Connect with us

Cronaca

JESI / Con l’auto urta vetture in sosta e provoca danni alla barbieria di Figaro ( foto )

L’incidente questa notte in via Gramsci, le operazioni di recupero dei mezzi sono terminate alle 6 di questa mattina: tre feriti

JESI, 17 ottobre 2021 – Incidente stradale intorno alle 2.30 di questa notte in via Gramsci all’altezza dell’incrocio con via Sanzio. Bilancio: tre persone ferite.

I danni alla barbieria e Graziano “Figaro” Fabrizi

Una Mercedes che saliva, proveniente dalla curva, con quattro persone a bordo e condotta da uno jesino 25enne, per cause in corso di accertamento, ha abbattuto un palo e urtato altre tre vetture in sosta a lato strada, sotto un palazzo, provocando danni anche allo stesso edificio, vale a dire alla barbieria di Graziano Figaro Fabrizi. Qui si sono registrati i danni maggiori, all’altezza dell’entrata del locale dove esercita il noto barbiere jesino. Danneggiato anche l’ingresso della vicina lavanderia.

Andreoli immobiliare 01-07-20

La squadra dei Vigili del Fuoco del distaccamento cittadino sul posto ha messo in sicurezza gli automezzi coinvolti, si tratta di una Fiat Idea, una Fiat Brava e una Fiat Panda, e l’area dell’intervento mentre tre delle quattro persone a bordo dell’auto sono state prese in cura dal personale del 118 intervenuto con ambulanze e automedica. Per loro nulla di particolarmente grave.

Una pattuglia della Polizia Stradale di Fabriano si è incaricata di rilievi e dinamica. Le operazioni di recupero degli automezzi incidentati sono terminate alle ore 6 circa di questa mattina. 

«Ho ricevuto una decina di chiamate telefoniche nella notte, che mi avvertivano di quanto accaduto – racconta Figaro -. Stamattina sono venuto al locale per verificare e, in effetti, almeno qualche migliaio di euro di danni mi sembra che si possano considerare. Praticamente la cornice esterna in marmo e la serranda in parte, hanno subito il colpo».

La Fiat Brava coinvolta

«Ho già avvertito l’amministratore di condominio che provvederà, domattina, a far rimuovere i calcinacci».

Pino Nardella

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
 
 


Meteo Marche