Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / MONASTERO DELLE CLARISSE: PER IL VESCOVO RUSSO “NESSUN DIALOGO CON LA CURIA”

Il punto del vescovo della Diocesi di Fabriano – Matelica

 

Fabriano, 12 aprile 2018 – “Prima dell’accordo tra le clarisse cappuccine e l’imprenditore Giuliano Trippetta, la curia aveva trovato il forte interessamento di una giovane comunità monastica di clausura femminile che a motivo dei danni causati dal terremoto ha dovuto abbandonare il proprio monastero sito in località Montegiorgio”. A raccontare il retroscena è il Vescovo della Diocesi di Fabriano – Matelica Stefano Russo.

Prosegue il Vescovo Russo, osservando che “La Curia Vescovile di Fabriano-Matelica, fin dal momento in cui le clarisse cappuccine hanno deciso di lasciare Fabriano e di trasferirsi in altra località si è interessata al monastero volendo fare in modo che si potesse dare continuità alla presenza religiosa in un sito a cui la popolazione fabrianese è molto legata e  che dal XII secolo ha visto sempre la residenza e l’azione di una congregazione religiosa”.

“Nessuna interlocuzione con la Curia Vescovile”

“La presenza di quella comunità religiosa avrebbe permesso il più rapido ripristino della chiesa annessa al monastero, di proprietà del Fondo Edifici di Culto, favorendone il riuso liturgico e l’attenzione intorno alla Venerabile Madre Costanza Panas, il cui sepolcro è nell’edificio di culto e per la quale è in corso il processo di canonizzazione. L’accordo intervenuto nel frattempo tra le clarisse cappuccine e  Giuliano Trippetta, senza nessuna interlocuzione con la curia vescovile, ha di fatto impedito la realizzazione di tale progetto”.

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

Granpanda 03-04-20


Meteo Marche