Connect with us

Attualità

FALCONARA / Lavori e ritardi nel sottopasso di via Mameli

Il consigliere della Lega, Stefano Caricchio, chiede spiegazioni sulla realizzazione frenata da nuovi vincoli

FALCONARA, 15 febbraio 2021 – Il sottopasso di via Mameli (foto in primo piano) è attraversato da polemiche. Qualche tempo fa nel cartello affisso di fronte al sottopassaggio e che reca scritti i nomi di proprietari, progettisti e direttore dei lavori, qualche buontempone aveva vergato sulla riga inerente la data di fine lavori la scritta “a babbo morto” a significare i ritardi nell’attuazione dell’opera.

Ora giunge in Consiglio comunale un’interrogazione a risposta orale del consigliere comunale della Lega, Stefano Caricchio, che riguarda i lavori di risanamento e di ampliamento della struttura, chiedendo informazioni al Sindaco e alla Giunta.

«Nel luglio del 2018 sulla ringhiera del sottopasso di via Mameli – scrive Caricchio – è stato appeso un grande cartello con il quale si annunciava l’imminente inizio dei lavori per il risanamento e l’ampliamento; in risposta ad un’interrogazione presentata dalla Lega il 28 dicembre 2018, la Giunta e il sindaco Signorini, in data 26 febbraio 2019, avevano assicurato che i lavori avrebbero avuto inizio “presumibilmente” a settembre 2019 e che la loro durata era stimata in 180 giorni “naturali e consecutivi”; nel cartello attualmente affisso a cura della ditta incaricata dei lavori si informa che la data di inizio degli stessi è stata il 20 marzo 2020 ma non si indica la data della loro conclusione, quindi chiediamo al Sindaco di farci conoscere la data, anche approssimativa, in cui si prevede la fine dei lavori e il ritorno alla fruibilità della struttura da parte dei cittadini e degli operatori della spiaggia».

L’assessore ai lavori pubblici e all’ambiente, Valentina Barchiesi, tempo fa aveva evidenziato che l’Amministrazione comunale avrebbe provveduto alla ristrutturazione e all’adeguamento sismico del sottopasso, col previsto abbattimento delle barriere architettoniche, con l’installazione di una rampa per disabili sul lato mare e di un montacarichi sul lato strada.

«Gli interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche nel sottopasso di via Mameli – afferma l’assessore Barchiesi – sono stati ostacolati di recente da una serie di richieste avanzate da Rete Ferroviaria Italiana, proprietaria del tunnel che passa sotto la ferrovia. I nuovi vincoli, ulteriori rispetto a quelli indicati inizialmente, risultano così gravosi da rendere impercorribile la soluzione progettata e appaltata».

«Con il coordinamento degli uffici comunali – prosegue – i progettisti esterni incaricati e di Rfi stanno mettendo a punto una soluzione che consenta di superare le problematiche sollevate. La settimana scorsa, sotto la supervisione degli uffici tecnici, progettisti esterni incaricati e Rfi, la ditta esecutrice dei lavori ha eseguito alcune prove sui materiali esistenti nella zona sotto la linea ferroviaria e dopo vari confronti sono state trovate soluzioni alternative. Solo una volta ottenuto il nulla osta degli enti competenti, gli uffici tecnici comunali e la ditta appaltatrice dei lavori potranno stabilire esattamente il nuovo cronoprogramma».

Gianluca Fenucci

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche