Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO CALCIO / SI RIPARTE CON RENZO TASSO IN PANCHINA, GUBINELLI: NO ALL’ANCONA IN ECCELLENZA

FABRIANO, 21 giugno 2018 –  Oramai i giorni della retrocessione dalla serie D nel campionato di Eccellenza sono un lontano ricordo.

renzo tasso

Il club fabrianese si è rimesso subito in moto ed il direttore sportivo Sergio Gubinelli ha immediatamente individuato la persona giusta per ripartire: Renzo Tasso.

Cresciuto calcisticamente nel vivaio del Gubbio il neo allenatore dei cartai come giocatore ha poi vestito la maglia del Gauldo, Perugia, Casarano, Ascoli e Como. Dopo altre diverse esperienze chiude a Bastia nell’Eccellenza umbra. Ha giocato 130 partite in serie B.

A Bastia intraprende anche la carriera di allenatore e nel 2014-2015 affianca, come vice allenatore in Ancona, Giovanni Cornacchini per poi seguirlo a Viterbo.

Secondo di Tasso a Fabriano sarà Massimo Prete mentre il preparatore atletico Gianluca Braglia ed il fisioterapista Alessio Lupini.

Sul fronte squadra conferme per Spitoni e Rossi tra i pali e poi Cusimano, Zepponi, Salsiccia, Piergallini e Baldini.

Il direttore sportivo Gubinelli sta lavorando per cercare due attaccanti di qualità, si parla anche di Kevin Trudo dalla Jesina,  e giocatori esperti a centrocampo ed in difesa.

Le trattative insomma sono tante e di certo il rinnovamento sarà garantito per un campionato da disputare come protagonista.

A proposito di campionato Gubinelli si è soffermato sulla ipotesi dell’Ancona in Eccellenza. “Con tutto il rispetto per i tifosi e la società – ha sostenuto il dirigente – non vedo giusto che l’Ancona venga inserita in Eccellenza. A quel punto anche la Civitanovese avrebbe gli stessi diritti. Solo nel gioco dell’oca si saltano le caselle ed allora anche il Sassoferrato Genga, che ha perso lo spareggio Promozione avrebbe maggior diritto dell’Ancona di essere ripescata in Eccellenza. Se si avvererà una situazione del genere, e cioè se dall’alto l’Ancona sarà ammessa in Eccellenza, tutto perderebbe di credibilità: i passaggi di categoria insomma vanno fatti in maniera regolare e non per ‘conoscenze'”.

evasio santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.