Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / Il tappeto floreale dedicato al Patrono della Città

L’opera è stata realizzato nella piazza della Cattedrale dagli infioratori delle Porte

FABRIANO, 24 giugno 2020 – Oggi, 24 giugno, giorno del Santo Patrono di Fabriano, gli infioratori di Porta del Borgo, Porta Cervara, Porta del Piano e Porta Pisana hanno omaggiato la città onorando San Giovanni Battista con un’infiorata in piazza della Cattedrale.

Dalle ore 8 alle e fino ore 18 di oggi, gli infioratori del Palio di San Giovanni Battista hanno lavorato alternandosi, utilizzando dispositivi di protezione individuale e rispettando le distanze di sicurezza previste dalle normative vigenti per l’emergenza Covid-19, all’opera che riproduce, in un tappeto floreale, il volto di San Giovanni Battista, tratto da uno stendardo ligneo bifacciale, eseguito dal Maestro di Staffolo nel 1450 (leggi l’articolo).

palio_fabriano infioratori2_fabriano infioratori1_fabriano infioratori_fabriano palio_fabriano
<
>
Il volto del Santo Patrono

Il dipinto, conservato oggi al Museo Nazionale del Palazzo di Venezia, a Roma, originariamente era destinato al complesso di Santa Maria della Misericordia, di Fabriano. L’opera che su un lato presenta le figure dei santi Giovanni Battista e Sebastiano, e nell’altro la Madonna della Misericordia, molto probabilmente fu commissionata all’artista in occasione della visita di papa Niccolò V, a Fabriano, in seguito al grave episodio della peste che flagellò la città marchigiana intorno alla metà del XV secolo.

Alle ore 18 è iniziata la Santa Messa nella cattedrale di San Venanzio e al termine della celebrazione il Vescovo benedirà l’infiorata.

Daniele Gattucci

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.