Connect with us

Fabriano

FABRIANO / «No allo stop produzione di banconote», l’appello di Vinicio Arteconi

I timori di Associazione Fabriano Progressista: «Salvaguardare occupazione e storia»

FABRIANO, 15 maggio 2021 – È di questi giorni la notizia che la Bain Capital oggi proprietaria della ex Cartiere Miliani Fabriano ha ceduto o “sta per cedere” il Security business di Bollate all’inglese Portals, il quale avrebbe un’opzione per l ’acquisto di alcuni macchinari riguardanti la carta per banconote e passaporti dalla divisione sicurezza di Fabriano.

Questa notizia era già nell’aria infatti la multinazionale americana, in più occasioni ha dichiarato che la “partita” banconote non era nel proprio “core business”. Si sperava tuttavia, che sulla questione si potesse ragionare considerando la peculiarità della produzione ed il suo indiscutibile valore aggiunto.

Così non è stato e tutto si è consumato in un silenzio irreale. Ricordiamo brevemente i fatti:

2000-2001 inizia la fase di “forzata” privatizzazione con la conseguente uscita dall’Istituto Poligrafico dello Stato, le Miliani erano di fatto la cartiera di stato per la produzione delle banconote. L’occupazione passa dai circa 200 dipendenti alle 640 unità totali di tutti e 4 gli stabilimenti (Fabriano, Rocchetta, Pioraco e Castelraimondo).

2002 arriva il privato Gruppo Fedrigoni che ha sede in Veneto. Il prestigioso Marchio Fabriano passa di mano in completa sordina.

Dal 2002 al 2017 la proprietà Fedrigoni gestisce le storiche cartiere fabrianesi privilegiando comunque la sua terra di origine, infatti ad esempio, mentre Fabriano perde in quegli anni, il corso di specializzazione cartaria presso l’ITIS (unico in tutta Italia) e di li a poco perde anche l’Università  e con essa il corso di laurea di Ingegneria della Produzione Cartaria, in Veneto invece si sponsorizza un corso privato presso l’Istituto San Zeno di Verona che in qualche modo avrebbe dovuto sostituire le peculiarità formative fabrianesi. Non si dimentichi inoltre che anche la proprietà veneta inizialmente dichiarò di non voler investire sul prodotto banconote ma cambiò opinione nel momento in cui si registrarono utili “record” proprio in quel settore.

Nel 2017 tutto il gruppo Fedrigoni è stato ceduto alla multinazionale americana Bain Capital che oggi, ad aprile 2021, decreta la fine della produzione delle banconote e carte di sicurezza dopo 750 anni. Perché Fabriano Security anziché andare in mano straniera concorrente, cioè agli inglesi di Portals che non hanno aderito all’ Euro e sono anche usciti dall’ Unione Europea, non viene trasferita all’ Istituto Poligrafico dello Stato che possiede una cartiera di sua proprietà a Foggia evitando che l’enorme bagaglio di conoscenze venga ceduto? Perché la Banca d’Italia tace e permette che sia trasferito all’ estero un settore strategico legato alla sicurezza come quello della moneta, dei valori bollati e dei passaporti?

Fabriano è in mano alle multinazionali (vedi Whirlpool Elica Faber) tutte che seguono lo stesso copione : prima saccheggiano e poi abbandonano il  territorio.

Chiediamo con forza l’adesione di tutti: Istituzioni forze politiche, sociali, sindacali, associazioni e cittadini, per dire no a questa decisione, per salvaguardare l’occupazione del nostro territorio ma anche per non distruggere la storia  e con essa la dignità della nostra città.

Associazione Fabriano Progressista – Consigliere Vinicio Arteconi

Condividi
  
    

news

Cronaca2 ore fa

Politiche / Jesi unico baluardo del centrosinistra

I dem trascinano la coalizione sfiorando il 30%, ma la crescita maggiore è di FdI che arriva al 21% di Marco...

Alta Vallesina2 ore fa

Basket Femminile A2 / Halley, terzo posto al torneo di Campobasso

La formazione marchigiana ha superato nella “finalina” la Aran Panthers Roseto di Redazione Matelica, 26 settembre 2022 – In una...

Attualità2 ore fa

Cingoli / Politiche, scrutini al termine: vince la destra di Giorgia Meloni

Nei nove seggi comunali in testa Fratelli d’Italia con 2.088 voti, segue il Partito Democratico con 679, la Lega Salvini...

Cronaca2 ore fa

Jesi / Alterco in pizzeria con ombrellate, intervengono Carabinieri

Ieri in piazzale Partigiani una 38enne è entrata inveendo nel locale contro le bariste Jesi, 26 settembre 2022 – Entra...

Cronaca2 ore fa

Jesi / Prendono a calci l’auto, interviene per fermarli e viene aggredito

Serata movimentata in via Acqua ieri intorno all’ora di cena quando in due hanno cominciato a danneggiare una Panda, proprietario...

Alta Vallesina2 ore fa

Eccellenza / Fabriano Cerreto, blitz in trasferta e aggancio in vetta

Il Fabriano Cerreto si trova ora al primo posto a 7 punti con Fossombrone e Osimana di Redazione Fabriano, 26...

Cronaca6 ore fa

Rosora / A Senigallia e Ostra, per «restituire normalità» – VIDEO

Elisa, Daniele e Lorenzo nelle zone più colpite dall’alluvione in aiuto delle famiglie impegnate a sgomberare le case da acqua...

sagra dell'uva sagra dell'uva
Attualità6 ore fa

Cupramontana / Sagra dell’Uva: in alto i calici per la festa della ripartenza

Prende il via giovedì 29 l’evento al quale tutti i cuprensi sono legati per tradizione, Africa Unite, Willie Peyote e...

Marche news6 ore fa

Maltempo / Allerta meteo anche per oggi

Su tutta la regione Marche sino alle 24 con possibili forti temporali Ancona, 26 settembre 2022 – La Protezione Civile...

Attualità6 ore fa

Falconara / Piazze Mazzini e Catalani, riqualificazione a misura dei cittadini

«Sono spazi significativi della nostra storia e del futuro, vanno valorizzati per ricreare un senso di identità e appartenenza della...

Meteo Marche