Connect with us

Ricette per il sorriso

COTTO&MANGIATO / LA RUBRICA DI GIOIA MORICI

AMORE DE MAMMA!

Marisa, ooh…finalmente sei uscida co’ la monella! Vie’ qua! Fammela guardà, ‘sta cicciona, che Dio la benediga! Tutto lo stampo tua, te rassomija un gran bel po’, ma que digo?…è la copia spiccicada! Apposta ce fai la paccona, eh?! Eppò se vede che è tanto bona, sta lì ferma che pare ‘mbalsamada! Comunque adesso ‘ste creature, anche se pare pogo rifinide, in realtà è sveje da morì! Non vedi, che occhietti birbi?…capisce tutto lia, ‘sta paccatroni! Ah, speramo non diventi come el padre…per caridà, tu’ marito è un brav’omo, ma è sempre de cattivo umore, se je dici “A” risponde “Z” e, sci se stizza, bastigna come un camionista…chissà que je dice la testa! Me pare chiaro che ha preso tutto dal padraccio, quel poro Cesare…l’hai conosciudo, no? Come aprìa bocca, paccava l’aria…miga ch’era tristo d’animo, noo, piuttosto era sempre nervoso marcio, a tratti proprio indisponente e soprattutto no’ lo dovei mandà a cappello, scinnò era dolori: del resto facea el contadì, passava le giornate col pertigaro giù pel greppo, al massimo scambiava du’ parole col porco che je dava sempre ragiò, te credo che dopo n’era bono a discore coi cristiani. Insomma, speramo che ‘sta creatura ha preso da la razza tua, che la famija Ferradini è ‘n tantì più ‘rcapada dei Mazzanti…tanto tu’ madre era maestra giu’ ‘l Prado, qualchiccò avea studiado, no? Oddio, ‘na rama da matta ce l’avea ancora lia, ma coll’istruziò un tantinello s’era migliorada, la zocca je s’era aperta, scindonga, sci rimanea pure alfabeda, e chi cazziga se la sciroppava! Comunque, a corti discorsi, ‘sta fijola t’è venuda proprio be’, complimenti, c’ha proprio un bel musetto, a parte ‘sta boccuccia brencia. Chissà comm’è…c’avrà i dentini storti? Magari c’ha solo fame, pora cocca…ah, no, peresse sbadija…e ‘na Madonna che gengive…quessa, come cresce, te se magna pure la pigna de la colla! Del resto anche te da monella eri grossetta, te piaceva a magnà, eh, Lucì? Mbe’ n’è nie’, tutta robba che prima o poi se sistema, che sarà mai du’ fardelle sulle chiappe, i problemi è altri e quanno crescerà, ‘sta fija, te ne accorgerai, vedrai che magò te toccherà a ‘ngollà! Magari te va male a scola, te se droga, pia ‘na strada poco raccomandabile e finisce a fa’ le zozzerie a pagamento…che te pare? che tel dice? Che t’accorgi?? Capirai…co’ sta flemma che te ritrovi, e quanno t’accorgi te! Ooh…hai da sta’ sveja nte la vita, bella mia, che è n’attimo che va tutto a rotoli, que te credi?! Beh, ade’ me s’è fatto tardi e te saluto. Tante care cose e ricordate: esse madre è la robba più bella che te possa capità, te addolcisce, te fa l’animo bono: non vedi io…CHE RAZZA DE CORE D’ORO CHE C’HO?!

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.