Tag Archivi: vallesina

ROSORA / IL LAVORO CHE CAMBIA, DIBATTITO SULLA TRASFORMAZIONE

ROSORA, 13 agosto 2017 – L’attuale momento, contrassegnato da una seppur lenta ripresa economica e occupazionale, sta mettendo la società di fronte ad alcuni cambiamenti nel campo del lavoro. Sul tema: “Il lavoro che cambia: contro o con l’innovazione? Forze in campo e questioni per comprendere e gestire la grande trasformazione” si confronteranno giovedì  17 agosto, il Professor Gabriele Gabrielli, docente di organizzazione e gestione delle risorse umane dell’Università Luiss di Roma, giornalista e presidente della Fondazione Lavoroperlapersona di Offida.

L’incontro sarà introdotto dalla dottoressa Francesca  Scaturro, assegnista di ricerca all’Università Politecnica delle Marche.

L’incontro, promosso dal centro culturale “Don Milani” si svolgerà nella fresca “Cantina del Pievano”, in via XX Settembre, con inizio alle ore 21.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / GIUSEPPE CARANCINI (CGIA): SICUREZZA E LEGALITA’ PER LA VALLESINA

JESI, 10 agosto 2017 – Il segretario della Cgia (Confartigianato di Jesi) Giuseppe Carancini interviene in merito alla sicurezza e legalità nella Vallesina tutta dichiarando:
“Pronti a collaborare con le Forze dell’ordine e Istituzioni a tutela della comunità”.
In vista delle fiere di San Settimio a Jesi a settembre denuncia l’abusivismo come un reato: “un fenomeno che va combattuto e denunciato”.
Non utilizza mezze parole e va al sodo in maniera netta e concreta.
“La criminalità con furti e rapine – dichiara sempre Carancini – colpisce indiscriminatamente e in alcuni casi anche con particolare violenza privati cittadini, esercenti, laboratori produttivi, attività di servizi, mentre l’abusivismo danneggia con la sua concorrenza sleale chi opera secondo le regole. Cresce una percezione di insicurezza, nonostante l’indiscutibile e massima abnegazione con cui le Forze dell’Ordine quotidianamente lottano contro il crimine. La situazione richiede interventi mirati, calibrati sul territorio e un potenziamento dell’azione preventiva e di repressione dei reati”.
Oltre a denunciare, Carancini tenta di dare qualche suggerimento: “In primo luogo si chiede di rafforzare quanto possibile l’attività di pattugliamento nelle aree più periferiche o considerate “a rischio”, ciascuna nella sua specificità, per valutare presenze sospette ed eventualmente intervenire. Si ritiene strategico anche continuare ad investire nel potenziamento della rete di telecamere e spycam in modo di avere più “occhi” a disposizione per vigilare il territorio. Non ultimo, promuovere campagne informative per sensibilizzare i cittadini alla segnalazione alle Forze dell’Ordine di situazioni o persone sospette. Un aiuto più che concreto, che può essere molto utile anche per combattere un altro aspetto dell’illegalità, ovvero l’abusivismo, un reato che va denunciato. Si tratta infatti di un illecito che va a colpire chi lavora nel rispetto delle regole un fenomeno da inquadrare con attenzione anche in vista a Jesi della prossima Fiera di San Settimio, una occasione in cui si riscontrano puntualmente delle criticità in tal senso.
Non solo fanno concorrenza sleale. Borse ‘griffate’, vestiti, occhiali, profumi, giocattoli, fino alle contraffazioni alimentari: la merce proposta dagli abusivi è frutto dell’industria del falso, che sfrutta i lavoratori in nero, evade totalmente qualsiasi tipo di imposte, penalizza le nostre imprese, aggravando la già difficile situazione, e il lavoro regolare. Un fenomeno assolutamente da debellare”.
Carancini infine delinea la parte che può fare la sua associazione per combattere o attuare quanto sopra detto.
“Da parte della nostra Associazione c’è piena disponibilità a collaborare con le Forze dell’Ordine e con le Istituzioni locali anche al fine di sensibilizzare la comunità a non acquistare le merci degli abusivi, che non sono un “affare” o un’occasione, ma piuttosto – ogni volta – assestano un duro colpo alla legalità e alla prospettiva di futuro dei nostri giovani. La sicurezza è un diritto primario e fondamentale, oltre che un elemento essenziale per la qualità della vita e per lo sviluppo economico di un territorio; la legalità altrettanto. Crediamo che una collaborazione sinergica possa contribuire attivamente a questa causa per il bene di tutti”.
e.s.

PIANELLO VALLESINA / LA MAGIA DEL VOLO DELLE CICOGNE, FENOMENO DELLA MIGRAZIONE NEGLI SCATTI FOTOGRAFICI

PIANELLO VALLESINA, 10 agosto 2017 – Magnifiche, eleganti. Sontuose. Decine di cicogne hanno calamitato l’attenzione di quanti si sono accorti che nel cielo sopra Pianello Vallesina stava accadendo un fenomeno curioso: il passaggio di uno stormo di uccelli dalla livrea bella e seducente. È questo infatti il periodo della loro migrazione – che si allunga fino al mese di settembre -.

Quindi non capita tutti i giorni di incrociare lo sguardo con questi volatili dalla leggenda straordinaria. Dal piumaggio bianco con parti finali nere, possiede un formato piuttosto importante, un’altezza che può raggiungere il metro e un’apertura alare che può arrivare ai due metri. Possiede collo e zampe lunghe e affusolate, il becco solitamente è rosso in età adulta.

Da sempre la cicogna rappresenta il simbolo dell’amore coniugale, ma anche di quello per i figli. Si prende amorevole cura dei giovani che alleva nel nido. È ben voluta dalla gente, che ne saluta sempre con gioia la presenza e la considera tra gli animali selvatici preferiti.

La sua popolazione in molti Paesi, compreso il nostro, è in aumento.

foto di Sergio Franconi

SERRA SAN QUIRICO / MORIA DI CERVIDI, NESSUNO SI MUOVE: A RISCHIO L’INCOLUMITA’ ANCHE DI RESIDENTI E TURISTI

SERRA SAN QUIRICO, 8 agosto 2017 – L’Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali) interviene sulla nostra segnalazione circa la moria di cervidi pubblicata nei giorni scorsi.

Lo fa consegnandoci una lettera del giugno scorso – anche allora il nostro giornale aveva denunciato episodi sconvolgenti –  inviata al responsabile della centrale Enel di Sant’Elena del comune di Serra San Quirico, al Sindaco di Serra San Quirico, ai Carabinieri del Noe di Ancona, alla Polizia Provinciale.

Nella lettera si denuncia segnalazioni relative alla parziale assenza di recinzione sulle sponde dei profondo canale di alimentazione delle turbine Enel siti in zona S.Elena.

“In tali canali – si legge nella nota – sono stati segnalati casi di animali caduti, intrappolati e annegati. L’Enpa ha effettuato un sopralluogo ed è emersa una situazione molto pericolosa non solo per gli animali ma anche per residenti e turisti. Per evitare ogni possibile incidente si chiede un immediato intervento per l’apposizione di specifiche recinzioni o, laddove possibile, di riparazione o adeguamento di quelle già presenti, anche al fine di tutelare la pubblica incolumità”.

Tutte denunce, anche forti, precise e dettagliate,  ma nessuno interviene.

Anche i tassi restano intrappolati lungo il canale dell’Esino

Che muoiano gli animali è già un fatto gravissimo, se dovesse accadere qualcosa all’uomo, residenti o turisti, come si mette in guardia nella denuncia dell”Enpa, senza un minimo intervento per mettere in sicurezza l’area, cosa accadrebbe? O meglio cosa dovrebbe o potrebbe accadere a livello di reazione? A quel punto, anche se poi sarà troppo tardi, non si cercheranno le responsabilità ma i responsabili!

e.s.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SAN MARCELLO / FESTA DEL “SAMMARCELLESE LONTANO”, DON ALBERTO ANNUNCIA IL SUO TRASFERIMENTO: «GUIDERÒ ALCUNE PARROCCHIE DI JESI»

SAN MARCELLO, 7 agosto 2017 – La trentatreesima edizione del “Sammarcellese Lontano” sarà sicuramente ricordata a lungo dai circa 150 (eroici) partecipanti al pranzo comunitario; il caldo opprimente della giornata, infatti, ha costretto gli organizzatori a de-localizzare il luogo del banchetto, trasferendolo all’interno delle antiche mura. Se da un lato i commensali hanno goduto del fresco garantito dalle spesse mura, dall’altro è venuta a mancare gran parte di quello spirito comunitario che ha sempre caratterizzato l’appuntamento. L’afa che ha preceduto la giornata di ieri (6 agosto) ha inoltre condizionato la partecipazione, ridottasi a quasi la metà di quella degli anni passati. Una riduzione dettata sia da motivi di salute (alla festa partecipano prevalentemente gli anziani che approfittano del mese di agosto per ritornare a far visita ai loro cari, dai quali si sono separati per motivi di lavoro o altro negli anni passati) che da ragioni pratiche (in paese non esiste un luogo pubblico capace di ospitare tanta gente ed in gradi di mettere a disposizioni locali da trasformare in cucine). Ecco allora che quest’anno ci si è dovuti accomodare nei caratteristici locali della “Vintora” in attesa che si materializzino “le grotte” attigue al pubblico esercizio di proprietà del primo cittadino.

La giornata del Sammarcellese Lontano era cominciata alle 11.15 con la partecipazione ad una S. Messa officiata dal parroco, don Alberto Balducci, che ha salutato il sindaco Pietro Rotoloni, e quanti hanno voluto assistere al rito religioso festivo. Per il sacerdote è stata anche l’occasione per dare conferma alle voci che da giorni stavano circolando in merito al suo trasferimento alla guida di alcune parrocchie jesine (S. Maria del Piano, S. Sebastiano, Divino Amore) ed una fuori città. Terminato il rito religioso, parroco e fedeli si sono trasferiti nel fresco luogo scelto per consumare il pranzo e qui colloquiare in armonia con i commensali, alcuni dei quali giunti anche da fuori regione per rinnovare l’usanza che già fu dei loro genitori nativi del paese collinare alle porte di Jesi.  Ottimamente cucinate, via via sono arrivate sulle tavole le gustosi piatti tipici locali e le fresche bevande, servite dal solito gruppo di volontari sammarcellesi, vera forza del volontariato locale.

La serata si è conclusa con lo spettacolo serale all’aperto che ha radunato residenti e no.

(sedulio.brazzini@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

VALLESINA / L’ALITO DI LUCIFERO SI FA SENTIRE, 42 GRADI A JESI: RECORD A MOIE CON 45°

Temperature bollenti a Jesi

VALLESINA, 2 agosto 2017 – L’alito di Lucifero avvolge la Vallesina. Temperature roventi ovunque stamattina (2 agosto), che si sono attestate poco dopo le 13 tra i 42 di Jesi e i 45 gradi di Moie e ovviamente afa diffusa e opprimente. Insomma, i giorni “bollenti” come ampiamente previsto dai meteorologi sono iniziati.

A Cupra Montana la colonnina ha raggiunto i 40 gradi

Ma se in pianura si soffre, in collina si boccheggia. Sempre stamattina a Cupra Montana la colonnina ha toccato “quota” 40 gradi. E pensare che il paese si trova ad una altezza di oltre 500 metri. Insomma, nessuno si salva dal “bollino rosso”.
Un po’ ovunque si sono prese delle precauzioni, soprattutto nei confronti dei bambini e degli anziani. A Cupra Montana, alla Casa di Riposo sono entrati in funzione i sistemi di climatizzazione proprio per evitare picchi di calore che potrebbero avere delle ricadute sugli ospiti.
Temperature alte – continueranno anche nei prossimi giorni – che stanno accompagnando un lungo periodo di siccità, soprattutto lungo i corsi d’acqua. L’Esino in molti tratti è in secca, tant’è che si è ridimensionato a poco più di un rivolo d’acqua.

CASTELLARO / SAGRA DEL CONIGLIO, GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO: STAND GASTRONOMICI E MUSICA

CASTELLARO (Serra S.Quirico), 30 luglio 2017 – Questa Sagra del Coniglio in porchetta, giunta alla 52a edizione, conferma ancora una volta la capacità organizzativa che consacra la buona tradizione culinaria; sta di fatto che nei primi due giorni della festa (venerdì 28 e sabato 29) c’è stato il pienone. Tant’è che gli organizzatori del circolo Acli avevano terminato la saporita porchetta.  A dire il vero non sono solo i buoni cibi e la bravura delle cuoche che attirano tanta gente, ma gli appuntamenti che non fanno annoiare i partecipanti. In questo che si svolge nel paesino di Castellaro c’è anche un filo conduttore che si manifesta ogni anno sempre più marcato, il profondo legame degli organizzatori con le tradizioni locali, rispettate con caparbietà perché rappresentano un forte catalizzatore, prima per gli abitanti poi per i visitatori. Non è sempre facile predisporre una manifestazione di tre giorni con tanti appuntamenti artistici, culinari, ricreativi, e tutti gli organizzatori, dal primo all’ultimo volontario, sanno di tutte le difficoltà che vanno incontro, non ultima la concorrenza tipica del periodo estivo, quando anche nei paesi limitrofi si organizzano manifestazioni di tutto rispetto. Ecco forse la ragione per la quale l’Acli di Castellaro lavora sodo per realizzare una buona manifestazione, inserendo anche spazi ludici per bambini con animatrice e divertimenti per i genitori. La musica poi è una calamita che attrae giovanissimi e meno giovani, un comparto che in ogni festa non può mancare.

Oggi (30 luglio) ci sarà l’ospite davvero speciale, Martufello, che con la sua esperienza saprà coinvolgere i partecipanti a questo appuntamento estivo di Castellaro e saranno presenti anche le telecamere di Tvrs con la  popolarissima trasmissione “La nostra gente”, ideata oltre 20 anni fa e che segue proprio le feste tradizionali e i suoi balli. Per gli appassionati indichiamo l’area disco, come ogni anno, perché sarà quella che spegnerà le luci di Castellaro per salutare il sole che nasce. Gli stand gastronomici funzioneranno dalle ore 17.00 ma ricordiamo che per oggi, domenica 30 luglio, chi vorrà potrà pranzare a Castellaro e gustare ottimi cibi (Rigatoni con ragù di oca; Gnocchi alla papera; Porchetta di maiale; Arrosticini abruzzesi e, ovviamente, la specialità locale, il Coniglio in porchetta) dovrà prenotare ai numeri di seguito riportati  (Info-Facebbok: Sagra Del Coniglio in Porchetta – ingresso libero- Prenotazioni 333.46.57.240 Diego/ 334.17.93.186 Tania). Buon divertimento a Castellaro.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

LETTERE&OPINIONI / UNIONE DEI COMUNI, POTENZIATO L’ORGANICO DELLA POLIZIA LOCALE

VALLESINA, 28 luglio 2017 – Si potenzia l’organico della Polizia locale dell’Unione dei comuni della Media Vallesina con l’assunzione di due istruttori di vigilanza a tempo pieno e indeterminato. Due nuovi agenti della Polizia locale, reclutati mediante la procedura di mobilità esterna volontaria fra enti. Un agente è entrato in servizio lo scorso 18 aprile e il secondo sarà operativo dal prossimo 1° agosto, portando così la dotazione organica del Corpo a sette unità, tutte a tempo indeterminato.

“Non siamo ancora – spiega l’assessore alla Polizia locale dell’Unione e sindaco di San Paolo di Jesi Sandro Barcaglioni – ad una copertura adeguata, se si considerano l’ampiezza del territorio che fa capo all’Unione, cioè sei Comuni su circa 70 chilometri quadrati, e il numero di abitanti, poco meno di 16 mila, ma le nuove assunzioni rappresentano comunque un importante passo avanti. È un risultato significativo anche per il fatto che l’aumento dell’organico è stabile, dovuto a vigili di ruolo, non determinato da assunzioni limitate al periodo estivo, come in passato, che comportavano prima l’onere della formazione poi l’obbligo di fare a meno degli agenti appena addestrati”.

Una novità salutata in modo positivo anche dal comandante del Corpo di Polizia locale dell’Unione Giovanni Carloni. “Le nuove assunzioni – spiega – potranno contribuire a migliorare la situazione sul fronte dei controlli e delle pattuglie, anche se il numero di agenti resta sottodimensionato rispetto alle necessità”.

Sono tanti, infatti, i fronti che vedono impegnati gli agenti dell’Unione dei Comuni. La Polizia locale si occupa di incombenze burocratiche e amministrative, ci sono, poi, i controlli nelle isole ecologiche, le pratiche di cattura dei cani randagi, i sopralluoghi relativi alla regimazione delle acque e alla gestione dei terreni, oltre al presidio del territorio con le pattuglie o durante le manifestazioni.

Ma da questa estate la Polizia locale potrà contare, in un certo senso, anche su un nuovo “agente virtuale”. Sì, perché i controlli per la verifica del rispetto del codice della strada saranno effettuati anche tramite il software “Targa System”, che consente l’identificazione dei mezzi non assicurati, non revisionati e rubati.

Intanto l’Unione dei Comuni ha un nuovo componente in giunta: il sindaco di Rosora Fausto Sassi, che prende il posto, dopo le ultime elezioni amministrative, di Lamberto Marchetti. L’organo esecutivo è così composto: presidente Umberto Domizioli, vice presidente Sandro Barcaglioni, assessori Mirco Brega, Barbara Romualdi, Tiziano Consoli e Fausto Sassi.

Unione dei Comuni della Media Vallesina

SANTA MARIA NUOVA / PIZZICA & SPIZZICA, UNA FESTA ALL’INSEGNA DEL DIVERTIMENTO

SANTA MARIA NUOVA, 27 luglio 2017 – Torna l’incontro con la musica popolare da venerdì 28 a domenica 30 luglio con l’appuntamento “I Colori della musica”, organizzato dalla Banda Comunale La Lombarda di S. Maria Nuova con il patrocinio del Comune di Santa Maria Nuova. Tutti gli eventi sono ad ingresso libero.

Clou dell’evento il sabato 29 luglio con “Pizzica&Spizzica”:

Ore 18.30.-20.00 in Piazza Mazzini: Laboratorio di Pizzica Coreografica Insegnante e ballerina “Barbara Piattella presso Élite Danza e Wellness San Marcello”, ossia un’ora e mezza per ballare insieme creando una coreografia. Il Laboratorio è aperto a tutti coloro (uomini e donne di tutte le età) che hanno voglia di divertirsi, di giocare e di lasciarsi andare entrando nell’energia della Pizzica che ci travolge!

Dalle 22.00 in Piazza Mazzini Concerto e serata di Ballo con “Le Tre Sorelle”:

Alessia Cravero: voce, fisarmonica, organetto, lira calabrese, chitarra battente, violino, tamburi a cornice
Giulia Provenzano: voce, chitarra battente, fischiotto, tamburi a cornice, percussioni
Valeria Quarta: voce, tamburi a cornice, percussioni

Nel 2012, all’interno della compagnia artistica La Paranza del Geco di Torino si è ufficializzato il progetto del gruppo “Le Tre Sorelle” con esibizioni su numerosi palchi e in diversi festival in tutta Italia e all’Estero.
Il trio è caratterizzato da un repertorio specializzato sui canti polifonici del Sud, eseguiti a cappella o con l’accompagnamento di numerosi strumenti della tradizione: tamburi a cornice, organetto, fisarmonica, lira calabrese, chitarra battente, violino e percussioni minori.
La musica che il gruppo suona è il frutto di uno studio costante reso possibile non solo dalle preziose registrazioni e pubblicazioni esistenti in materia, ma anche e soprattutto dall’incontro con suonatori e ricercatori che il gruppo ha avuto il piacere e la fortuna di incontrare nel suo cammino musicale.
“Le Tre Sorelle” ha la capacità di emozionare nell’ascolto di brani più lenti e introspettivi, ma anche di far divertire e ballare al ritmo di pizziche e tarantelle, con l’affiatamento e la genuinità proprie del trio.

Saranno a disposizione stand gastronomici sin dalle 18 con specialità tipiche marchigiane e pugliesi e in Piazza Magagnini si terrà un mercatino per hobbysti e la mostra di ricamo (quest’ultima visitabile durante i tre giorni).

Gli altri appuntamenti della tre giorni di Santa Maria Nuova:

Venerdì 28 luglio alle 20.30, in piazza Magagnini, “Cena in piazza”, con prenotazione, in compagnia del gruppo di musica e ballo popolare “Santa Maria Nuova Folk”.

Domenica 30 luglio dalle 18.00 si aprono gli stand gastronomici, in piazza Magagnini; alle 19.00 intrattenimento con il gruppo di musica folk “Blue Wild Ranger”, sempre in piazza Magagnini e alle 21.30, in piazza Mazzini, concerto del “Corpo Bandistico Città di Ispica (Ragusa)”.

(Per info: Associazione Amici della Musica & Banda Musicale “La Lombarda”: 335/5489961 – 331/3987164 – 347/3679447).

STAFFOLO / INCONTRI IN PIAZZETTA, COSA GUIDA UNA MANO ASSASSINA? DIBATTITO TRA AUTORI

STAFFOLO, 21 luglio 2017 – Se il delitto è sotto gli occhi di tutti, spesso le ragioni della mano assassina restano incomprensibili, nascoste, ed è proprio in quella oscurità che ci portano questi racconti, faccia a faccia con l’irrazionale. Guidati da Gianluca Morozzi, sette autori esplorano situazioni e ambienti dove gli incubi individuali diventano paure collettive e dove la mano che si arma apre una ferita nel tessuto sociale.

Venerdì 21 luglio 2017 alle ore 21.15, presso la piazzetta antistante la Biblioteca Comunale “Corrado Danti” (via del Maestro), ci sarà l’ultimo appuntamento con gli Incontri in piazzetta: un collettivo di autori Scriptorama presenterà il libro edito da Fernandel  “La semantica del crimine”.  Thriller, noir e giallo si alternano su queste pagine.

Nei manicomi o sotto i riflettori del jet-set, nelle pieghe della Storia come nelle pagine di cronaca, sette racconti che lasceranno col fiato sospeso.

Modera l’incontro, Luca Pantanetti (Editor e e Titolare Scriptorama).

Al termine, degustazione con i vini offerti dalla Società Agricola “La Staffa” di Riccardo Baldi. In caso di maltempo, l’incontro si svolgerà dentro la Bilblioteca Comunale.

Ingresso libero.