Connect with us

Attualità

JESI / Diocesi, sostegno e iniziative per i malati di Covid

Tra le novità un canale Youtube creato dai volontari del gruppo “Portatori di speranza” per trasmettere gli incontri liturgici che si svolgono in ospedale

JESI, 5 maggio 2021 – Partono due iniziative messe in campo dalla Diocesi di Jesi a sostegno delle persone colpite dal Covid, per consentire loro di partecipare a distanza alle celebrazioni della messa.

«Stiamo vivendo ancora la stagione della pandemia – dicono don Gerardo Diglio e Marcella Coppa – direttore dell’ufficio diocesano pastorale della salute -, e questo ci tiene isolati, distanti, attenti e previdenti, soprattutto nei luoghi di cura come l’ospedale. In questo periodo così difficile, il pensiero è rivolto ai malati, purtroppo tanti ancora isolati a causa del Covid e noi con i volontari del gruppo “Portatori di speranza (guidato dal cappellano don Gerardo Diglio, foto in primo piano), stiamo cercando di farli sentire meno soli, così che è stato creato un canale Youtube, attraverso il quale trasmettiamo le iniziative liturgiche che si svolgono in ospedale».

Don Gerardo Diglio

«L’idea è nata per star loro vicino – continua don Gerardo, parroco di San Massimiliano Kolbe e cappellano al “Carlo Urbani” – visto che non possono uscire dal reparto e raggiungere la cappellina dell’ospedale, ma hanno sempre avuto il desiderio di seguire la celebrazione eucaristica. In pochissimo tempo, nel giro di poche ore, il canale ha raggiunto tantissimi iscritti. In questo periodo c’è molta sensibilità nei confronti di chi soffre».

Marcella Coppa

«Vorremmo anche rendere festosa la messa domenicale che si celebra nella cappellina del “Carlo Urbani” alle ore 9 (Ingresso 15 – Indipendente senza nessun contatto con i reparti e gli ammalati). Così abbiamo pensato d’invitare rappresentanti dei gruppi diocesani, parrocchiali e chi desidera condividere con noi il “Banchetto domenicale con tutti i malati degenti, ma anche quelli a casa. Per offrire un servizio di animazione non diretto, la situazione Covid non permette ai volontari di entrare in reparto, così abbiamo pensato alla cappella che è dotata di un ingresso indipendente».

La cappellina, può ospitare al massimo 10 persone oltre al celebrante. L’animazione prevede la cura della liturgia, dei canti e delle letture, gestire la diretta con il tablet della cappellina. Inoltre, per il mese di maggio in programma anche la recita del Rosario, all’interno del Parco Murri, all’aperto, in prossimità dell’edicola della Madonna di Lourdes.

Gli scout nella cappellina dell’ospedale

Domenica 25 aprile si è svolto il primo appuntamento con il gruppo di giovani scout della parrocchia di San Massimiliano Kolbe, seguito da circa 43 persone.

Referenti per le adesioni: don Gerardo Diglio – 327 191 66 99, Catia Badiali338 286 27 37, Marcella Coppa – 347 262 67 91.

(c.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento
0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments


Meteo Marche

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x