Connect with us

Cronaca

CUPRA MONTANA / QUEL GRUPPO DI “INFIORATORI” ORGOGLIO DEL PAESE

CUPRA MONTANA, 9 giugno 2015 – Cosa c’è di più bello che vedere un paese in festa il giorno del Corpus infiorata_1Domini? Tutto quanto ci lega a questo momento di fede, espresso tra i colori dell’Infiorata, tra i canti e le preghiere, in quello spettacolo ancestrale della composizione floreale nella quale l’anima gioconda sviluppa dentro un senso di felicità e di essa rispecchia ogni angolo migliore, carico di sfumature, di partecipazione. Ecco, proprio questo punto è essenziale alla realizzazione dell’Infiorata, per la quale mille mani accarezzano, colgono, dispongono, annaffiano, concentrano, petali di ogni colore, erbe di campo, per un giorno dedicato tutto al Signore, con gioia. Questa lunga tradizione, che ogni anno si rinnova grazie all’impegno di tanti cittadini, di giovani studenti della locali scuole medie diretti dalla Prof. ssa Rita Uncini, di Associazioni, di gruppi di “raccoglitori” di fiori, è diventata un punto di riferimento per moltissimi cuprensi e turisti, che giungono appositamente a Cupra Montana per l’Infiorata. A volte ci domandiamo “Ma cosa ci accomuna alle altre Infiorate e cosa ci distingue?” Ebbene, la risposta è semplice da apparire scontata. Ci accomuna la Fede e la voglia di fare. Ci differenzia forse il fatto che a Cupra Montana, quegli stupendi tappeti sono composti da fiori veri non da infiorata_2surrogati, quelli che magari vengono usati altrove per non dover cercare nelle campagne, in montagna, lungo i bordi delle strade, tanta materia prima per realizzarli. Non solo questo! Il gruppo di “Infioratori cuprensi” sono ascesi alla ribalta della notorietà partendo da Cupra Montana con un bel biglietto di presentazione e sono giunti direttamente in Vaticano lo scorso anno dove hanno realizzato in piazza San Pietro un tappeto bellissimo, mentre il 4 giugno ultimo scorso in Ancona, hanno lavorato alacremente per preparare ben 12 punti di infiorata lungo Corso Giuseppe Garibaldi, dimostrando si la passione ma anche la tanta manualità acquisita nel tempo. L’Infiorata, proprio per l’importanza che essa riveste sia negli aspetti religiosi e sociali che, in ultima analisi, quello del ritorno turistico. È un’attrattiva che da qualche anno viene lasciata godere al pubblico dal mattino alla sera, grazie ad una ordinanza del Sindaco che vieta la circolazione lungo le vie interessate dall’Infiorata, determinando così il prolungamento di quei bellissimi lavori anche il tempo necessario agli infioratori di raccogliere la meritata gratificazione.
(Oddino Giampaoletti)
foto di Enrico Spinaci

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche