripercuoterà su quelli al  consumo. Non solo, in assenza di pioggia aumenta il rischio di incendi. È  questa la conclusione alla quale giunge Coldiretti Marche dopo aver analizzato i dati meteorologici di questo primo scorcio del 2017 diffusi dal Ministero per le politiche Agricole.

Tutto questo stravolgimento dell’equilibrio naturale non è certo casuale; per anni sono rimasti inascoltati gli appelli a prendere in cura l’ambiente, limitando, anzi, riducendo al massimo l’inquinamento globale. Parole al vento, a quanto pare, basta vedere il comportamento dei vertici di un continente che dovrebbe essere il primo ad avere a cuore il futuro del globo.

(s. b.)

INFORMAZIONI COMMERCIALI / AZIENDA SPARAPANI, SERATA PIACEVOLE DA NON PERDERE: “CARBONARA DI MAMMA ANTONIA”, CRESCIA CON PROSCIUTTO E OTTIMO VERDICCHIO

CUPRA MONTANA, 20 giugno 2017 –   Una serata tra aromi e gusti casarecci è difficile da non prendere in seria considerazione e parteciparvi con le migliori intenzioni. L’Azienda Sparapani Frati Bianchi organizza per venerdì 23 giugno una serata di “Tradizioni in Cantina” dove il menù servito sarà la “carbonara di mamma Antonia” ( ricetta segreta ovviamente ) ma con una selezione dei migliori ingredienti, anche per la pasta abbiamo scelto il meglio, la crescia servita con prosciutto e verdure fatta sempre da noi ed il tutto accompagnato dai nostri vini. L’intento della serata è quello di creare quell’atmosfera accogliente ma allo stesso tempo allegra e spensierata, per farvi trascorrere qualche piacevole ora in compagnia, davanti a buonissimi piatti, un buon bicchiere di Verdicchio ed un po’ di musica! Vi aspettiamo! Dunque, dalle ore 19.30 Vi aspettiamo con questi cibi nostrani, con la musica live con Funkastico, DJ, intrattenimento per bambini e l’ingresso libero.  Non è certo la prima volta che l’Azienda Vitivinicola Sparapani, situata in Contrada Barchio 12, a Cupra Montana (0731.78.12.16) organizza questo tipo di serate di assoluta distensione, durante le quali, prima ancora della musica live saranno i profumi ed i sapori della cucina a svegliare i vostri sensi. Buon appetito.

 

VALLESINA / CANTINE APERTE, ARRIVANO I ‘CICERONI DEL VINO’

VALLESINA, 26 maggio 2017 – Studentesse dell’indirizzo turistico dell’Istituto Cuppari di Jesi guide speciali nelle cantine della Vallesina in occasione della due giorni di ‘Cantine Aperte’ in programma domani (27 maggio) e domenica 28 maggio.

L’iniziativa nasce da una idea di Cristina Brunori, imprenditrice vitivinicola dell’omonima cantina e dirigente Confartigianato, che è stata subito accolta e realizzata grazie alla collaborazione della vice Preside del ‘Cuppari’ prof.ssa Katya Mastantuono e del corpo docente.

Le ragazze, selezionate con un attento colloquio, saranno presenti nelle cantine della Vallesina aderenti a ‘Cantine Aperte’ e per tutta la durata dell’evento accoglieranno gli ‘enonauti’, presentando il territorio, fornendo indicazioni utili sulle attrazioni turistiche di rilevanza, proponendo itinerari alla scoperta delle bellezze della Vallesina, dei suoi colli, delle sue città.

Il prodotto tipico, sia esso un vino pregiato, un manufatto artistico o uno strumento, in ogni sua forma non manca di riassumere il “sapore” e l’identità della terra che lo produce. Confartigianato valorizza e difende il capitale culturale, economico e sociale rappresentato dalle produzioni tipiche e tradizionali dell’artigianato agro-alimentare del territorio.

JESI / L’ASSOCIAZIONE PIKKANAPA A WAIBLINGEN PER PARTECIPARE AL “ROSENMARKT 2017”

JESI, 18 maggio 2017 – Un fine settimana all’insegna del peperoncino piccante per i “gemelli” di Waiblingen; alla “Rosenmarkt 2017”, annuale grande fiera dei fiori, dei prodotto agricoli e delle prelibatezze culinarie, infatti, sarà presente anche l’associazione “Pikkanapa”  con i suoi prodotti a base di canapa e peperoncino piccante. Tra gli oltre cento espositori della kermesse tedesca del 20 e 21 prossimi ci saranno dunque anche quelli provenienti dalle nostre zone agricole.

“La collaborazione con la gemellata tedesca – ci dicono dalla Pikkanapa – nasce nello scorso anno quando l’Assessore alle attività produttive del Comune di Waiblingen è stato invitato come ospite a presenziare ad un convegno nel corso del Festival “Pikkanapa 2016”, vedendo entrambi nel gemellaggio una buona occasione di crescita e sviluppo reciproco”.

Jesi ed il suo territorio mandano a Waiblingen una loro specialità; nei primi giorni di settembre di quest’anno dalla Germania arriverà una tradizionale macelleria , la “Metzgerei WeiBschuh GmbH” che commercializzerà specialità tipiche del Baden-Wurttemberg. Per l’occasione l’impresa artigiana tedesca sarà accompagnata da una delegazione della WTM (Wirtschaft, Tourismus un Marketing) per approfondire gli aspetti legati allo sviluppo di una forte partnership turistica e commerciale.

(s. b.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LETTERE&OPINIONI / “IL NONNO, IL NIPOTE E L’ALBERO”, INIZIATIVA DI BIOLOGICHE MARCHE ALLA CASA DELL’OLIO E DELLA BIODIVERSITÀ

MAIOLATI SPONTINI, 18 maggio 2017 – L’associazione BioLogiche Marche, che ha in gestione la Casa dell’Olio e della Biodiversità del comune di Maiolati Spontini, propone un progetto intergenerazionale legato alla natura e in particolare all’albero, come portavoce e testimone del ciclo della vita. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con la psicoterapeuta Manola Manoni, è stata già sperimentata con successo all’inizio di marzo e potrà essere ripetuta anche nel prossimo futuro.

Si chiama “Il nonno, il nipote e l’albero” e si tratta di una giornata all’aria aperta, alla scoperta del mondo vegetale e delle relazioni che ci legano. L’appuntamento, quindi, è per domenica 21 maggio, dalle ore 10 alle ore 14, nella sede della Casa dell’olio e della biodiversità, Sulla strada Provinciale 11 Dei Castelli poco prima del capoluogo arrivando da Monte Roberto.

L’attività è rivolta ai bambini dagli 8 agli 11 anni e ai loro nonni, accompagnati dai genitori. “Il nonno/la nonna e il/la nipote esprimono i significati e contenuti nascosti della loro relazione attraverso la presenza dell’albero – spiegano gli organizzatori – che viene scelto come testimone duratura delle virtù e delle qualità che il nonno/la nonna trasmettono al/alla nipote. Sarà un modo per scoprire l’essenza di una relazione così preziosa come quella tra nonno e nipote attraverso ciò che il mondo vegetale ci comunica”. Sarà un’attività all’aperto, nell’area verde dell’oasi naturalistica, con pic-nic finale sotto gli alberi in cui ognuno porterà qualcosa da mangiare e condividere insieme.

Per partecipare occorre prenotare al numero 3391386355 o inviare una mail a info@biologichemarche.it entro il 19 maggio. L’attività è rivolta si soci di Biologiche Marche, la cui quota associativa annuale è pari ad 20 euro e le cui finalità possono sintetizzarsi nella diffusione della cultura biologica indispensabile per la tutela della salute dell’uomo, dell’ambiente e della valorizzazione del nostro territorio (maggiori informazioni si possono trovare su www.biologichemarche.it). In aggiunta alla quaota associativa è richiesto un contributo di 5 euro per la realizzazione di questa specifica attività.

L’abitazione sistemata e diventata sede della Casa dell’olio e della biodiversità era una proprietà delle Opere Pie fondate dal grande musicista Gaspare Spontini. Dopo l’intervento di recupero, a piano terra sono stati ricavati locali dedicati all’olio e al suo ciclo di produzione con un mini frantoio oleario a scopo didattico e sperimentale, fotografie e pannelli di presentazione del territorio. Al primo piano è stato progettato un open space polifunzionale, capace di accogliere esposizioni e mostre temporanee, conferenze e corsi. All’esterno c’è un’area con tavoli e panchine e una vista mozzafiato della valle tra Maiolati Spontini e Cupramontana. Attorno gli oliveti del Centro Sperimentale per la Valorizzazione dell’Olivicoltura Marchigiana che si estendono su un’area di circa 40 mila metri quadrati, piantumata con più di mille ulivi e altre specie arboree della biodiversità locale.

L’Amministrazione comunale

INFORMAZIONI COMMERCIALI / SPUMANTE “CATERINA” AL MIG DI CUPRA MONTANA, IL BIGLIETTO DA VISITA DELL’AZIENDA VALLEROSA

CUPRA MONTANA, 14 maggio 2017 – Lunedì 15 maggio prossimo, alle ore 17.00, presso i MIG (Musei in Grotte), ubicati nelle splendide Grotte di Santa Caterina, in Corso Giacomo Leopardi, l’azienda vitivinicola Vallerosa Bonci presenterà un altro spumante di livello che prenderà il nome di Caterina, una vispa bimbetta dai riccioli biondi, ultima arrivata nella famiglia Bonci.  La stessa Azienda diversi anni or sono aveva “battezzato” un ottimo spumante col nome di Michelangelo (Brut Metodo Classico Millesimato), primo nipote di Giuseppe Bonci ed oggi, con molto amore questa ultima scelta.  I nostri imprenditori vitivinicoli, come più volte abbiamo scritto, hanno saputo affermare la politica dell’immagine e della qualità, operando scelte selettive in vigna, poi lavorazioni particolari in cantina, che hanno dato loro ragione con lusinghieri risultati di mercato.   La qualità del Verdicchio Doc, perfetto biglietto da visita della nostra zona di produzione, è passata attraverso le scelte tecniche accennate e di abbigliaggio delle bottiglie con etichette raffinato, particolari, strettamente legato al territorio di ubicazione degli stessi vigneti di produzione. Il territorio dà il nome a molti prodotti di Aziende vitivinicole di Cupra Montana e ne ricordano l’origine; da alcuni anni, ottimi vini fermi e spumanti di livello, portano il nome di produttori scomparsi che in quell’azienda o in quell’altra hanno segnato il percorso della stessa attività imprenditoriale oppure sono chiamati con i nomi di bambini che in quella famiglia di imprenditori hanno portato la felicità, la gioia ed hanno arricchito la vita stessa. Benvenuto lo spumante Caterina di Vallerosa Bonci.

(o. g.)

INFORMAZIONI COMMERCIALI / JESI, PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO AD UN OLIO DELLA MONTESCHIAVO

JESI, 11 maggio 2017 – Dopo il secondo posto conquistato nella classifica finale del Concorso “L’Oro d’Italia 2017”, un altro prestigioso riconoscimento ad un olio della Monteschiavo; l’olio extravergine  “4Ore Monocultivar Frantoio” ha conquistato il podio più alto nella sesta edizione  del Premio indetto dall’Olea (Organizzazione laboratori esperti assaggiatori). E non finisce qui, perché l’olio jesino  aveva già ottenuto il “Diplome Gourmet” assegnato nel concorso di Parigi “Avpa Les Huiles du monde 2017”, nonché l’inserimento nella guida dei migliori 100 extra vergine al mondo (The EVOOLEUM World’s TOP100 Extra Virgin Oils guide 2017/18) stante il fatto che il Monocultivar Frantoio è risultato anche il migliore tra le varietà “Frantoio” in concorso.

Nella nota con la quale l’azienda Monteschiavo dà notizia degli allori conquistati di recente, la stessa azienda sottolinea “che l’extra vergine ottenuto da questa campagna olearia (2016/2017) è anche il primo risultato del percorso di conversione biologica dell’azienda, pertanto, nonostante non sia possibile l’indicazione “biologico” in etichetta (lo sarà dopo tre campagne olearie), il nostro extra vergine è stato rigorosamente prodotto secondo le direttive biologiche. Quindi – conclude la nota – accanto all’eccellenza organolettica, possiamo vantare un prodotto sano e genuino, realizzato senza alcun impegno di fertilizzanti o diserbanti, un impegno concreto volto al rispetto dell’ambiente e alla salubrità dei prodotti”.

Dunque un altro alloro conquistato dai nostri operatori agricoli che si stanno adoperando per offrire prodotti di alta qualità e di indiscusso pregio.

(s.b.)