Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / INTESA-SANPAOLO: UNA NUOVA IDEA DI BANCA

FABRIANO, 16 maggio 2018 – Da lunedì scorso la “banca di vetro” come unica filiale di Banca Intesa – Sanpaolo operativa in città. Da lunedì infatti attiva solo la sede di via don Riganelli, che ha “inglobato” quelle di piazzale Matteotti, corso della Repubblica, via martiri della libertà. A queste si aggiunga la banda dell’Adriatico (via Dante), parte del gruppo Intesa. Nessun taglio al personale.

Intesa Sanpaolo apre a Fabriano il suo nuovo modello di filiale, tra le maggiori realizzate in Italia, a testimonianza della centralità della città nelle strategie del Gruppo. Con il nuovo layout degli spazi a disposizione della clientela ed il restyling di parte dell’esterno dello stabile di via don Riganelli cambia il modo di vivere la banca, per fare della filiale una piazza dell’economia reale coniugando accoglienza, relazione e digitalizzazione.

“Vogliamo essere la cassaforte delle famiglie italiane e motore per le imprese. Discorso che vale anche per l’acceso al credito delle aziende. Noi non abbiamo mai fatto mancare il supporto e cercheremo di non farlo mai mancare”. Così ha spiegato Tito Nocentini illustrando le nuove funzionalità della sede di intesa-San Paolo di via Don Riganelli.

Quello che è noto ai fabrianesi con l’appellativo di ‘palazzo di vetro’ torna così ad essere un hub per l’economia locale, concentrando le attività di Intesa Sanpaolo presenti nel comune. Una struttura cui afferiscono oltre 14mila clienti, circa mille dei quali costituiti da imprese, e nel quale lavorano circa 120 persone, la maggior parte dedicate ai servizi a persone e imprese, cui si aggiungono uffici afferenti a funzioni centrali del Gruppo.

Presso la struttura di via don Riganelli, da lunedì scorso, operano infatti una filiale Retail, una filiale Personal, un distaccamento Imprese, oltre a diversi strutture che fanno capo agli uffici centrali del gruppo bancario. Il tutto con un nuovo layout nel quale il cambiamento del luogo fisico va di pari passo con quello dell’approccio al cliente.

“Il nuovo modello di filiale realizzato a Fabriano segna un rinnovamento completo e profondo. Intesa Sanpaolo è la banca dell’economia reale e le nuove filiali ne sono le piazze – spiega Tito Nocentini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo –. L’originale layout degli ambienti rispecchia l’atteggiamento di accoglienza che vogliamo esprimere con le nostre persone. La nuova filiale favorirà ulteriormente le connessioni con gli attori del territorio, con i clienti e tra i clienti, che qui potranno trovare un punto d’incontro e avere uno scambio di idee e di business. La sfida è rispondere in modo nuovo anche ai bisogni più tradizionali, sviluppando per esempio le enormi opportunità rese possibili dalla rivoluzione digitale.”

Accoglienza e relazione sono gli obiettivi principali del cambiamento e per realizzarli la banca ha realizzato una “rivoluzione” degli spazi abbattendo barriere e confini. Particolare cura è stata posta nella realizzazione dell’ingresso della filiale con una grande area di primo contatto e di orientamento, dove gli operatori, supportati anche dalle nuove tecnologie, aiutano il cliente a indirizzarsi verso i servizi desiderati, dalla consulenza specialistica fino all’uso delle casse self e gestiscono anche l’organizzazione degli appuntamenti.

Il fulcro della filiale è la “piazza”, luogo – non solo metaforico – per lo scambio di idee ed esperienze. Al centro di quest’area condivisa si trova un grande tavolo di legno grezzo, tutto intorno ci sono librerie, divani e poltrone. Sulla piazza affacciano i salottini per gli incontri informali e gli spazi dedicati a quelli riservati e le casse self service assistite. Nella realizzazione sono stati utilizzati materiali semplici, con un’attenzione particolare al loro valore ecologico. Interamente riservato alla clientela il parcheggio (circa 40 posti) di pertinenza dello stabile di via don Riganelli.

La tecnologia è una presenza costante. L’area esterna delle casse self – accessibile 24 ore su 24 – ospita due sportelli automatici ATM e due sportelli automatici evoluti MTA che oltre a prelevamenti e pagamenti consentono anche operazioni di versamento contanti e assegni ed altre operazioni. Mentre all’interno della filiale – dove è presente una connessione wi-fi a disposizione della clientela – vi sono tre casse self assistite (operative dalle 8 alle ore 19) dove i clienti possono effettuare una varia gamma di operazioni in autonomia o con l’assistenza del personale.

Filiale aperta (per consulenza e casse senza operatore) anche il sabato dalle 9 alle 13.

Resteranno inoltre attivi sia lo sportello ATM lungo il centralissimo Corso della Repubblica che quello presso il Centro Commerciale “Il Gentile” e verrà installato a breve, verosimilmente entro il mese di giugno, un nuovo ATM all’interno dell’ospedale cittadino “Engles Profili”.

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Alta Vallesina

FABRIANO / LUDOVICO CARMENATI DAL VIVO AL “FANO JAZZ BY THE SEA”

FABRIANO, 23 luglio 2018 – Palco d’eccezione per il contrabbassista fabrianese Ludovico Carmenati, con il suo ottetto domani sera si esibirà al “Fano Jazz By The Sea”.

Il musicista presenterà sul palco fanese le canzoni estratte da “In The Afternoon”, disco uscito a nome Ludovico Carmenati Octet nel febbraio dello scorso anno.

“in The Afternoon” è album dinamico che trova nel jazz moderno una radice di una musica libera ed ispirata. Il disco è stato distribuito dalla Rara Records prima online e poi in formato fisico.

Confermatissima la formazione che domani sera si esibirà alla Rocchetta Malatestiana (piazza Malatesta): Marco Postacchini (sax tenore, flauto e clarinetto basso),  Massimo Morganti (trombone), Simone La Maida  (sax alto e flauto), Samuele Garofoli (tromba e flicorno),  Cesare Vincenti (tromba e flicorno), Stefano Coppari (chitarra elettrica ed acustica), Massimo Manzi (batteria) ed ovviamente Ludovico Carmenati, al basso e contrabbasso.

Biglietto di ingresso 5 euro.  Inizio del concerto ore 23.

(s.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Alta Vallesina

FABRIANO / OSPEDALE, DUELLO “SOCIAL” TRA SINDACO ED ARTECONI

Arteconi contro Santarelli: “Basta propaganda sui social network”

 

FABRIANO, 23 luglio 2018 Per un Primo Cittadino che alza la voce in difesa dell’Ospedale Profili (e quindi del punto nascita al centro del dibattito politico e a rischio chiusura), c’è un Consigliere Comunale che punta il dito contro Santarelli e lo invita a “Uscire dall’inutile e finta comunicazione positiva e guardare in faccia la realtà perché con il politichese non si arriva da nessuna parte”.

Ma andiamo con ordine, perché prima delle stoccate di Vinicio Arteconi (Associazione Fabrino Progressista) la miccia che ha scatenato la polemica è “spuntata” sulla bacheca Facebook del Sindaco di Fabriano.

Nel lungo post sullo stato di salute dell’Ospedale Profili, il primo cittadino parte subito all’attacco perché osserva che “Il punto nascite è solo la punta dell’iceberg”. Ecco quindi la conferma della richiesta di incontro / confronto con il ministro (anche lei pentastellata) della sanità Giulia Grillo.

“In questi mesi ho cercato di fare una comunicazione positiva della nostra struttura per non creare allarmismi e per far capire alle persone che nonostante tutto abbiamo un ospedale che potrebbe essere l’eccellenza dell’entroterra e non solo”. Ecco quindi l’elenco fatto dal primo cittadino ad osservare che il reparto senologia costruito con professionalità e impegno dal gruppo del dottor Parca e trasferito a Senigallia ele carenze di organico nel reparto chirurgia.

“Dovrebbe essere il nostro fiore all’occhiello, però in altre strutture come Jesi troviamo personale in sovranumero tanto da poterlo dirottare in altri reparti”. Poi Santarelli punta il dito nei confronti della condizione del Pronto Soccorso che “Nonostante venga riconosciuto come il migliore dell’Area Vasta soffre di mancanza di orgnico che solo il sacrificio degli operatori presenti riesce a non far sentire. Il problema non è non è solo il numero dei parti ma soprattutto la carenza di pediatri e anestesisti”.

L’attacco del primo cittadino 

“Noi cerchiamo di tenere alto il nome dell’ospedale – conclude attaccando Santarelli – stiamo mostrando proattività e ci stiamo assumendo le responsabilità. Per questo non possiamo non denunciare il lento ma progressivo smantellamento della sanità pubblica, soprattutto dell’entroterra, fatto nel silenzio generale. Andremo a parlare del reparto pediatria e ostetricia ma il report sarà completo perchè è ora che si passi dalle chiacchiere ai fatti e che chi ha la competenza per programmare le assunzioni lo faccia il prima possibile almeno per affiancare e poi sostituire i professinisti che stanno per raggiungere l’età della pensione. Perchè non posso andare dal Ministro a chiederle di fare le assunzioni”.

Arteconi contro Santarelli: “Non prenda in giro i cittadini”

Contesta così, su tutta la linea, quanto scritto sui social dal Primo Cittadino Vinicio Arteconi, che incalza. “Il suo ruolo non è quello di non allarmare i cittadini. Come il ruolo dei parlamentari Terzoni e Romagnoli non è quello di parlare a sproposito dell’ospedale. Lo avrete capito che Fabriano sarà sempre un vaso di coccio tra due di ferro che si chiamano Stato e Regione?”

Critica l’utiliuzzo dei social Arteconi, osservando che “Potete stare i mesi a fare post su facebook per far vedere le date sulle carte bollate, ma questo fulmine a ciel sereno è arrivato anche perché Fabriano ha smesso di seguire nelle sedi opportune l’iter di questa autorizzazione. Io e Andrea Giombi avevamo chiesto la creazione di una commissione politica permanente sulla difesa della salute, per controllare in tempo reale tutti dossier caldi sui servizi sanitari, e far sentire la voce forte della comunità, invece ci avete votato contro”.

“Basta propaganda sui social network”

“Per Fabriano serva la politica quella vera”, prosegue così l’attacco Arteconi perché secondo il Consigliere Fabriano deve mettere in campo una politica forte, diventando “Interlocutore forte di Ministero e Regione, con idee chiare di prospettiva e strategia sul futuro dell’ospedale e questa visione dovrà essere difesa fino allo stremo, anche mobilitando la città”.

E poi la stoccata finale, con l’invito a tutti i pentastellati a guardare in faccia la realtà. “Voi del Movimento vi vantavate di stare in mezzo alla gente, uscite dalla vostra inutile e finta comunicazione positiva e abbiate il coraggio di guardare in faccia la realtà. Con il politichese non si arriva da nessuna parte”.

(s.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Alta Vallesina

FABRIANO / AUTOCISTERNA CONTRO IL GUARDRAIL, RALLENTAMENTI SULLA SS76

L’impatto contro il guardrail poco prima delle 7

 

FABRIANO, 23 luglio 2018 – Probabilmente è stata la strada resa viscida dalla pioggia a far perdere il controllo al camionista che questa mattina stava percorrendo la SS76 in direzione Fabriano. Questa con molta probabilità la causa (anche se al momento sono in corso le verifiche del caso) che ha fatto sbandare il mezzo pesante, che ha terminato la propria corso contro il guardrail della corsia opposta.

L’autocisterna stava percorrendo la SS76 in direzione Fabriano dall’Umbria. Nessun’altro mezzo proveniente da Fabriano coinvolto.

Lo schianto dopo la galleria di Cancelli

Nessuna grave conseguenza per il conducente (uno straniero) del mezzo pesante, ma ferite lievi che hanno avuto però bisogno di maggiori verifiche presso il pronto soccorso del nosocomio cittadino. Il camionista era lucido ed era sceso in autonomia dal mezzo incidentato.

Traffico in tilt nei primi minuti dopo l’impatto, ed immediato l’arrivo della Polizia Stradale di Jesi e Fabriano e del personale dell’Anas.

Ancora in corso le operazioni di messa in sicurezza e rimozione del mezzo incidentato (il camion era vuoto ed allestito per il trasporto di cereali) da parte dei Vigili del Fuoco del distaccamento cittadino e di una ditta specializzata.

La circolazione si è sviluppata a senso unico alternato fino alle 10.30. In un primo momento erano attive deviazioni sul posto per chi da Fabriano doveva raggiungere l’Umbria.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Ti possono interessare

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - per la pubblicità: commerciale@qdmnotizie.it - tatufoli.commerciale@qdmnotizie.it - tel. +39 349 1334145