Connect with us

Cronaca

JESI‬, LA TRAGEDIA / L’APPELLO DELLA CARITAS DIOCESANA IN SOCCORSO DELLE VITTIME DEL TERREMOTO IN NEPAL

JESI, 29 aprile 2015 – L’immane catastrofe abbattutasi in Nepal per colpa di un violento terremoto di magnitudo 7,9 ha provocato tantissime vittime e danni ingentissimi, sia alle abitazioni, così come ai tantissimi monumenti disseminati sul territorio, meta annualmente di migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Soprattutto, però, il cataclisma del 25 aprile scorso che ha avuto come epicentro la capitale dello stato asiatico Kathmandu e la città di Pokhara, oltre a migliaia di morti ha causato il ferimento di un numero imprecisato di persone: bambini, giovani, adulti ed anziani. I residenti ed i tantissimi turisti che si trovavano nella zona hanno perso tutto e a pochi giorni dalla violenta scossa tellurica non hanno più generi alimentari, né possibilità di bere acqua potabile. Stesso quadro per le zone confinanti con il Nepal, anche queste martoriate dal terremoto. All’indomani del forte movimento tellurico tantissime associazioni sparse in tutto il mondo e molte nazioni si sono mobilitate per inviare soccorsi alla popolazione. 

Di fronte a questo quadro drammatico anche la Caritas ha lanciato un appello di solidarietà “sottolineando che con appena 25 euro si possono fornire alimenti essiccati per una settimana; una tenta per ospitare 3 famiglie: 30 Kg. Di riso sufficiente per una famiglia per un mese. Per sostenere gli interventi in corso – si legge in una nota – si possono inviare offerte a Caritas Italiana, via Aurelia 796 – 00165 Roma, tramite C/c postale nr- 347013, specificando nella causale “Asia/terremoto Nepal”
(Sedulio Brazzini)

Copyright ©2015 All rights riserved.

Andreoli immobiliare 01-07-20
Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche