Segui QdM Notizie

Cronaca

Cupramontana Intrappolati fra acqua e fango soccorsi dai tecnici comunali

È successo durante il maltempo di ieri lungo la strada che porta all’Eremo dei Frati Bianchi, momenti di apprensione per i proprietari della struttura sconsacrata

Cupramontana – Le forti piogge che si sono abbattute sulla Vallesina nel pomeriggio di ieri hanno colpito anche l’Eremo dei Frati Bianchi.

I proprietari della struttura erano impegnati nei preparativi di un evento previsto per il week end, quando improvvisamente scendendo lungo la strada che porta all’Eremo, si sono trovati di fronte a una massa d’acqua e a un albero lungo la carreggiata, che in parte era franata.

I due fossi d’acqua, fossato del Corvo e fosso di San Bartolomeo, che confluiscono nell’Esino, erano tracimati.

Hanno prontamente fermato l’auto indietreggiando e nel contempo lanciato l’allarme, prontamente sono intervenuti i dipendenti comunali, coordinati da Sauro Ragni responsabile dell’Ufficio tecnico.

È stata aperta una pista per agevolare il passaggio del mezzo, tagliato le piante che ostacolavano il passaggio mettendo in sicurezza i tre gestori.

In tarda serata sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco del distaccamento di Jesi, chiamati dagli stessi gestori, che hanno provveduto, in collaborazione con i tecnici comunali, a liberare da un’ostruzione una grata di grosse dimensioni all’interno della struttura, intasata a causa delle forti piogge, in modo tale da far defluire l’acqua più rapidamente.

Gli operai del Comune stanno intervenendo anche nelle abitazioni civili delle zone colpite dalla bomba d’acqua del pomeriggio di ieri, aiutando a ripulire i danni provocati dal maltempo e nel pomeriggio di oggi sono stati al lavoro per liberare dalle pietre il fosso che si trova al di sopra dell’Azienda agricola Sparapani, interessata da allagamenti nel pomeriggio di ieri.

Si procederà con ulteriore segnalazione alla Protezione civile per l’area interessata.

© riproduzione riservata