Connect with us

Eventi

Jesi / Al Teatro Pergolesi debutta l’opera contemporanea

Andreoli immobiliare 01-07-20

E’ la prima mondiale, con “Delitto all’isola delle capre” la Fondazione punta sulla novità e investe sui giovani, in scena venerdì 25 e domenica 27 novembre, connubio culturale tra Jesi e Camerino nel nome di Ugo Betti

di Tiziana Fenucci

Jesi, 24 novembre 2022 – «E’ una sfida importante per la Fondazione Pergolesi Spontini – che accanto alle opere della tradizione, quest’anno mette in scena una prima mondiale di opera moderna -, caratterizzata da una nuova musica, una giovane scenografa che si misura con questa esperienza grazie a un concorso, giovani musicisti, i ragazzi del Time Machine Ensemble, diretti dal maestro Marco Attura, di cui potrete toccare con mano il talento».

Con queste parole Lucia Chiatti, direttore generale della Fondazione, presenta il debutto al Teatro Pergolesi dell’opera Delitto all’isola delle capre, dramma in tre atti di Ugo Betti, uno dei più grandi drammaturgi del secolo scorso, su libretto di Emilio Jona.

Terzo appuntamento della 55ma Stagione Lirica, l’opera andrà in scena venerdì 25 novembre, alle 20.30 e domenica 27 alle 16.

Ieri pomeriggio l’anteprima riservata ai giovani degli istituti scolastici.

Delitto all’isola delle capre è uno dei capolavori di Ugo Betti: un giallo, con tanto di omicidio finale. Al centro del dramma c’è l’intreccio delle passioni eterne degli umani.

«È un vero e proprio noir, una storia senza lieto fine, senza vincitori e soprattutto senza buoni, in cui il dipanarsi degli eventi fa uscire fuori la parte peggiore dell’anima di ognuno – racconta il compositore Marco Taralli –. Il mio ruolo di compositore è stato quello di creare con la musica le anime dei personaggi».

Anime ben interpretate dai giovani ragazzi del Time Machine Ensemble, diretti da Marco Attura: «Con le musiche in prima esecuzione è necessario uno studio più dettagliato, maniacale – ha spiegato – questa partitura ha delle tinte acquerello ma pervasa continuamente da schizzi di inchiostro di china nero».

«Nutro profonda stima per Ugo Betti – ha detto l’assessore alla cultura, Luca Brecciaroli -, purtroppo non del tutto noto. Un lavoro interessante, una sfida che coinvolge tanti ragazzi e ragazze nei vari settori dell’allestimento, valorizzandone i talenti e permettendo esperienze concrete nei settori per cui studiano».

Scene e costumi sono infatti affidati a Josephin Capozzi, vincitrice della seconda edizione del Concorso dedicato a Josef Svoboda Progettazione di Allestimento scene e costumi di Teatro Musicale, rivolto agli iscritti al Biennio di Specializzazione in Scenografia delle Accademie di Belle Arti di Macerata, Bologna e Venezia.

Il mezzosoprano Sofia Janelidze canta Agata, il soprano Yuliya Tkachenko è la figlia Silvia, il soprano Federica Vinci è la cognata Pia, Andrea Silvestrelli interpreta Angelo, Edoardo è Alessandro Fiocchetti.

Un grande ritorno al Pergolesi, per il regista Matteo Mazzoni, di origini jesine, che ha calcato le scene internazionali e qui ritrova i collaboratori di un tempo.

«E’ bello ritrovare i compagni di una vita, con cui abbiamo condiviso tante esperienze, e lavorare fianco a fianco».

Grazie al contributo di Camerino, l’opera sarà replicata mercoledì 30 novembre all’Auditorium Benedetto XIII della città camerte, città natale di Ugo Betti.

Precede la messa in scena l’iniziativa Essere spettatore: percorso dedicato ad Ugo Betti, un percorso di approfondimento in tre tappe, tra Jesi e Camerino, realizzato con il patrocinio e la compartecipazione del Consiglio regionale delle Marche, che celebra i 130 anni dalla nascita dell’autore.

«Un lavoro didattico che affiancato all’opera serve a far conoscere l’autore – ha detto Gianluca Pasqui, vice presidente del Consiglio regionale -. La Regione sostiene il connubio tra le Città di Jesi e Camerino perché apprezziamo questo matrimonio culturale e la promozione delle relazioni culturali e sociali, che in un territorio fortemente colpito dalla distruzione del terremoto come Camerino, sono necessarie quanto la ricostruzione materiale».

«Una grande emozione per noi entrare nel teatro di Jesi – ha sottolineato il vice sindaco e assessore alla cultura di Camerino, Antonella Nalli –, che ci ha ricordato il nostro Teatro Marchetti, andato distrutto con il terremoto. I nostri bambini non hanno potuto vederlo. Proprio ai giovani dobbiamo trasmettere l’importanza della cultura».

©riproduzione riservata

Condividi
  
    
Continua a leggere
Lascia un commento
0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

news

Cronaca2 ore fa

Jesi / Nuovo Palascherma, avvio lavori per la prestigiosa “Casa del fioretto”

In allestimento il cantiere nella zona del Palasport, martedì la presentazione con il sindaco Lorenzo Fiordelmondo, gli assessori e il...

Eventi2 ore fa

Jesi / Esce “Scrinium”, il libro postumo di Luca Bernardi

Giovedì 8 dicembre la presentazione al Teatro “Il Piccolo” di San Giuseppe dell’opera inedita: «Ha permesso a tutti di sognare...

Cronaca2 ore fa

Jesi / La palestra Fitness Club dona defibrillatore

La cerimonia al Parco del Cannocchiale dove il Dae è stato installato, presenti il titolare Andrea Melon, la Croce Verde,...

Attualità2 ore fa

Castelplanio / Inaugurazione nuovo campo di calcio in erba sintetica

Impianto moderno e funzionale frutto di sinergia tra pubblico e privato, dove spiccano il forte supporto del Comune e la...

Eventi2 ore fa

Castelbellino / Si accende l’Albero e la Vallesina s’illumina della magia del Natale

Il conto alla rovescia alle 19 ma la festa a Stazione, presso il nuovo Centro Culturale Polivalente, inizierà alle 17.30:...

Eventi2 ore fa

Castelferretti / “Il calcio e altri ricordi”, il libro sulla vita di Andrea Marinelli

Donato Andreucci lo ha scritto raccogliendo memorie e aneddoti di un sognatore che non si è mai arreso di Gianluca...

Sport2 ore fa

Pallamano A2 / Macagi Cingoli campione d’inverno

Dodicesima vittoria (20-34) contro il Bologna, i ragazzi di Alfredo Rodriguez Alvarez soffrono solo 6 minuti, poi dominano l’incontro conquistando...

Alta Vallesina3 ore fa

Sassoferrato / Cabernardi festeggia Santa Barbara

Si chiude l’anno celebrativo del 70esimo anniversario dell’occupazione della miniera di Zolfo di Cabernardi dal 28 maggio al 5 luglio...

Cronaca13 ore fa

Castelplanio / Attraversa la strada e viene investita

L’incidente in serata lungo via Roma, all’altezza della chiesa: l’anziana ricoverata a Torrette di Redazione Castelplanio, 3 dicembre 2022 –...

Eventi14 ore fa

Jesi / Gemelli culturali, la mostra Jesi- Mayenne a Palazzo Pianetti

Inaugurato oggi pomeriggio il progetto di arte contemporanea nato dallo scambio tra le due città, gemellate da 20 anni: «Costruiamo...

Meteo Marche

0
Would love your thoughts, please comment.x