Segui QdM Notizie

Cronaca

Jesi Ex ospedale, per il “Piano di recupero” l’Ast rinvia ancora

La Giunta comunale risponde alla richiesta dell’Azienda sanitaria territoriale di prorogare per due anni, concedendone uno solo

Jesi – Concesso un solo anno di proroga al Piano di recupero relativo all’area dell’ex ospedale civile di Viale della Vittoria.

A deciderlo è stata la Giunta comunale con una determina, in risposta alla richiesta dell’Azienda sanitaria territoriale, proprietaria di maggioranza, che aveva proposto di prolungarne la validità per due anni.

Il Piano di recupero originario, che insisteva sul complesso ospedaliero, approvato nel 2005 con validità di 10 anni, era infatti già stato prorogato a seguito dello slittamento delle tempistiche di trasferimento dei reparti nella nuova struttura dell’ospedale “Carlo Urbani”, completata solo a novembre 2014, non permettendone quindi l’attuazione.

Poi altre due proroghe nel 2020 per consentire il completamento dei lavori di demolizione della vecchia struttura, con scadenza ottobre 2023 e ora quest’ultima che ha concesso lo slittamento di un altro anno.

I lavori di demolizione della primavera 2021

Di fatto i lavori sono fermi dalla primavera del 2021, periodo in cui ha avuto inizio la demolizione dei fabbricati con un intervento di 755 mila euro, che si è bloccata all’abbattimento della palazzina adibita a laboratorio analisi.

Da quel momento lo stallo completo dei lavori, non si è portato a termine la demolizione né tantomeno la sistemazione dell’area almeno per la parte che riguarda i parcheggi, tanto richiesta dai residenti e dai commercianti della zona che più volte hanno lamentato il danno economico dovuto all’incompiuta.

«Il Piano di recupero in questione – ha ricordato la Giunta -, prevede la ristrutturazione urbanistica dell’intera area, con la conseguente demolizione degli edifici esistenti e la ricostruzione di volumetrie, per un ammontare complessivo di 48.000 metri cubi, comunque inferiore all’esistente».

«Il Piano distingue diverse aree omogenee per tipologia di intervento edilizio, con destinazioni d’uso a residenza, pubblici esercizi, esercizi commerciali, uffici, studi professionali, agenzie varie, artigianato di servizio e servizi collettivi di carattere locale e generale. Esso, inoltre, individua spazi pubblici a parcheggio o piazza, accessibili dal Viale della Vittoria».

Oggi con l’aumento dei costi, per l’abbattimento della palazzina ex laboratorio analisi, si prevede un costo di oltre 1 milione di euro. Una spesa che coinvolgerebbe sia l’Ast che l’Amministrazione comunale, che per il Comune corrisponde al 12% con un incremento della spesa a suo carico che supererebbe quota 120mila euro.

A giudicare dalla richiesta dell’Ast di prorogare la scadenza del Piano di recupero per altri due anni, accettata solo in parte dalla Giunta, che ha concesso un solo anno, non sembrerebbe ci siano le condizione per sperare in una risoluzione rapida dello stallo.

Anche se la ripresa in questi ultimi mesi delle interlocuzioni tra il nuovo assetto dirigenziale dell’Ast e il Comune di Jesi, volto a definire la progettazione della Casa e dell’Ospedale di Comunità, avrebbe fatto sperare in una svolta anche per l’ex ospedale di Viale della Vittoria.

© riproduzione riservata

News