Connect with us

Attualità

JESI / BRAND FESTIVAL, UNO SGUARDO NUOVO SUL MONDO

Tanti gli appuntamenti in calendario dal 29 marzo al 5 aprile, ci sarà anche il ct della nazionale di calcio Roberto Mancini

JESI, 12 marzo 2019Otto intensi giorni di iniziative, 120 partner, numerosi luoghi del centro storico coinvolti. Questa, in estrema sintesi, è la fotografia della terza edizione del “Brand Festival 2019”. Il festival italiano sull’identità che dal 29 marzo e fino al 5 aprile vivacizzerà la città, trasformandola in luogo ideale per parlare di identità, «per affrontare un tema importante e urgente perché non si può parlare di brand senza parlare di identità». E in Piazza della Repubblica vedremo l’erba e le sedie a sdraio, tanto per assaporare un momento di relax diverso dal solito.

Alla conferenza stampa di presentazione c’erano i promotori e sostenitori del Festival, a cominciare dai rappresentanti del Comune. E proprio il vice sindaco, Luca Butini, ha definito il progetto un «fenomeno di questo territorio» dove è necessario investire nella crescita attraverso i linguaggi che il Brand Festival propone. Fiducia e ottimismo per ottenere quei successi che gli ideatori ed organizzatori profetizzano in questa terza edizione.

Graziano Giacani, ideatore dell’appuntamento, lo definisce «momento di rivoluzione» e a questo proposito cita uno dei tanti momenti previsti dal programma generale: il laboratorio Siamo alla Frutta?  in programma di sabato mattina alle ore 6,45 al Mercato delle Erbe.

Il Presidente del Comitato Scientifico del Brand, Paolo Iabichino, ha rilevato come una iniziativa di questo genere attivi non solo la provincia, ma addirittura tutta la nazione. Non a caso la Cna nazionale lo ha inserito tra i 5 brand nazionali più importanti. Tra i momenti interessanti, Iabichino cita quello in programma il 31 marzo, al Teatro Pergolesi dove, dalle ore 9 del mattino e per tutta la giornata si svilupperà una domenica ricca di stimoli, visioni, racconti e provocazioni da vivere insieme. «Sul palco si alterneranno gli interventi di chi pensa, scrive, agisce e insegna un punto di vista inedito. Uomini e donne che portano a Jesi uno sguardo nuovo sul mondo per ispirare e attivare nuove prospettive». Tra i personaggi presenti a teatro anche il ct Roberto Mancini che sarà intervistato da Giampaolo Colletti su Sport e identità.

Poi Maurizio Paradisi della Cna di Jesi, colui che ha anticipato le scelte della Cna nazionale e che ha ribadito la convinzione della confederazione sulla utilità di iniziative del genere. Gli ha fatto eco Massimiliano Santini, della Cna provinciale, che ha ribadito l’impegno della categoria nazionale a questa iniziativa. Marzio Sorrentino, responsabile sindacale della Cna, ha auspicato l’allargamento a livello nazionale di questo festival annunciando la presenza, in questa edizione, di esponenti della Confederazione artigiana per almeno 3 giorni a disposizione degli operatori.

brand1 20190311_101041 20190311_102337 20190311_102352 20190311_102420 20190311_102402 20190311_102436 20190311_102444
<
>

Da parte sua il sindaco Massimo Bacci ha sottolineato come il Comune si sia messo a disposizione di un territorio con questa iniziativa di livello.

Nel dettaglio ecco gli appuntamenti più interessanti di questo “Brand Festival 2019”: l’apertura del 29 marzo (topic day) si concentrerà negli incontri fra mondi differenti. Si inizierà alle ore 16 a Palazzo dei Convegni con Brand Kaleido per poi proseguire, sempre nella stessa sede, con la tavola rotonda sul tema Tra le Marche e il mondo con la partecipazioni di rappresentanti di grandi industrie sia locali che nazionali. Alla ore 20 aperitivo Lead&Read al Bar Snoopy; chiusura ancora al Palazzo dei Convegni con Le parole della crescita, condotto da Francesco Morace.

Il tema in discussione sabato 30 riguarda la formazione e, appunto, si aprirà alle 6,45 al Mercato delle Erbe con il laboratorio Siamo alla frutta. Ci si sposterà poi al campo da rugby per il Workshop Team Identity Building. A mezzogiorno si ritorna al Palazzo della Signoria per Un’idea di Pubblicità, evento al quale farà seguito l’incontro Punto G …ordon. Dopo la pausa pranzo altri appuntamenti al Palazzo dei Convegni con breve interruzione per un aperitivo. Il 31 marzo l’annunciata giornata al Pergolesi dove Roberto Mancini e altri personaggi si soffermeranno sul tema Sport e identità. Il 1° aprile sarà all’insegna dello sport in tutte le sue espressioni: alcuni bar del centro cittadino, il Palazzo dei Convegni, l’Istituto Marchigiano di Enogastronomia, lo Studio per le Arti della stampa ed altri saranno i siti degli incontri. Il 2 aprile si parlerà, in generale, del territorio e delle sue specialità alimentari, dell’agricoltura etica e del brand in generale. Non mancherà una giornata (3 aprile) dedicata alla politica con incontri al Museo Federico II, al Palazzo dei Convegni, Palazzo Santoni e in alcuni bar del centro storico. Il 4 aprile si articolerà in una serie di incontri tra i quali segnaliamo, in particolare, quello in programma alle 17,30 al Palazzo dei Convegni dove, sotto il titolo Senza confini, il futuro di Adriano, Annalisa Galardi, della Fondazione Adriano Olivetti, Sabrina Dubbini, dell’Istituto Adriano Olivetti e Sebastiano Zanolli, incontreranno giovani imprenditori marchigiani. L’ultima giornata, quella del 5 aprile, inizierà alle ore 10 con un incontro al Teatro Pergolesi, alle 18 si passerà al Palazzo dei Convegni che ospiterà anche l’evento di chiusura, previsto alle 21,15.

Il Festival si chiude, teoricamente, con questo momento al teatro, ma quest’anno il programma prevede due iniziative Fuori Festival: la prima è fissata per sabato 6 aprile ed è la proiezione di un video con testimonianze storiche di mezzo secolo di una città e di un territorio a cura di Jesi e la sua Valle, del Gruppo Gei. La seconda è costituita da un workshop di due giorni (8 e 9 aprile dalle ore 9,30 alle 17) nel corso del quale esperti della materia insegneranno a Parlare come Ted. L’arte retorica per fare un discorso come si deve con Flavia Trupia e Caterina Carpio (attrice). La partecipazione a questo laboratorio richiede il pagamento di 350 euro.

(s. b.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  • 18
    Shares
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.