Connect with us

il parere dell’esperto

BENESSERE / Scopriamo le crucifere, preziose alleate per affrontare l’inverno

La rubrica “Il parere dell’esperto” è uno spazio affidato a persone specializzate su argomenti di comune interesse

 

Dr.ssa Simona Ciciliani, Biologo Nutrizionista

 

 

Scopriamo le crucifere, preziose alleate per affrontare l’inverno

Tra gli alimenti più salutari, soprattutto nella stagione invernale, si sente molto parlare di crucifere, ovvero broccoli, cavolfiore, cavolo romano, broccoletti di Bruxelles, rape, cime di rapa, ma anche rucola. Il loro nome deriva dalla caratteristica, comune a tutte le specie, di possedere fiori con quattro petali disposti a croce.

Proprietà

Le crucifere, o brassicacee, hanno un basso apporto calorico (ad esempio, 100gr di broccoli forniscono solo 27 calorie) e sono molto ricche di acqua e di fibre, elementi indispensabili per la corretta idratazione dell’organismo, per eliminare le tossine e per la salute dell’apparato intestinale. La rucola, invece, è tra le verdure che contengono il maggior numero di nutrienti considerati essenziali per la salute.

Tra i minerali spiccano potassio, calcio e fosforo, mentre buono è anche il contenuto di acido folico, vitamina A, C e K.

Fondamentali per la lotta ai tumori e alle patologie cardiovascolari

La più importante caratteristica delle crucifere, però, è l’effetto protettivo nei confronti di cancro e patologie cardiovascolari. Responsabili di questa proprietà sono i numerosi antiossidanti, per lo più fenomeni, contenuti al loro interno:

– ISO tiocianati, composti aromatici contenenti zolfo responsabili dell’odore tipico sprigionato da questi ortaggi durante la cottura, che svolgono un’azione antiossidante diretta;

– sulforafani, responsabili del caratteristico sapore leggermente piccante di broccoli e cavoli quando vengono consumati crudi, che svolgono un’azione antiossidante indiretta favorendo l’attività dei sistemi antiossidanti cellulari e di alcuni enzimi che agiscono contro la proliferazione tumorale,

– indoli, che stimolano l’azione detossificante di alcuni enzimi, inibiscono lo sviluppo di cancro allo stomaco ed alla mammella e bloccano in generale la cancerogenesi,

– flavonoidi, tra cui quercetina e antocianine, presenti soprattutto nei cavoli di colore viola,

– carotenoidi, potenti antiossidanti in grado di neutralizzare in maniera efficace i radicali liberi,

– vitamina C, con potere antitumorale poiché impedisce in stomaco ed intestino la conversione dei nitriti e nitrati (conservanti alimentari) in nitrosamine (composti cancerogeni).

Benefiche per intestino, ossa, vista e pelle

Le crucifere hanno proprietà benefiche per la salute anche perché sostengono la funzionalità intestinale, grazie al contenuto di fibra che stimola la peristalsi e favorisce la motilità intestinale.

Inoltre, essendo le più importanti fonti di calcio nel regno vegetale, cavoli, broccoli e affini sono ottimi alleati per la salute del sistema scheletrico, in particolare per coloro che consumano poco le fonti di calcio di origine animale, quali formaggi e latte.

Tra l’altro, sono utili a chi vuole perdere peso in quanto ipocaloriche.

Controindicazioni

Le brassicacee sono da limitare in caso di colon irritabile per la quantità di fibra insolubile che, in tali soggetti, può determinare problemi digestivi. Sempre per la presenza di fibre, un consumo eccessivo in chi non è già solito consumare, può determinare meteorismo e formazione di gas intestinali.

Infine, occorre fare attenzione al consumo delle brassicacee crude poiché possono aumentare il fabbisogno di iodio da parte dell’organismo, con conseguente possibile carenza di questo minerale e rischio di insorgenza di ipotiroidismo. Per lo stesso motivo, le persone che già soffrono di ipotiroidismo non dovrebbero consumarle crude.

Conosciute le crucifere e le proprietà che racchiudono, sarebbe bene farne scorta in inverno.

Dr.ssa Simona Ciciliani

 simonaciciliani@gmail.com

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche