Connect with us

Jesi

JESI / Covid, Luca Butini: «Agire subito per scongiurare un nuovo lockdown»

Limitare numero e dimensioni dei nuovi focolai è necessario e possibile, e spetta ad ognuno di noi

JESI, 16 agosto 2020Covid-19: quanto abbiamo imparato?

Poco, a giudicare dai numeri, meno di quanto io mi sarei aspettato alla fine di maggio. Il numero di nuovi casi di due giorni fa, anche se l’impatto clinico è molto diverso, è uguale a quello del 28 maggio.

Non parlo delle autorità sanitarie, lo sforzo del dipartimento di prevenzione della nostra Area Vasta, ad esempio, è stato e continua ad essere massimale; gli ospedali sono e saranno più pronti ad affrontare le nuove necessità di ricoveri, sappiamo come trattare meglio i nuovi casi severi di Covid-19, attendiamo fiduciosi l’esito degli studi sul vaccino, consapevoli però che non sarà quello ad aiutarci nei prossimi mesi.

Parlo di quelle persone, troppe, che sembrano aver cancellato dalla loro memoria significato, peso ed obiettivo dei sacrifici che tutti abbiamo fatto.

Parlo di autorità amministrative che, a differenza delle nostra jesina, non hanno avuto il coraggio di dire chiaramente che manifstazioni ed eventi occasionali la cui natura non può prescindere dall’afflusso di persone non vanno autorizzate.

Parlo di adolescenti, e dei loro genitori, e di giovani adulti che continuano a dimostrarsi impermeabili alle evidenze che mostrano come, invece, siamo tutt’altro che impermeabili al coronavirus.

Non è troppo tardi per scongiurare nuovi lockdown, ma occorre agire subito; tornare subito, per chi l’ha scordato, ad avere comportamenti adeguati a prevenire il contagio.

Guardiamo a ciò che accade in Spagna, Francia ed in altri Paesi vicini, fino a poche settimane fa si sentivano tranquilli ed oggi hanno numeri più che doppi rispetto a noi. Non li dobbiamo seguire, non dobbiamo vanificare lo sforzo enorme che si sta facendo per allestire al meglio le strutture scolastiche in vista della ripresa delle lezioni.

Svanito l’illusorio traguardo di “zero contagi” stabili in estate, dobbiamo arrivare alla riapertura delle scuole con il numero di contagi più basso possibile, altrimenti, di queste ore la notizia, si rischia che le lezioni possano non riprendere come programmato, e questo innescherebbe un danno educativo inaccettabile.

Limitare numero e dimensioni dei nuovi focolai è necessario e possibile, possediamo conoscenze e strumenti diagnostici adeguati, ora si metteranno alla prova le migliorate (?) capacità organizzative della sanità territoriale.

Ma, di nuovo, sta a noi, ad ognuno di noi. Tre “M”: Mani, Metro (distanza), Mascherina e tre “T”: Testare, Trattare, Tracciare.

Luca Butini

Vice Sindaco e medico immunologo

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   
La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.