Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / Caritas: tanti progetti in aiuto alle famiglie

Da marzo c’è stato un aumento del 50% delle persone che si sono rivolte al centro di ascolto della Caritas

 

FABRIANO, 23 dicembre 2020 – Continua l’attività della Caritas, che da maggio scorso si è trasferita nella nuova sede in via delle Fontanelle, più ampia, che consente di fare più attività. Il nuovo servizio che è stato attivato è l’Emporio della Carità, un vero e proprio minimarket costituito a servizio di tutta la diocesi, nel quale è possibile fare spesa gratuitamente usufruendo di una tessera che viene rilasciata alle famiglie dopo essere passati per il punto di ascolto e aver capito l’andamento della situazione economica familiare, anche attraverso l’Isee. 

«All’emporio si trovano generi alimentari e per l’igiene personale – spiega don Marco Strona – tutti i prodotti hanno il codice a barre e sono schedati, e i clienti si trovano a fare una vera e propria spesa, il che da dignità alla persona». 

Andreoli immobiliare 01-07-20

Da una anno continua il progetto di agricoltura sociale, in collaborazione con il Centro Caritas di Jesi, con il quale sono state introdotte al lavoro persone che provengono dal centro di ascolto.

«L’attivazione di progetti nel mondo del lavoro servono a far rimettere in piedi le famiglie che arrivano con difficoltà economiche – spiega ancora don Marco – abbiamo in progetto dei corsi di formazione come ad esempio il corso di italiano per stranieri che stava per partire a novembre ma purtroppo con l’emergenza Covid è stato sospeso».

Purtroppo da marzo c’è stato un aumento del 50% delle persone che si sono rivolte al centro di ascolto della Caritas, in concomitanza con il lockdown e la crisi economica dovuta al virus.  

Per quanto riguarda l’Emporio della carità si è registrato l’arrivo di 350 famiglie proventi dalla diocesi, di cui circa 70 provenienti da Sassoferrato, 30 da Matelica e il resto di Fabriano, mentre nei centri di ascolto di tutta la diocesi i numeri sono stati di circa 800 persone, che più o meno possono corrispondono alle stesse famiglie, delle quali circa 600 a Fabriano. 

«Quando parliamo di persone che sono passate per il centro di ascolto non si fa riferimento solo a chi ha chiesto un aiuto economico – specifica Don Marco – quello che manifestano è un bisogno, non necessariamente materiale e noi come Caritas cerchiamo di intercettarli e attivarci per trovare una soluzione».

Sara Marinucci

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere

parafarmacia gocce di salute


Meteo Marche