Tag Archivi: teatro

FABRIANO / PRESENTATA LA TERZA STAGIONE DEL TEATRO SAN GIOVANNI BOSCO

FABRIANO, 20 giugno 2018 – Taglia il traguardo della terza stagione il Teatro San Giovanni Bosco. “Non è facile per un piccolo teatro riuscire a mantenere alto il nome e la qualità degli spettacoli – spiega il responsabile artistico Don Umberto Rotili – soprattutto senza sponsor a sostegno delle iniziative, ma l’affetto di tanta gente e la partecipazione alle tante proposte hanno reso possibile una grande seconda stagione”.

In cartellone

Tra gli spettacoli quello di Michele La Ginestra, direttore artistico del Teatro Sette a Roma con “Come Cristo comanda”. Risate e leggerezza con Andrea Perrozzi e la sua commedia “In due sotto ‘na finestra”, dove insieme con Alessandro Salvatori canteranno, improvviseranno e faranno passare una serata spensierata all’insegna della bella Roma. Roma sarà al centro anche di “Gigi, si voi dormite”, commedia ripresa da un’idea di Gigi Proietti che porta la tradizione e la storia della città eterna sul palcoscenico. Un altro spettacolo di punta sarà “Ulissea”, parodia comica che ha vinto il primo premio al “Roma Comic Off 2017”.

Tre giovanissimi artisti usciti dall’Accademia di Arte drammatica di Roma porteranno in scena “Ho adottato mio fratello”, una commedia che vi farà contorcere dalle risate, mentre Luca Violini tornerà con la sua voce con una lettura della Passione di Cristo secondo Giovanni, per aprire anche i riti della prossima Settimana Santa e molto altro ancora.

Rinnovare e proseguire la sinergia con Amministrazione comunale e Teatro Gentile, con una collaborazione che porterà ad una stagione di teatro per bambini sarà fatta in collaborazione, così da offrire alla città un cartellone ricco di appuntamenti che si divideranno tra i due teatri.

Conclusa da poco, la stagione è stata caratterizzata da 29 spettacoli per una proposta che p stata ampliamento della scena culturale della città della carta.

E’ stato un anno di attività intensissima – Ricorda Don Umberto – tra saggi scolastici, scuole di danza, associazioni varie che hanno scelto il nostro palcoscenico per esibirsi, senza contare le tre stagioni sempre piene: quella amatoriale che ha raccolto una presenza di pubblico che sfiora le millecinquecento presenze; quella della musica da camera che ha permesso a giovani musicisti del nostro territorio di farsi apprezzare e conoscere, quella per bambini che ha fatto sognare intere famiglie e infine quella di prosa che ha portato a Fabriano artisti più e meno famosi, ma soprattutto ha mantenuto alto l’intento proprio del teatro che è quello di far conoscere e valorizzare compagnie di giovani talenti che non hanno alle spalle grandi circuiti distributivi e che a volte faticano a entrare nel giro dei grandi teatri cittadini”.

Abbonamento per 10 spettacolo 95 euro ed una “filosofia” di prezzi compresi tra i 10 ed i 15 euro.

Per info 375.5436079 oppure info@teatrosangiovannibosco.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / STUDENTI A TEATRO, PROGETTO ‘COME CAMBIA IL VENTO’

JESI, 11 giugno2018 – “Quando cambia il vento …” è il titolo dello spettacolo che quest’anno, con le regia di Cecilia Mancia, gli studenti dell’Istituto Comprensivo “Lorenzo Lotto” hanno presentato al pubblico del Teatro Pergolesi venerdì scorso, 8 giugno.

Nella rappresentazione sono stati coinvolti alunni della classi quinte delle scuole primarie “Conti” e “Mestica”.

La rappresentazione ha costituito il traguardo di un percorso intrapreso da circa un centinaio di alunni che hanno trovato nell’esperienza una occasione per un gioco nuovo in grado di aumentare le possibilità di comunicazione e di relazione nella globalità dei linguaggi. Non solo, esso ha permesso loro di entrare in un mondo della comunicazione diverso dal linguaggio verbale, riuscendo ad esprimersi attraverso il corpo, la danza creativa e collettiva, il canto e la produzione sonora.

Al termine di questo interessante progetto e alla luce dei consensi da esso ottenuti gli organizzatori tutti hanno voluto ringraziare quanti, in ogni maniera, li hanno sostenuti, anche finanziariamente, dando loro l’appuntamento all’anno prossimo.

s.b.

 

JESI / SARTO TEATRALE: APPRENDERE IL MESTIERE E LAVORARE DAL VIVO NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

JESI, 8 giugno 2018 – Per i giovani che hanno raggiunto la maggiore età e per quanti, a seguito della crisi, pur avendo una età prossima alla pensione, non hanno un posto di lavoro il Teatro Pergolesi offre una interessante proposta: apprendere il mestiere da sarto e lavorare nel mondo dello spettacolo dal vivo.

Basta seguire un corso in “Sarto Teatrale” – gratuito – per partecipare al quale è necessario iscriversi inviando la domanda al sito www.sipariobisbis.it/sarto-teatrale/ entro il 30 giugno prossimo. Il corso di formazione, garantiscono i promotori, è “ad occupazione garantita”, finanziato dalla Regione Marche e promosso dalla Fondazione Pergolesi Spontini che in una nota sottolinea il suo importante ruolo nella formazione.

“Il progetto presentato dalla Fondazione Pergolesi Spontini, ente capofila – leggiamo in una nota – è realizzato in partenariato con alcune tra le più importanti istituzioni formative ed Enti di produzione presenti sul territorio marchiano, quali Orchestra Sinfonica Rossini, Compagnia della Rancia, Marche Teatro, Agorà Soc. Coop., Lab Soc. Coop., Poliarte accademia del design e Cooss Marche. Il primo corso a prendere il via è quello in sarto teatrale; prossimamente saranno attivati corsi gratuiti in Light Designer, Tecnico Polivalente, Truccatore Teatrale, Cantante Lirico Solista (a cura della Fondazione Pergolesi Spontini), quelli in “attore di teatro, cinela, televisione” a cura di Marche Teatro, in “Professore d’orchestra I – archi” e professore d’orchestra II – fiati” a cura dell’Orchestra sinfonica Rossini di Pesaro Urbino, in “Performer di Musical Theater” a cura della Compagnia della Rancia srl e in “Esperto Marketing e comunicazione dello spettacolo” a cura     della Compagnia della Rancia”.

Ma ritorniamo al corso per Sarto Teatrale al quale saranno ammessi 15 allievi e 3 uditori.

Chi sarà ammesso dovrà svolgere 400 ore formative così suddivise: 86 ore di teoria, 186 ore di pratica, 120 ore di tirocinio, 8 ore per l’esame finale.

Il periodo di svolgimento è compreso tra il mese di “luglio 2018 ed il febbraio 2019 a Corridonia presso la Sartoria Teatrale Arianna per teoria, pratica e stage, e al Teatro G.B. Pergolesi di Jesi per lo stage”.

Il messaggio, lo ripetiamo, è rivolto a uomini e donne di età compresa tra i 18 ed i 65 anni, disoccupati, inoccupati o occupati che abbiano residenza o domicilio nella regione Marche.

Sedulio Brazzini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / “CENT’ANNI DI MEMORIA”: CANTI E TESTIMONIANZE DAL FRONTE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

FABRIANO, 5 giugno 2018 – Ad un secolo esatto dal termine del primo conflitto mondiale, il Gruppo Corale Santa Cecilia di Fabriano , in collaborazione con il Comune ed il Gruppo Bandistico della città della carta proporranno un ricordo tra musica e parole degli avvenimento della “grande guerra”.

Appuntamento questa sera al teatro “Gentile” alle ore 21.15 (ingresso gratuito con biglietti a disposizione presso la biglietteria del teatro dalle 18) per un  momento per ricordare chi partecipò al conflitto e per ricordare anche chi da queste terre partì per andare a combattere tra le trincee. Un ricordo per le vittime, ma anche per tutti quelli che pur ritornati non scordarono l’orrore del conflitto. Parole, canzoni, lettere dalle ricerche storiche della professoressa Senese e di Don Leopoldo Paloni. I testi originali sono stati curati alla Professoressa Senesi.

Parteciperanno inoltre Catia Stazio, Mauro Mori ed Oreste Aniello della compagnia teatrale Papaveri e Papere. Direttore del Gruppo Corale Santa Cecilia il Maestro Paolo Devito. Diretto del corpo bandistico il Maestro Diego Mariani. Al pianoforte ospite Mirella Dirminti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / JESINI A TEATRO PER LA PRIMA DEL ‘MANCIO’ SULLA PANCHINA AZZURRA

Tra i presenti i suoi genitori Aldo e Marianna, il sindaco Bacci e diversi amici

 

JESI, 29 maggio 2018 – Oltre 200 presenze ieri sera al teatro Pergolesi aperto per l’occasione in coincidenza con il debutto sulla panchina della nazionale italiana di Roberto Mancini che affrontava l’Arabia Saudita nello stadio di San Gallo in Svizzera.

Tra i presenti i suoi genitori Aldo e Marianna, diversi amici, il sindaco Massimo Bacci, il presidente del consiglio comunale Massaccesi ed alcuni assessori tra i quali Coltorti, Renzi, Butini, Lenti e Quaglieri.

L’apertura del teatro è stato un omaggio al concittadino Mancini molto legato alla sua città.

(e. s.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / PROSA 2018-19: ARRIVANO PREZIOSI, SOLENGHI & LOPEZ, MUNIZ E MARCHIONI

“Il teatro al centro della città”

 

FABRIANO, 24 maggio 2018 – Prosa, musical, danza ce n’è per tutti i gusti nella stagione 2018/19 del Teatro Gentile di Fabriano che svela il cartellone di otto appuntamenti da ottobre ad aprile promosso dal Comune con l’AMAT e rinnova la sua vocazione di “luogo di creazione artistica” ospitando ben due residenze.

Primo spettacolo ad ottobre

L’inaugurazione della stagione il 13 ottobre è con Lopez e Solenghi show che vede in scena i due amatissimi mattatori, insieme sul palco dopo 15 anni come due vecchi amici che si ritrovano, in uno show di cui sono interpreti e autori, coadiuvati dalla Jazz Company del maestro Gabriele Comeglio che esegue dal vivo la partitura musicale.

Il 18 novembre spazio alla danza con De Rerum natura di Nicola Galli per la Compagnia Junior Balletto di Toscana. Poi ecco arrivare Alessandro Preziosi nei panni di Vincent Van Gogh, in manicomio, nell’omonimo spettacolo diretto da Alessandro Maggi al Gentile il 20 dicembre. La pièce è una sorta di thriller psicologico attorno al tema della creatività artistica che lascia lo spettatore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine. Il testo di Stefano Massini è vincitore del Premio Tondelli a Riccione Teatro 2005 per la “scrittura limpida, tesa, di rara immediatezza drammatica, capace di restituire il tormento dei personaggi con feroce immediatezza espressiva”.

Un 2019 che debuta alla grande con Grese il 3 gennaio. Una storia d’amore che nasce nelle “sere d’estate”, e poi tanto rock and roll, canzoni indimenticabili e coreografie travolgenti: sono gli ingredienti che hanno reso Grease, in più di 20 anni di repliche in Italia con la Compagnia della Rancia, un fenomeno che si conferma a ogni replica, più di 1.700 per oltre 1.750.000 spettatori. Una festa travolgente – per la regia di Saverio Marconi – che dal 1997 accende le platee italiane, e ha dato il via alla musical-mania trasformandosi in un vero e proprio fenomeno di costume “pop”.

Vinicio Marchioni interprete assieme a Francesco Montanari di Uno zio Vanja sarà al Teatro Gentile con tutta la compagnia Khora. Teatro nella residenza di riallestimento che precede lo spettacolo del 26 gennaio. Nell’adattamento di Letizia Russo, in assoluto rispetto delle dinamiche tra i personaggi e dei dialoghi del testo classico, lo spettacolo fa perno su precise note di contemporaneità della scrittura cecoviana per esaltarne la straordinaria attualità creativa. Di residenza in residenza, il Teatro Gentile accoglie Arturo Cirillo per la residenza di allestimento e il debutto in prima assoluta il 9 febbraio di La scuola delle mogli di Molière nella traduzione di Cesare Garboli, produzione di Marche Teatro, Teatro dell’Elfo e Teatro Stabile di Napoli.

Il 27 aprile poi Cuori scatenati, uno spettacolo che si annuncia carico di ironia scritto e diretto da Diego Ruiz, una divertentissima e moderna commedia degli equivoci portata in scena da Sergio Muniz, Francesca Nunzi, Diego Ruiz e Maria Lauria.

Fuori abbonamento

In scena il 12 dicembre il Balletto di San Pietroburgo, formazione russa che annovera tra le sue fila i migliori interpreti della tradizione ballettistica, interpreta Lo Schiaccianoci, celebre balletto in due atti di Marius Petipa sulla musica sognante e fantasiosa di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Abbonamenti dal 16 settembre

Per dare la possibilità di scegliere un buon posto anche a quanti nelle ultime stagioni non l’hanno potuto trovare è stato azzerato il diritto di prelazione sull’acquisto degli abbonamenti in vendita dal 16 settembre alla biglietteria del teatro. Nessun aumento di tariffe rispetto lo scorso anno.

Una novità accompagna la prossima stagione teatrale: il Gentile aderisce ad Art Bonus, il sistema di incentivi fiscali a favore di chi decide di fare mecenatismo con erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo. L’auspicio dell’Amministrazione Comunale e dell’AMAT è che tale adesione possa rappresentare un importante contributo allo sviluppo culturale di Fabriano e del suo territorio, il sostegno a uno dei più importanti teatri delle Marche e alla collettività tutta.

Marco Paolini come “anticipazione”

Ma prima della stagione una grande anteprima: Marco Paolini a teatro con “L’odissea” il 29 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

JESI / PER IL DOPPIO COMPLEANNO DEL ‘PERGOLESI’ MUSICHE DI ROSSINI, MOZART, VERDI, BIZET E PUCCINI

JESI, 22 maggio 2018 – Doppio “compleanno” per il Teatro Pergolesi; in questo 2018 si celebrano i 220 anni dalla “nascita” del tempio della musica jesino ed i 50

anni dal conferimento del titolo di “Teatro lirico di Tradizione”, uno dei pochissimi situati in città non capoluogo di provincia.

Per celebrare questi anniversari, l’opera muraria dell’architetto Francesco Maria Ciaraffoni ospiterà sabato prossimo, 26 maggio, a partire dalla ore 21, il concerto “Verso le stelle. Galà della lirica” con l’Orchestra sinfonica “G. Rossini” ed i giovani cantanti della Fondazione “Sic Itur Ad Astra” del Liechtenstein.

Oltre a celebrare i due anniversari l’iniziativa di sabato intende sostenere i progetti umanitari di Medici Senza Frontiere.

Il programma della serata prevede l’esecuzione di musiche di Rossini, Mozart, Verdi, Bizet e Puccini; direttore il M° Daniele Agiman.

L’iniziativa, come si può ben intuire, si deve alla Fondazione Pergolesi Spontini che approfitta di questo evento per sostenere Medici Senza Frontiere destinando loro un euro per ogni biglietto venduto.

s.b.

JESI / GIOVANI MUSICISTI CALIFORNIANI E L’ORCHESTRA FIATI DI ANCONA IN CONCERTO AL PERGOLESI

JESI, 16 maggio 2018 – Interessante serata di musica, sabato 19 maggio alle ore 20, al Teatro Pergolesi; una cinquantina di giovani studenti dell’università americana di Berkeley (California) e l’Orchestra Fiati di Ancona saranno protagonisti di un concerto che il pubblico potrà godere gratuitamente.

La “Berkeley Wind Ensemble” sta effettuando una tournèe in Europa, iniziata a Zagabria, che dopo la tappa di Jesi toccherà Serra de’ Conti, Lucca e Roma.

Nella seconda tappa marchigiana il gruppo si esibirà venerdì 18 maggio nel Chiostro di San Francesco.

L’orchestra californiana è diretta  da Robert Colonico; a Jesi i 50 elementi suoneranno brani di Bernstein, Rossini, Delle Cese, Gorb, De Haan ed altri compositori tra i quali lo jesino Giancarlo Aquilanti, da anni emigrato negli States, dove insegna nell’Università californiana, che nel 1979 fondò il Coro “Regina della Pace”.

Di Aquilanti sarà eseguita, in prima assoluta, l’”Ouverture Italiana”.

Alla serata, come detto, prenderà parte anche l’Orchestra fiati di Ancona, diretta da Mirco Barani, che aprirà la serata musicale con brani di Rossini, Balmages, De Haan e Bernstein.

L’ingresso al Pergolesi sarà libero fino ad esaurimento dei posti.

 

s.b.

FABRIANO / “LE RADICI DEL MALE”: A MATELICA DEBUTTA LO SPETTACOLO DI LAURA TRAPPETTI

In scena a partire dalle ore 21

 

FABRIANO, 16 maggio 2018 – Debutterà sabato al Piermarini di Matelica “Le Radici del Male”, il nuovo spettacolo della compagnia Bagatto Percorsi Creativi da una drammaturgia originale di Laura Trappetti.

La stessa autrice alla regia

“Un dramma in sette quadri”, scrivono nelle note di regia che rappresenterà una indagine sul male, “Uno squarcio nel velo di indifferenza che ricopre la violenza che ci arriva addosso attraverso la cronaca, nello spiare le ragioni dei protagonisti, vittime e carnefici, uno sguardo inedito sulla natura del nostro essere uomini o donne oggi, sui condizionamenti che ne derivano. Un punto di vista altro per una possibile via di uscita”.

E’ una storia di donne e della relazione di ognuno con il suo genere, fra natura e dover essere, una storia a tinte forti, svolta con un linguaggio a volte estremamente duro.

In scena Davide Aghetoni, Andrea Barocci, Giuseppe Carnevali, Simona Di Leo, Laura Donini, Monica Giorgi , Daniela Mezzanotte, Laura Oppietti e Pamela Peruzzi, un mix di attori e attrici di esperienza e di nuovi interpreti della scena, uniti da un percorso di formazione grazie al progetto Canoni In-Versi Scuola di Teatro che si svolge a Fabriano ormai da quattro anni.

La compagnia che opera in seno all’Associazione di Promozione Sociale Bagatto Percorsi Creativi, che quest’anno festeggia il suo ventennale in scena, guidata dalla Trappetti, coltiva un forte legame con Matelica grazie a progetti e spettacoli qui realizzati nel corso degli anni (“Passioni” 2004, con la partecipazione in qualità di attore di Fabio Bonso, oggi direttore artistico della compagnia matelicese Ruvido Teatro e il progetto “Natura Teatro” in collaborazione con Atgtp, Gal Colli Esini e Teatro Linguaggi 2015) e si conferma una realtà che si rivolge a un territorio ampio e che riesce a coniugare il teatro professionistico con la ricca comunità di amatori e allievi attori.

SERRA SAN QUIRICO / GIACOMO LEOPARDI PERSONAGGIO GUIDA DELLA RASSEGNA DI TEATRO DELLA SCUOLA

Verso l’edizione numero 37

 

SERRA SAN QUIRICO 16 maggio 2018 – Dopo il Nobel per la pace Malala, la rassegna nazionale di Teatro della Scuola torna nelle Marche ed abbraccerà il giovane favoloso come nuovo personaggio guida. Il poeta dell’infinito Giacomo Leopardi abbraccerà tutti i giovanissimi attori che da oggi in poi – e fino alla 37esima edizione della rassega di Serra San Quirico – seguiranno tutte le attività dell’ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata. Tema della prossima rassegna “Giacomo Leopardi e l’educazione sentimentale”.  

”Questo perché – hanno spiegato gli organizzatori della kermesse – è necessario scoprire nell’opera del grande poeta di Recanati le tensioni emotive di un uomo moderno, libero di pensiero, molto diverso dal cliché dell’intellettuale triste e solitario”. A confermare il “ritorno” nelle Marche della rassegna il direttore artistico della Rassegna, Salvatore Guadagnuolo, e per l’ATGTP il presidente Fabrizio Giuliani, il direttore artistico Simone Guerro e la direttrice Marina Ortolani.

Insieme all’annuncio del prossimo personaggio guida, la serata Finale della Rassegna ha assegnato inoltre i diversi riconoscimenti alle scuole che hanno partecipato all’edizione 2018.

Sipario d’Argento per la Scuola Secondaria di primo grado “Faustini Frank” di Piacenza con lo spettacolo “In piedi sul muro”. Il Biglietto del Buon Ritorno che ammette di diritto alla Rassegna Nazionale del Teatro della Scuola 2019, è stato dato all’Istituto Comprensivo “Don Milani” di Aquileia Scuola primaria “G. Garibaldi” con lo spettacolo “Per avere giustizia di vuole coraggio”, all’I.C. “Perugia 4” Scuola primaria “G. Cena” con lo spettacolo “Ma chi è Cipì”, e all’I.C. Omnicomprensivo “Alvito” di Sora con lo spettacolo “Eneide, un altro canto”.

L’Officina Italia 2019 che consentirà ad alcune scuole di tornare alla prossima edizione per lavorare insieme, è stata data all’I.C. “Leopoldo di Lorena” Scuola Arrigo Bugiani di Follonica, all’I.C. “Grazie-Tavernelle” Scuola secondaria di primo grado “G. Marconi” di Ancona, all’ISC Nord Scuola secondaria di primo grado “Sacconi Manzoni” di San Benedetto del Tronto, all’Istituto Tecnico “A. Zanon” di Udine, e all’IIS “G. Galilei” di Jesi. Segnalati, infine, alcuni spettacoli meritevoli, quali quelli dell’IC “Cervignano del Friuli Scuola secondaria