Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / «VIA DALLA MARCHE»: PROVE TECNICHE DI “MARCHEXIT”

La presa posizione di un comitato che vuole “staccare” la città della carta dalle Marche

 

FABRIANO, 19 dicembre 2019 – Una nota per chiedere una vera e propria “Marchexit”, per sganciare la città della carta (ed un territorio) dalle Marche ed agganciarla alla vicina Umbria.

Andreoli immobiliare 01-07-20

C’è un Comitato Promotore Provvisorio che chiede tutto questo, che prova la strada della “scissione” dalla provincia di Ancona prima e, come detto, dalla Marche poi.

Come la “Brexit”, ma molto più “local” quindi, con il comitato a picchiare duro su quelle che vengono considerate carenze e storture inaccetabili

«Da tempo ormai i Cittadini Fabrianesi hanno maturato un fermo rigetto verso le politiche attuate dal governo della Regione Marche – si legge nella nota del Comitato –  per nulla incline a curarsi delle zone montane. Troppo diversa la costa dall’entroterra e inconprensibili le nostre difficoltà per chi non le vive direttamente sulla propria pelle. Ma ci stanno togliendo tutto, anche la dignità e questo non possiamo subirlo passivamente. Lottare contro i mulini a vento non serve a nessuno e, tra l’altro, una soluzione che si tradurrebbe in indiscutibili vantaggi per il nostro territorio, ci appare lampante ed è rappresentata dalla vicina Regione Umbria, molto simile a noi sia geograficamente che culturalmente».

Ancora una volta al centro della discussione le questioni annose di sanità e servizi, da sempre considerati centrali dalla società civile, e da anni al centro delle tensioni cittadine per le limitazioni sentite come veri e propri “colpi” contro territorio e città.

«Ed è proprio questa prospettiva di salvezza che ci sta spingendo a formare un Comitato promotore – spiegano ancora –  aperto a tutti coloro che condividono la nostra proposta, che si attivi al più presto alla preparazione di un referendum che punti al distacco della nostra Città dalla Regione Marche e la sua aggregazione alla Regione Umbria».

Una nuova Alta Valmarecchia?

(redazione)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi