Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / Bagni pubblici chiusi, il Pd: «Danno d’immagine»

Andrea Cesaroni punta il dito contro la giunta comunale: «I fondi sono a disposizione ma non vengono utilizzati, i servizi igienici vanno riaperti al più presto»

 

 

FABRIANO, 17 agosto 2020 – Era un po’ nell’aria che la questione dei bagni pubblici alla fine diventasse un argomento strettamente di attualità.

Il tema ha ripreso vigore nei giorni scorsi (leggi l’articolo), quando con il ritorno dei turisti ci si è accorti che tra i tanti servizi messi a disposizione ne mancava in realtà uno o meglio due: fontanelle e “vespasiani“.

E se per quanto riguarda le cannelle pubbliche, che in questi giorni di caldo sono particolarmente cercate, ebbene ci sono ma per trovarle occorre munirsi di un segugio. Punto dolente sono i bagni pubblici. C’è chi ha chiesto a diversi fabrianesi se sapevano indicare dove fossero e con un certo imbarazzo si sono sentiti rispondere che erano chiusi. Non tutti, in verità, perché quello nelle vicinanze dei Giardini Regina Margherita è aperto ma a giudicare dal suo stato sarebbe meglio evitare quello spettacolo. Sbarrati quelli in Piazza Garibaldi sotto le gradinate che portano a via Mamiani, e  sotto la Biblioteca Romualdo Sassi, a fianco alla gradinata.

Per il Partito democratico, tramite Andrea Cesaroni, è tempo di prendere seriamente di petto la questione: «Riapriamo i bagni pubblici». E aggiunge Cesaroni: «Occupiamoci di un argomento che da anni tiene banco in città.  Con il passare degli anni abbiamo avuto il problema dei bagni pubblici, urge e non poco un rifacimento totale di questi servizi, visto che i fondi sono a disposizione e che adesso come adesso non sono utilizzabili per i turisti che vengono a visitare la nostra cittadina».

In effetti se qualcuno pensava che tutto sommato non era così urgente per la città occuparsi dei “vespasiani“, ebbene deve ricredersi. C’è in gioco un’immagine turistica che si è saputa valorizzare con un grosso lavoro nei mesi scorsi (leggi l’articolo) e che ora rischia di vedere il tutto vanificato.

Non a caso Cesaroni sottolinea questo aspetto: «Sarebbe un bel manifesto di presentazione per il centro storico e non solo, naturalmente mettendo a disposizione dei fondi per le pulizie e manutenzione, con orari di apertura e chiusura invernali ed estivi come succede nelle altre zone d’italia. Riaprire i servizi igienici è una delle cose più elementari che ci sia. Basta solo volerlo. Sempre che si voglia fare una semplice rivoluzione.»

(d. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

bagni pubblici_fabriano (2) bagni2pubblici_fabriano bagni1pubblici_fabriano bagni pubblici_fabriano bagni pubblici bagni pubblici giardini andrea cesaroni
<
>
Andrea Cesaroni
Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.