Tag Archivi: scuola

JESI / PRIMA PROVA MATURITÀ, “NON ERANO TITOLI IMPOSSIBILI”

JESI, 20 giugno 2018 – Appena terminata la prima prova degli esami di maturità, abbiamo chiesto ad alcuni studenti della scuola Cuppari la loro impressione sulla prova affrontata. “Non erano titoli impossibili, la prova non mi è sembrata particolarmente difficile”  racconta una ragazza davanti scuola, appena terminata la prima prova.

Chiediamo ad un gruppo di studenti appena usciti quale traccia abbiano scelto e  risulta che in molti hanno svolto il tema  “Masse e propaganda, regimi totalitari  nella società contemporanea“.

Altri hanno affrontato la traccia “I diversi volti della solitudine nell’arte e nella letteratura” parlando di  Pirandello e del tema della maschera presente in molti suoi scritti.

Due  degli intervistati hanno seguito la traccia  di Giorgio Bassani de “Il giardino dei Finzi Contini“, nessuno quella che riguardava la Creatività, ed uno solo quello su Aldo Moro e su “Eguaglianza formale e sostanziale della Costituzione”.

Alcuni, non molti in verità, hanno scelto la traccia sul “dibattito bioetico sulla clonazione”.

Quasi tutti erano soddisfatti del lavoro svolto perché trattato durante l’anno scolastico o approfondito tramite letture personali.

Soddisfazione quindi ma anche molta stanchezza per vie delle ore delle 6 ore di esame e la complessità  e della concentrazione richieste dalla prova.

Sono 500 mila gli studenti impegnati nell’esame quest’anno. Al via domani (giovedì 21) la seconda prova, con durata variabile (da 4 a 8 ore) a seconda delle discipline che caratterizzano gli indirizzi.

La terza prova, assegnata da ciascuna commissione d’esame, è in calendario lunedì 25 giugno. Infine, la discussione orale di una tesina multi-disciplinare ma dal 2019 , via la tesina, che verrà sostituita da una conversazione volta ad accertare «competenze, capacità argomentativa e critica e l’esposizione delle attività svolte in alternanza scuola-lavoro.

Cristina Amici Degli Elci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

JESI / BIBLIOTECA VIVENTE: PROGETTO PER GLI STUDENTI DEL ‘CUPPARI’ DEDICATO ALLA SOLIDARIETA’ SOCIALE

JESI, 20 giugno 2018 – Con l’obiettivo di far riflettere i ragazzi sulle difficili relazioni tra genitori e figli nell’età adolescenziale e sull’esperienza di un genitore con figlio con handicap, l’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico “Pietro Cuppari” di Jesi ha realizzato il progetto “Biblioteca vivente” in collaborazione con Anteas (Associazione Nazionale tutte le età attive per la solidarietà) Marche e Anteas Jesi.

 

Durante i mesi di maggio e giugno, gli alunni della I B AFM e della I C AFM sono stati coinvolti nella lettura di due libri viventi (Antonio Massacci con “Se fossi ali…” e Francesca Conti con “Vorrei comprenderti: ascoltare il silenzio”) e nella visita al Centro Socio Educativo Motorio Comunità “Maschiamonte” di Jesi, la struttura che ospita soggetti affetti da disabilità intellettiva.

 

Attraverso la “Biblioteca vivente” i ragazzi e le ragazze del Cuppari hanno compreso il valore della persona, della vita e soprattutto della solidarietà sociale, tanto importante per restituire dignità e sostegno a qualsiasi individuo, e anche per diffondere un messaggio di inclusione sociale.

 

Gli studenti, accompagnati in ogni tappa del percorso dalle docenti Maria Grazia Sabbatini e Chiara Bergantino, hanno partecipato con interesse e con la consapevolezza dell’importanza delle relazioni tra persone.

 

Con il progetto “Biblioteca vivente” la mission dell’Istituto Cuppari, che non è solo quella di trasmettere saperi, ma anche di coltivare nei ragazzi spazi di conoscenza e di attenzione all’altra persona, ha camminato di pari passo con quella di Anteas e della Comunità Maschiamonte, che da sempre promuovono l’aiuto concreto alle persone più fragili.

 

D’altronde, l’Istituto jesino investe da sempre sui giovani, soprattutto nel far loro acquisire competenze sociali ed, oggi, come in passato, è in prima linea per accompagnare i ragazzi e le ragazze verso il futuro come cittadini consapevoli e responsabili.

CHIARAVALLE / LA FESTA COLORATA E ORIGINALE DELL’ISTITUTO MONTESSORI AL PARCO PRIMO MAGGIO

CHIARAVALLE, 19 giugno 2018 –  Una festa colorata e allegra al parco Primo Maggio per salutare la fine dell’anno scolastico.

Hanno scelto di trascorrere una giornata insieme tra giochi, laboratori e tanta spensieratezza i bambini e le famiglie dell’istituto comprensivo Maria Montessori di Chiaravalle.

Sono state numerose le attività organizzate per l’evento: dalla pittura con l’utilizzo di stencil per riprodurre opere di grandi artisti, alla creazione di shopper per la spesa, riciclando magliette di cotone, fino alla realizzazione di uno dei simboli del materiale montessoriano, il cubo del binomio, pitturato dai bambini stessi, nella versione componibile.

L’evento ha visto anche la partecipazione di Marco Moschini, maestro e scrittore di testi per l’infanzia e ragazzi, che ha proposto un laboratorio di animazione e lettura.

Non potevano certamente mancare i tornei dei giochi di una volta, il tiro alla fune, il ruba bandiera, la pignatta che hanno preceduto una merenda offerta a tutti i partecipanti.

Tantissimi sono stati i bambini che hanno partecipato all’evento insieme ai loro genitori, che hanno contribuito in maniera rilevante alla realizzazione della giornata di festa. Prima di salutarsi sono stati consegnati i diplomi di partecipazione ed è stata allestita una raccolta fondi per sostenere le future attività.

La festa, infatti, è stata realizzata dal comitato dei genitori in collaborazione con l’istituto comprensivo Montessori. Papà e mamme si sono occupati dell’allestimento, dell’organizzazione dei laboratori e dei contatti con i vari enti e associazioni che hanno contribuito a rendere speciale questa giornata e ai quali va un sentito ringraziamento.

 

Gianluca Fenucci

JESI / SCUOLA MARTIRI DELLA LIBERTÀ: A SETTEMBRE DOVE?

JESI, 15 giugno 2018 – Insegnanti e famiglie in ansia per il trasferimento di tutte le classi e del personale docente della scuola Martiri della Libertà a settembre. Insegnanti e alunni, non sanno ancora dove saranno trasferiti.

Inizieranno infatti a breve i lavori di consolidamento della struttura e messa a norma dell’impianto antincendio nella scuola motivo per cui tutti i bambini saranno trasferiti “ospiti” di altre scuole jesine. La preoccupazione però c’è e si amplifica anche perchè ad oggi non si sa ancora la destinazione ultima di ragazzi e docenti.

Problemi da risolvere in fretta anche per permettere alle famiglie di organizzarsi soprattutto per coloro che hanno più di un figlio in classi diverse.

Il problema si pone anche per quegli insegnanti di discipline primarie (italiano e matematica) che potrebbero trovarsi a dover fare lezione prima in un istituto poi in un altro magari distanti tra loro senza plausibili tempi di interscambio.
Una patata bollente per la quale l’ amministrazione comunale non ha dato ancora alcuna indicazione anche se sul tavolo ci sono delle proposte. Per il “tempo pieno” si pensa al plesso “Garibaldi” mentre per il resto degli scolari gli spazi si potrebbero reperire al “Federico II“. Il summit tra sindaco, dirigente scolastico e consiglio di istituto è in programma per il 25 giugno.

 

Cristina Amici Degli Elci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / STUDENTI A TEATRO, PROGETTO ‘COME CAMBIA IL VENTO’

JESI, 11 giugno2018 – “Quando cambia il vento …” è il titolo dello spettacolo che quest’anno, con le regia di Cecilia Mancia, gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Lorenzo Lotto” hanno presentato al pubblico del Teatro Pergolesi venerdì scorso, 8 giugno.

Nella rappresentazione sono stati coinvolti alunni della classi quinte delle scuole primarie “Conti” e “Mestica”.

La rappresentazione ha costituito il traguardo di un percorso intrapreso da circa un centinaio di alunni che hanno trovato nell’esperienza una occasione per un gioco nuovo in grado di aumentare le possibilità di comunicazione e di relazione nella globalità dei linguaggi. Non solo, esso ha permesso loro di entrare in un mondo della comunicazione diverso dal linguaggio verbale, riuscendo ad esprimersi attraverso il corpo, la danza creativa e collettiva, il canto e la produzione sonora.

Al termine di questo interessante progetto e alla luce dei consensi da esso ottenuti gli organizzatori tutti hanno voluto ringraziare quanti, in ogni maniera, li hanno sostenuti, anche finanziariamente, dando loro l’appuntamento all’anno prossimo.

s.b.

 

JESI / PANATHLON CLUB: STUDENTE ATLETA, PREMIATE BEATRICE FAVA E BIANCA MARINI

Jesi, 10 giugno 2018 – Anche quest’anno il Panathlon Club di Jesi ha indetto il premio Studente Atleta, che viene preso da esempio perché coniuga quella che dovrebbe essere considerata l’essenza della vita quotidiana: la competizione, lo studio e la lealtà.

Il “Premio Studente atleta” consiste borse di studio da assegnare a studenti che, unitamente ad un ottimo profitto scolastico, abbiano conseguito meriti sportivi in qualsiasi manifestazione ufficiale delle attività agonistiche di ogni ordine e grado delle Federazioni Sportive riconosciute dal C.O.N.I. Solitamente concorrono al  Premio  gli studenti di ambo i sessi che, nell’anno in esame (quest’anno sono stati premiati atleti frequentanti la scuola nell’anno 2016-17), abbiano frequentato la Scuola Media di 1° e 2° grado, nel territorio del Club che, oltre a Jesi, comprende i Comuni di Belvedere Ostrense; Castelbellino; Castelplanio; Chiaravalle; Cupramontana; Maiolati Spontini; Mergo; Monsano; Montecarotto; Monteroberto; Monte San Vito; Morro d’Alba; Poggio San Marcello; Poggio San Vicino; Rosora; San Marcello; Santa Maria Nuova; San Paolo di Jesi; Staffolo.

I premi, uno per studente di scuola media inferiore, uno per studente di scuola media superiore, sono stabiliti nella misura di € 500,00 cadauno.

Un premio che deve costituire un aiuto alle famiglie dei giovani in questo particolare momento di crisi e deve essere anche un momento di grande gioia per i genitori, per i professori e per i dirigenti sportivi che sono riusciti ad ottenere questo splendido risultato educativo.

Per i Panathleti è la migliore ricompensa per l’ impegno che riesce a produrre risultati positivi sulla crescita fisica e morale dei giovani, basta che ogni soggetto,  la famiglia, la  scuola, le società sportive, facciano squadra.

Premiati, quest’anno, in una serata conviviale sagacemente condotta dal presidente Fabio Fittaioli presso il ristorante Rusticanella di Jesi, alla presenza dell’assessore allo sport Ugo Coltorti, sono stati la schermitrice Beatrice Fava, di 15 anni,del liceo linguistico Leonardo da Vinci, appartenente al Club Scherma Jesi, pluridecorata in campo regionale e nazionale sia nella spada sia nel fioretto.

L’altra giovane premiata è stata Bianca Marini, del liceo Vittorio Emanuele II, che pratica l’atletica leggera paralimpica, categoria T 35, campionessa italiana, plurimedagliata, e medaglia d’oro sia a livello europeo che mondiale negli 800 metri piani.

Entrambe con un curriculum lunghissimo. Due giovani campionesse nella scuola e nello sport, come il Panathlon ha voluto, quando propose il “Premio Studente Atleta”.

CHIARAVALLE / ALL’ENDAS SI E’ PARLATO DELLA MONTESSORI CON LA SBARBATI, CRISPIANI E BIANCHINI

CHIARAVALLE, 7 giugno 2018 – Si è parlato della Montessori e di alcuni progetti intorno alla figura della grande pedagogista che potrebbero far decollare anche economicamente la città.

Ne hanno parlato la sen. Luciana Sbarbati, il prof. Piero Crispiani e il prof. Alessandro Bianchini, candidato sindaco della lista Per la Città.

“La città – ha detto Crispiani – deve costruire uno staff per ridare dignità alla figura di Maria Montessori che è molto più conosciuta e apprezzata all’estero che in Italia. Chiaravalle deve esprimere un pool di persone che si occupino della formazione montessoriana e deve diventare un punto di riferimento per tutto l’universo Montessori”.

Luciana Sbarbati ha detto che deve essere un imperativo categorico valorizzare la città tramite la Fondazione Montessori. “Bisogna favorire la formazione perché stiamo assistendo al dramma dei nostri adolescenti. Bisogna comprendere, analizzare i bisogni dei nostri ragazzi. Non c’è bisogno di repressione o di nuovi sceriffi. Dobbiamo far crescere anche da noi il fermento culturale che c’è intorno alla Montessori a livello internazionale, perfino in Africa”.

Anche Alessandro Bianchini ha ricordato l’internazionalità della Montessori. “Ci sono oltre 60 mila scuole nel mondo intitolate alla Montessori che era legatissima a Chiaravalle. La Fondazione deve fare un salto di qualità, facendo anche attività di ricerca e sperimentazione. Il metodo Montessori non è cristallizzato ed occorre sempre contestualizzarlo al mondo contemporaneo partendo dai concetti che per l’epoca erano rivoluzionari. Dobbiamo cercare collaborazioni con strutture pubbliche e private, con le Università”.

Al convegno era presente un pubblico numeroso ed interessato costituito anche da molti insegnanti.

Gianluca Fenucci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CUPRA MONTANA / SEMAFORO VERDE PER LE MANIFESTAZIONI, TANTI GLI APPUNTAMENTI

CUPRA MONTANA, 7 giugno 2018 – Cominciano a prendere il via le diverse manifestazioni estive programmate dalle Associazioni di volontariato impegnate nei diversi settori e dopo i previsti saggi scolastici  delle Scuole Elementari  (venerdì 8 giugno) nel cortile delle scuole medie. L’appuntamento che sarà rallegrato dalla Banda Musicale di Cupra Montana “Don Niccolò Bonanni” sarà un momento emozionante per le performance degli alunni di tutte le cinque classi preparati da un esperto della Banda Musicale “Don Niccolò Bonanni”, canteranno alcune canzoni. Inoltre le quinte, come esito finale del progetto “Arte libera” (ex Premio Gilberto Cerioni) finanziato dal comune, animeranno con il  corpo alcune poesie scritte dagli stessi alunni e ispirate alla produzione poetica di Gilberto Maria Cerioni”. Una iniziativa che piace e che non mancherà di attirare genitori, nonni, parenti, e curiosi.

Si prosegue con la due giorni dello scoutismo a Cupra Montana (9 e 10 giugno in Piazza IV Novembre), la festa di fine anno scolastico (Il viaggio) della Scuola dell’Infanzia “Corrado Corradi” per venerdì 15 giugno ore 18.00 presso la scuola di via Uncini e la recita di fine anno della Scuola dell’Infanzia Santa Caterina con lo spettacolo “I tre porcellini”, previsto sempre per venerdì 15 giugno alle ore 21.00 in Piazza IV Novembre, anche lo sport si presenterà al pubblico nostrano e non solo.

Sabato 16 e domenica 17 giugno, presso lo stupendo Diamante di Fonte Ripa, a due passi dal centro del paese, si svolgerà il torneo di Mini-Baseball riservato ai ragazzini che cominciano ad accostarsi a questo impegno sportivo e al quale parteciperanno il Cuprabaseball, Fermo Baseball, Macerata Angels, Porto Sant’Elpidio baseball, Montegranaro.

L’Associazione Cuprabaseball è impegnata, come del resto tante altre organizzazioni sportive, nella cura del proprio vivaio e questi tornei evidenziano l’attenzione posta su questo settore importantissimo. Il torneo di minibaseball sarà la prova generale che anticipa le altre più gravose e numerose manifestazioni a cui ci ha abituato l’Associazione.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIARAVALLE / ISTITUTO MONTALCINI: LEZIONE DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA

CHIARAVALLE, 7 giugno 2018 –  Una bella giornata dove al centro delle lezioni scolastiche c’è stata l’educazione civica e, soprattutto, la parola “onestà”.

Nella verde e colorata cornice del parco dell’istituto comprensivo Rita Levi Montalcini si è svolta la XII^ Giornata del Rispetto.

L’onestà è stata la parola chiave attorno alla quale è stata pensata l’intera iniziativa, frutto di tute le attività, le riflessioni e le proposte condotte dagli insegnanti dei diversi segmenti con i propri alunni nell’arco dell’intero anno scolastico.

Annamaria Natalini, il dirigente scolastico dell’istituto Montalcini , ha sottolineato il valore fondamentale che ricopre l’Educazione alla Cittadinanza nell’azione pedagogica svolta quotidianamente dalla scuola chiaravallese e come questa azione si concretizzi nelle attività, nelle sperimentazioni, nelle scelte progettuali e nelle iniziative proposte ai ragazzi.

Anche l’assessore alla cultura Francesco Favi ha evidenziato la collaborazione sinergica e produttiva tra l’istituto Montalcini e l’ente locale per la promozione nei giovanissimi chiaravallesi delle competenze civiche e sociali legate ai temi della cittadinanza consapevole.

Per onorare e parlare del valore dell’onestà era presente all’istituto Montalcini la dott. Annamaria Picozzi, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, che ha coinvolto i ragazzi con il suo toccante contributo dall’alto valore educativo sotto il profilo umano. I bambini e gli alunni hanno offerto al numeroso pubblico presente, con performance canore, di danza e d’arte, la dimostrazione di aver interiorizzato il percorso svolto e di volerlo trasformare in azioni concrete per il futuro che li attende.

“La scuola – ha detto la dirigente scolastica Annamaria Natalini – è il luogo privilegiato di crescita per tutti e l’istituto Rita Levi Montalcini, nella sua dodicesima Giornata del Rispetto, ha trovato il suo più bel tratto distintivo, la sua più eloquente voce”.

Gianluca Fenucci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

JESI / “LATINUA LUDUS” RICONOSCIMENTI PER GHERARDO FEDERICI E LUDOVICA CERIONI DEL LICEO DA VINCI

JESI, 30 maggio 2018 – Ancora studenti degli Istituti scolastici superiori cittadini alla ribalta nazionale; in un concorso nazionale che ha visto la partecipazione di 400 giovani, Gherardo Federici si è classificato al secondo posto per la sezione classi quarte conquistando la medaglia d’Argento, la sua compagna d’istituto, Ludovica Cerioni, ha ricevuto la menzione speciale per la sezione classi terze.

Entrambi gli studenti rappresentavano il Liceo Scientifico Statale “Leonardo da Vinci”.

La manifestazione si è svolta domenica scorsa nella Sala del Durantino della Rocca malatestiana di Mondaino, dove si svolgeva la XXX edizione del “Latinua Ludus”, concorso organizzato dal Comune di Mondaino, antico borgo arroccato sulle colline della provincia di Rimini e dal Lions Club Cattolica, con la collaborazione dell’Associazione culturale “L’Arboreto”.

La cerimonia di premiazione di domenica scorsa è stata l’atto conclusivo della competizione svoltasi l’8 aprile scorso ed alla quale, come detto, hanno partecipato 400 concorrenti provenienti dai Licei di tutta Italia.

La Commissione scientifica del “Latinua Ludus” era presieduta dal Prof. Roberto danese, docente di Filologia Classica all’Università di Urbino “Carlo Bo” che in un intervento ha ricordato l’importanza degli studi classici per la formazione del pensiero critico e dell’autonomia di giudizio.

Alla cerimonia di consegna dei riconoscimenti Gherardo e Ludovica sono stati accompagnati dalle loro insegnanti di latino: le professoresse Alessandra Catalani e Marzia Bambozzi.

Il referente per l’iscrizione e la partecipazione degli studenti ai Certamina di lingua latin, per il Liceo jesino, è la prof/ssa Federica Giara.

“Ad entrambi i ragazzi, docenti e famiglie, i componenti della Commissione Scientifica, della Amministrazione Comunale di Mondaino, del Lions Club Cattolica e, ovviamente, del Dirigente Scolastico del “Da Vinci”, prof.ssa Fabiola Fabbri”.

sedulio brazzini