Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / “VOGLIAMO PARTORIRE QUI”, LETTERE AL MINISTRO E A CERISCIOLI

FABRIANO, 16 febbraio 2019 – Da ieri, 15 febbraio il punto nascita dell’ospedale non accoglie più le future mamme. E dal prossimo 20 febbraio nessun neonato nascerà più nella città della carta.

Il Coordinamento cittadino per la salvaguardia dell’Ospedale “Profili” insieme all’ Associazioen Fabriano Progressista hanno scritto una lettera al Ministro della salute Giulia Grillo per chiedere una moratoria e salvaguardare il punto nascita fabrianese in attesa di un rimodulazione dell’accordo Stato – Regioni spostando il parametro minimo per il mantenimento della struttura a 350 parti e non più 500.

Rimodulazione ipotizzata dallo stesso Ministro (leggi l’articolo), che si è assunta l’impegno di rivedere entro il prossimo 31 marzo i “numeri” dell’accordo”. A tutto questo la missiva inviata alla Grillo descrive la viabilità (quantomeno) difficoltosa per raggiungere il punto nascita più vicino di Jesi, complicata dallo stallo dei lavori sulla ss76.

La lettera al Ministro Grillo

“Tutto questo genera situazioni di timore, di ansia, se non di angoscia, per le future mamme – scrivono i firmatari – spesso alla loro prima esperienza, e per le loro famiglie che si sentono private di un servizio fondamentale. Quindi, La sollecitiamo vivamente e cortesemente ad applicare una moratoria al fine di salvaguardare quei Punti Nascita, come quello di Fabriano, che da oggi cesserebbe la loro attività”.

La lettera a Ceriscioli

Richiesta fatta anche al presidente della Regione Marche: “Si faccia carico di una analoga richiesta di moratoria al Ministro, in attesa della Conferenza Stato-Regioni, ed avviare adeguate azioni giudiziarie a livello amministrativo, con domanda di sospensiva, avverso i provvedimenti legali riguardanti la chiusura del Punto Nascita dell’Ospedale di Fabriano, a tutela di tutte le donne, in attesa di partorire e non, e del loro diritto ad una assistenza e ad un trattamento sanitari, sereni, efficaci e scevri da qualsiasi rischio”.

Il Comune diffida l’Asur

Nella giornata di ieri il Sindaco Santarelli ha formalizzato una diffida (nei confronti del direttore dell’Asur) alla chiusura del punto nascita dell’ospedale di Fabriano. “Chiusura comunicata ufficialemente solo 3 giorni fa, il 13 febbraio – commenta con un post su Facebook – La diffida rivolta all’ASUR ritiene il Direttore responsabile personalmente di ogni danno ed evenienza che dovessero verificarsi in conseguenza della decisione comunicata. Sempre insieme all’Avvocatura interna abbiamo avviato iniziative che comunicheremo nei prossimi giorni”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.