Connect with us
TESTATA -

Jesi

DIALETTANDO INTORNO A JESI / RUBRICA DI GIOIA MORICI

Cara Befana,

ti ascrivo questa letterina perché ho qui de fianco la mia bella nipodina Vittorietta e siccome che je l’ho promesso che l’avrìa aiutada a prepara’ un bijettino pe’ dirti i regali che vorrebbe pe’ questa festa no’ la posso scontentare. Dunque, Vittorietta mia, che la guardo sempre ‘nte la fottografia sopra al comodì, mi comunniga che ce terrìa tanto che tu je portassi una bella bambolona de pezza, mi raccomanno molto grossa, no’ come quella dell’anno scorso.

Po’ vòle una casetta de plastiga pe’ ficcacci drendo le pupe che aggià j’ha regalado, che ‘nte la cammera sua non ci si gira più da quante ce n’è e non sa più mango lìa indocche mettele.

E infine anche du’ scattole belle grosse de cioccolade Chin o Chinne, non ho inteso be’ que diàolo m’ha ditto ma aspero che tu abbia capido. Me raccomanno al latte, perché ‘sta monella dice che la cioccolada amara gli fa proprio schifo, quindi non ti asbajare, grazie.

Mi sta dicenno anche che si tu je porti tutte quesse belle robbe, lìa promette che sarà più bòna e non farà gire a cappello quella poretta de la madre, ma mmm, su questo io non so, perché me pare che i monelli de oggi non troa pace, peresse ‘na ‘olta dava più retta e all’edugaziò ce se tenéa ‘nte le case, no’ come adè che un fijo te po’ pure mannà a moriammazzado, sci je tira el buccì.

Vabè, lassamo perde che quessi è discorzi che sci dai retta te ce rabbisci e basta.

Me pare de avette scritto nigosa, quandi adesso te saludo e te auguro tante belle cose a te e a tutti i Santi del Paradiso. Che lora ce protegga sempre: a me, Ponzetti Iride, e quessa bella bambina Vittorietta che je vojo bè muntobè e che la prego sempre quanno che vo’ a la Messa giù el Domo sentenno quel bel gioinotto del vescovo a discore.

A te, Signora Befana, e alla tua famija, compreso quel bel baffone de Babbo Natale, io e Vittorietta qui presente auguramo un anno pieno de serenità con il quale te salutamo e ci mettiamo la nostra firma.

Vittorietta e Nonna Iride, via Gallodoro 74, Jesi.

Condividi