Connect with us

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI E CHIACCHIERE IN DIALETTO

SUPPEL CORSO

 

 

– Oh, va, Mariola, come stade?
– Eh, Dio non peggio…
– Su via, è dolori, ma non se mòre.
– Almango! E vu, que me ‘rcontàde? È ‘n pezzo che non ve se véde. C’éde ‘vudo qualche ‘ncialampo?
– Cojò! Mettédece pure quelli! Già so’ tanto smaronàda pe’ conto mia!
– E que ne so, cuscì, a occhio e croce, me pareàde spentericciàda muntobè!
– E non me fade gi’ sùbbido a cappello! Già ce pensa quel paccatroni de mi’ marìdo a roppe l’anima. Quant’è stràino po’ ‘ssi giorni! “E smorcia la luce…e sgrulla la tovaja…e damme la salvietta…e sdelacciame le scarpe…e spande la coperta…el pregiutto l’hai compràdo?…el sugo l’hai mucinàdo?…e quesso me fa schifo…e quess’altro me fa ‘ndoja…”
– Me cojombrisi, che sfrizzola! E que diàolo j’ha preso? Era tanto cascèro…Da quant’è che s’è fatto luscì lapposo?
– Ma, que v’ho da di’, da ‘n po’ de tempo a ‘ssa parte non me fa sciorà mai. Certi magù me tocca a ‘ngolla, ogni giorno ‘na madosca!
– Eh, a ‘na certa età se smateria de brutto.
– Séde larga de complimenti ‘sta madìna. Ce n’éde qualcun’altro da famme? Dìdelo, che almeno ce levamo subbìdo el pensiero!
– Iè, quanto séde permalosa! E que v’ho ditto “còdiga”?
– Ma pensàde pe’ quelo sciamannàdo de vostro marìdo, piuttosto!
– Ah, io non me stizzo sci je dide male. Anzi…sci podessi ‘rtorna’ indiedro, ve fo vedé io!
– A di’ la veridà, me pare che i vizietti vostri vu ve l’éde cavàdi.
– Ma qu’accidenti dide?? Se Italo è l’unigo òmo che c’ho avudo!
– Bell’affare!
– Sci, parecchio! A 16 anni l’ho conosciudo, a 21 me l’ho sposàdo: me paréa d’avé troàdo el paradiso e ‘nvece…
– E ‘nvece?
– E ‘nvece so’ finìda ‘nte ‘l grasciàro!
– Almango el vostro s’è mantenùdo be’. Alvaro è tutta ‘na pellànciga! Quanno che la sera se presenta co’ quela majettella de la salùde, co’ tutta la trippa de fòri, non ve digo che spettacolo! Pensa’ che quanno l’ho conosciùdo era tutt’ossi…Babbo, quanno l’ha visto, m’ha ditto: “Certo, cocca mia, che a “Pellaccia” te lì rcapàdo proprio ntel mazzo!”
– Su, l’importante è che ancora c’è l’amore…
– Sci, ALLORA SEMO A POSTO! Ve saludo, cosa!

Gioia Morici

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023