Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / BILANCIO AD ALTA TENSIONE: OPPOSIZIONI ALL’ATTACCO SUI TEMPI

Le opposizioni unite di Fabriano

Un bilancio ad altissima tensione

FABRIANO, 22 marzo 2018  – “Non ci sono i tempi per studiare il bilancio il 28 marzo come da convocazione. Noi come opposizioni chiederemo lo spostamento al 3 aprile per poter permettere una discussione più completa. Se la nostra richiesta non dovesse essere ascoltata allora l’unica soluzione sarà quella di abbandonare l’aula”. Le opposizioni si schierano compatte contro l’amministrazione pentastellata e contro la “tempistica” di un bilancio che sarà discusso il prossimo 28 marzo a palazzo del Podestà.

Opposizioni sul piede di guerra

Tutte anime dell’opposizione ai pentastellati (assente solo il gruppo Fabriano Progressista di Andrea Giombi) unite per garantire il rispetto delle regole e le prerogative dei consiglieri, per un Consiglio Comunale ed un bilancio da discutere sul filo di un rasoio. Le opposizioni all’attacco di due documenti: il piano triennale dei lavori pubblici ed il piano delle alienazioni. Documenti non depositati in maniera corretta secondo le opposizioni, che hanno ottenuto i pareri dei dirigenti lo scorso 13 marzo.

“Il consiglio comunale convocato per il 28 marzo non permette un corretto studio da parte dei consiglieri di minoranza. L’8 marzo sono stati depositati documenti senza alcuni pareri e solo in data 13 marzo sono arrivati. Quindi secondo il regolamento, che prevede 20 giorni per lo studio dei degli stessi, il consiglio comunale doveva essere convocato in data 3 aprile”. Spiega il Segretario del PD Francesco Ducoli.

“Il punto politico è che la minoranza non può essere frustrata nelle sue prerogative – prosegue il Segretario – In più di una volta il M5S ha  affermato che avrebbero presentato il bilancio entro il 31 dicembre scorso e per tanti motivi non ci sono riusciti, ma ritengo che questo sia un atto molto grave. Bisogna permettere ai consiglieri di fare il loro lavoro di verifica e controllo degli atti”. “I ritardi che si sono accumulati andranno anche a pesare sui contributi per l’autonoma sistemazione – perché non è stata prevista una variante in bilancio nonostante i fondi pubblici siano arrivarti a inizio marzo” ha concluso.

“Loro che vogliono essere così ligi alle regole sono i primi a non rispettarle – Accusa il consigliere forzista Olindo Stroppa – una forzatura già evidenziata in commissione e questa non è altro che una nuova forzatura verso l’opposizione. Non ci sarebbero state conseguenze irreparabili se si fosse dibattuto il bilancio il 3 aprile, al massimo una lettera dal Prefetto per il non rispetto dei tempi. Ma sarebbe finita lì. Loro si dimostrano ancora di più un movimento chiuso”.

All’attacco anche il capogruppo Dem in consiglio Giovanni Baluducci. “Ci sarebbe da discutere su tantissime cose e sarebbe spiacevole non sviluppare un dibattito in merito ai tanti aumenti di tariffe e la tassa di soggiorno. Ci vuole il rispetto dei ruoli, è il fondamento della democrazia. Non vogliamo il braccio di ferro, ma vogliamo la possibilità del confronto per il bene di tutti”.

“Bilancio molto complicato”, ha puntualizzato per Fabriano Popolare Vanio Cingolani. Osservando la necessità di un lavoro intenso per capirne tutte le pieghe. “Amministrazione che sembra ancora essere all’opposizione. Se lo votassero da soli il bilancio”.

Francesco Spedaletti di Associazione Fabriano Progressista, ha osservato: “Potevano convocare la discussione del bilancio e prevedere una seconda convocazione nella data corretta. Si sarebbe risolto il problema senza dover forzare la mano in questa maniera”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Alta Vallesina

SASSOFFERATO / L’ALTERNANZA SCUOLA – LAVORO RACCONTATA DAI RAGAZZI DEL LICEO “VOLTERRA”

SASSOFERRATO, 15 luglio 2018 – Finito l’anno scolastico e fine dell’esperienza di alternanza scuola – lavoro per i ragazzi della classe III As, del Liceo Scientifico Vito Volterra di Fabriano sezione staccata di Sassoferrato.

Esperienza vissuta durante l’anno scolastico, lavoro realizzato in collaborazione con il Comune di Sassoferrato, che oltre a mettere  a disposizione le strutture museali,  ha coordinato i rapporti tra scuola e realtà turistiche operanti sul territorio.

“E’ stata un’opportunità molto stimolante in quanto ci ha permesso di migliorare le nostre capacità di Team-Working – hanno spiegato i ragazzi – ci siamo integrati fin da subito grazie al nostro tutor aziendale Marco Caverni  e ai suoi soci, venendo in contatto con le dinamiche aziendali in un contesto molto piacevole ed accogliente”.

Progetto “Company Comes to School”

Impegno e dedizione da parte di tutti i ragazzi, premiato anche dalla Camera di Commercio di Ancona, durante la seconda edizione del concorso “ Storie di Alternanza”,  per essersi aggiudicata il secondo posto nella categoria dei licei, a certificazione della qualità del percorso intrapreso insieme alla realtà aziendale Happennines, molto attiva sul territorio.

Sassoferrato è stato l’unico Liceo dell’entroterra presente alla premiazione, gli studenti di Sassoferrato hanno condiviso il premio con istituti di Jesi, Senigallia ed Ancona. Questa la motivazione: “Per avere bene illustrato il progetto di Alternanza Scuola Lavoro, e valorizzato il territorio e il contesto socio culturale in cui l’esperienza formativa si è svolta”. Gli studenti infatti si sono confrontati con gli strumenti e le metodologie utilizzati per la redazione di un budget, la progettazione di un brand e la messa sul mercato di un prodotto turistico progettato in classe e documentato attraverso un video presentato al concorso.

Soddisfatta la professoressa Rosaria Pradarelli, referente del progetto per il Liceo, evidenzia i buoni risultati dell’alternanza. Ricorda la collaborazione e la condivisione del percorso con la Dirigente scolastica Adriana Verdini ed il referente della sede di Sassoferrato Professor Marco Cristallini.

Continua a leggere

Alta Vallesina

FABRIANO / “DONARE SANGUE È DONARE VITA”, L’APPELLO DELL’AVIS

FABRIANO, 15 luglio 2018 – “Donate sangue perché salverete delle vite”. Un atto di attenzione nei confronti di chi ha urgenza di trasfusioni e che d’estate è urgenza ancora più stringente. Lancia l’appello l’Avis fabrianese , un gruppo composto da 2.2250 donatori circa ed un direttivo sempre presente e che non manca di partecipare alla vita cittadina.

Una storia di attenzione e dovere civico nata subito dopo la seconda guerra mondiale. L’Avis Comunale di Fabriano è infatti nata il 23 giugno 1945 nella sede del Comitato Nazionale di Liberazione, a seguito di deleghe rilasciate dai Partiti Politici e delle Camera del Lavoro.

Oltre 4.000 donazione annue

“I malati non vanno in ferie”, ricordano dall’Avis Fabrianese e ricordano anche l’afflusso dei milioni di turisti dello scorso anno e quelli che verranno perché “Il malato porta con sé la patologia di cui soffre, e quindi chi dona deve pensare anche a questo prima delle eventuali ferie, deve pensare al prima ed al dopo il periodo di riposo. Ci sono poi le problematiche legate anche alla zona di villeggiatura o di lavoro o di località con la massiccia presenza di zanzare tigre”.

“I motivi per cui nel periodo compreso tra luglio ed agosto avviene un calo delle donazioni sono molteplici – spiega il presidente del gruppo fabrianese Luciano Bano – ci sono le vacanze estive che possono far assentare per diverso tempo chi dona. C’è anche chi ha problemi ad incastrare gli orari di lavoro”. Ricorda la necessita di sacche di sangue per affrontare le operazioni, perché fondamentali per garantire la l’accesso alla sala operatoria.

Sottolinea anche le problematiche legate alle condizioni climatiche Bano, osservando che “Il caldo torrido e le poche piogge dello scorso anno hanno pesato particolarmente su chi soffre di pressione bassa, Ci sono poi i raffreddori legati all’utilizzo dei condizionatori. Paradossalmente la bella stagione è da sempre critica per motivi di salute”.

Ecco quindi rinnovato e rafforzato l’appello del Presidente e del gruppo direttivo. “Donare sangue è salvare una vita, verissimo, ma donare sangue è soprattutto migliorare la qualità della vita di una persona”.

Donazione che è anche lavoro di squadra concludono dall’Avis Comunale, un lavoro che riguarda volontari e personale sanitario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Alta Vallesina

GENGA / A FUOCO DELLE STERPAGLIE, INTERVENGO I VIGILI DEL FUOCO

GENGA,  14 luglio 2018 – Incendio nel pomeriggio di oggi a Genga, nelle immediate vicinanze del cimitero cittadino. Per cause ancora in corso di accertamento sono andate a fuoco delle sterpaglie in località Piagge Del Prete lungo la strada.

2 mezzi intervenuti sul posto

La squadra VF sul posto con autobotte e un mezzo 4×4 ha spento le fiamme prima che queste raggiungessero il bosco.  L’intervento è proseguito con le operazioni di bonifica.
In totale sono bruciati circa 500 metri quadrati di vegetazione.

Continua a leggere

Ti possono interessare

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - per la pubblicità: commerciale@qdmnotizie.it - tatufoli.commerciale@qdmnotizie.it - tel. +39 349 1334145