Tag Archivi: maiolati spontini

MAIOLATI / SI TINGE DI ROSA IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI, FASCIA TRICOLORE A UNA GIOVANE

MAIOLATI, 17 dicembre 2017 – Si è insediato ieri mattina (sabato 16 dicembre), con tanto di giuramento del neo-sindaco Greta Tassi, il Consiglio comunale dei ragazzi. Il centro comunale 6001 di Moie è stato, come due anni fa, teatro della cerimonia che rende istituzionale e condiviso un percorso, quello dell’organo rappresentativo degli alunni dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani”, che vanta a Maiolati Spontini una lunga tradizione. La giovane Greta, studentessa della secondaria di primo grado “Gaspare Spontini” di Moie, succede, infatti, ad altri sei alunni chiamati ad indossare la fascia di mini-sindaco. Un diminutivo, in realtà, che mal si coniuga con l’impegno e il senso di responsabilità con cui gli alunni vivono questa esperienza “di grande valore e dall’alto significato civico”, ha detto il vice sindaco Silvia Badiali che ha presenziato all’incontro, visto che il primo cittadino Domizioli era trattenuto da impegni istituzionali. Alla cerimonia erano presenti anche la dirigente dell’Istituto Comprensivo Maria Luisa Cascetti, il consigliere comunale con delega alla Partecipazione Stefania Lucidi e il consigliere ed ex sindaco Giancarlo Carbini, oltre che dei bambini delle classi quarte e quinte della primaria e dei ragazzi della secondaria di primo grado accompagnati dai docenti e dall’insegnante referente del progetto Andreina Carnuccio. Sono intervenuti anche tutti gli ex mini sindaci che si sono alternati in questi quindici anni, tranne uno perché impegnato a scuola, l’ex presidente del Consiglio regionale Raffaele Bucciarelli e l’ex dirigente scolastico dell’Itis “Marconi” di Jesi, Agostino Tassi, nonno della neo mini-sindaco. Insomma, è stata una festa e insieme un momento di riflessione e di partecipazioni attiva, carico di significato e di valori. Oltre al sindaco dei ragazzi si è insediato anche il Consiglio, frutto delle elezioni svoltesi lo scorso 30 novembre, formato da venti studenti-consiglieri di maggioranza e sei di minoranza.

“Dare ai ragazzi la possibilità di vivere un’esperienza di partecipazione – ha osservato la Badiali – contribuisce a renderli più responsabili ma è utile anche a noi amministratori perché significa metterci in condizione di capirli meglio, questi giovani, e magari trarre spunti e idee dalle loro istanze. Siamo orgogliosi del fatto che il nostro Comune abbia istituito, nel lontano 2002, il Consiglio comunale dei ragazzi e riteniamo sia un elemento qualificante anche averlo rinnovato periodicamente fino ad oggi con lo stesso entusiasmo”.

Il vice sindaco ha ringraziato Letizia Troiano, rimasta in carica negli ultimi due anni, facendole dono della preziosa medaglia commemorativa che ricorda il duecentesimo anniversario dalla prima rappresentazione de La Vestale di Spontini. Ha poi augurato buon lavoro a Greta Tassi e a tutti i giovani consiglieri di “affrontare la nuova e importante esperienza con il giusto entusiasmo”.

Ecco i nomi dei consiglieri, a partire dai più votati. Per la scuola secondaria di primo grado sono Mattia Tassi, Vittoria Garbini, Jonathan Barchiesi, Maddalena Magrini, Riccardo Bruno Pigini, Diana Munteanu, Martina Tisba, Chiara Piccioni. Per la scuola primaria sono Matilde Ferazzani, Valentino Donnini, Niangi Jaebets Lutete, Matilde Lorenzetti, Simone Marini e Edoardo Lovascio. Sono stati eletti come consiglieri di minoranza, invece, per la scuola secondaria Melisse Pantaloni, Alessandro Tiberi, Filippo Faini e Edoardo Gambini-Rossano, mentre per la scuola primaria Marika Chiucchi e Tommaso Febo.

La lista che ha espresso come sindaco la giovane Tassi ha vinto con un programma molto ambizioso, che toccava diversi ambiti, dallo sport all’istruzione, dalla cultura all’assistenza ad anziani e persone in difficoltà, dall’intercultura alla politica ambientale. Fra le proposte, l’organizzazione di mini-olimpiadi per fasce d’età, l’utilizzazione degli spazi scolastici nel pomeriggio per fare un “club del libro”, l’organizzazione di classi aperte per attività opzionali come teatro o danza, il coinvolgimento degli anziani in lezioni a scuola e in lavori manuali, la pianificazione di incontri con genitori di alunni di altre culture “per raccontarci le tradizioni dei loro paesi di provenienza”, la creazione di un parco urbano “dove ci siano animali da cortile da accudire”, fino all’ampliamento della pista ciclabile fino a scuola.

In questi anni hanno ricevuto la fascia simbolica di sindaco quattro ragazzi e due ragazze: Luca Marinelli (2002), Sebastiano Mazzarini (2006), Giuseppe Devanna (2009), Michele Meloni (2011), Giulia Nisi (2013) e Letizia Troiano (2015). Hanno partecipato alla vita della comunità maiolatese intervenendo nelle cerimonie pubbliche e nelle ricorrenze più importanti a fianco del sindaco votato dai cittadini. La scuola e l’Amministrazione comunale hanno voluto invitare anche loro alla mattina per ricordare insieme il quindicesimo anno di presenza del Consiglio comunale dei ragazzi nel comune di Maiolati Spontini. E tutti, tranne Michele Meloni, perché impegnato a scuola, hanno risposto all’appello e hanno preso la parola raccontando qualcosa di significativo della loro esperienza.

MAIOLATI / SI APRE LA STAGIONE DI PROSA CON “IL SECONDO FIGLIO DI DIO”

MAIOLATI, 15 dicembre 2017 – Si apre la Stagione Teatrale al Teatro “Gaspare Spontini”, promossa dalla Fondazione Pergolesi Spontini con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Maiolati Spontini.

Ad inaugurare il cartellone sarà, questa sera (15 dicembre) alle ore 21, Simone Cristicchi in Il secondo figlio di Dio scritto da Manfredi Rutelli e Simone Cristicchi, per la regia di Antonio Calenda; la produzione è di CTB Centro Teatrale Bresciano e Promo Music.

In cima a una montagna, davanti a una folla adorante di 4 mila persone, un uomo si proclama reincarnazione di Gesù Cristo. È il luglio del 1878. L’inizio di una rivoluzione possibile, che avrebbe potuto cambiare il corso della Storia.

Dopo il grande successo di Magazzino 18 (200 repliche e decine di migliaia di spettatori), Simone Cristicchi torna a stupire il pubblico con una storia poco frequentata, ma di grande fascino. Il nuovo spettacolo teatrale è ispirato alla vicenda incredibile, ma realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”. Ne Il secondo figlio di Dio, si racconta la grande avventura di un mistico, l’utopia di un visionario di fine ottocento, capace di unire fede e comunità, religione e giustizia sociale. Tra canzoni inedite e recitazione, il narratore protagonista ricostruisce la parabola di Lazzaretti, da barrocciaio a profeta, personaggio discusso, citato e studiato da Gramsci, Tolstoj, Pascoli, Lombroso e Padre Balducci; il suo sogno rivoluzionario per i tempi, culminato nella realizzazione della “Società delle Famiglie Cristiane”: una società più giusta, fondata sull’istruzione, la solidarietà e l’uguaglianza, in un proto-socialismo ispirato alle primitive comunità cristiane.

Il cant’attore Cristicchi racconta l’ ultimo ereticoLazzaretti, e quel piccolo lembo di Toscana (Arcidosso e il Monte Amiata) che diventa lo scenario di una storia che mai uguale fu agitata sulla faccia della terra, ponendoci una domanda più grande, universale, che riguarda ognuno di noi: la “divinità” è un’umanità all’ennesima potenza? Con l’ausilio di video-proiezioni e di una scenografia in continua mutazione, quella terra così aspra e bella, quella “terra matrigna e madre” diventa la co-protagonista, nel racconto della straordinaria vicenda di David Lazzaretti, il secondo figlio di Dio. Una storia che se non te la raccontano, non la sai. La storia di un’idea. La storia di un sogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LETTERE&OPINIONI / “LE REGOLE DEL GIOCO”

MAIOLATI, 13 dicembre 2017 – In questo periodo la maggioranza PD + Sinistra Unita del Comune di Maiolati è alle prese con il bilancio pluriennale 2018 – 2020.

Tralasciando per il momento i dettagli tecnici del bilancio (che riprenderemo fra alcuni giorni cercando di informarvi su quanto ha deciso la Giunta per il 2018 ed in prospettiva anche per gli anni 2019 e 2020, in relazione ad IMU, TARI, TASI, trasporto e mensa scolastica, tariffe e prezzi in generale), quello che salta subito all’occhio è l’evidente, sofferta e per certi versi paradossale vicenda politica che si sta consumando all’interno della compagine di maggioranza, così come emerge da quanto sta accadendo, ormai ripetutamente, in Giunta. Infatti, nella delibera di Giunta Comunale n. 155 dello scorso 24 novembre, relativa all’approvazione dello schema di bilancio di previsione 2018-2020, si può leggere l’ennesimo scontro politico tra l’assessore Piergigli, esponente del gruppo consiliare Sinistra Unita, e il resto degli assessori della maggioranza PD.
Questo è quanto riportato, in grassetto, nel testo della delibera:
“L’Assessore Piergigli dà lettura della propria dichiarazione che viene di seguito riportata: «Pur condividendo lo spirito e gli obiettivi del Bilancio non posso esprimere un giudizio positivo, con l’unica motivazione che esso contiene un piano triennale delle opere pubbliche che non approvo.
Nel rispetto della mia appartenenza alla Maggioranza, non partecipo al voto e mi riservo di verificare la disponibilità del Sindaco e della componente maggioritaria della Giunta ad accogliere le proposte che sono state a più riprese fatte ed è ovvio che il voto in Consiglio dipenderà da ciò.
Dichiaro sin da ora che, se persiste questo atteggiamento di totale chiusura rispetto alle nostre proposte, la presenza in maggioranza del Gruppo Sinistra Unita non può che apparire superflua ed inutile».

L’assessore Piergigli consegna la dichiarazione che viene conservata agli atti dell’ufficio ed esce dall’aula.”

In un passaggio precedente abbiamo definito paradossale la vicenda politica, ma in realtà i paradossi sono due e sono legati agli “atteggiamenti e comportamenti” politici, sia dell’assessore Piergigli che del sindaco Domizioli.
Infatti, per prima cosa quando un assessore non si riconosce più nelle linee e negli indirizzi politici delineati dal sindaco (e successivamente cambiati), quando le sue proposte sono ignorate e non prese in considerazione, quando soprattutto non condivide il documento principale dell’attività amministrativa dell’ente, cioè il bilancio, le dimissioni dalla carica sono innanzitutto un obbligo morale per rispetto dei suoi elettori e del suo partito.
Poi, l’atteggiamento del sindaco, oltre che paradossale è inspiegabile. Infatti, gli assessori non sono eletti dai cittadini, ma è lui che li nomina sulla base della fiducia che ripone in ognuno di loro, in relazione al suo programma politico che deve essere CONDIVISO IN OGNI PUNTO.
La delega assessorile non è una delega in bianco, ma vale fino a che l’assessore condivide IN TUTTO E PER TUTTO gli indirizzi politico-amministrativi del sindaco. Quando vengono meno queste condizioni, il sindaco NECESSARIAMENTE ED OBBLIGATORIAMENTE deve “dimettere” l’assessore, ritirandogli(le) la delega.
Non può esistere un voto non unanime in giunta! o gli assessori sono in perfetto accordo con il sindaco oppure si dimettono!
E IL SINDACO NON PUO’ STARE IN ATTESA (Di che cosa?! Che l’assessore abiuri se stesso e il suo partito per “amore” della carica e torni sui suoi passi con il capo coperto di cenere?!): DOMIZIOLI HA L’OBBLIGO DI DIMISSIONARE L’ASSESSORE(A) “RIBELLE”!

Questi sono i comportamenti corretti che derivano dalla legge sull’elezione diretta del sindaco, a meno che non sia il solito teatrino a cui siamo abituati da tempo, in cui agli annunci e ai proclami non seguono mai i fatti.

Queste sono le regole del gioco.

M5S Maiolati Spontini

LETTERE&OPINIONI / NOVITÀ SUL FRONTE DEI SERVIZI SCOLASTICI

MAIOLATI, 8 dicembre 2017 – Nell’ultima seduta del Consiglio comunale sono stati approvati due importanti provvedimenti relativi ai servizi scolastici e a quelli alle famiglie. Il primo riguarda l’istituzionalizzazione del servizio pre-scuola per la primaria e la secondaria di I grado. Un servizio aggiuntivo non obbligatorio che sino all’anno scolastico 2016/2017 era svolto attraverso la collaborazione incentivata del personale scolastico non docente. Per coprire il servizio da gennaio a giugno, invece, le famiglie dovranno corrispondere una quota di 80 euro, dal momento che a svolgerlo è ora del personale appositamente retribuito.

“Purtroppo da settembre 2017 – spiega l’assessore alla Pubblica istruzione Silvia Badiali – non c’è più la possibilità di copertura da oarte del personale non docente, pertanto l’Amministrazione comunale, conscia dell’importanza che questo servizio riveste per le famiglie, che per esigenze di lavoro devono accompagnare i figli a scuola prima dell’inizio delle lezioni, ha cercato di garantire l’immediata continuazione evitando così gravi disagi. Grazie all’aiuto del personale volontario, si è riusciti a dare una risposta immediata lavorando nel frattempo per dare la stabilità e continuità al servizio stesso”. Dal 6 novembre, dunque, il servizio è svolto da personale appositamente retribuito. Questo però ha comportato un aumento di costi a carico dell’Amministrazione comunale rispetto agli anni precedenti, pertanto dal 1° gennaio 2018 è prevista la corresponsione di una tariffa per i fruitori pari ad 80 euro per l’intero anno scolastico.

“Va chiarito – spiega sempre l’assessore Badiali – che il servizio per l’anno scolastico 2017/2018 è a pagamento solo per la quota inerente il periodo gennaio-giugno 2018. I bambini che pagano il trasporto, invece, hanno diritti al pre-scuola gratuito”.

L’altra importante novità riguarda la previsione di un’agevolazione sui servizi di mensa e trasporto scolastico per famiglie con almeno tre figli minori a carico ed un ISEE sino a 13.000 euro (soglia prevista dalla Regione Marche per accedere ai benefici di cui alla L.30/98 per le famiglie con 3 figli minori). Nella fattispecie si applicherà una riduzione del 40% sulla tariffa prevista.

“Questa misura di politica socio-familiare – sottolinea Badiali – è un importante segnale dato da questa Amministrazione nei confronti delle famiglie più numerose, tanto più importante considerando il fatto che il bilancio comunale, soprattutto per quanto riguarda le spese correnti, è in sensibile sofferenza. Pertanto la misura assume ancora più valore”.

 L’Amministrazione comunale

LETTERE&OPINIONI / MOIE, TRE GIORNI DI EVENTI PER IL DECIMO COMPLEANNO DELLA BIBLIOTECA

MOIE, 30 novembre 2017 – Tre giorni di eventi, spettacoli, presentazioni e incontri, e la partenza dell’Art bonus destinato ad un progetto per favorire la lettura fra i più piccoli. Sarà un fine settimana tutto da festeggiare per il centro culturale “eFFeMMe23” biblioteca la Fornace di Moie quello da venerdì 1° a domenica 3 dicembre. L’occasione sono i dieci anni di attività della struttura inaugurata il 1° dicembre del 2007. E con il compleanno arriva anche un regalo: la partenza del primo intervento finanziato con l’Art bonus. L’Amministrazione comunale ha individuato proprio la biblioteca come destinataria dello strumento, previsto dal Governo, per finanziare la cultura attraverso un credito di imposta a chi fa donazioni liberali a favore del patrimonio culturale. Fra i progetti da finanziare con l’Art bonus, tutti rivolti alle iniziative de “La Fornace”, anche dieci laboratori di promozione della lettura per giovani under 18 dell’importo di 500 euro. Ad aderire e finanziare questo primo progetto sono stati due artigiani di Moie, Virgilio Contadini e Patrizia Martizzi: i corniciai che hanno creato anche la bella intelaiatura in legno sistemata in biblioteca e utilizzata per lanciare la campagna ILoveBLF, che ha visto come testimonial decine di utenti ma anche volti noti, come l’attrice Stefania Sandrelli.

Per illustrare la rassegna dedicata al compleanno del centro culturale “eFFeMMe23” e festeggiare anche la partenza dell’Art bonus il Comune ha organizzato questa mattina (mercoledì 29 novembre), nella struttura di via Fornace 23 a Moie, una conferenza stampa. All’incontro sono intervenuti il sindaco Umberto Domizioli, il consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi, gli artigiani Virgilio Contadini e Patrizia Martizzi, i primi appunto ad avere aderito all’Art Bonus, Maria Letizia Cerioni, di Ubi Banca, sostenitore della biblioteca sin dalla sua nascita. la dirigente comunale Tiziana Barchiesi, la bibliotecaria Stefania Romagnoli.

La rassegna per il compleanno della biblioteca

Il cartellone predisposto dall’Amministrazione comunale per festeggiare le dieci candeline della biblioteca vanta nomi importanti e di grande attrattiva come l’autrice televisiva e conduttrice della trasmissione di Rai 3 Agorà, Serena Bortone, che parlerà dei nuovi scenari della comunicazione, e il calligrafo Enrico Ragni, alias il maestro Malleus, che offrirà gratuitamente al pubblico della biblioteca la sua “Opera totale”, con cui sta avendo grande successo in tutta Italia e non solo. E poi tante iniziative per i bambini, mostre, giochi, il concerto del duo rurale blues “SuperDownHome”, fino all’immancabile torta da gustare insieme ai cittadini e ai tanti amici della biblioteca.

Ecco nel dettaglio il programma. Venerdì 1 dicembre, alle ore 18.30, ci sarà la presentazione del libro “Scriptorum” di Malleus. Dopo aver raccontato l’arte della calligrafia e della nascita, a Recanati, del più grande Scriptorium del mondo, il maestro personalizzerà i libri acquistati, come eventuale dono per le festività natalizie, con una dedica scritta a mano con pennino e inchiostro. A seguire aperitivo offerto dalla Moncaro. Alle ore 21.30 va in scena, sempre nell’auditorium della biblioteca, “Opera totale”: un rivoluzionario viaggio multisensoriale attraverso la musica e i profumi.

Sabato 2 dicembre si inizia alle 10.30 con i “Sabati…da favola”, le letture per bambini a cura del GruppoVolontari lettoriXcaso Alle 16.30 ci sarà “Disegna con noi”, un workshop di chiaroscuro a matita e a pastello con tema il ritratto a cura di Silvia Bacci e Irene Vittori e alle 17 “L’officina di Babbo Natale”, un laboratorio per bambini dai 6 agli 11 anni a cura del Gruppo Volontari della Biblioteca (per entrambi info e prenotazioni allo 0731702206). Si prosegue alle 18.30 con l’inaugurazione di una mostra di arte figurativa e ritratto sempre di Silvia Bacci e Irene Vittori, visitabile negli orari di apertura della biblioteca fino a venerdì 22 dicembre.

Il sabato sera, dalle ore 21, sarà firmato dal “SuperDownHome”, il duo che unisce la tradizione del country blues al più moderno folk europeo. Un evento in collaborazione con la XII edizione Winter di San Severino Blues. Dalle 16 alle 19 i servizi della biblioteca saranno aperti.

Domenica 3 dicembre, alle ore 17, si parlerà de “La politica in 140 caratteri. Come cambiano gli scenari della comunicazione” con Serena Bortone. Modera il giornalista Paolo Notari. Alle 18.30 sarà il momento di “Tanti auguri Biblioteca! Chiacchiere, sorrisi e una fetta di torta per tutti per festeggiare il 10° compleanno della Biblioteca La Fornace”. Ultimo atto della rassegna, alle ore 21, “Sherlock Holmes alla Fornace”: una serata dedicata agli enigmi da svelare e a libri da individuare, a cura sempre del Gruppo Volontari della Biblioteca (Info e prenotazioni 0731702206).

 

La biblioteca e l’Art bonus

Il sindaco Umberto Domizioli ha ricordato come “la biblioteca sia frutto di un investimento di 3 milioni di euro, ripagato dai risultati, in termini di riconoscimenti e apprezzamenti a livello anche nazionale, ma anche dalla soddisfazione e dall’orgoglio di fronte alla risposta dei cittadini, di tutte le età, fra cui molti giovani, che hanno fatto della biblioteca un luogo di frequentazione e di incontro. Cercheremo di tenere aperta questa struttura, con l’auspicio che anche qualche Comune limitrofo si associ nella parte gestionale”. Il primo cittadino ha anche sottolineato come “l’anno che si chiude sarà ricordato per l’esplosione del fenomeno Art Bonus che riaccende il dibattito sulle donazioni in ambito culturale, sulle giuste leve da usare, ma anche sul ruolo delle organizzazioni culturali che sempre più dovranno muoversi verso nuovi sostenitori anche con figure professionali dedicate e nuovi strumenti di fundraising. Anche il comune di Maiolati Spontini, quindi, grazie alla generosità di Virgilio Contadini e Patrizia Martizzi, utilizzerà lo strumento dell’Art Bonus come opportunità per finanziare la cultura”.

“La gran parte degli utenti della biblioteca – ha ricordato il consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi – proviene da fuori Comune. Anche per questo abbiamo deciso di utilizzare l’Art Bonus a favore della biblioteca: per sostenere un servizio che ha dimostrato di sapersi conquistare un alto gradimento fra un pubblico vasto e variegato, anche dal punto di vista della provenienza”. Grizi ha ringraziato, oltre ai partner Ubi Banca e Moncaro, i primi due testimonial dell’Art bonus augurandosi che siano gli “apripista di questa opportunità di finanziamento della cultura”.

Gli artigiani Virgilio e Patrizia hanno sottolineato la vicinanza e l’affetto nei confronti della struttura di Moie, spiegando come “abbiamo aderito con convinzione al progetto Art bonus legato alla lettura e ai bambini perché crediamo molto nel ruolo della biblioteca di diffusione della cultura fra i più giovani e non solo. Siamo davvero orgogliosi di essere i primi ad avere aderito all’Art bonus, un regalo alla biblioteca e quindi a tutto il nostro territorio”.

La rappresentante di Ubi Banca Cerioni ha ricordato come la banca sia un partner storico de La Fornace: “siamo felici di condividere i successi della biblioteca e riteniamo fondamentale il suo ruolo sociale – ha detto – anche per i Comuni limitrofi. Ci auguriamo di continuare questo rapporto ancora per molto”.

La dirigente Tiziana Barchiesi ha evidenziato come “la scuola di Roma di fundraising ci ha selezionato, insieme ad altre 11 biblioteche in tutta Italia, per realizzare il progetto Biblioraising, dedicato alla formazione, consulenza e accompagnamento nella realizzazione di progetti di fundraising, con particolare riferimento allo strumento dell’Art bonus”. La bibliotecaria Stefania Romagnoli ha auspicato che “la partenza del primo intervento, rivolto ai laboratori per bambini, ci auguriamo dia una spinta anche ad altre iniziative di privati, per finanziare gli altri progetti individuati dalla giunta comunale”. D’altronde il legame della comunità della Vallesina con La Fornace si è sempre più rafforzato e consolidato in questi dieci anni.

L’Amministrazione comunale

 

MAIOLATI / “L’ALTRA FACCIA DELL’OPERA”, SPETTACOLO A FAVORE DELL’AISM

MAIOLATI, 28 novembre 2017 – Divertimento e risate ma anche solidarietà per una causa importante come la ricerca per la sclerosi multipla. L’appuntamento è per mercoledì 29 novembre alle ore 21,15 al Teatro Gaspare Spontini di Maiolati Spontini. La sezione provinciale Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) di Ancona presenterà lo spettacolo “L’altra faccia dell’opera”, una divertente commedia comico-culturale di Fiaschi-Voleri-Brunetti. L’ingresso è a offerta libera e il ricavato sarà interamente devoluto alla sezione AISM di Ancona. La prenotazione è obbligatoria: occorre chiamare lo 0712181424 o scrivere una mail a aismancona@aism.it

“L’altra faccia dell’opera” è uno spettacolo prodotto dalla Fondazione Sintomi di Felicità e patrocinato dal Comune di Maiolati Spontini, scritto e interpretato da Marco Voleri, tenore di fama internazionale e scrittore, Leonardo Fiaschi, comico, imitatore e cantante attualmente nel cast di “Domenica In” che vanta partecipazioni a Italia’s got talent, Colorado e Tale e Quale Show, e Sergio Brunetti, pianista, compositore, attore e scrittore di premiate commedie musicali rappresentate in tutta Italia. Per la sua unica caratteristica di unire bel canto e comicità, lo spettacolo è stato selezionato e messo in cartellone già da diversi teatri italiani e ha destato interesse anche in Europa, dove prossimamente verrà rappresentato.

Un’opportunità per assistere ad uno spettacolo di qualità, dunque, ma anche per sostenere l’Aism e le circa 900 persone che nella sola provincia di Ancona hanno ricevuto una diagnosi di sclerosi multipla, grave malattia del sistema nervoso centrale cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante che colpisce in particolare donne e giovani, dura tutta la vita e per la quale non esiste ancora una cura. L’Aism interviene a 360 gradi sulla sclerosi multipla e combatte accanto a chi ne è affetto grazie a una struttura a rete di cui fa parte la Sezione provinciale di Ancona, impegnata a lavorare su diversi fronti per le persone malate e per le loro famiglie.

Chi decide di partecipare allo spettacolo sosterrà concretamente i progetti dell’associazione. “Abbiamo bisogno di sostegno per portare avanti il nostro progetto di supporto psicologico – spiegano dall’Aism Ancona – che va avanti ormai da diversi anni e si è dimostrato importantissimo per i nostri utenti. 4000 euro ci permetterebbero di garantire 40 incontri di supporto psicologico di gruppo (uno alla settimana per un anno), 50 sedute di supporto psicologico individuale in un anno, per neodiagnosticati o persone con sclerosi multipla in fase di ricaduta. Ulteriori 3000 euro ci consentirebbero di garantire per il prossimo anno 10 cicli di riabilitazione in acqua (idrokinesiterapia) a 40 persone con patologia (4 persone per ogni ciclo da 10 sedute, come da decreto ministeriale). Parliamo dunque non di aspirazioni, non di speranze, ma di attività concrete, verificabili, che negli ultimi anni hanno già rappresentato occasioni preziose per molti e che vogliamo coinvolgano sempre più persone con sclerosi multipla. Aiutateci anche voi”.

STAGIONE TEATRALE / ECCO IL CALENDARIO DEL PERGOLESI E DEL TEATRO “GASPARE SPONTINI”

Giulio Scarpati e Valeria Solarino

JESI, 28 novembre 2017 – La Fondazione Pergolesi Spontini con gli Assessorati alla Cultura dei Comuni di Jesi e Maiolati Spontini, in collaborazione con MARCHE TEATRO Teatro di Rilevante Interesse Culturale e con il contributo di Ubi – Banca, SO.GE.NU.S, Annibaldi e Pandolfi – Casa del Commiato e C.P.M. Gestioni Termiche S.r.l. presentano i cartelloni delle Stagioni Teatrali 17 18 del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi e del Teatro G. Spontini di Maiolati. 

La Stagione Teatrale 2017-2018 del Teatro G.B. Pergolesi si apre venerdì 2 febbraio 2018 con lo spettacolo REGALO DI NATALE di Pupi Avati, adattamento teatrale, a cura di Sergio Pierattini, uno tra i più bei film di Avati, lucido, amaro, avvincente. Cinque attori di grande livello, Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro Gennaro Di Biase, ci restituiscono la vicenda ai tempi dell’attuale crisi economica, diretti con maestria da Marcello Cotugno. Al centro dello spettacolo, quattro amici che non si vedono da dieci anni e che si ritrovano per una partita a poker; sul piatto, oltre ai soldi, c’è il bilancio della vita di ognuno, un’amara riflessione su come stiamo diventando e su come siamo diventati.

Giovedì 1 marzo 2018 è la volta di QUI E ORA scritto e diretto da Mattia Torre, con Paolo Calabresi Valerio Aprea in una produzione Nuovo Teatro. “Vi si racconta lo scontro tra due individui sopravvissuti a un incidente in scooter, alla periferia estrema di una grande città, nella sfiduciata attesa dei soccorsi – spiega il regista – Nel loro scontro si esprime il cinismo e il senso di lotta dell’Italia di oggi, questo Paese sempre idealmente a un passo dalla guerra civile, in cui la cattiva amministrazione finisce per generare sfiducia non solo dei cittadini verso le istituzioni, ma anche tra cittadini e cittadini, in un clima sempre più teso e violento, che trova il suo apice nella grande città”.

Lucia Mascino

Il cartellone prosegue martedì 13 marzo 2018 con il testo di Agata Christie e l’interpretazione di Maria Amelia Monti in MISS MARPLE, GIOCHI DI PRESTIGIO diretto da Pierpaolo Sepe, con adattamento teatrale di Edoardo Erba; la produzione è di Compagnia Gli Ipocriti. “Miss Marple”, la più famosa detective di Agatha Christie, sale per la prima volta su un palcoscenico in Italia. E lo fa con la simpatia di Maria Amelia Monti, che dà vita a un personaggio contagioso, in un’interpretazione che creerà dipendenza. Con lei due attori di originale talento come Roberto Citran e Giulia Weber, e un gruppo di giovani dalla strabordante energia scenica. Adattando il romanzo, Edoardo Erba riesce a creare una commedia contemporanea, che la regia di Pierpaolo Sepe valorizza con originalità, senza intaccare l’inconfondibile spirito di Agatha Christie.

Venerdì 30 marzo 2018, Lucia Mascino e Filippo Dini sono i protagonisti di ROSALIND FRANKLIN, IL SEGRETO DELLA VITA di Anna Ziegler in una produzione del Teatro Eliseo. La grande storia è la scoperta della struttura del DNA e il piccolo straordinario racconto degli ultimi anni di vita della scienziata Rosalind Franklin. Ci troviamo di fronte ad uno degli avvenimenti più sconvolgenti e controversi nella storia del pensiero e delle conoscenze scientifiche. Tutta l’umanità si inchina e si compiace in un unico trionfale applauso nei confronti dei grandi scienziati che sono riusciti a decifrare quello che comunemente era definito il segreto della vita.  La vicenda, tuttavia, fu tutt’altro che epica e nobile. I personaggi coinvolti in questa scoperta furono molti, tutti scienziati autorevoli che collaborarono in diverse fasi alla stessa ricerca, ma che furono vittime e carnefici, a seconda delle alterne fortune, delle reciproche invidie e desideri di riscatto personali. In compagnia anche Dario Iubatti (in questo momento in compagnia con Cecchi nell’Enrico IV) e Alessandro Tedeschi (di Carrozzeria Orfeo).

Paolo Calabresi e Valerio Aprea

Mercoledì 11 aprileGaia De Laurentis e Ugo Dighero presentano la commedia brillante L’INQUILINA DEL PIANO DI SOPRA dal testo di Pierre Chesnot con la regia di Stefano Artissunch, produzione Synergie Arte Teatro. Un classico della comicità di Pierre Chesnot, uno di quei rari meccanismi drammaturgici ad orologeria. Commedia dai buoni sentimenti che ride dei rapporti di coppia e di eventi come il tentativo di suicidio più volte minacciato dalla protagonista. Una favola sul dramma della solitudine con un lieto fine sospirato, una commedia che mette il buon umore e fa amare la vita, proprio perché ridicolizza il dramma che ognuno di noi ha in sé.

Giovedì 19 aprile 2018, sul palco del Teatro G.B. Pergolesi arrivano Lino Musella e Paolo Mazzarelli in STRATEGIE FATALI scritto e diretto sempre da Musella Mazzarelli lo spettacolo, già applaudito in molti teatri italiani, vede in scena assieme al duo ancheMarco Foschi, Laura Graziosi, Annibale Pavone, Astrid Casali, Giulia SalvaraniLo spettacolo è prodotto da Marche Teatro. È il Teatro, inteso sia come ambiente fisico che come ultimo possibile luogo di indagine metafisica, il grande tema di “Strategie Fatali”. Ecco quindi tre storie che si intrecciano fra loro, sette attori, sedici personaggi, riuniti in un’unica multiforme indagine che – nell’ambientazione comune di un Teatro – mette di fronte alcuni dei grandi temi del contemporaneo (il terrore, il porno, i nuovi media) con alcuni temi eterni dell’essere umano (il maligno, l’illusione, il fantasma, ancora il Teatro). La Compagnia MusellaMazzarelli, con questo nuovo spettacolo, arricchisce ulteriormente il suo gioco teatrale, apre le porte – usando Shakespeare e Baudrillard come chiavi – ad una scrittura che chiama in causa un numero crescente di compagni di scena, ma tiene fede a quella sua caratteristica cifra stilistica che si muove sul confine sottile fra comico e tragico. MusellaMazzarelli per Strategie Fatali sono in lizza per il Premio Rete Critica 2017.

Gaia De Laurentis e Ugo Dighero

La Stagione 17 18 del Teatro Gaspare Spontini si apre venerdì 15 dicembre 2017 con Simone Cristicchi in IL SECONDO FIGLIO DI DIO scritto da Manfredi Rutelli e Simone Cristicchi, per la regia di Antonio Calenda; la produzione è di CTB Centro Teatrale Bresciano e Promo Music. Il cant’attore Cristicchi (da pochi giorni direttore del Teatro Stabile d’Abruzzo) racconta l’”ultimo eretico” Lazzaretti, e quel piccolo lembo di Toscana (Arcidosso e il Monte Amiata) che diventa lo scenario di una storia che mai uguale fu agitata sulla faccia della terra, ponendoci una domanda più grande, universale, che riguarda ognuno di noi: la “divinità” è un’umanità all’ennesima potenza?  Con l’ausilio di video-proiezioni e di una scenografia in continua mutazione, quella terra così aspra e bella, quella “terra matrigna e madre” diventa la co-protagonista, nel racconto della straordinaria vicenda di David Lazzaretti, il secondo figlio di Dio. Una storia che se non te la raccontano, non la sai. La storia di un’idea. La storia di un sogno.

Giovedì 11 gennaio 2018 arriva a Maiolati lo spettacolo UNA GIORNATA PARTICOLARE di Ettore Scola e Ruggero Maccari con protagonisti Giulio Scarpati e Valeria Solarino e la regia di Nora Venturini, prodotto da Compagnia Gli Ipocriti. Superando timori e scrupoli verso il capolavoro cinematografico originale, perché a ben guardarla la sceneggiatura di Scola e Maccari nasconde una commedia perfetta. Un ambiente chiuso, due grandi protagonisti, due storie umane che si incontrano in uno spazio comune in cui sono “obbligati” a restare, prigionieri. Fuori il mondo, la Storia, di cui ci arriva l’eco dalla radio. Un grande evento che fa da sfondo a due piccole storie personali, in una giornata che sarà particolare per tutti: per Gabriele, per Antonietta, per la sua famiglia che si reca alla parata, per gli Italiani che festeggiano l’incontro tra Mussolini e Hitler, senza sapere quanto fatale sarà per i destini del Paese. Unità di tempo, unità di luogo. E due personaggi che, grazie al loro incontro, cambiano, si trasformano sotto i nostri occhi, scoprono una parte nuova di sé stessi, modificano il loro sguardo sulla realtà che li circonda.

Martedì 30 gennaio 2018 Francesco Pannofino ed Eleonora Rossi presentano BUKOROSH, MIO NIPOTE Ovvero il ritorno dei suoceri albanesi, di Gianni Clementi, adattamento teatrale Edoardo Erba, con la regia di Claudio Boccaccini; produzione Viola Produzioni. Dopo lo straordinario successo de “I Suoceri Albanesi” con una tournèe di 200 repliche in tutta Italia, Francesco Pannofino ed Emanuela Rossi, tornano a raccontarsi in Bukurosh, mio nipote. Un interno medio borghese, una famiglia che vede messa in pericolo la propria presunta stabilità ed è costretta a mettersi in gioco. Bukurosh, mio nipote vuole essere una divertita riflessione sulla nostra società, sui nostri pregiudizi, i nostri timori, le nostre contraddizioni, debolezze e piccolezze.

Mercoledì 28 febbraio Neri Marcorè in QUELLO CHE NON HO di e regia di Giorgio Gallione, produzione Teatro dell’Archivolto. “Quello che non ho” è un affresco teatrale che, utilizzando la forma del teatro canzone, cerca di interrogarsi sulla nostra epoca, in precario equilibrio tra ansia del presente e speranza del futuro. Ispirazione principale di questo percorso sono le canzoni di De Andrè (in particolare del concept album “Le nuvole”) e le visioni lucide e beffarde di Pier Paolo Pasolini, apocalittiche, visionarie profezie (contenute nel poema filmico “La rabbia”) che raccontano di una “nuova orrenda preistoria”, che sta minando politicamente ed eticamente la società contemporanea.

 La Stagione del Teatro Spontini si chiude sabato 24 marzo 2018 con lo spettacolo del Circo El Grito, SCRATCH & STRETCH, con Fabiana Ruiz Diaz e Giacomo Costantini, occhio esterno Micheline Vandepoel, ricerca acrobatica Catherine Magis. Un viaggio sorprendentemente originale un’esperienza sensoriale unica dove perdersi in un componimento sinfonico di acrobazie, giocolerie, musiche! Uno spettacolo sensibile e poetico, dove l’incontro tra circo, musica e teatro dà vita ad una tenera esplosione di energia che toccherà la vostra anima. Spettacolo d’esordio della compagnia, nasce per essere rappresentato in strada e debutta nel giugno 2008 a Bruxelles con il sostegno di Espace Catastrophe, centro internazionale di creazione delle arti circensi. Lo spettacolo ha ottenuto un grande successo in Europa e in tre stagioni estive è stato rappresentato più di 180 volte tra Italia, Belgio, Francia, Austria e Germania.

MAIOLATI SPONTINI / ‘IL BATTITO CHE UNISCE’, DOMENICA A TEATRO PER BENEFICENZA

il primo edificio del Campus

MAIOLATI SPONTINI, 22 novembre 2017 – Organizzato dall’Associazione ‘il battito che unisce’, una Onlus che dal 2008 raccoglie fondi per costruire un campus scolastico a Mapinga che permetterà di proseguire gli studi fino a 18 anni ai bambini che oggi frequentano le scuole materna e primaria del vicino villaggio di Chang’ombe in Tanzania e altri ancora, indipendentemente dal loro credo o condizione sociale, domenica 26 novembre alle ore 17,15 andrà in scena ‘Lu Varbiere de Sirviglià’.

Una commedia in due atti di Adriano Marchi, presentata dalla Compagnia Nuovo Oratorio Cristo Re di Caldarola, dove la trama parla di un marito esasperato dalla moglie soverchiatrice e dalla sciocca figlia civettuola vuole fargliela pagare per le varie prevaricazioni e, aiutato dai furbi becchini del paese e dalla guardia comunale,  escogita un piano per disonorare la moglie e darsi alla pazza gioia.

Prevendita dei biglietti presso il Petalo in via Risorgimento a Moie.

L’organizzazione è a cura del ‘il battito che unisce’ in collaborazione co la parrocchia di Santa Maria delle Moie e con il patrocinio del comune di Maiolati Spontini.

La commedia sarà rappresentata al teatro comunale Gaspare Spontini.

L’incasso sarà devoluto anche a favore delle popolazioni colpite dal terremoto.

e.s.

LETTERE&OPINIONI / IL VENTO E LA DISCARICA

MAIOLATI, 17 novembre 2017 – Domenica 29 ottobre 2017, in seguito al forte vento che ha interessato il nostro territorio, nella discarica “La Cornacchia” di Moie si è verificato il sollevamento e lo spostamento di rifiuti dalla vasca, tutt’ora in coltivazione, alla recinzione  che a stento ha trattenuto materiali plastici e di altra natura. I cittadini che sono passati casualmente sulla strada che costeggia la discarica hanno potuto vedere questo spettacolo indegno (vedi foto).

Come cittadini chiediamo al Sindaco di Maiolati che è il proprietario della discarica, come mai il vento ha potuto sollevare e spostare i suddetti rifiuti? Che fine hanno fatto i rifiuti di più piccola pezzatura, frammenti e polveri, che non possono essere trattenuti dalla rete?

Alcune settimane fa, abbiamo chiesto al Sindaco di attivarsi per verificare l’impatto sanitario della discarica “La Cornacchia” di Moie sulla popolazione, essendo ormai assodato che tutto ciò che ha un impatto sull’ambiente ha anche una ricaduta negativa sulla salute umana. In poche parole ABBIAMO CHIESTO DI VALUTARE L’EVENTUALE COSTO UMANANO DI QUESTA IMPRESA E NON SOLO IL RITORNO ECONOMICO prima di progettare ulteriori ampliamenti. Non abbiamo avuto alcuna risposta.

L’ACU Marche, l’associazione di cittadini e utenti, che ci sostiene ha segnalato agli organi competenti il fenomeno verificatosi e la verifica della correttezza del procedimento di interramento, l’esistenza e l’efficacia dei sistemi di mitigazione dell’impatto ambientale previsti nel progetto di innalzamento della vasca approvato dalla Provincia e il controllo del territorio circostante per verificare l’impatto sull’ambiente. Siamo in attesa delle verifiche opportune.

Nel frattempo apprendiamo dagli organi di stampa che l’architetto  Goffi che, in qualità di dirigente del servizio gestione e  tutela del territorio presso la  Regione Marche, ha dato parere favorevole all’innalzamento della discarica “La Cornacchia” di Moie, è stato nominato direttore dell’Arpam, cioè dell’ente che dovrà controllare la correttezza e gli effetti sull’ambiente di quell’ampliamento. In pratica l’architetto Goffi sarà chiamato a controllare la correttezza del proprio operato. Insomma la solita storia italiana, il controllore è anche il controllato. Onestamente come cittadini ci sentiamo sconfortati! Vogliamo comunque essere ottimisti e ci aspettiamo che l’architetto  Goffi  che a suo tempo in Regione  ha espresso  parere favorevole all’innalzamento dei rifiuti nella discarica di cui sopra, e l’architetto BUGATTI della Provincia che ha firmato tale provvedimento, vadano  personalmente a vedere come mai i rifiuti che dovrebbero essere interrati vengono invece sollevati e trasportati dal vento e che avvii un’opera di monitoraggio serio per verificare dove vengono invece trasportate le polveri che non possono certo essere trattenute dalla rete di recinzione.

Ci aspettiamo anche che l’Asur attivi, finalmente, tutti gli strumenti oggi disponibili per verificare l’impatto sulla salute umana della discarica “La Cornacchia” di Moie.

Comitato Difesa Diritti civici e Beni comuni

LETTERE&OPINIONI / MAIOLATI, SI FESTEGGIA L’ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI SPONTINI

MAIOLATI, 14 novembre 2017 – Un compleanno speciale per un personaggio che ha lasciato una traccia fondamentale nella storia della musica. Un compleanno da trascorrere nella sua casa natale, diventata Museo, o nei luoghi delle celebrazioni in suo onore, fra cui il Teatro che porta il suo nome. Parliamo della ricorrenza della nascita di Gaspare Spontini.

La Fondazione Gaspare Spontini e l’Amministrazione comunale celebrano domenica prossima, 19 novembre, il 243esimo anniversario della nascita del più illustre cittadino maiolatese: il grande compositore esaltato dalle corti europee dell’800 e preso come riferimento da Wagner. Nato il 14 novembre del 1774 nel piccolo borgo collinare, Gaspare Spontini decise, dopo essere vissuto a Parigi e Berlino, di tornare nelle Marche e di trascorrere gli ultimi anni dell’esistenza nella sua Maiolati, nei confronti della quale manifestò sempre grande munificenza.

La giornata dedicata a Spontini inizierà con la cerimonia religiosa alle ore 11,30 nel Teatro comunale, visto che la chiesa parrocchiale di Santo Stefano è al momento chiusa. La messa sarà celebrata alla presenza del presidente della Fondazione Gaspare Spontini Paolo Perticaroli, del sindaco Umberto Domizioli e della Giunta comunale, con vigili urbani in alta uniforme che scortano il gonfalone.

Dopo la messa in suffragio si formerà un corteo che raggiungerà la casa natale del Maestro. Qui si svolgerà la commemorazione ufficiale, con la deposizione della corona di alloro di fronte al busto del compositore. Al termine, la Società Filarmonica Gaspare Spontini eseguirà l’Allegro marziale tratto dal I atto de La Vestale.

In occasione del compleanno del Maestro l’Archivio Biblioteca Museo Gaspare Spontini sarà visitabile eccezionalmente a ingresso gratuito il giorno 14 novembre, dalle ore 16 alle ore 19,30 e il giorno delle celebrazioni, domenica 19 novembre, pagando il biglietto di 3 euro, sempre dalle ore 16 alle ore 19,30.

L’Amministrazione comunale