Connect with us

Attualità

CHIARAVALLE / CHIESETTA SAN GIUSEPPE CHIUSA DA TROPPI ANNI, LE PROTESTE DEI FEDELI

Interdetta al culto anche la chiesa del cimitero comunale

CHIARAVALLE, 7 novembre 2019 – «Da anni, da troppi anni, la chiesetta di San Giuseppe in cima a corso Matteotti è chiusa e per noi è un dolore profondo».

Sono parecchie le persone che hanno manifestato il loro disappunto ed il loro dispiacere per la situazione di degrado in cui versa la storica, piccola chiesa dedicata a San Giuseppe nel centro storico cittadino, un luogo costruito nei primi anni del 1800 che fino alla chiusura dopo il sisma del 2016 per motivi di sicurezza ha rappresentato un punto di riferimento per i cattolici chiaravallesi.

Altre persone sottolineano che anche la chiesetta del cimitero comunale da anni è interdetta ai fedeli ed è in perenne fase di ristrutturazione.

«Per noi – dicono i cittadini – era un appuntamento fisso quello della domenica mattina con la messa nella chiesa di San Giuseppe».

Soprattutto per gli anziani del quartiere che non hanno molta possibilità di muoversi e che nei mesi invernali dovrebbero percorrere parecchia strada a piedi per raggiungere l’abbazia principale, era molto utile poter partecipare alle funzioni religiose a San Giuseppe.

«Avevano garantito che la situazione sarebbe stata risolta dall’amministrazione comunale, ma la chiesa di San Giuseppe alla quale siamo molto legati e che è l’unica presente nel centro storico, oltre all’abbazia di Santa Maria in Castagnola, resta chiusa e interdetta alle funzioni religiose».

Nella piccola chiesa di corso Matteotti si celebrava la messa domenicale delle 9, e da lì prendeva il via una tradizionale processione della Domenica delle Palme.

«L’ufficio tecnico comunale ormai tre anni fa – dicono ancora i fedeli – aveva rilevato lesioni di cui bisognava approfondire l’entità ed occorreva verificare le condizioni di agibilità. Anche altri edifici pubblici avevano subito lesioni ma alcuni di loro sono stati regolarmente riaperti. Per ovviare alla sua chiusura era stata aggiunta una messa domenicale alle 8.45 nell’abbazia di Santa Maria in Castagnola. Preoccupa anche la prolungata chiusura della piccola chiesa del cimitero comunale che utilizzata per alcune cerimonie funebri e dove si svolgeva una messa nel giorno dedicato ai defunti».

Gianluca Fenucci

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ferramenta Sarti - Castelplanio
Granpanda 03-04-20


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.