Tag Archivi: biblioteca

MOIE / CALA IL SIPARIO SUL BRICK BOOK FESTIVAL

MOIE, 15 giugno 2018 – Cala il sipario sul “Brick Book Festival”, la rassegna, nata da un’idea di Alessandro Morbidelli in collaborazione con il Comune di Maiolati Spontini. L’evento, partito lo scorso febbraio, ha proposto appuntamenti mensili fino a questo ultimo incontro, in programma sabato 16 giugno.

Il mattone (brick) è stato unito da un filo rosso al libro (book), legando la materia e la teoria, la struttura e la morale, la forma e la sostanza. Da qui il Mattone Libro, un binomio che ha parlato di concretezza ma anche di cultura.

L’incontro di chiusura avrà come tema “Mattoni di ieri e di oggi, mattoni di memoria” e vedrà la collaborazione della Scuola di design della Poliarte di Ancona. Alle ore 17 è prevista l’apertura della mostra degli elaborati degli studenti dell’ateneo dorico e a seguire ci sarà una tavola rotonda con Giorgio Toccaceli, titolare della ditta 3T Costruzioni edili. Sì, perché il festival consegnerà al Comune di Maiolati Spontini e alla biblioteca La Fornace, sede di tutti gli appuntamenti della rassegna, un “Brick Book”, ossia un punto di lettura all’aperto da installare nei pressi del centro culturale “eFFeMMe23” di Moie. A elaborare i progetti sono stati proprio gli studenti della Poliarte, di cui Morbidelli è docente.

Lunedì 4 giugno l’assessore alla Cultura Sandro Grizi e la bibliotecaria Stefania Romagnoli hanno ascoltato, come componenti della commissione dell’esame finale del corso di laurea in “Design interiore”, le relazioni sui progetti del “Punto di lettura all’aperto”. Lavori che saranno anche oggetto della mostra che si inaugura sabato nel tunnel della biblioteca e che sono al vaglio dell’architetto Petrini, che ha realizzato la struttura nata dal recupero dell’ex fornace di laterizi. Gli studenti hanno dovuto progettare il “Punto di Lettura all’aperto” utilizzando come materiale, per almeno il 23% della volumetria, proprio il mattone. La location per ambientare questi progetti sarà, appunto, l’intorno della biblioteca. “Ecco quindi che la cultura diventerà costruzione un’altra volta – spiega Morbidelli – con una giornata dedicata alla mostra dei progetti dei ragazzi che saranno poi ospitati in una tavola rotonda in cui sarà dato spazio alle loro esperienze e anche a quelle di un rinomato costruttore che da generazioni costruisce con il mattone, titolare della 3T Costruzioni Edili. Un evento che chiude il cerchio, quello del 16 giugno presso la biblioteca La Fornace di Moie, dal valore della cultura a quello della materia intesa come risultato del lavoro delle idee”.

Dopo una kermesse che ha visto tre concerti di musica alternativa, la proiezione di un mediometraggio d’autore, un reading musicale e sette presentazioni letterarie, il Brick Book Festival chiude, quindi, la stagione. E a concludere la serata sarà l’incontro-intervista con Giorgio Toccaceli, in un percorso narrato che attraverserà il tempo, per ribadire ancora una volta l’amore per un elemento costruttivo, il mattone, che tanto caratterizza il nostro territorio e che un tempo era il cuore pulsante della Fornace. Alla tavola rotonda interverrà, oltre a Morbidelli e Toccaceli, anche il docente della Poliarte Nicola Giulietti.

MOIE / “L’ALGEBRA DELLE LAMPADE” ALLA BIBLIOTECA LA FORNACE

MOIE, 13 giugno 2018 – La biblioteca La Fornace di Moie ospiterà, giovedì 14 giugno, alle ore 21, la presentazione del libro “L’algebra delle lampade”. L’autore è il senigalliese Paolo Tarsi, specializzato in musica elettronica e cameristica, sceneggiatore per il teatro e la video-arte e capace di vantare collaborazioni internazionali, come quelle con Klaus Roeder dei Kraftwerk, Bob Klose dei Pink Floyd e con il premio Oscar Luis Bacalov.

Il libro “L’algebra delle lampade” è dedicato all’influenza esercitata dalle avanguardie colte sui linguaggi pop. Nella prima parte sono racchiuse 52 schede dedicate a dischi di musica colta contemporanea, mentre la seconda comprende una serie di 7 interviste ad artisti provenienti dal progressive, dal krautrock, dal post-punk, dalla new wave, dalla drone music, dal nu jazz e dall’hip hop.

Un incontro affascinante e trasversale nella testimonianza diretta di alcuni tra i più importanti compositori del nostro tempo che, come Bacalov, Ron Geesin (Pink Floyd) e Roger Eno, hanno segnato la settima arte, fino ad autentici innovatori quali Emil Schult (Kraftwerk). Nella terza ed ultima parte è riportato, infine, un lunario di 365 dischi dedicato non solo a composizioni colte, ma anche ad album rock, jazz, fusion, all’elettronica, all’ambient e alle colonne sonore. Un prezioso almanacco musicale, con un ascolto consigliato per ogni giorno dell’anno.

MOIE / BIBLIOTECA LA FORNACE: “INTENSA-MENTE UGO”

MOIE, 10 giugno 2018 – La Biblioteca La Fornace di Moie ospiterà, oggi 10 giugno, alle ore 21, lo spettacolo, ad ingresso gratuito, dal titolo “Intensa-mente Ugo”.

Si tratta di una rappresentazione, liberamente ispirata a “Il cordone ombelicale” di Aldo Nicolaj, allestita come restituzione scenica del corso di teatro dell’associazione culturale Magma, diretto da Silvia Bertini.

È la storia di Ugo, 50 anni, architetto, cresciuto dalla madre e dalle sue zie e solito sentirsi dire: “Cosa vuoi di più dalla vita? Hai una bella famiglia, una posizione invidiabile, sei felice!”. La sera del suo cinquantesimo compleanno è in casa da solo per un po’ di febbre e inevitabilmente si ritrova a fare un bilancio della sua vita…

MOIE / “DIZIONARIO BIOGRAFICO DELLE MARCHIGIANE”, IL VOLUME PRESENTATO A LA FORNACE

MOIE, 7 giugno 2018 – Il “Dizionario biografico delle Marchigiane” sarà presentato, venerdì 8 giugno, alle ore 21, alla biblioteca La Fornace di Moie. La pubblicazione de “Il Lavoro editoriale”, a cura di Lidia Pupilli e Marco Severini, è stata presentata quaranta volte nel territorio regionale e nazionale, fra cui il 31° Salone del Libro di Torino. Essa ricostruisce la vita di oltre 330 marchigiane che, nei campi più disparati, hanno lasciato una traccia sensibile e profonda nella memoria collettiva del nostro territorio.

Il volume, uscito l’8 marzo 2018, è un lavoro promosso dall’Associazione di Storia Contemporanea. Ha richiesto due anni di ricerche da parte di oltre 40 tra studiose e studiosi (tra cui un’inglese e una statunitense).

“L’idea – spiega il curatore Marco Severini, dell’Università di Macerata – è indubbiamente originale. Biografare non solo le ‘ricche e famose’, per dirla con il titolo del capolavoro di George Cukor (1981), ma soprattutto quelle che finora non avevano trovato cittadinanza nella storia: contadine e vergare, camiciaie e sigaraie, donne del mare e delle altre realtà di una regione difficile sul piano morfologico e geografico, ma straordinariamente ricca quanto a coraggio e impegno femminile. Le donne “normali”, infatti, hanno scritto una storia diversa da quella raccontata nei manuali scolastici e accademici, ma non meno importante e affascinante. Le protagoniste restano loro, le donne dell’Otto e del Novecento, insieme alle Marche, una regione scandagliata nel ‘Dizionario’ dal Foglia al Tronto, dai Sibillini al mar Adriatico, raccontata attorno ai suoi tanti microcosmi e alle molteplici cesure della contemporaneità, con una incrollabile certezza: a ogni trapasso di regime, di fronte a qualsiasi novità le donne sono sempre state presenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MOIE / BRICK BOOK FESTIVAL IN BIBLIOTECA, SI PARLA DI NARRATIVA CONTEMPORANEA

MOIE, 27 maggio 2018 – Nuovo appuntamento, domenica 27 maggio, alle ore 19, alla biblioteca La Fornace di Moie, con il “Brick Book Festival”, la rassegna, nata da un’idea di Alessandro Morbidelli in collaborazione con il Comune di Maiolati Spontini. L’evento, partito lo scorso febbraio, prevede appuntamenti mensili fino a giugno. Il tema di questo penultimo incontro è “Mattoni nella rete: scrittura e web”.

Giampaolo Simi

La giornata, come sempre ad ingresso gratuito, coinvolgerà un intero gruppo web dedicato alla condivisione di pareri e idee legate al mondo della narrativa contemporanea. Si tratta di “Leggo Letteratura Contemporanea – Colonna Giacomo Leopardi”: una realtà che prevede più di quarantamila iscritti. Il momento clou dell’evento di maggio sarà l’incontro con lo scrittore Giampaolo Simi, autore del romanzo “La ragazza sbagliata”, vincitore del Premio Scerbanenco, e autore Sellerio in vetta alle classifiche. Il libro è la storia, carica di tensione e colpi di scena, di un’assassina e del suo accusatore. Un giallo che sfuma verso il noir.

Il Festival si concluderà a giugno con il sesto appuntamento in collaborazione con la Poliarte, l’Accademia delle Belle Arti di Ancona. La rassegna mette insieme Brick, mattone, e Book, libro, e non poteva che svolgersi alla biblioteca La Fornace che rappresenta il concetto di trasformazione e di adattamento. “Da centro di produzione della materia – ha evidenziato l’assessore alla Cultura Sandro Grizi – a centro di produzione della cultura: un messaggio che si impone con forza come testimonianza dei tempi che cambiano e di una profonda presa di coscienza collettiva, ovvero che la cultura non può occupare un posto che non sia alle fondamenta della vita quotidiana delle persone”.

Il mattone era ed è il supporto “tanto degli edifici in muratura – aggiunge l’ideatore della rassegna Morbidelli – tanto della rete di competenze e arti che costituiscono la solidità composta da tanti ‘mattoncini di cultura’. Un filo rosso che lega la materia e la teoria, la struttura e la morale, la forma e la sostanza”.

MOIE / ALLA BIBLIOTECA ‘FORNACE’ SI PARLA DI MENOPAUSA

MOIE, 17 maggio 2018 – “Un momento della vita chiamato menopausa: come viverlo in serenità, salute e bellezza”. È il titolo dell’incontro divulgativo-educativo finalizzato ad approfondire il significato ed il valore della menopausa e a suggerire strategie per viverla al meglio.

L’appuntamento è  per venerdì 18 maggio, alle ore 21, alla biblioteca La Fornace di Moie. L’incontro si colloca all’interno delle attività dell’Università degli adulti voluta dall’Unione dei Comuni della Media Vallesina.

Le dottoresse Roberta Anselmi – psicologa-psicoterapeuta, Letizia Saturni – health coach-nutrizionista e Daniela Palma – titolare di Hedonè-psicologa, rivolgono l’invito “a tutti perché l’argomento – sottolineano – non è solo un affare di donne”.

Già nel titolo le professioniste hanno voluto evidenziare le tre macro-aree nelle quali si muoveranno: serenità, salute e bellezza. Saranno dunque affrontati aspetti squisitamente legati all’emotività, all’alimentazione, allo stile di vita e alla cura del sé. In particolare la cura del sé sarà ponte con la bellezza intesa come espressione del bene dell’essere.

L’incontro è stato voluto dall’Università degli adulti, che prevede corsi mirati proprio al benessere, anche perché gli ultimi dati Istat evidenziano come la vita media della donna oggi in Italia è di 85 anni. Quindi una donna di 50 anni, età in cui normalmente cominciano a manifestarsi i primi segnali della menopausa, ne vivrà le conseguenze per altri 30 anni e per questo è importante conoscerne il significato per viverla al meglio possibile riducendone l’impatto sulla donna e sulla salute pubblica.

MOIE / PRESENTAZIONE DEL LIBRO “UN PROCESSO PER MALEFICIUM NELLA MAIOLATI DEL 1594”

MOIE, 11 maggio 2018 – La biblioteca La Fornace di Moie ospiterà, sabato 19 maggio alle ore 17,30, la presentazione del libro “Ipsa fecerit fascinationes. Un processo per maleficium nella Maiolati del 1594”. Interverranno l’assessore al Turismo del Comune di Maiolati Sandro Grizi, il curatore del Museo Spontini Marco Palmolella, la direttrice dell’Archivio di Stato di Ancona Maura Sciri, gli autori Diego Pedrini e Lucia Dubbini, Carlo Giacomini dell’Archivio di Stato di Ancona e don Cristiano Marasca, direttore dell’Archivio storico diocesano di Jesi. Sarà un momento interessante non solo per gli studiosi e gli appassionati di storia, ma anche per tutti coloro che sono curiosi di vedere svelato uno spaccato della storia del costume e della società dell’epoca, nel piccolo borgo di Maiolati.

Il volume costituisce il primo numero della nuova serie dei Quaderni dell’Archivio di Stato di Ancona, e contiene la trascrizione integrale del processo (completo di interrogatori, sentenza e suppliche) istruito nel 1594 dal Tribunale Vescovile di Jesi a carico del fornaio di Maiolati, della sua amante e di una zingara. Questi personaggi, reclusi in carcere, sono accusati di aver praticato un sortilegio ai danni della moglie del fornaio allo scopo di farla morire.

Nei verbali processuali compaiono anche le testimonianze di molti abitanti del paese che danno la loro versione dell’accaduto ed al tempo stesso forniscono vari dettagli relativi alla vita quotidiana ed alle interrelazioni degli abitanti del castello di Maiolati. Attraverso la ricostruzione di una vicenda locale, che suscita comunque generale scandalo, viene inoltre evidenziato il meccanismo di funzionamento della giustizia nel Cinquecento e delineata l’articolata struttura sociale dell’epoca, come pure le peculiarità di una comunità del contado jesino.

Il procedimento giudiziario analizzato fa parte del patrimonio documentario conservato dall’Archivio di Stato di Ancona nel fondo ex Pretura di Jesi – Cancelleria vescovile, complesso che raccoglie migliaia di procedimenti penali esaminati a tappeto dagli autori della pubblicazione e che infine è stato compendiato dallo studio delle carte giudiziarie presenti in alcune serie dell’Archivio storico diocesano di Jesi.

MOIE / ALLA BIBLIOTECA C’È IL PROGETTO “LA COSTITUZIONE, LA NOSTRA “CASA” … RACCONTIAMOLA AI RAGAZZI”

MOIE, 6 maggio 2018 – Entra nel vivo il progetto “La Costituzione italiana, la nostra ‘Casa’ … raccontiamola ai ragazzi” scelto dal Comune, tramite la biblioteca La Fornace, e dall’istituto comprensivo “Carlo Urbani” di Moie, in collaborazione con l’Anpi Media Vallesina come tema per aderire al “Maggio dei libri”, che si è aperto ufficialmente il 23 aprile con la Giornata mondiale Unesco del libro e del diritto d’autore. Una delle proposte del Centro per il Libro e la Lettura, Istituto autonomo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che dipende dalla Direzione Generale Biblioteche e Istituti culturali, era la “Lettura come libertà”. Un tema che rimanda allo sviluppo ed esercizio della libertà individuale, di pensiero critico e quindi di azione, che si affina grazie alla lettura. Da qui la decisione, visto anche l’anniversario dei 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione italiana, di proporre alla scuola un progetto incentrato proprio su di essa. Il percorso “La Costituzione italiana, la nostra ‘Casa’ … raccontiamola ai ragazzi” è rivolto agli alunni della scuola primaria e della secondaria di primo grado. Con la metafora della “Casa” si vuole far capire ai giovani che ogni aspetto fondamentale della loro quotidianità è custodito in questa preziosa Carta. Essa difende i diritti di tutti gli uomini e le donne, crede nel valore della democrazia, della solidarietà, nelle pari opportunità, valorizza le differenze, garantisce la pace. Parlare di Costituzione con i ragazzi significa farne dei cittadini e delle cittadine custodi della loro storia e protagonisti del loro futuro.

Fino al 31 maggio il progetto coinvolgerà sia la scuola primaria che la secondaria di primo grado. L’Anpi e la biblioteca proporranno agli alunni del primo ciclo la lettura di stralci del libro “La Costituzione raccontata ai bambini” di Anna Sarfatti, intervallata da attività di animazione per la costruzione della loro “Casa della Costituzione”, che poi diventerà il “cannocchiale per guardare il futuro”. A introdurre le attività saranno la presidente Patrizia Renzi e la segretaria Valentina Baiocco dell’Anpi Media Vallesina. Per quanto riguarda la scuola secondaria gli alunni incontreranno la Costituzione attraverso una lezione, in programma il 17 maggio, tenuta da Ero Giuliodori, professore di diritto presso la Scuola Secondaria di II grado e membro dell’Anpi Provinciale.

MOIE / QUARTO APPUNTAMENTO DELLA RASSEGNA “CATTIVI DENTRO”

JESI, 4 maggio 2018 – Quarto e ultimo appuntamento, domenica 6 maggio (ore 17,30), alla biblioteca La Fornace di Moie, della rassegna – organizzata dall’Associazione Euterpe in collaborazione con il Comune – dal titolo “Cattivi dentro”: una serie di incontri letterari, supportati da letture e dalla proiezione di scene tratte da film, attorno al volume di saggi omonimo di Lorenzo Spurio. Il titolo completo dell’opera è “Cattivi dentro Violenza, dominazione e deviazione in alcune opere scelte della letteratura straniera”.

L’incontro di domenica si intitola “Così esco dal mondo: alcuni suicidi letterari”. L’attenzione verrà posta sul suicidio letterario vale a dire nei confronti di personaggi che, calati nelle vicende proprie dei dati intrecci, compiono l’insano gesto: Adela in La casa di Bernarda Alba di Federico Garcia Lorca, Eyolf in Ibsen, i suicidi a catena nel romanzo generazionale di Jeffrey Eugenides.

La serata provvederà anche a un excursus attorno alla significativa incidenza della pratica autolesionistica in alcuni insigni letterati, con un approfondimento al caso Virginia Woolf. Interventi di Valtero Curzi (filosofo e poeta) ed Elena Coppari (scrittrice) Letture di Amneris Ulderigi (recitatrice e performer).

MOIE / CONVERSAZIONI SU “DISABILITÀ E PROGETTO DI VITA”

L’incontro è organizzato dal Gruppo Solidarietà in collaborazione con l’Amministrazione comunale

 

 

Fabio Ragaini del Gruppo Solidarietà

MOIE, 4 maggio 2018 – Domani, sabato 5 maggio, alle ore 17,15, alla biblioteca La Fornace di Moie si terrà l’incontro dal titolo “Disabilità e progetto di vita. Contrastare la re-istituzionalizzazione dei servizi”. L’incontro è organizzato dal Gruppo Solidarietà in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

Dopo una prima parte in cui il responsabile dell’associazione, Fabio Ragaini, converserà con don Franco Monterubbianesi, fondatore della Comunità di Capodarco, una delle più importanti esperienze italiane di de-istituzionalizzazione, seguiranno interventi di persone con disabilità, familiari, operatori e volontari.

Al termine della presentazione i partecipanti sono invitati ad un momento conviviale presso la sede del Gruppo Solidarietà, sempre nel centro culturale “eFFeMMe23” di Moie, che ospita anche la biblioteca La Fornace.