Connect with us

Rubriche

Guida alla scelta di un broker forex sicuro e performante

broker forex
Andreoli immobiliare 01-07-20

La guida alla scelta di un broker forex sicuro

In vista della scelta di un broker forex, sono numerosi gli aspetti che meritano di essere presi in considerazione in previsione di una valutazione oculata e accurata del vostro partner online. Prima di entrare nel dettaglio, vi invitiamo a leggere le recensioni complete sui broker regolari grazie a cui potrete operare in sicurezza. A questo punto, andiamo alla scoperta degli elementi che permettono di capire se un broker forex sia consigliabile o meno.

Lo spread

Uno dei fattori più importanti da prendere in esame è lo spread: esso consiste nella differenza tra il bid e l’ask, vale a dire il prezzo per operare al rialzo e il prezzo per operare al ribasso. Quali sono le variabili che incidono sullo spread? In sostanza, due: la coppia di valute e, appunto, il broker che si sceglie.

Dando uno sguardo a ciò che propone il settore, infatti, ci si può rendere conto di come alcuni broker mettano a disposizione uno spread più conveniente in confronto ad altri, almeno per ciò che riguarda valute specifiche. Il suggerimento è di prendere come riferimento il cross valutario composto da euro e dollaro americano, in modo da poter pervenire a una valutazione completa e certa. Questa è la coppia che viene negoziata di più.

Perché lo spread è importante

Lo spread costituisce la sola forma di compenso per il broker CFD, che di conseguenza non guadagna nulla né se l’operazione del trader ha esito positivo né se essa ha esito negativo.

Tra le piattaforme che mettono a disposizione gli spread meno elevati vale la pena di segnalare eToro, che nel nostro Paese è operativa dal 2010 e oggi può essere considerata una società leader in contratti per derivati.

In generale, comunque, ci sono dei broker con degli spread bassi e dei broker con degli spread elevati, che di conseguenza offrono condizioni meno allettanti. Gli specialisti suggeriscono di evitare i broker che propongono uno spread su euro dollaro più alto di 3 punti.

La leva finanziaria

Ma per capire se un broker forex è vantaggioso o meno non ci si deve basare unicamente sullo spread: un altro aspetto importante è quello della leva finanziaria, che consiste nel rapporto tra il valore totale delle valute che vengono negoziate e il capitale che il trader ha realmente investito in una certa operazione.

In poche parole, quanto più la leva cresce, tanto più è elevato il rischio correlato ai movimenti sul capitale a disposizione, i quali sono accentuati dalla stessa leva.

Nel caso di un investitore professionale, nella maggior parte dei casi la leva nel Forex può raggiungere un picco di 1 a 400: in termini pratici, vuol dire che con 100 euro è possibile negoziare su un ammontare valutario pari a 40mila euro.

È chiaro, però, che soprattutto chi sta muovendo i primi passi in questo campo non dovrebbe esagerare con la leva, arrivando al massimo a 1 a 300.

Perché la leva è importante per valutare un broker forex

Per i clienti retail, e quindi per gli investitori non professionali, la leva massima che si può applicare da quando è entrata in vigore la Direttiva Mifid in riferimento alla regolamentazione dei mercati finanziari nella UE è di 1 a 30.

Questo vuol dire che anche i neofiti del trading non corrono rischi particolari né devono fare i conti con i pericoli potenzialmente correlati a una leva troppo alta.

Per contenere ancora di più il rischio, poi, vale la pena di mettere in pratica alcune semplici norme di money management.

I tassi di rollover

Il rollover nel mondo del forex ha a che fare con il prolungamento della data di regolamento di una certa posizione che è stata aperta. Tutte le operazioni sono soggette al cosiddetto tasso di rollover, che a seconda dei casi può essere positivo o negativo.

Nel momento in cui un’operazione rimane aperta dopo la data di regolamento, che corrisponde alle 17 ora degli Stati Uniti, tale operazione è soggetta al rollover.

Le possibilità di scelta

Proseguendo nella rassegna di fattori su cui ci si deve basare per cogliere la qualità di un broker forex, è bene menzionare la vastità di scelta di cross valutari: più è elevata e meglio è, ovviamente a condizione che si possa beneficiare di spread concorrenziali.

Va detto, comunque, che da questo punto di vista le differenze non sono molto marcate, in quanto quasi tutti i principali broker del forex online mettono a disposizione non solo tutte le valute più importanti, ma anche molte di quelle secondarie e delle monete digitali, come per esempio il bitcoin.

Il broker trae un notevole vantaggio dal garantire condizioni di trading convenienti dal punto di vista dello spread sia sulle valute più importanti che su quelle secondarie, vista la competitività del contesto complessivo.

È chiaro, infatti, che in un mondo altamente globalizzato, le opportunità di trading possono rivelarsi allettanti anche per le valute dei Paesi cosiddetti emergenti, a maggior ragione sul lungo termine.

Condividi